170 milioni di anni fa, una rivoluzione per la vita negli oceani

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Focus.it

Fino a 170 milioni di anni fa, la vita negli oceani era regolata da fattori prevalentemente non biologici, come la composizione chimica dei mari, o le condizioni climatiche terrestri: il successo ecologico degli organismi marini dipendeva soprattutto alla capacità di adattarsi alla situazione ambientale "imposta" dal pianeta.

 

Tuttavia, nel medio Giurassico, fattori strettamente biologici, come quelli inerenti alla catena alimentare e alle relazioni tra prede e predatori, divennero sempre più decisivi negli equilibri tra specie oceaniche: a partire da circa 170 milioni di anni fa, la vita in fondo al mare andò incontro a un evento di diversificazione senza precedenti. Che cosa era cambiato?

 

Integratori viventi. Secondo uno studio pubblicato su Nature Geoscience, questa esplosione di biodiversità coincise con la proliferazione di organismi planctonici provvisti di gusci calcarei, che depositarono grandi quantità di carbonato di calcio sui fondali marini. L'abbondanza di questa sostanza stabilizzò la composizione chimica degli oceani, fino a quel momento estremamente instabile.

 

Spiega Kilian Eichenseer, a capo della ricerca: «Oggi enormi aree di fondale oceanico sono ricoperte di una sostanza simile a gesso, prodotta da microscopici organismi che diventarono dominanti nel medio Giurassico. Questa massa di materiale calcareo aiuta a bilanciare l'acidità dell'oceano e, grazie a questo contributo, gli organismi sono meno alla mercé delle perturbazioni a breve termine della chimica oceanica di quanto fossero in precedenza».

 

Oggi, questo strato di carbonato di calcio aiuta a contrastare, per esempio, i danni dell'acidificazione degli oceani dovuta all'eccesso di CO2 in atmosfera.


Specie planctoniche: le vite nascoste negli oceani



Minerali a confronto. Il team guidato dagli scienziati dell'Università di Plymouth è giunto a questa conclusione studiando un vasto archivio di fossili di organismi marini che secernono carbonato di calcio, formato da oltre 400 mila esemplari vissuti tra 500 milioni di anni fa il 10.000 a.C.

 

Utilizzando modelli della temperatura oceanica del passato, i ricercatori hanno provato a stimare la percentuale di aragonite e calcite (gli stessi minerali che formano i gusci degli organismi marini) formatesi per cause non biologiche (cioè non prodotti da organismi planctonici) nell'arco di 85 diverse fasi in 500 milioni di anni. A questo punto, hanno confrontato la distribuzione di questi minerali con la composizione del guscio degli organismi marini vissuti nello stesso periodo.

 

Le stesse componenti chimiche. Dall'analisi è emerso che, fino alla metà del Giurassico, il successo ecologico degli organismi marini muniti di guscio dipendeva esclusivamente dalla composizione della loro "corazza": chi produceva un minerale favorito dalla chimica oceanica di quel momento, aveva un vantaggio evolutivo.

 

Autosufficienti. Ma 170 milioni di anni fa le cose cambiarono. La diffusione del plancton calcificante distribuì il carbonato di calcio all'intero ambiente oceanico, mitigando gli effetti dei bruschi cambiamenti climatici e della risultante acidificazione degli oceani. Questo permise agli organismi marini muniti di guscio di sopravvivere indipendentemente dalle condizioni poste dall'ambiente esterno.

 

«Durante la storia del nostro Pianeta ci sono stati diversi grandi eventi che hanno influito sull'evoluzione della vita, come le cinque grandi estinzioni di massa o l'irradiazione di animali complessi durante l'Esplosione cambriana - spiega il paleontologo Uwe Balthasar, tra gli autori - la nostra ricerca identifica un evento finora trascurato della stessa importanza, avvenuto 170 milioni di anni fa, quando la diffusione di plancton calcificante liberò dai vincoli dell'evoluzione altri organismi marini.»

