Siri e la corruzione, i pm accelerano Conferme dal re dell’eolico

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Dal «boss dell’energia eolica» sospettato di mafia, Vito Nicastri, sono arrivati «elementi utili» a sostenere l’accusa di corruzione contro il senatore ex sottosegretario leghista Armando Siri e l’imprenditore Paolo Arata, che di Nicastri è considerato socio occulto. A parte Siri, sono tutti agli arresti, su ordine dei magistrati siciliani che indagano sugli intrecci tra affari, corruzione e presunti legami con Cosa Nostra: il boss in carcere, Arata ai domiciliari dopo venti giorni trascorsi a Regina Coeli. Dalla sua cella Nicastri ha cominciato a collaborare, prima con la Procura di Palermo e ora con quella di Roma — titolare dell’inchiesta su Siri — che l’ha interrogato l’8 luglio, insieme al figlio Manlio, anche lui in prigione. Ottenendo riscontri che hanno convinto il procuratore Paolo Ielo e il sostituto Mario Palazzi a chiedere un incidente probatorio: in pratica un’anticipazione di processo, con la ripetizione degli interrogatori a Vincenzo e Manlio Nicastri, ma davanti al giudice dell’indagine preliminare e degli avvocati difensori. Ne verrà fuori una prova per un eventuale dibattimento, senza bisogno di repliche in tribunale.

Una mossa che svela l’intenzione dei pubblici ministeri di «cristallizzare» dichiarazioni che confermerebbero il quadro accusatorio. E fa capire come gli stessi pm ritengano di aver imboccato la pista giusta, contestando a Siri il reato di corruzione per avere «ricevuto indebitamente la promessa e/o dazione di 30.000 euro da parte di Arata». Una tangente in cambio dell’«asservimento ad interessi privati» dell’allora sottosegretario al ministro delle Infrastrutture, il quale si sarebbe dato da fare «proponendo e concordando con gli organi apicali dei ministeri competenti l’inserimento in provvedimenti normativi» di «emendamenti contenenti disposizioni in materia di incentivi per il cosiddetto “minieolico”».

Un affare al quale sarebbero stati molto interessati sia Nicastri che Arata, com’è emerso dalle intercettazioni che hanno dato il via all’inchiesta. Il «boss dell’eolico», imputato per mafia (c’è una richiesta di condanna a 12 anni di galera) e sospettato di legami con il superlatitante Matteo Messina Denaro, un anno fa era agli arresti domiciliari. Suo figlio Manlio invece era libero, e per conto del padre teneva i rapporti con l’esterno; dunque anche con Paolo Arata e il figlio Francesco, impegnati nello stesso ramo imprenditoriale e con buoni agganci a Roma. Soprattutto Arata sr., già deputato di Forza Italia, poi consulente della Lega per le questioni energetiche e in stretto raccordo con Siri, che riuscì a ottenere il posto di sottosegretario se non al ministero dello Sviluppo economico almeno in quello delle Infrastrutture.

Parlando al figlio Francesco e a Manlio Nicastri, Arata spiegava che l’emendamento che avevano tanto a cuore sarebbe passato, facendo capire che Siri si stava dando da fare per questo. In cambio di soldi, anche se era un amico, «ma gli amici vanno pagati...». In quei discorsi compaiono i riferimenti ai 30.000 contestati dai pm romani. Negati dagli indagati, Siri e Arata, ma — si intuisce ora — non da Nicastri. Che dopo il nuovo ordine d’arresto (il 12 giugno, insieme agli Arata) ha deciso di cambiare atteggiamento. E con i pm di Roma avrebbe ammesso che proprio dal suo socio occulto aveva saputo della promessa della tangente per Siri in cambio degli emendamenti che servivano a loro. Di qui la richiesta di anticipare questo pezzo di processo all’ex sottosegretario inquisito per corruzione; rimosso dal premier Conte dopo tre settimane di richieste di dimissioni rimaste senza esito, ma ieri nuovamente al fianco di Salvini al tavolo con sindacati e imprenditori.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Milano Messaggi, scambi di meme, persino qualche battuta. Obiettivo: «Ricostruire la fiducia con Luigi». Matteo Salvini ha trascorso gran parte della giornata in casa, con la figlia Mirta e il ministro Lorenzo Fontana con moglie e figlia. Un sabato...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

