Scordatevi John Wayne: «Per gli uomini non è il modello giusto»

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Un uomo deve fare quel che un uomo deve fare», diceva. E ancora: «Mai chiedere scusa, mai dare spiegazioni: sono segni di debolezza». Per decenni John Wayne — o meglio: l’immagine del cowboy senza ombre, rappresentata dall’attore in decine di film — è stato il modello maschile per eccellenza. Poche parole. Nessuna concessione ai sentimenti. Sopportazione stoica del dolore. Esaltazione di forza, rischio, aggressività: e certezza di essere nel giusto. Per questo fa rumore che l’American Psychological Association, la più grande associazione di psicologi statunitense, faccia proprio il nome della star nell’articolo con cui rende pubbliche le sue prime linee guida (in 126 anni di storia) per la pratica terapeutica nei confronti di uomini e bambini. E lo faccia per dire che quell’immagine di uomo — la «visione tradizionale della mascolinità» — è «psicologicamente dannosa»: «Educare i ragazzi a non dare voce alle loro emozioni causa danni, dentro e fuori di loro».

Il documento, scritto per un pubblico di addetti ai lavori, è diventato virale negli Usa: anche a causa del dibattito — acceso — che ha scatenato. La partenza è legata a una serie di dati: in America, gli uomini commettono il 90% degli omicidi, si suicidano con tassi tre volte e mezzo più alti rispetto alle donne; evitano con maggiore frequenza di fare prevenzione e sono più soli delle donne, con il passare dell’età. Tutto questo, secondo i ricercatori, ha a che fare con la cultura che informa l’idea di mascolinità: «Vieni educato a fare da solo, e a tenere per te ogni segnale che le cose non siano sotto controllo», spiega Frederic Rabinowitz, uno degli autori. «Se non lo fai, pensi di essere sbagliato. E solo, e debole». Il problema, prosegue Rabinowitz, può peggiorare con la pensione, quando «chi si identificava come lavoratore di successo rischia di essere vulnerabile». «Certo, ci sono momenti nei quali è necessario essere forti e tenere duro», spiega Ryon McDermott, un altro autore. «Ma se ti convinci che, se non ce la fai, il tuo valore come persona diminuisce, è un guaio». L’obiettivo delle nuove linee guida è quello di modificare un approccio radicato: per questo le critiche sono state aspre, specie dagli ambienti della destra americana. David French, sulla National Review, si chiede se quello in atto non sia un tentativo di «sopprimere nei ragazzi la loro natura profonda» e di scardinare un modello «positivo, quello del “maschio adulto”». «Non bisogna fare confusione», spiega al Corriere Luigi Zoja, psicoanalista e autore di testi fondamentali come Il gesto di Ettore. «Educare a non lamentarsi non è negativo, anzi: è una questione etica. Lo stesso vale per il farsi carico dell’altro, per il tentativo di dover essere responsabili. È sbagliato “rincorrere John Wayne”: come lo è cercare di aderire a un modello rigido. Creare in famiglia spazi perché un figlio possa parlare delle proprie fatiche e sofferenze, è fondamentale». Ed è da lì che, spiega McDermott, può partire una rivoluzione: «Perché se possiamo cambiare gli uomini, possiamo cambiare il mondo».

Tag: #Corriere

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Incidente mortale nel circuito di motocross di Cavallara, a Mondavio (Pesaro Urbino) nel corso della manifestazione valevole come quarta prova del Campionato Italiano Senior di Motocross. Nel corso del primo giro della prima manche, il pilota Raffaele...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nel gp in corso a Montecarlo, un errore nei calcoli del remote garage ha portato alla qualifica disastrosa di Charles Leclerc, subito eliminato. Nel 2012 il Corriere della Sera è entrato proprio in quella stanza segreta di Maranello e ha vissuto da lì...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nelle prime file e su su per la collinetta, ancora intrisa di fango, cantano tutti. Eppure il ragazzo in questione che sta incantando tutti dal palco non ha ancora pubblicato un album vero e proprio, non ha fatto promozione massiccia di sé e dei suoi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

La produzione delle ciliegie è quella che sta soffrendo di più, con oltre il 50% del prodotto in prima raccolta andato distrutto per effetto del maltempo che ha colpito le principali regioni produttrici, dalla Puglia all’Emilia Romagna alla Campania...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un terremoto di magnitudo 8 è stato registrato in un’area disabitata del Perù, nella regione amazzonica del Paese, secondo quanto riferisce l’Istituto geofisico americano. Il sisma è avvenuto alle 02:41 ora locale (le 09:41 in Italia) ad una...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva paura del sovraffollamento, per cui aveva cambiato i suoi programmi e spostato la data della scalata: «Sono sicuro che andare il 25 significherà trovare meno persone, a meno che non facciano tutti lo stesso calcolo», aveva scritto sui social...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

E’ morto Vittorio Zucconi, giornalista e scrittore: aveva 74 anni. Lo ha annunciato Repubblica sul suo sito. E’ stato anche corrispondente per il Corriere della Sera da Mosca durante la Guerra Fredda. Modenese di Bastiglia Zucconi, che era nato il 16 ...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Seggi aperti alle 7 in tutta Italia per l’election day per eleggere 76 deputati europei (tre dei quali si insedieranno solo dopo la Brexit), i sindaci di 3.812 Comuni, tra i quali 27 capoluoghi, il presidente della Regione Piemonte e i consiglieri...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Non posso raccomandare agli ebrei tedeschi di indossare la kippah in qualsiasi momento». A dirlo, in un’intervista ai giornali del gruppo Funke, non è una persona qualunque ma l’incaricato del governo federale per la lotta all’antisemitismo,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Prendi una tappa del Giro d’Italia 102 (la 15ª, da Ivrea a Como) i cui ultimi 80 chilometri sono la replica perfetta di quelli del Giro di Lombardia, con le scalate al Ghisallo, alla Colma di Sormano e al Civiglio prima della picchiata sul lago di...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Due rimonte da meno quindici per approdare a un successo (100-94) che vale la vittoria in gara 6, la chiusura sul 4-2 nella finale Est contro i Milwaukee Bucks e, soprattutto, un aggancio con la storia: Toronto porta infatti per la prima volta il Canada...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

È ancora un caso aperto quello della professoressa sospesa dall’ufficio scolastico provinciale di Palermo per 14 giorni per un lavoro realizzato dai suoi alunni che avevano tracciato un parallelo tra le leggi razziali del ‘38 e il decreto sicurezza...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Ognuno arriva con il suo progetto nel taschino. C’è quello che ha solo una bella idea e vuole imparare le regole del gioco dell’industria editoriale per confezionarla. Oppure quello cha ha concepito racconti, ma vorrebbe partorire un romanzo. O chi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

L'ultima giornata di campionato - che si giocherà sabato 25 e domenica 26 maggio - sarà decisiva per alcune squadre di serie A, ancora alle prese con le qualificazioni di Champions League (Atalanta, Inter, Milan e Roma) e la lotta salvezza (Genoa,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nei ricordi d’infanzia (a tavola) di Neri Marcorè c’è una nonna che stranamente cucinava peggio della mamma — «Comprava solo muggine, perciò da ragazzino il pesce non mi piaceva proprio: ora invece lo amo» — tanti, tanti, vincisgrassi, le...