Wuhan, i medici-eroi contro il virus tra piaghe e crisi di nervi: «Siamo stremati»

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Forse non sono tutti eroi, ma coraggiosi sì. Chi vorrebbe entrare oggi in un ospedale di Wuhan? Medici e infermieri e addetti alle analisi, alle pulizie, alle cucine sono lì e quando escono si portano addosso il dubbio di poter contagiare i familiari. Arrivano molte testimonianze dalle corsie della città di 11 milioni di abitanti sotto quarantena, diventata il «ground zero» dell’epidemia di coronavirus. Alcune sono ad uso della propaganda, altre dimostrano stress, ma si coglie anche paura. Tutte sono da prendere con estrema serietà.
Per telefono, si sente la voce di Wang Jun, infermiera del Jinyintan, il centro dei primi ricoveri. «Ci sono colleghi con piaghe alla pelle della faccia, perché dobbiamo portare sempre la maschera e gli occhialoni protettivi, da tenere ben stretti, e i turni sono lunghissimi». Wang riferisce alla tv statale la routine igienica di questi giorni: «Finita la giornata, ci dobbiamo togliere gli indumenti protettivi strato dopo strato. Prima lavi i guanti, e poi cominci a liberarti della tuta; ci hanno detto di disinfettare di nuovo le mani prima di continuare con gli altri strati. Maschera, occhiali e calottina per i capelli vengono per ultimi, dopo essersi rilavati le mani». E così anche le mani si screpolano. Finito il turno, rimessi gli abiti normali, ultimo passaggio di disinfezione all’uscita. La collega Fan Li dice delle difficoltà di andare al bagno, di bere un bicchiere d’acqua in corsia: «Non puoi certo spogliarti e neanche sollevare la maschera e passano ore prima di poterlo fare».



Poi bisogna gestire le telefonate di amici e parenti, in apprensione. E vanno rassicurati anche loro, e magari queste ragazze e ragazzi d’ospedale non ne avrebbero voglia, vorrebbero essere confortati loro. Qualcuno ha lanciato sui social network la propria frustrazione: «Si mangiano solo noodle freddi», ha detto una dottoressa. Ci sono altri sfoghi «politicamente scorretti» che compaiono per pochi minuti su Weibo prima di essere spazzati via dalla censura. Ma è impossibile fermare il tam-tam sulla Rete, come è difficile arrestare il coronavirus.
E sul web, copiati da Weibo su Twitter che è bloccato da sempre in Cina ma da dove i censori di regime non possono disinfestare i post, si sono visti brevi video con infermiere in preda a crisi di nervi per il superlavoro e l’ansia.Così da Wuhan sappiamo che alcuni medici e infermieri sono così preoccupati di contagiare i familiari a casa da dormire fuori. E si denunciano alberghi che avrebbero rifiutato di dar loro una stanza. Insensibilità, egoismo, ma anche incapacità di affrontare l’emergenza contro un virus sconosciuto.
Un medico di Wuhan è morto di polmonite presa in corsia, riferisce la stampa. Era il dottor Liang Wudong, aveva 62 anni «ed era in prima linea nella lotta al virus». Non è stato chiarito se facesse parte dei 15 membri dell’équipe neurochirurgica infettata mentre operava un paziente, senza sapere che nei suoi polmoni si era insinuato il coronavirus. È crollato, stroncato da un infarto mentre andava verso l’ospedale, un altro dottore, Jiang Jijun, 51 anni, specializzato in malattie infettive. «Era stremato», hanno detto i colleghi alla tv statale. Intorno allo sforzo e al sacrificio del personale ospedaliero si sta coagulando il clima di mobilitazione di massa ordinato da Pechino. L’agenzia di stampa Xinhua ha lanciato una foto di medici di Wuhan allineati in camice, maschera protettiva e bandiera rossa con la scritta «Squadra d’assalto» anti-virus. Serve anche la propaganda, servono eroi in questa battaglia.
Pechino invia rinforzi: 1.200 medici raccolti in altre province, 450 sono dell’Esercito, sono arrivati a Wuhan. C’è bisogno di loro, perché in costruzione c’è già un secondo ospedale da 1.300 posti, dopo quello da 1.000 promesso entro dieci giorni, a tempo di record. Per questo secondo ci vorranno due settimane: neanche la Cina ha risorse infinite contro il virus.

