ADA, il braccio robot che aiuta a mangiare

Pubblicato martedì, 19 marzo 2019 ‐ Focus.it

Un team di ricercatori della Washington University ha messo a punto un braccio robot per aiutare disabili e invalidi a mangiare in autonomia: si chiama ADA, acronimo di Assistive Dexterous Arm, e si può utilizzare collegato direttamente al letto o alla carrozzina.

 

Il software di controllo è un sistema di intelligenza artificiale istruito anche per riconoscere il tipo di cibo nel piatto, per raccoglierlo e porgerlo nel modo più idoneo: ADA sa usare le posate come un assistente umano. Il segreto è RetinaNet, un sistema di visione che riconosce e distingue i diversi alimenti: identificato che cosa c'è nel piatto, il comando passa a SPNet, che in base all'alimento sceglie il modo migliore per porgerlo al paziente. Un complesso sistema di sensori permette poi al braccio robot di orientarsi e muoversi nello spazio, di centrare l'obiettivo con la forchetta e di raggiungere con delicatezza ed estrema precisione la bocca degli assistiti.

 

Dis-Umanità? Dalle immagini diffuse dai ricercatori sembra che il robot funzioni davvero bene e che riesca ad assolvere i suoi compiti con estrema efficienza. L'unico dubbio non è tecnologico, ma etico: l'impiego di soluzioni di questo genere potrebbe infine allontanarci definitivamente dalla cura e dall'accudimento di malati, disabili, anziani?

 

I ricercatori si limitano a sottolineare che robot come ADA possono aiutare milioni di persone a riconquistare parte della propria indipendenza, e questo, in effetti, è un valore importante per chi si trova in stato di bisogno temporaneo o permanente, e può contribuire al suo buon equilibrio psicologico. Non risponde alla domanda, ma è un inizio.

 

6 robot ispirati agli animali


Vai alla gallery (6 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La "questione curda" è tornata alla ribalta con le recenti azioni militari turche sul confine siriano, ennesima tragedia per un popolo formalmente "senza terra", nonostante una promessa di quasi 100 anni fa. Le origini della crisi sono infatti legate...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Un ipotetico pianeta in orbita a una ragionevole distanza attorno a un buco nero potrebbe ricevere abbastanza luce e calore dal disco di accrescimento da avere acqua liquida sulla sua superficie e poter quindi ospitare la vita. Questa idea è alla base...

Pubblicato mercoledì, 23 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Osservate attentamente la foto qui sopra: uno dei due soggetti è un rospo visto "di schiena", l'altro è una vipera. Se anche solo per un attimo siete stati indecisi, significa che il camuffamento del rospo gigante congolese (Sclerophrys...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Lo spettacolo delle aurore boreali non doveva lasciare indifferenti gli astronomi che un tempo scrutavano la volta celeste a caccia di presagi, recati da meteore, comete, moti planetari e altri fenomeni un tempo poco spiegabili. ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Tra le proposte per alleggerire l'atmosfera di una parte almeno dell'anidride carbonica - la CO2 - che disperdiamo in aria ce n'è una che vorrebbe aspirare l’anidride carbonica dall’atmosfera, senza spendere troppa energia, e...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Un team scienziati giapponesi afferma di aver messo a punto il primo sangue artificiale, utilizzabile da chiunque ne abbia bisogno indipendentemente dal gruppo sanguigno. Lo studio, condotto nei laboratori del National Defense Medical...

Pubblicato lunedì, 21 ottobre 2019 ‐ Focus.it

«C'è un pilota a bordo?», è uno di quegli annunci che non vorremmo mai ascoltare mentre siamo in volo su un aereo. Vorrebbe dire che entrambi i piloti si sono sentiti male e non sono più in grado di far atterrare il velivolo. Dunque c’è...

Pubblicato lunedì, 21 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La città della scienza sta andando alla deriva tra i ghiacci, all’altezza dell’85° parallelo Nord, nel buio della notte polare: ormai, il sole non sorge più sopra l'orizzonte. Ha già ricevuto i primi visitatori: gli orsi polari, che si sono...

Pubblicato lunedì, 21 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il pavimento è lo stesso di un vero supermercato, la disposizione dei prodotti negli scaffali è uguale e persino il sonoro è quello che possiamo ascoltare quando andiamo a fare davvero la spesa (ma in questo caso è riprodotto artificialmente). In...

Pubblicato lunedì, 21 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di scienziati coordinati da Alexandra Doyle (University of California, Los Angeles) è stato in grado di sondare le caratteristiche chimiche di rocce di pianeti lontani, analizzando ciò che ne resta in seguito a impatti con stelle nane...

Pubblicato lunedì, 21 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Sono un'importante fonte di reddito, forniscono un ottimo apporto calorico e garantiscono variabilità alla dieta di molti popoli. Le banane sono il frutto più coltivato al mondo, con una produzione annua che è cresciuta da 67 milioni di tonnellate nel ...

Pubblicato lunedì, 21 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Esci, recupera il cibo e rientra, prima che sia troppo tardi. Le formiche d'argento del Sahara (Cataglyphis bombycina) devono seguire questa regola aurea, se non vogliono finire ustionate su sabbie che raggiungono, quando il Sole è...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Si è conclusa la tappa di Trento di Focus Live 2019 al Muse: in tre giorni, da venerdì a domenica sera, abbiamo accompagnato oltre 6.000 visitatori alla scoperta e alle meraviglie della scienza. Dopo la giornata di venerdì, dedicata soprattutto alle...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il sesso è sempre stato materia di conversazione e di dibattiti, oggi diventa spesso argomento di studio per i ricercatori - basti pensare che la celeberrima università americana di Harvard, dove studiarono anche Mark Zuckerberg e...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Vi è mai capitato di tornare a casa dopo un pranzo in famiglia tenendovi la pancia dolorante e maledicendovi perché avete mangiato troppo? Be', la colpa non è della cucina della nonna ma della nostra storia evolutiva. È la conclusione a cui...