Scordatevi John Wayne: «Per gli uomini non è il modello giusto»

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Un uomo deve fare quel che un uomo deve fare», diceva. E ancora: «Mai chiedere scusa, mai dare spiegazioni: sono segni di debolezza». Per decenni John Wayne — o meglio: l’immagine del cowboy senza ombre, rappresentata dall’attore in decine di film — è stato il modello maschile per eccellenza. Poche parole. Nessuna concessione ai sentimenti. Sopportazione stoica del dolore. Esaltazione di forza, rischio, aggressività: e certezza di essere nel giusto. Per questo fa rumore che l’American Psychological Association, la più grande associazione di psicologi statunitense, faccia proprio il nome della star nell’articolo con cui rende pubbliche le sue prime linee guida (in 126 anni di storia) per la pratica terapeutica nei confronti di uomini e bambini. E lo faccia per dire che quell’immagine di uomo — la «visione tradizionale della mascolinità» — è «psicologicamente dannosa»: «Educare i ragazzi a non dare voce alle loro emozioni causa danni, dentro e fuori di loro».

Il documento, scritto per un pubblico di addetti ai lavori, è diventato virale negli Usa: anche a causa del dibattito — acceso — che ha scatenato. La partenza è legata a una serie di dati: in America, gli uomini commettono il 90% degli omicidi, si suicidano con tassi tre volte e mezzo più alti rispetto alle donne; evitano con maggiore frequenza di fare prevenzione e sono più soli delle donne, con il passare dell’età. Tutto questo, secondo i ricercatori, ha a che fare con la cultura che informa l’idea di mascolinità: «Vieni educato a fare da solo, e a tenere per te ogni segnale che le cose non siano sotto controllo», spiega Frederic Rabinowitz, uno degli autori. «Se non lo fai, pensi di essere sbagliato. E solo, e debole». Il problema, prosegue Rabinowitz, può peggiorare con la pensione, quando «chi si identificava come lavoratore di successo rischia di essere vulnerabile». «Certo, ci sono momenti nei quali è necessario essere forti e tenere duro», spiega Ryon McDermott, un altro autore. «Ma se ti convinci che, se non ce la fai, il tuo valore come persona diminuisce, è un guaio». L’obiettivo delle nuove linee guida è quello di modificare un approccio radicato: per questo le critiche sono state aspre, specie dagli ambienti della destra americana. David French, sulla National Review, si chiede se quello in atto non sia un tentativo di «sopprimere nei ragazzi la loro natura profonda» e di scardinare un modello «positivo, quello del “maschio adulto”». «Non bisogna fare confusione», spiega al Corriere Luigi Zoja, psicoanalista e autore di testi fondamentali come Il gesto di Ettore. «Educare a non lamentarsi non è negativo, anzi: è una questione etica. Lo stesso vale per il farsi carico dell’altro, per il tentativo di dover essere responsabili. È sbagliato “rincorrere John Wayne”: come lo è cercare di aderire a un modello rigido. Creare in famiglia spazi perché un figlio possa parlare delle proprie fatiche e sofferenze, è fondamentale». Ed è da lì che, spiega McDermott, può partire una rivoluzione: «Perché se possiamo cambiare gli uomini, possiamo cambiare il mondo».

Tag: #Corriere

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

MILANO «E se accadesse a me?», si sono chiesti molti, e anche se non sono escursionisti o camminatori solitari, devono essersi immedesimati nella storia di Simon Gautier, ferito e solo su una scogliera del Cilento, in quella mattina del 9 agosto in cui ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Il giorno in cui Pippa è morta, un po’ sono morta anche io. Ho impiegato tutti questi undici anni per trovare un nome alle cose e accettarne cause e conseguenze, per superare la depressione e ricompormi nella mia azione da artista». Silvia Moro...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ieri Boris Johnson era a Berlino, oggi sarà a Parigi e domani a Biarritz. È la settimana più complicata della sua carriera politica. Ma forse anche della sua vita. Da studente, a Oxford, era famoso per l’organizzazione caotica del lavoro, le...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

La privacy e la riservatezza della del presidente del Garante europeo per la privacy sono state violate. Proprio nel giorno della morte del magistrato che da più di 20 anni si occupava con competenza e dedizione della protezione dei dati personali, se ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Erano molti anni, forse sei, che un segretario del Partito democratico non incassava un applauso di acclamazione alla sua relazione. Approvato all’unanimità il documento proposto da Nicola Zingaretti alle anime del Pd con cui si traccia il primo passo ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Manca solo la «Regina di Bitinia». Tolti i tweet, i post e le dirette facebook, però, lo scontro fra Matteo Salvini e Luigi Di Maio ricorda l’odio insanabile che divise Gaio Giulio Cesare e Marco Calpurnio Bibulo. I due consoli che, a dispetto del...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, mi ha colpito che Prodi apra ai Cinque Stelle: i grandi rinnovatori hanno forse bisogno del viatico del grande vecchio? Fabio Guaita, Bologna Un’alleanza Pd-5Stelle mi sembra già un’ipotesi di governo molto complessa, ma...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Non ci impicchiamo al nome di Giuseppe Conte e possiamo lavorare a individuare un presidente del Consiglio “terzo”, fuori dai due partiti». A far decollare la trattativa tra Pd e M5S basta un segnale. E quel segnale raggiunge il quartier generale...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

I cari vecchi episodi di Friends sono come il comfort food, notava ieri il Guardian: un’immersione in un mondo rassicurante dove il peggio che può capitare è un battibecco tra amici. E poi il binge watching — un episodio dopo l’altro come...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Noi siamo la generazione degli accordi di pace, non vogliamo un’Irlanda più unita o un Ulster più separato, vogliamo una vita migliore», scriveva Lyra McKee, 29 anni. Il suo futuro si è fermato fra le case di mattoni rossi di Creggan, il popolare ...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Il sogno di Glory era guardare negli occhi la sua bambina, non desiderava altro. Anche se un tumore cattivissimo e feroce si era impossessato di una parte del suo corpo, proprio dove Greta stava crescendo mese dopo mese. Glory era arrivata in Italia...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Roba da matti. Non hanno perso tempo, i nuovi ordini della Difesa sono stati formalizzati ieri. Prime prove tecniche di inciucio Pd-5 Stelle sulla pelle degli italiani, riaprendo i porti e chiudendo un occhio sulle Ong?». È Matteo Salvini, ieri su...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

CITTADELLA (PADOVA)— «L’ultimo messaggio di mio figlio è una bugia». Una bugia? «Sì, mi aveva detto che sarebbe andato a fare un giro sui colli con un amico. Qualcosa non mi convinceva, gli ho chiesto se fosse la verità. E lui mi ha...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Alle 11.22 del 20 agosto Carla Sands, 49 anni, ambasciatrice americana a Copenaghen, scrive sulla sua pagina Twitter: «La Danimarca è pronta per la visita del presidente Trump». E sotto, la bandierina Usa unita a quella danese con la definizione del...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Corriere.it

LUCERNA Ufficialmente si tratta dell’inizio di un anno sabbatico. Ma tutti sanno, il diretto interessato per primo, che al Festival di Lucerna si sta consumando in questi giorni la fine della superba parabola interpretativa di Bernard Haitink, uno dei...