Torino torna in piazza per il Sì alla Tav. Conte: Lega? Nessun problema

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Non è un problema che scenda in piazza la Lega, o il Movimento o i cittadini», dice sulla Tav il presidente del consiglio Giuseppe Conte, assicurando che il «governo si esprimerà» con una «valutazione trasparente». Ma la manifestazione in programma stamattina a Torino diventa una prova generale dell’eventuale referendum sul completamento dell’Alta velocità ferroviaria con Lione proposto dal presidente del Piemonte, Sergio Chiamparino.
Un test che arriva in un momento di grandi scintille tra i due azionisti del governo, Lega e Movimento 5 Stelle, anche sulle trivelle con Matteo Salvini che bacchetta gli alleati: «Non si può dire sempre no». Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli dice che l’analisi sulla Tav verrà «completata entro fine gennaio», ma il Movimento 5 Stelle conferma la sua contrarietà. Mentre in Piazza Castello la Lega ci sarà. A guidare la delegazione sarà Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera e segretario del Carroccio piemontese. Con lui ci saranno i parlamentari locali ma non i big nazionali. Una scelta dettata dalla volontà di non portare materialmente in piazza la spaccatura nella maggioranza. Accompagnata dalla precisazione, un po’ acrobatica, che si tratta di una presenza «non politica» ma solo di una conferma della linea sempre sostenuta. Del resto i governatori leghisti di Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia, hanno già dato il loro ok all’ipotesi del referendum.


La spaccatura è chiara e il leader del partito Matteo Salvini la ricorda ancora una volta: «Io voglio un’Italia del sì che vada avanti e non indietro». Anche se poi lascia la porta aperta alla mediazione aggiungendo che «nessuno pretende che il progetto non si tocchi». Tradotto: lo stop ai lavori non è un’opzione possibile per la Lega tanto più in un momento in cui si moltiplicano i segnali di rallentamento dell’economia. Ma qualche aggiustamento è possibile, magari da validare poi con il referendum sul quale lo stesso Salvini ha già dato parere favorevole.
La manifestazione di oggi è organizzata dalle sette madamin del comitato «Sì Torino va avanti», insieme all’ex sottosegretario ai Trasporti del governo Berlusconi Mino Giachino, gli stessi promotori della protesta che lo scorso 10 novembre ha raccolto 40 mila persone. L’iniziativa — tecnicamente un flash mob — non ha un marchio politico. Circa un centinaio i Comuni che hanno dato la loro adesione. La stragrande maggioranza (79) sono del Piemonte, compresi alcuni della Val di Susa, attraversata dalla linea ferroviaria, tra i quali Chiomonte, Giaglione e Sant’Antonino. Quattro i comuni lombardi, Milano, Varese, Lecco e Bergamo, che sarà rappresentata direttamente dal sindaco Giorgio Gori. Quattro i comuni anche della Liguria, Genova compresa. E quattro pure dal Veneto, dove per Venezia a scendere in piazza sarà il sindaco Luigi Brugnaro, eletto nel 2015 per il centrodestra.
Il sindaco più a Sud è quello di Ascoli Piceno, nelle Marche. Città lontana dalla Torino—Lione anche se il primo cittadino, Guido Castelli (Forza Italia) ne fa una questione di principio sulle sviluppo del Paese, oltre ad essere tra i possibili candidati alle elezioni regionali del prossimo anno. Spigolature a parte, per Forza Italia ci saranno anche il presidente della Liguria, Giovanni Toti, e le due capogruppo alla Camera e al Senato, Mariastella Gelmini e Anna Maria Bernini. Per Fratelli d’Italia ci dovrebbe essere il piemontese Guido Crosetto. Mentre dal Pd si annuncia la presenza del candidato alla segreteria Maurizio Martina.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