ROMA L’imponderabile succede alle nove di sera, quando una fiammata riaccende una partita che pareva destinata a morire di tatticismo. Perché non solo riparte prepotentemente il treno del governo Pd-M5S, che solo qualche ora prima sembrava destinato a ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

new york Sei minuti a piedi, tanti ne bastano per arrivare dall’abitazione di Andrea Zamperoni all’ostello in cui il capo chef di Cipriani Dolci, noto ristorante affacciato sul maestoso atrio di Grand Central, è stato trovato morto mercoledì sera...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Le sirene della Lega si affievoliscono, quelle del voto si fanno sentire ancora forte, mentre il dialogo con il Partito democratico continua a sembrare l’unica via di uscita per uscire dalla crisi. Il Movimento 5 Stelle tiene le caete coperte, giocando ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Fuochi d’artificio ed entusiasmo al Franchi per la prima di campionato tra Fiorentina e Napoli. E non solo per la curiosità verso i nuovi arrivi - debuttano Boateng e Ribéry - e per i due rigori assegnati con il nuovo regolamento. Vincono gli azzurri ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

BIARRITZ Mentre tra Hendaye e Irun, alla frontiera franco-spagnola, migliaia di manifestanti sfilavano contro il G7 contestando l’idea stessa di un club che riunisce una volta l’anno i leader delle sette democrazie più ricche, all’Hotel du Palais...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ne ha viste tante Americo Lanciottti, 69 anni, in tutta la sua vita di pastore. Persino cose che con le greggi avevano poco a che fare. Eh sì, perché qui, a 1800 metri d’altitudine, al Lago della Duchessa - nell’omonima Riserva, sotto il Monte...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Dietro il primo (presunto) crimine umano nello Spazio si nasconde una vicenda piuttosto terra terra. Una comune e dolorosa separazione di coppia, benché tra due donne, e non qualunque: le protagoniste sono Summer Worden, ex agente dell’intelligence...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Una banda perfetta, composta da una dozzina di persone. Una ciurma guidata da un paio di ufficiali di Marina, uno ucraino e l’altro russo. Per la polizia turca hanno rubato un gran numero di yacht e barche a vela di lusso nel Mediterraneo. Ora Ankara...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono foto che oltre a documentare un evento ne influenzano il corso, come quella della bambina vietnamita bruciata dal napalm, che affossò il sostegno degli americani alla guerra. Oggi, quella della foresta pluviale orlata dal fuoco: ritwittata più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

J effrey Epstein adorava «la sensazione che provi quando trovi la risposta giusta a un rompicapo», come disse in un’intervista del 2003 con Bloomberg sulla sua isola privata di Little St. James. Incontrò il giornalista nel gazebo, perché nella...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Alighiero Noschese è stato il primo e unico uomo con cui ho diviso un programma 50 e 50 senza gelosie. Era un signore: in quel 1973 di austerity in cui facevamo Formula Due e non sempre si poteva circolare, lui aveva l’auto Rai e io no e passava a...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Esiste un legame tra livello di intelligenza di una persona e il suo stato di salute, con ripercussioni anche sulla longevità. In particolare, sembra esserci uno specifico rapporto tra il livello di intelligenza mostrato da bambini o da giovani e la...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Al matrimonio di una coppia di amici, Bill Duncan ha guardato la sua Anne e le ha detto commosso: «E noi, quando ci sposiamo?». Anne è rimasta sorpresa per due motivi: Bill, a causa della sua malattia, parla ormai pochissimo, non dice quasi più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo il racconto vincitore del Premio La Quara 2019, Meravigliosa memoria, di Davide Di Finizio. Il tema del Premio quest’anno è l’«Europa». Davide Di Finizio, classe 1986, è nato e vive a Napoli. Laureato in Lettere classiche, è...