Addio batterie! In futuro gli smartphone cattureranno energia dal wi-fi

Pubblicato sabato, 09 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Ricaricare le batterie potrebbe un giorno diventare un antico ricordo. Un team di ricercatori del MIT è infatti riuscito a sviluppare un sistema in grado di convertire l’energia associata ai segnali wi-fi in energia elettrica, eliminando, in teoria, la necessità dell'esistenza stessa di una batteria tradizionale.

L'idea, non proprio inedita, sfrutta il principio fisico della rectenna: la parola è la contrazione di rectifying antenna, che è un’antenna a griglia in grado di catturare le onde elettromagnetiche, per esempio quelle del wi-fi, e di trasformarle in corrente continua.

Non è una novità. Le rectenne tradizionali erano realizzate in silicio o arseniuro di gallio, che sono materiali abbastanza costosi e rigidi, dunque poco "adattabili" per essere introdotti in dispositivi elettronici tascabili o, peggio, flessibili come potrebbero arrivare in futuro. La novità sta proprio qui: la rectenna ideata dal team di Tomás Palacios, docente presso il Department of Electrical Engineering and Computer Science del MIT, utilizza come componente principale il solfuro di molibdeno, un semiconduttore super sottile che può essere modellato in fogli dello spessore di appena 3 atomi.

Questo materiale può essere piegato e deformato a piacimento senza perdere la propria efficienza nella conversione delle onde elettromagnetiche in corrente elettrica.



I primi prototipi riescono a catturare e convertire farte dell'energia associata al segnale wi-fi con un’efficienza del 30% circa: si parla di potenze non certo eccezionali, ma sufficienti per alimentare piccoli dispositivi indossabili o sensori per uso medico e diagnostico che potrebbero in questo modo fare a meno delle tradizionali batterie.

 

Sì, ma poi? Interessante, dunque, ma: quali applicazioni pratiche potrebbe avere in futuro una tecnologia del genere? Tra le caratteristiche che si potrebbero sfruttare di questo nuovo tipo di rectenna, c'è la possibilità di "stenderla" su pareti o pavimenti: secondo Palacios si potrebbe infatti ottenere una versione della sua invenzione di dimensioni molto più grandi, che possa essere utilizzata per alimentare i dispositivi connessi di un intero palazzo o l’intera rete di sensori di un’autostrada intelligente.

 

E se potessimo vedere il Wi-Fi?


Vai alla gallery (5 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

I cambiamenti climatici influenzano i tempi di fioritura delle piante e i loro habitat di diffusione, e hanno effetto su ibernazione e migrazioni delle specie animali. Che il global warming potesse disturbare i processi di impollinazione era un fatto...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

Nel mondo animale competere per una risorsa è normale, ma non sempre la lotta è una strategia vincente. Meglio mostrarsi aggressivi o risolvere pacificamente il conflitto? È il dilemma che affrontano le vespe parassite della specie Eupelmus...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

Uno dei primi esperimenti scientifici depositati sul suolo lunare potrebbe vivere una seconda giovinezza nei futuri programmi della NASA: Doug Currie (Dip. di Fisica dell'Università del Maryland), che nel 1969 aiutò a progettare l'esperimento di...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

LightSail 2, la vela solare di Planetary Society che potrebbe rivoluzionare il sistema di propulsione delle sonde spaziali, ci ha regalato nei giorni scorsi alcune magnifiche foto della Terra dalla sua orbita, a 720 km di quota, dove sta affrontando gli...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

L'epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è ora un'emergenza per la salute pubblica di interesse internazionale: lo ha dichiarato mercoledì 17 luglio un portavoce dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, auspicando che si...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

Aggiornamento del 22 luglio - Alle 11:13 ora italiana il razzo indiano GSLV Mk.3 è partito dalla rampa di lancio di Sriharikota. A bordo: la sonda Chandrayan-2, diretta alla Luna con otto strumenti scientifici, un lander (Vikram) -...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

La comparsa dei sapiens in Europa sarebbe avvenuta 210.000 anni fa, ossia più o meno 160.000 anni prima di quanto si pensava: una differenza non da poco, se venissero confermati i risultati dello studio (pubblicato su Nature) effettuato su...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

Nella vita l'importante è essere convinti e gli americani lo sono sempre stati. Convinti, come disse circa un secolo fa il presidente Woodrow Wilson, di essere "la nazione più giusta, più progressista, più...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Ha fatto discutere la foto scattata da Karen Mason, fotografa naturalista: protagonisti dello scatto postato sul profilo Instagram della Audubon Florida (associazione attiva su tematiche ambientali), catturato sulla spiaggia di Saint Petersburg, in...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

21 luglio 1969, ore 2:56 del meridiano di Greenwich. L'astronauta americano Neil Armstrong è il primo essere umano a calpestare il suolo della Luna. Scendendo dalla scaletta del modulo d'atterraggio Lem, allunato 6 ore prima, pronuncia la storica frase: ...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Poco più di due milioni di anni fa compare sulla scena del mondo il genere umano, con l'Homo abilis, e dovranno passare altri 1,8 milioni di anni prima di arrivare ai primi Sapiens. Ma ancora prima, quasi tre milioni di anni fa, altri...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Uno dei pochi americani a non seguire la diretta dell'allunaggio era un assente più che mai giustificato: in quel momento si trovava nel Columbia, sopra al lato nascosto della Luna, tagliato fuori dalle comunicazioni radio con la Terra, l'Eagle e i suoi ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

I sentimenti sono più forti della memoria? Forse è proprio così. Lo vediamo quando un malato di Alzheimer non riconosce più un familiare (un figlio, il compagno di una vita, un fratello...), perché la memoria se n’è andata da tempo, ma il...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

Sabato 20 luglio alle 18:28 ora italiana la Soyuz MS-13 porterà Luca Parmitano e i colleghi Andrew Morgan (NASA) e Alexandr Skvortsov (Roscosmos) sulla Stazione spaziale internazionale: per l'astronauta dell'ESA avrà inizio Beyond, la seconda missione...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

Le Voyage dans la Lune, di Georges Méliès, è un film del 1902: una decina di minuti, è da molti considerato il primo, vero film della storia del cinema perché racconta una storia, anziché proporre allo spettatore riprese...