La Uefa apre l’indagine su Ronaldo e il gestaccio al termine di Juventus-Atletico Madrid: per «condotta impropria» il portoghese rischia di saltare l’andata dei quarti di finale contro l’Ajax, ma l’ipotesi più probabile è che — giovedì 21...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Sarà un allenamento atipico, stavolta. Poco calcistico e molto pedagogico. Perché in campo non scenderanno solo i baby calciatori ma i loro genitori. Anzi babbi e mamme, mentre i figli giocheranno a porte chiuse e in santa pace la partita, dovranno...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

La prima a spopolare fu l’Ice Bucket Challenge, con secchiate d’acqua gelida per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi laterale amiotrofica; l’ultima la Ten Year Challenge, con il confronto delle proprie foto a distanza di dieci anni. ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non è facile avere il coraggio di dire «ho fatto un errore». Il 28 febbraio scorso, il ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca ha trasmesso alle scuole alcuni problemi d’esame, come simulazione in preparazione al prossimo Esame di ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Dovranno proteggersi contro le radiazioni ed usare le apparecchiature speciali in dotazione ai Vigili del fuoco contro il rischio nucleare i medici che esamineranno il corpo di Imane Fadil. La testimone del processo Ruby ter rischia di essere pericolosa...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

I simboli contano. I portici, per esempio. «Che cosa incredibile sono i portici, io mica lo sapevo: sono pubblici. Tutti possono passarci, ma la proprietà è dei privati che li gestiscono a nome della comunità». Così dice don Matteo (che oggi sarà...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Alla fine Matteo Salvini si è lamentato? «No, non ha fatto nessun tipo di commento. Perché? Avrebbe dovuto?».Riavvolgiamo il nastro. Ospite a Domenica Live, il leader della Lega si è trovato nella condizione di un qualunque studente che non...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Caro Cazzullo, quando ho letto il suo articolo sui luoghi di Milano in cui se la prendeva con un locale perché aveva il nome di Radetzky sono trasecolato. Radetzky fu un grande generale boemo e non ebbe solo l’amante italiana, ma anche la moglie....

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Finalmente il ministero degli Esteri cinese ha confermato la missione di Xi in Europa, dal 21 al 26. Il portavoce di Pechino è stato ermetico sui dettagli degli spostamenti: ma l’arrivo a Roma è previsto giovedì pomeriggio, il 22 e 23 colloqui con...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Per non parlare subito del Pd: onorevole Paolo Gentiloni, è vero che con la Cina ha cominciato tutto lei, come ricordano sempre gli esponenti del governo? «Avere intense relazioni commerciali, economiche e diplomatiche con la Cina non solo è...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Gentile direttore, dobbiamo sottolineare che l’articolo «Unione Europea; Bruxelles, il mistero del suicidio di Laura Pignataro, funzionaria italiana dell’Ue», pubblicato online sul Corriere della Sera il 16 marzo, rimanda a un articolo apparso il...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Fra ultime cene, post su Instagram, botta e risposta fra ex mariti e attaccanti rivali, appuntamenti sperati ma non fissati si consuma il tiepido lunedì nerazzurro. Il giorno dopo il successo nel derby, sorride Luciano Spalletti che nel giro di una...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Questo articolo è stato pubblicato su «la Lettura» #381 del 17 marzo. Tra gli anni Cinquanta e i Sessanta, all’apice della Guerra fredda, l’Air Force americana indagò segretamente su oltre 12 mila avvistamenti di oggetti volanti non identificati...

Flat tax alle famiglie  o bonus 80 euro? Chi vince la gara degli sconti Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Senza bonus Renzi risparmio da 300 euroPrendiamo la famiglia tipo che guadagna di più incassando il bonus Renzi. Un coppia di lavoratori dipendenti, senza figli a carico, entrambi con un reddito di 24 mila euro l’anno, il tetto fino al quale si ha...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Tensione all’interno del governo per le voci di un condono edilizio inserito nel disegno di legge sblocca cantieri. «Non c’è alcuna ipotesi di condono edilizio nello sblocca cantieri, né in altri provvedimenti» hanno fatto sapere fonti della...