Stati Uniti-Cina,  a rischio anche  il gigante della videosorveglianza di Pechino

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un altro grande gruppo tecnologico cinese sotto la lente di osservazione (mirino) negli Stati Uniti. La Hikvision di Hangzhou, 34 mila dipendenti, produce telecamere di sorveglianza. Ne ha piazzate centinaia di milioni in Cina e ne ha vendute in tutto il mondo: dal Regno Unito al Brasile, fino all’Italia dove sono impiegate per la sicurezza all’aeroporto di Linate. Ora, secondo il New York Times, il Dipartimento del Commercio di Washington sta valutando di metterla nella lista nera per il caso Xinjiang, dove la popolazione uigura vive sotto continua sorveglianza anche grazie ai sistemi tecnologici prodotti da Hikvision.
Secondo le fonti del New York Times a Hikvision potrebbe essere applicato il «modello Huawei»: vale a dire divieto di vendere apparecchiature negli Stati Uniti ed embargo sulla fornitura di componenti americane per la produzione in Cina. La notizia ha causato un crollo del titolo Hikvision alla Borsa di Shenzhen: apertura a -9% questa mattina e poi chiusura a -5,5%.



L’azienda cinese finirebbe nella «lista nera» americana per la sua collaborazione tecnologica con il governo di Pechino nello Xinjiang. Nella regione occidentale è in corso una campagna di sorveglianza e repressione della minoranza uigura di fede musulmana. Secondo rapporti avallati dall’Onu un milione di uiguri sono finiti in campi di rieducazione. Pechino risponde che si tratta di «scuole» anti-estremismo islamico. Sia l’amministrazione Trump sia membri del Congresso di Washington hanno accusato Pechino di «repressione e crimini contro l’umanità nello Xinjiang». E ora il Dipartimento al Commercio indaga su Hikvision, che con le sue apparecchiature aiuterebbe le autorità a tenere sotto controllo la popolazione uigura.
Il gruppo di Hangzhou ha risposto in una nota: «Hikvision è un fornitore di prodotti. Non abbiamo niente a che vedere con qualsiasi azione inappropriata. Non abbiamo mai condotto e mai lo faremmo operazioni che comportino la violazione dei diritti umani». Il ministero degli Esteri di Pechino sostiene che le notizie di stampa evidenziano «la prosecuzione della campagna di calunnie americane contro aziende cinesi leader di mercato». Hikvision, che ha un valore di mercato di 37 miliardi di dollari, si vanta di essere il primo produttore al mondo di telecamere per videosorveglianza e apparecchiature di sicurezza. La sua crescita è stata aiutata dall’impiego massiccio su tutto il territorio cinese: entro il 2022 il governo centrale ha promesso che nella Repubblica popolare saranno operative 2,7 miliardi di cctv (close-circuit television). Accoppiate con riconoscimento facciale, Intelligenza artificiale e data base, le telecamere di videosorveglianza, nei piani di Pechino, dovranno scoraggiare il crimine e ogni comportamento antisociale. Hikvision è a partecipazione statale, controllata dal braccio tecnologico dell’Esercito popolare di liberazione. Ma fa affari in tutto il mondo.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Hanno iniziato, quasi venti anni fa, con le merende. Torte, per la precisione. Cotte nel forno di casa e vendute prima agli amici più golosi e poi via via a una cerchia sempre più allargata di persone. Con i dolci, però, è difficile arrivare a...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Percorsi sotterranei finora ignoti, antichi muri di fondazione, due edifici vuoti da riqualificare come spazi espositivi. Gli scavi nell’area che ospita i resti dell’anfiteatro romano riservano sorprese. E la soprintendente Antonella Ranaldi punta ad ...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Per un po’ quel contatore è stato un incubo, inchiodato com’era a zero. C’è voluto tempo per ingranare, per smuovere la complessa macchina comunale verso il traguardo e vedere progredire l’indicatore. In questi giorni d’estate però è stato...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Nel frattempo i banchieri centrali, riuniti all’annuale incontro di Jackson Hole si sono trovati a discutere su un clima di diffusa incertezza e confusione. Intanto l’Italia, in mezzo a un guado, è costretta ad attendere gli esiti delle...

Pubblicato domenica, 25 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Un drone israeliano è caduto sulla capitale libanese Beirut e un altro è esploso in aria. Lo rende noto oggi il partito sciita Hezbollah. I residenti del sud della roccaforte del gruppo appoggiato dall’Iran hanno riferito di una grande esplosione che ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Di nuovo insieme, uno di fianco all’altro. Rossi e Marquez in prima fila, come ai tempi dei loro duelli infuocati. Non succedeva dal Gp di Austin, da aprile: lo spagnolo davanti, il pesarese a pochi metri. Finì con Marquez nella ghiaia (errore suo,...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Al termine di un’estate nella quale si è registrata l’ennesima rivoluzione dirigenziale, con la promozione di Paolo Maldini e l’inserimento di un manager dalle conoscenze poliedriche come Zvonimir Boban, dopo la rinuncia all’Europa League e la...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

MASSA- Magari ci riesce il silenzio. Se non è servito il messaggio, se non è bastato il ricordo, se è stato ignorato l’ideale che Sophia rappresenta, allora può darsi che amore e rispetto si possano trasmettere anche senza voce. Alessio ci ha...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Milano Messaggi, scambi di meme, persino qualche battuta. Obiettivo: «Ricostruire la fiducia con Luigi». Matteo Salvini ha trascorso gran parte della giornata in casa, con la figlia Mirta e il ministro Lorenzo Fontana con moglie e figlia. Un sabato...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

ROMA L’imponderabile succede alle nove di sera, quando una fiammata riaccende una partita che pareva destinata a morire di tatticismo. Perché non solo riparte prepotentemente il treno del governo Pd-M5S, che solo qualche ora prima sembrava destinato a ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

new york Sei minuti a piedi, tanti ne bastano per arrivare dall’abitazione di Andrea Zamperoni all’ostello in cui il capo chef di Cipriani Dolci, noto ristorante affacciato sul maestoso atrio di Grand Central, è stato trovato morto mercoledì sera...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Le sirene della Lega si affievoliscono, quelle del voto si fanno sentire ancora forte, mentre il dialogo con il Partito democratico continua a sembrare l’unica via di uscita per uscire dalla crisi. Il Movimento 5 Stelle tiene le caete coperte, giocando ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Fuochi d’artificio ed entusiasmo al Franchi per la prima di campionato tra Fiorentina e Napoli. E non solo per la curiosità verso i nuovi arrivi - debuttano Boateng e Ribéry - e per i due rigori assegnati con il nuovo regolamento. Vincono gli azzurri ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

BIARRITZ Mentre tra Hendaye e Irun, alla frontiera franco-spagnola, migliaia di manifestanti sfilavano contro il G7 contestando l’idea stessa di un club che riunisce una volta l’anno i leader delle sette democrazie più ricche, all’Hotel du Palais...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ne ha viste tante Americo Lanciottti, 69 anni, in tutta la sua vita di pastore. Persino cose che con le greggi avevano poco a che fare. Eh sì, perché qui, a 1800 metri d’altitudine, al Lago della Duchessa - nell’omonima Riserva, sotto il Monte...