Trashtag challenge: quelli che puliscono il mondo dai rifiuti

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

La prima a spopolare fu l’Ice Bucket Challenge, con secchiate d’acqua gelida per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi laterale amiotrofica; l’ultima la Ten Year Challenge, con il confronto delle proprie foto a distanza di dieci anni. Ora l’ennesima sfida virale, la Trashtag Challenge, chiama tutti in causa per salvare il pianeta. Una gara a chi raccoglie più rifiuti lanciata nell’etere con regole molto semplici: due foto che permettano di confrontare il pre e il post intervento di pulizia e, ovviamente, l’hashtag che accomuna i blitz compiuti in ogni parte del mondo.
Bottiglie di plastica abbandonate in spiaggia o mozziconi di sigaretta spenti in cima alle Dolomiti, lattine vuote nel parcheggio dello stadio o elettrodomestici scaricati nei boschi: sono già quasi 40mila i post che su Instagram documentano le sfide dei volontari ambientalisti. Dalla foto di gruppo degli Erasmus sulla Costa del Sol, con decine di sacchetti colmi di rifiuti, all’intervento di un ecologista solitario lungo l’oceano a New York, dai copertoni raccolti in un torrente in Bielorussia al selfie del sub che raccatta plastica nuotando nelle acque di Bali.


Un’iniziativa dal successo annunciato, mentre l’attenzione alle tematiche ambientali è altissima anche grazie a Greta, la piccola attivista svedese che lotta contro il cambiamento climatico. A volte, poi, le idee migliori nascono da un imprevisto. Papa Dame Diop, 49 anni, senegalese in Italia dal 2000, deve a un polso rotto il lancio del plogging a Bolzano, dove è diventato una celebrità attirando eco-volontari per la raccolta di rifiuti urbani. «Vivo in una delle città più pulite e curate d’Italia», spiega. «Per questo stona trovare sui marciapiedi o lungo gli argini del fiume Adige bottiglie, cartacce e siringhe».
Con guanti, sacchetti e magliette sponsorizzate, gli amici del plogging (neologismo che unisce jogging e «plocka upp», raccolta di rifiuti in svedese) si ritrovano ogni sabato per le corse ecologiste che stanno spopolando tanto tra gli stranieri quanto tra gli italiani. Il gruppo, che ora include una cinquantina di persone, nasce in sordina grazie all’ex atleta della Nazionale di karate del Senegal, costretto a lasciare il suo Paese nel 2000 per arrivare clandestino in Italia. A Brescia viene assunto all’Iveco, nel 2008 l’azienda lo manda a Bolzano con moglie e figli dove lavora e insegna karate, ma un anno e mezzo fa si rompe un polso. «Non potendo più allenarmi in palestra ho scoperto la corsa e ogni volta tornavo a casa con due sacchetti pieni di rifiuti », ricorda. «Così ho coinvolto amici e colleghi, poi il Comune e i media. Da allora siamo in continua crescita».
Christian Bacci, tributarista bolzanino, ha aderito a novembre. «Quella del plogging è una bellissima esperienza che crea senso civico, educa al rispetto degli spazi comuni e ti fa venire voglia di spiegare ai tuoi concittadini che gettare una carta in terra è come buttarla in salotto». Il professionista ha coinvolto nel jogging ecologico anche la sua compagna. «Il fatto che questa iniziativa sia nata da un migrante rende il messaggio del plogging ancora più incisivo», sottolinea Fiorenza Mascarello. «A febbraio noi italiani eravamo quasi più degli stranieri». Papa Dame invita personalmente i richiedenti asilo a seguirlo. «Non hanno niente da fare: si alzano, mangiano e la sera tornano al centro di accoglienza. Li capisco, ci sono passato anch’io, ma delinquere non deve diventare un’alternativa: così li coinvolgo nelle mie “corse di pulizia” e fanno la loro parte volentieri».