Tag: #Corriere

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

ROMA Un possibile show down nella maggioranza appare sempre più vicino, fra una settimana sia il Pd che Italia viva terranno le rispettive assemblee e i leader prenderanno la parola per dire la loro sulla possibilità di andare avanti con l’esecutivo...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro direttore, mi meraviglia che gli attuali esponenti del Pd contestino a Matteo Renzi di voler logorare il loro partito allo scopo di lucrare consensi. Mi pare di rivedere a parti invertite quanto accadde durante la segreteria Renzi, quando si...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

dal nostro inviatoTREVISO Oleg Mandić arrivò ad Auschwitz nell’estate del 1944. Aveva 11 anni, con lui c’erano la madre Névenka e la nonna Olga. Gli tatuarono sul braccio sinistro il numero 189488 e gli assegnarono un triangolo rosso....

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione dell’intimità della vita privata» e «diffusione senza accordo di immagini a carattere sessuale» sono le motivazioni dell’arresto dell’artista russo Piotr Pavlenski, 35 anni, e della sua compagna l’avvocata Alexandra de Taddeo, 29,...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

È la concorrente più vecchia: 35 anni. È la prima Miss Germania con un figlio, di lavoro fa l’imprenditrice online e ha già detto che «del titolo di più bella me ne farò poco, e non intendo andare in giro a tagliare nastri come un manichino» e...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

DAL NOSTRO INVIATORICHMOND Primo applauso: «Mi sono candidato per battere Donald Trump». Secondo, più convinto: «Non sono qui di passaggio, sosterrò chiunque uscirà dalle primarie democratiche». Michael Bloomberg è, finalmente, in campagna...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’Inter si illude per 50 minuti poi la carenza di un portiere di livello, fino ad allora mascherata dalla difesa, s’impone in tutta la sua urgenza: Skriniar anticipa Padelli che era uscito un po’ a caso, la palla finisce a Immobile che viene...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

LONDRA «Terrificante» posare davanti all’ospedale con in braccio un bimbo appena nato. «A volte ci si sente sole a fare la mamma». L’arrivo di un figlio è accompagnato da «emozioni miste». Da una parte «l’euforia», dall’altra «l’ansia ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Dorme solo quattro ore per notte, non sa rinunciare al cioccolato, ama la moda e lo spritz, vorrebbe essere più alta (è 158 cm) e meno muscolosa, vive a Cavalese in Val di Fiemme con il marito Stefano ma è a casa solo 70 giorni all’anno. Non le...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Wait and see», traducibile (meno elegantemente) con il «calma e gesso» che pronunciano i giocatori di biliardo quando devono fare un tiro difficile e prendono tempo strofinando con il gesso la punta della stecca. Ecco la sintesi che esce dal...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Una storia di volontà ed emancipazione, coraggio e amore, che si snoda a cavallo del mare Mediterraneo e che segue la vita di una famiglia italiana, i Muccio, divisa tra due sponde, la Libia e l’Italia. Su questa vicenda Roberto Costantini sta...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Durante un talk show la conduttrice che lo stava intervistando lo aveva rimproverato affettuosamente: «Ma lei ce la mette tutta per far parlare di sé». Il dottor Urtis, ammiccando, aveva risposto: «Sa, è anche una questione di marketing». Strategie ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Zia Antonietta era una semplice cameriera, ingenua e sprovveduta. La ricostruzione prevalente fu questa: era rimasta incinta e il futuro padre le aveva promesso di portarla all’altare...» Ma lei scopre che lui è sposato e si arrabbia. O lui ci...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La copertina del progetto con il titolo «Un piano per il Sud è un progetto per l’italia», l’hashtag «#Sud2030» e la foto di Duino, il Comune in Friuli-Venezia Giulia, con una splendida vista sul Golfo di Trieste e le sue falesie. Non proprio un...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sono gravi le condizioni di un bambino di 5 anni investito a Cigliano, nel Vercellese. È successo nel pomeriggio di oggi, domenica 16 febbraio. Stando alle prime notizie, il 118 avrebbe prestato sul posto le prima cure al piccolo, che ha riportato...