Taranto: non solo Ilva, 1 euro per salvare la Città vecchia

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

C’era una volta una città compressa in un chilometro di lunghezza per 300 metri di larghezza. Circondata dal mare. Che alla fine dell’Ottocento, con la costruzione dell’Arsenale, raggiunse i 40 mila abitanti. Oggi è abitata da meno di 3 mila persone e l’amministrazione ha deciso di ripopolarla, cedendo immobili a 1 euro. Non è la prima volta che accade, l’Italia è piena di piccoli centri con offerte analoghe. Ma in questo caso l’iniziativa è della 17esima città italiana, Taranto. Che pur sfiorando i 200 mila abitanti, ha un cuore che non pulsa più da oltre quarant’anni, da quando nel 1975 il crollo di una palazzina in Vico Reale distrusse un’intera famiglia, dando via al fuggi fuggi dal Borgo antico.
Adesso Taranto ha deciso di ridare vita al suo cuore, un insieme di vicoli angusti con abitazioni pericolanti: la Città vecchia. Collegata al resto della città con due ponti, il «girevole» e quello «di pietra». Presidiata dal Castello Aragonese e dal Municipio, con al centro la Cattedrale di San Cataldo. «Quello è il cuore di Taranto», spiega il regista Sergio Rubini, che nella città dei due mari ha girato il suo ultimo film Il grande spirito, «e senza il cuore un luogo non può vivere. I centri storici sono la memoria delle città e, al di là dell’Ilva, Taranto non può che ripartire dal centro storico, come già hanno fatto altre città pugliesi».



E infatti l’obiettivo dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Rinaldo Melucci è riportare sull’Isola 25 mila abitanti. «È il nucleo da cui deve ripartire Taranto», spiega l’assessora al Patrimonio e alle Politiche abitative, Francesca Viggiano, «non vogliamo più che la città venga associata solo all’Ilva, ma che abbia uno sviluppo alternativo». Un’idea che piace anche a Roma: il Mibact ha assegnato a Taranto 90 milioni per il centro storico. Una pioggia di denaro che di certo aiuterà, con il potenziamento dei servizi di acqua e fogna e il rifacimento dei waterfront e altre infrastrutture, la rinascita della Città vecchia. Per la quale, però, l’amministrazione comunale vuole partire dalla più modesta cifra di 1 euro.
Lo scorso 9 gennaio, infatti, il Comune ha annunciato la prossima pubblicazione di un bando per la cessione di immobili pubblici a questa cifra simbolica. E grazie al tam tam dei social è bastato il semplice annuncio per suscitare interessi anche da lontano. «Mi sono già arrivate», spiega Viggiano, «numerose mail: in particolare una richiesta di informazioni da New York e altre da Milano e Roma». Le risposte ai quesiti arriveranno con il bando, che sarà pronto nel giro di quindici giorni. Ma l’amministrazione ha già fissato alcuni paletti: per evitare speculazioni, chi rileverà l’immobile dovrà dimostrare di viverci dopo averlo restaurato a proprie spese oppure adibirlo a casa vacanza o a residenza universitaria, senza poterlo vendere. E le procedure per il restauro (nel rispetto dei vincoli della soprintendenza) dovranno essere avviate entro due mesi dalla cessione della titolarità degli immobili.
I palazzi comunali sull’Isola sono circa 1.300. «Per ora partiremo con i primi tre», conclude l’assessora, «dai quali si possono ricavare quindici unità abitative, per ciascuna delle quali la richiesta simbolica è di 1 euro: due immobili sono su Postierla Immacolata, traversa di via Duomo, nei pressi di palazzo Delli Ponti, l’altro di fronte a palazzo d’Ayala. È realistico immaginare che i costi di ristrutturazione vadano da 300 a 800 mila euro per l’intero edificio cielo-terra». Se l’esperimento andrà bene, l’iniziativa si allargherà ad altri edifici. E se le richieste saranno numerose, verranno scelte quelle con il maggiore impatto sullo sviluppo economico, fine ultimo dell’amministrazione. Che dopo l’insediamento della facoltà di Giurisprudenza, della caserma dei Carabinieri e di numerose attività commerciali su via Duomo, vuole riportare i tarantini nel Borgo antico. Perché la rinascita dell’Isola di una volta possa diventare una favola da raccontare.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...