Siria, gli Stati Uniti hanno iniziato la ritirata verso il Kurdistan

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Dal nostro corrispondente
WASHINGTON — «Abbiamo cominciato il ritiro dalla Siria, ma per ragioni di sicurezza non forniremo alcuna indicazione sui tempi e sui movimenti delle truppe», annuncia, con una mail inviata all’Associated Press, il colonnello Sean Ryan, portavoce del quartier generale americano a Baghdad.
«Stiamo portando voi solo parti dell’equipaggiamento, ma nessun militare» correggono due funzionari del Pentagono, parlando, però, informalmente con i giornalisti. È un’altra giornata di confusione a Washington. Al Congresso nessuno sa nulla, neanche i parlamentari repubblicani che seguono più da vicino il Medio Oriente. I riscontri che arrivano dal campo sono frammentari. Rami Abdel, direttore dell’Osservatorio dei diritti umani fa sapere che «circa 150 soldati si sono ritirati dalla base americana di Rmeilan». Nella notte di giovedì scorso, 10 gennaio, alcuni attivisti dell’organizzazione hanno visto un convoglio composto da una decina di autoblindo, più alcuni camion, lasciare la cittadina a nord est della Siria, e dirigersi verso l’Iraq. «Normali spostamenti di militari», rispondono, sempre in modo anonimo dal Dipartimento della Difesa, aggiungendo che anzi «potrebbero essere aggiunti altri soldati per facilitare la smobilitazione».


L’impressione è che gli Stati Uniti abbiano comunque iniziato ad avviarsi verso la porta d’uscita. Lentamente, però, e cercando di sistemare la crisi politica aperta con la Turchia. Martedì scorso il presidente Recep Tayyip Erdogan si era rifiutato di incontrare il John Bolton, in visita ad Ankara. Il consigliere per la sicurezza nazionale voleva la garanzia che l’esercito turco non avrebbe attaccato la formazione curda dello Ypg, dislocata nel nord est della Siria e, fin dall’inizio del conflitto, partner degli americani nella lotta all’Isis. Erdogan, furibondo, aveva pubblicamente attaccato Bolton, rivelando che «gli accordi con Donald Trump erano altri».
I due leader hanno discusso del dossier Siria in diverse occasioni nell’ultimo mese. Ma solo negli ultimi giorni l’amministrazione americana si è mossa per garantire la sicurezza dei miliziani curdi, considerati dai turchi semplicemente dei terroristi. Motivo? Dopo l’annuncio di Trump, la leadership dello Ypg ha chiesto protezione al regime di Bashar al Assad e al suo alleato Vladimir Putin. A quel punto Bolton si è messo in moto per non lasciare altro spazio nella regione alla Russia e, soprattutto, all’altra sponda di Assad, l’Iran.
Ieri Bolton ha detto che i colloqui tra Stati Uniti e Turchia riprenderanno la prossima settimana. Sarà un confronto lungo e complicato, ma intanto i due alleati Nato tornano in contatto. Il 5 febbraio è attesa qui a Washington una delegazione turca guidata dal vice ministro degli Esteri, Sedat Onal. Nel frattempo Trump bada alla sua priorità assoluta: il Muro. Sempre più esigue le possibilità di un compromesso. La Speaker dei democratici, Nancy Pelosi, raddoppia l’offerta di fondi: 2,8 miliardi di dollari per la sicurezza al confine. Agenti, attrezzature, ma neanche un dollaro per il Muro. Il presidente ha annunciato che «aspetterà ancora un po’» a dichiarare l’emergenza nazionale e, eventualmente, utilizzare le risorse destinate alle catastrofi naturali in Texas, California e Porto Rico per costruire »la grande Barriera».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...