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Neanche lei si è salvata dalla furia del compagno della madre. È sopravvissuta sì, Noemi, la sorella di Giuseppe Dorice, ucciso a Cardito dal convivente della madre Tony Essobti Badre. Ma anche lei ha vissuto l’orrore quotidiano che si consumava fra ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

L’annuncio dell’attrice arriva il 15 settembre 2018, con una foto su Instagram in cui si dichiara «grata e felice di essere ancora viva, ma molto triste per la perdita dei capelli» dovuta alle cure per uno dei tipi più rari di cancro, quello...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Lo avrà anche fatto per una buona causa: nella fattispecie, per promuovere la messa al bando della plastica, in favore dell'alluminio completamente riciclabile. Ma per i suoi fan è stato un brutto colpo lo stesso, perché Jason Momoa senza barba è...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Pesava 1.500 kg ed era in grado di affrontare animali delle dimensioni di elefanti e ippopotami. Ricercatori internazionali hanno studiato i resti di uno dei più grandi mammiferi carnivori che sia mai comparso sulla Terra. Ribattezzato "Simbakubwa...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

C’è un mondo zen sotto una volta di argilla blu che viene dal pliocene, tre milioni di anni fa, quando a Bolgheri nuotavano le balene. Un mondo sotterraneo di acciaio, legno e vetro. È la casa del Masseto, uno dei Merlot più costosi al mondo. Per 32 ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Salva il mondo, salva le api». Se l’allarme per salvare i piccoli insetti impollinatori dal cambiamento climatico, l’abuso di pesticidi e la distruzione del loro habitat è già stato lanciato da tempo, l’aiuto può arrivare anche dai più...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Gli italiani che si sposteranno in auto durante le feste di Pasqua e per i prossimi ponti del 25 aprile e 1 maggio dovranno però mettere in conto una stangata con rincari complessivi per 110 milioni di euro per la benzina. Lo scrive in una nota il...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Debutta a Shanghai la prima macchina di serie firmata da Giorgetto e Fabrizio Giugiaro dopo l’uscita dal gruppo Volkswagen. Per il nome bisogna decifrare gli ideogrammi scritti sul posteriore, che porta delle linee e una firma europea nella Terra del...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Comunque vada, sarà il primo successo. Dei quattro allenatori rimasti in Champions League, infatti, nessuno l’ha mai vinta: Klopp ci è andato vicino con due finali (Dortmund e Liverpool) ma sta a zero proprio come Valverde (Barcellona), Pochettino...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Claudio Marchisio, lei ha scritto «quando un sogno — come quello della Juve — va in frantumi, bisogna raccogliere ogni pezzo e ricostruirlo». Perché?«C’erano grandi attese, costruite anche giustamente dentro e fuori la Juve. Con Ronaldo si...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Revoca dell’affidamento terapeutico per Fabrizio Corona. Finito il periodo delle «ospitate» in tv e della frenetica attività tra palestra, serate e promozione del suo marchio. Le porte di San Vittore per lui si sono richiuse e ora, a quanto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il ritorno della Bari. Promossa in C dopo una sola (trionfale) stagione fra i dilettanti della D. La, femminile, già, perché per tutti i tifosi galletti (calcio e zoologia: binomio un filo démodé ma irresistibile per chi è nato con le figu Panini)...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

L’Europa saprà ripararsi dal vento del sovranismo, piuttosto dovrà trovare una soluzione comune sull’emergenza migranti, tema centrale delle prossime elezioni. Diversi gli argomenti toccati dal Capo dello Stato Sergio Mattarella in una intervista...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Anche Facebook è intenzionata ad entrare nell’arena degli assistenti virtuali puntando a competere con Siri di Apple, Alexa di Amazon e Google Assistant dell’azienda di Mountain View. A Menlo Park se ne sta occupando ormai dall’inizio del 2018 la...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Sapete qual è il peggior rimprovero che si possa rivolgere ad un cane, il peggior castigo che gli si possa infliggere? Ignorarlo. Proprio così: distogliere lo sguardo, voltarsi di scatto, andarsene via provocano nel cane che ha fatto qualcosa di...