Sanremo, Baglioni  e i migranti: così la Rai vuole chiudere il caso

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

ROMA — Sanremo non si tocca. L’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, blinda l’imminente edizione dell’appuntamento più atteso della tv pubblica. E fa sapere con molta chiarezza che nemmeno le dichiarazioni sugli immigrati del direttore artistico Claudio Baglioni hanno mai messo neppure lontanamente in discussione l’eccellente rapporto di stima tra i due: ogni Sanremo, ha minimizzato Salini, ha avuto il suo scontro, è successo anche quest’anno, ma si va avanti senza esitazione. Non c’è solo stima tra i due: Baglioni e Salini, in queste settimane, si sentono continuamente per mettere a punto il progetto. Ormai hanno un confronto sincero, diretto e amichevole.

La parola d’ordine degli uffici dell’amministratore delegato è garantire che la macchina del festival proceda con la massima tranquillità, dopo le frasi di Baglioni («non si può pensare di risolvere il problema dell’immigrazione evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa») e l’attacco della direttrice di Rai1, Teresa De Santis («le sue parole, e non solo per la sua responsabilità, sono state trasformate nel solito comizio»). La sua reazione affidata a Dagospia ha preso in contropiede Salini: non ne sapeva nulla, l’ha letta online con una certa sorpresa, decidendo poi di inviare immediatamente un tweet rassicurante: «Il Festival di Sanremo è patrimonio degli italiani. Il mio compito, e quello di tutta la Rai, è garantirne la qualità e il successo». Un modo per riportare la questione su un binario strettamente aziendale. Salini, fino a ieri sera tardi, ha ripetuto ai più stretti collaboratori che Sanremo è il brand più importante della Rai, atteso non solo dai telespettatori della tv pubblica ma in generale da milioni di italiani, dunque un capitolo del nostro costume che va protetto da polemiche e ostacoli. Anche perché — sottolineano a viale Mazzini — si tratta di una poderosa macchina economica: 12 milioni di costi, in calo rispetto alle cifre ben più alte di anni fa, e un’attesa di ricavi pubblicitari di quasi il doppio, se non di più, magari ci sarà anche un record di raccolta (lo aveva confermato proprio De Santis durante la conferenza stampa di presentazione del festival). Impensabile, dice Salini, bloccare tutto per una frase. Per un’espressione che ha scatenato una marea di reazioni politiche, a partire da quella del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini (« Mi piace Claudio Baglioni quando canta e non quando fa politica, i ministri fanno e i cantanti cantano»).


Qualcuno, nelle ore successive, aveva immaginato un «licenziamento» di Baglioni. Ipotesi mai presa in considerazione dall’amministratore delegato che, con la legge di riforma dei criteri di nomina dei vertici aziendali del dicembre 2015, è il vero uomo forte di viale Mazzini.Il presidente della Rai, Marcello Foa, preferisce non intervenire: «Non entro nelle polemiche per scelta. Credo che il mio scopo debba essere quello di permettere alla Rai e ai suoi dipendenti di lavorare al meglio e in modo proficuo». Ma Baglioni avrà o no il terzo incarico per il Festival di Sanremo 2020? Nulla di deciso. Tutto è nelle mani dell’amministratore delegato che valuterà con la direttrice De Santis. Ascolti finali alla mano, se ne riparlerà a canzone vincitrice proclamata.

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...