 

20 fatti curiosi sugli oceani


Vai alla gallery (20 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Non è (purtroppo) più una novità che gli insetti di tutto il mondo stiano scomparendo a ritmi preoccupanti. Quello che forse non afferriamo ancora è la reale gravità di questa estinzione di massa: secondo uno studio della Technical University di...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il rover Curiosity si trova sulla superficie marziana dal 2012 e ha trascorso dunque, circa tre anni (marziani) sul Pianeta Rosso (un anno marziano dura circa due anni terrestri). La notizia è che durante le stagioni primaverili ed estive ha...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Ormai sono anni che la parola Black Friday è entrata a far parte del nostro linguaggio comune. Sicuramente ne avrete sentito parlare anche voi, da amici, colleghi, parenti o semplici conoscenti. Oppure l'avrete letto in rete, quasi sempre spulciando tra ...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio pubblicato su Science denuncia come l'uso dei pesticidi neonicotinoidi nelle risaie vicino al lago Shinji, nell'ovest del Giappone, abbia avuto conseguenze devastanti sulla fauna lacustre: in un solo anno la pesca di anguille e sperlani...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Diabete è un "termine contenitore" che racchiude un insieme di sindromi diverse con una caratteristica comune: gli alti livelli di glucosio nel sangue per un'alterata quantità o per l'inefficacia dell'insulina, un...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il più grande "cimitero di mammut" mai scoperto è in realtà una trappola, creata ad hoc per catturare e uccidere questi animali: il sito è stato identificato in Messico da ricercatori dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia, che riportano ...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

C'è voluto il lavoro di 35 gruppi di ricerca di tutta Europa per confermare, se mai ce ne fosse stato bisogno, che i capricci del clima stanno alterando la portata dei fiumi e modificando la severità delle esondazioni, tra i più frequenti e onerosi...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

L'olfatto di una squadra di cani poliziotto ha reso possibile un importante ritrovamento archeologico sulle Alpi Bebie, lungo la costa adriatica croata, dove un gruppo di archeologi ha rinvenuto diverse tombe risalenti all'Età del Ferro europea, con...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una dieta formulata con le nobili intenzioni di nutrire una popolazione mondiale in crescita, prevenendo le morti dovute a una cattiva alimentazione e migliorando il nostro impatto ecologico, risulterebbe tuttavia troppo costosa per almeno 1,58 miliardi...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di astronomi ha rilevato, da un agglomerato galattico, una enorme emissione di gas, ampia centinaia di migliaia di anni luce o più. Stando a quanto pubblicato su Nature sarebbe la prima osservazione diretta di venti...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Chi vola spesso può incorrere più facilmente nelle batoste in bolletta del roaming, e gli uccelli non sono da meno: se ne sono accorti, a loro spese, alcuni ornitologi russi impegnati nel monitoraggio di 13 aquile delle steppe (Aquila...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il pomeriggio dell'11 novembre Mercurio si troverà fra la Terra e il Sole. Potremo quindi ammirare la silhouette del piccolo pianeta stagliata sull'enorme disco solare. Il transito di...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una speranza dopo 15 anni di stallo nelle ricerche sulla malattia di Alzheimer - la più comune forma di demenza, che interessa quasi 30 milioni di persone nel mondo - arriva dalla Colombia: una donna geneticamente...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Anche in passato X-37B, lo spazioplano dell'U.S. Air Force, aveva affrontato missioni di durata lunghissima, da più di 700 giorni. Ma l'ultima, la quinta, l'ha visto fissare un nuovo record: ben 780 giorni in orbita attorno alla Terra....

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Può una scarpa da corsa dare al runner che la indossa un vantaggio così grande da essere considerata doping tecnologico? A porsi questa domanda è nientemeno che la Iaaf, la Federazione Internazionale dell’atletica leggera, che nei giorni scorsi ha...