Sanremo, Baglioni  e i migranti: così la Rai vuole chiudere il caso

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

ROMA — Sanremo non si tocca. L’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, blinda l’imminente edizione dell’appuntamento più atteso della tv pubblica. E fa sapere con molta chiarezza che nemmeno le dichiarazioni sugli immigrati del direttore artistico Claudio Baglioni hanno mai messo neppure lontanamente in discussione l’eccellente rapporto di stima tra i due: ogni Sanremo, ha minimizzato Salini, ha avuto il suo scontro, è successo anche quest’anno, ma si va avanti senza esitazione. Non c’è solo stima tra i due: Baglioni e Salini, in queste settimane, si sentono continuamente per mettere a punto il progetto. Ormai hanno un confronto sincero, diretto e amichevole.

La parola d’ordine degli uffici dell’amministratore delegato è garantire che la macchina del festival proceda con la massima tranquillità, dopo le frasi di Baglioni («non si può pensare di risolvere il problema dell’immigrazione evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa») e l’attacco della direttrice di Rai1, Teresa De Santis («le sue parole, e non solo per la sua responsabilità, sono state trasformate nel solito comizio»). La sua reazione affidata a Dagospia ha preso in contropiede Salini: non ne sapeva nulla, l’ha letta online con una certa sorpresa, decidendo poi di inviare immediatamente un tweet rassicurante: «Il Festival di Sanremo è patrimonio degli italiani. Il mio compito, e quello di tutta la Rai, è garantirne la qualità e il successo». Un modo per riportare la questione su un binario strettamente aziendale. Salini, fino a ieri sera tardi, ha ripetuto ai più stretti collaboratori che Sanremo è il brand più importante della Rai, atteso non solo dai telespettatori della tv pubblica ma in generale da milioni di italiani, dunque un capitolo del nostro costume che va protetto da polemiche e ostacoli. Anche perché — sottolineano a viale Mazzini — si tratta di una poderosa macchina economica: 12 milioni di costi, in calo rispetto alle cifre ben più alte di anni fa, e un’attesa di ricavi pubblicitari di quasi il doppio, se non di più, magari ci sarà anche un record di raccolta (lo aveva confermato proprio De Santis durante la conferenza stampa di presentazione del festival). Impensabile, dice Salini, bloccare tutto per una frase. Per un’espressione che ha scatenato una marea di reazioni politiche, a partire da quella del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini (« Mi piace Claudio Baglioni quando canta e non quando fa politica, i ministri fanno e i cantanti cantano»).


Qualcuno, nelle ore successive, aveva immaginato un «licenziamento» di Baglioni. Ipotesi mai presa in considerazione dall’amministratore delegato che, con la legge di riforma dei criteri di nomina dei vertici aziendali del dicembre 2015, è il vero uomo forte di viale Mazzini.Il presidente della Rai, Marcello Foa, preferisce non intervenire: «Non entro nelle polemiche per scelta. Credo che il mio scopo debba essere quello di permettere alla Rai e ai suoi dipendenti di lavorare al meglio e in modo proficuo». Ma Baglioni avrà o no il terzo incarico per il Festival di Sanremo 2020? Nulla di deciso. Tutto è nelle mani dell’amministratore delegato che valuterà con la direttrice De Santis. Ascolti finali alla mano, se ne riparlerà a canzone vincitrice proclamata.

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’«incontro ravvicinato» del vicepremier Matteo Salvini con un gabbiano alquanto aggressivo, sul tetto del Viminale, i bianchi volatili tornano a far parlare di sé nella capitale in balia degli animali. La scena è stata girata in piena notte,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, fra i tanti luoghi dell’orrore nazifascista, molti sono ormai dimenticati. Se un poco di ricordo ancora oggi sopravvive riguarda, giustamente, fatti dell’Appennino toscoemiliano. Ho cercato notizie di Boves e dell’omonima banda, ma...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo l’intervento che domani la scrittrice Chiara Gamberale farà al Festival Letterature di Massenzio. Le parti in corsivo sono citazioni dei classici (si comincia con La Recherche di Marcel Proust e si chiude con il Macbeth di Shakespeare...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Le parole chiave sono «giudizio dei datori di lavoro» e «impatto della ricerca». È soprattutto su questi parametri che si gioca l’eccellenza delle università italiane. Quelle, almeno, che figurano nell’istantanea scattata dal Qs World...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sara Fattoretto, 32 anni, di Padova, una laurea in Scienze del Servizio Sociale, lavora in una cooperativa che assiste i richiedenti asilo. Dice di essere brava già per conto suo a trovare lavoro alla gente che non ne ha. L’ha fatto con i migranti:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sempre in vantaggio, dalla palla a due al fischio finale, sempre con un margine di sicurezza, anche se senza mai scrollarsi di dosso gli avversari, Venezia si aggiudica gara 5 della finale scudetto contro Sassari (78-65), si porta in vantaggio per 3-2 e...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Giuliani 7Sotto assedio si esalta: con un guizzo neutralizza il sublime tacco di Debinha su corner di Marta, poi si avventura in uscita volante su Ludmila. Fondamentale, nonostante la sconfitta. Guagni 7,5 Coda e eye-liner per una seratona:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

C’è stato un tempo in cui Roma cresceva economicamente, in Pil e occupazione, tre volte di più del resto del Paese. Una stagione che il New York Times aveva ribattezzato «una specie di Rinascimento» e in cui il sindaco della capitale d’Italia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia ha retto fino alla 30’ del secondo tempo, creando anche diverse occasioni pericolose. Poi però il Brasile è venuto fuori, obbligato a vincere per rimanere dentro questo Mondiale. Debinha viene atterrata in area da Linardi, il contatto è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Questa mattina primo vertice di una lunga giornata, con i due vicepremier che incontrano il premier e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Si parlerà di Europa e di economia, sulla quale il presidente Conte spiega: «Non ci interessano...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Si vedranno a tarda sera, dopo il consiglio dei ministri, anche se l’ordine del giorno è molto complesso dopo mesi di inerzia in cui la questione giustizia è stata relegata dal governo tra le varie e le eventuali. Così — dopo aver accettato, su...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

SIENA Luigi Bruschelli detto «Trecciolino», il fantino del palio di Siena più forte degli ultimi 20 anni, è stato condannato dal tribunale di Siena a 4 anni e dieci mesi e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici per falso materiale e...