Social e vanità. Savoini,  il faccendiere 2.0 ossessionato dai selfie

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Chissà se Matteo Salvini, scottato dal pasticcio russo, saprà finalmente capire che l’ossessione compulsiva dei selfie può anche portare male. Una malattia con molti e spiacevoli effetti collaterali: come fai a dire di ignorare Gianluca Savoini se poi un intero archivio di foto dimostra che Savoini ti sta fotograficamente attaccato come una ventosa, sulla Piazza Rossa a Mosca e a Palazzo Chigi e dappertutto, chissà quante altre decine di immagini stanno a testimoniare una lunga e continuativa frequentazione? Per Savoini vale ovviamente il contrario: lui è come Zelig che si ficca ovunque per godere dell’opportunità fotografica universale e per farsi vedere con i potenti e nelle occasioni storiche. Solo che lui, Savoini, non Zelig, non si ficca ovunque, ma solo nei posti dove sia possibile farsi immortalare con Salvini. I faccendieri di una volta, quelli affidabili, lavoravano nell’ombra, non si facevano vedere mai, stavano sempre due passi indietro, protetti dall’invisibilità che li rendeva ancora più potenti e carismatici.
Il faccendiere dell’età dei social invece deve apparire, deve far vedere che frequenta chi davvero conta per accreditarsi con interlocutori sospettosi: gli interlocutori dei faccendieri sono sempre sospettosi, figuriamoci i russi. Quindi per Savoini la foto è tutto, è curriculum, è prova, è alimento della propria vanità, è l’accredito della propria esistenza pubblica, insomma è un documento di identità. Ma per Matteo Salvini? Tutto il contrario. Al limite si potrebbe dire che propria la sua disponibilità a lasciarsi immortalare con Savoini è la prova che non era suo desiderio nascondere una frequentazione che avrebbe potuto metterlo in imbarazzo. Ma poi arriva il conto. Savoini chi? E poi Savoini appare in mille foto, in mille pose, in mille occasioni, in mille incontri. E il tentativo di relegare Savoini a intruso occasionale, oppure a una delle migliaia e migliaia di persone che si lasciano fotografare con il «Capitano», come era capitato con il mariuolo al raduno del Milan. Ma la voglia incontenibile di apparire può diventare un boomerang, una tagliola. Una foto in più, che vuoi che sia. Ma una foto in più con una persona che alla fine dovrai rinnegare, far finta quasi di non conoscerlo, può essere l’eccesso che fa vacillare il terreno. Troppa vanità non porta niente di buono, lo dicevano anche le nonne. Troppa vanità e dalla Russia può partire un siluro che può produrre conseguenze nefaste. Un selfie in meno e un po’ di (buon) governo in più: magari questa è la ricetta giusta.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

All’inizio si chiamava Pci, poi Pds, Ds, Ulivo, Pd. Per 68 anni il simbolo più votato in Emilia cambia nome ma non pelle. Tra il 1946 e il 2014 si svolgono 36 elezioni fra Politiche, Regionali ed Europee: per 24 volte il Partito supera il milione di...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Brescia Joronen 6Tiene in piedi e il Brescia finché riesce. Portiere interessantissimo, pagato solo 5 milioni. Qui Cellino ha fatto davvero un bell’affare.Sabelli 6,5Esce a testa altissima nel duello impari con Theo Hernandez, il miglior...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

C’era una volta una città compressa in un chilometro di lunghezza per 300 metri di larghezza. Circondata dal mare. Che alla fine dell’Ottocento, con la costruzione dell’Arsenale, raggiunse i 40 mila abitanti. Oggi è abitata da meno di 3 mila...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Per la determinazione nel procurarsi il revolver e per il sufficiente lasso di tempo trascorso dalla vista dei 70mila euro nello zaino di Anastasiya Kylemnyk alla realizzazione del piano per la rapina sfociata nel delitto, quello di Luca Sacchi fu un...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Da Mondovì fu costretta ad andarsene e a Mondovì, cittadina medievale adagiata fra le Langhe e le Alpi, nei mesi bui della prigionia promise a se stessa di tornare: «Voglio vivere per ricordare, per mangiare, per vestirmi, per darmi il rossetto e per...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

A vent’anni dalla scomparsa di Bettino Craxi si è tornati a parlare di uno dei principali protagonisti della politica italiana del Dopoguerra: la sua figura ha da sempre polarizzato le opinioni per la sua azione politica e la forte personalità. Cosa...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Nuova impresa in Bundesliga del diciannovenne attaccante norvegese Haaland: entrato al 65’ con la sua squadra, il Borussia Dortmund, già in vantaggio per 3-1 nel confronto interno con il Colonia, segna due gol in venti minuti, fissando il risultato...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Il Milan vince 1-0 a Brescia grazie a un gol di Rebic al 26’ della ripresa. Ad avviare l’azione era stato Ibrahimovic che nel primo tempo aveva fallito un gol semplice. Il Brescia può rammaricarsi per le tante occasioni sciupate, mentre i rossoneri...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

È stata uccisa Ambra Pregnolato, la 41enne trovata senza vita, riversa a terra, in una pozza di sangue, nella sala del suo appartamento in via Carlo Alberto Dalla Chiesa 5, a Valenza, in provincia di Alessandria. A trovare la donna sarebbe stato il...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quando il vicepresidente degli Stati Uniti mette piede a Palazzo Chigi è ancora a telefono con Donald Trump. Chiude la telefonata, scende dalla macchina, stringe la mano a Conte e gli dice che il capo della Casa Bianca lo saluta calorosamente. Dazi,...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quella di C’è posta per te è la storia di un successo nato quasi per caso. Se vent’anni fa Maria De Filippi non avesse avuto in agenda un incontro al ministero dell’Istruzione, forse ora non sarebbe in palinsesto una delle poche trasmissioni...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte è intervenuto oggi alla presentazione del «manifesto di Assisi», progetto politico per la costruzione di un’Italia più green e attenta ai cittadini. Ecco il testo integrale del suo intervento******* ...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Una forte scossa di terremoto con una magnitudo intorno a 6.7 della scala Richter è stata registrata alle 18,55 (ora italiana) in Turchia a una profondità di 5 chilometri. L’epicentro è stato posizionato presso Doganyol, una località a circa 80...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione del diritto d’autore: è l’accusa contestata a Massimo Scambelluri, il presidente del Consiglio di amministrazione di “Data Stampa”, società che vende la rassegna stampa quotidiana per clienti privati e istituzionali. La procura di...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

La trattativa è in corso all’Aran e la prossima settimana, mercoledì 29, è previsto un nuovo incontro con i sindacati. Dunque, i quasi 2.000 statali della Presidenza del Consiglio hanno dovuto attendere un po’ più di altri colleghi, che lavorano...