Sanremo, Baglioni  e i migranti: così la Rai vuole chiudere il caso

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

ROMA — Sanremo non si tocca. L’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, blinda l’imminente edizione dell’appuntamento più atteso della tv pubblica. E fa sapere con molta chiarezza che nemmeno le dichiarazioni sugli immigrati del direttore artistico Claudio Baglioni hanno mai messo neppure lontanamente in discussione l’eccellente rapporto di stima tra i due: ogni Sanremo, ha minimizzato Salini, ha avuto il suo scontro, è successo anche quest’anno, ma si va avanti senza esitazione. Non c’è solo stima tra i due: Baglioni e Salini, in queste settimane, si sentono continuamente per mettere a punto il progetto. Ormai hanno un confronto sincero, diretto e amichevole.

La parola d’ordine degli uffici dell’amministratore delegato è garantire che la macchina del festival proceda con la massima tranquillità, dopo le frasi di Baglioni («non si può pensare di risolvere il problema dell’immigrazione evitando lo sbarco di 40-50 persone, siamo un po’ alla farsa») e l’attacco della direttrice di Rai1, Teresa De Santis («le sue parole, e non solo per la sua responsabilità, sono state trasformate nel solito comizio»). La sua reazione affidata a Dagospia ha preso in contropiede Salini: non ne sapeva nulla, l’ha letta online con una certa sorpresa, decidendo poi di inviare immediatamente un tweet rassicurante: «Il Festival di Sanremo è patrimonio degli italiani. Il mio compito, e quello di tutta la Rai, è garantirne la qualità e il successo». Un modo per riportare la questione su un binario strettamente aziendale. Salini, fino a ieri sera tardi, ha ripetuto ai più stretti collaboratori che Sanremo è il brand più importante della Rai, atteso non solo dai telespettatori della tv pubblica ma in generale da milioni di italiani, dunque un capitolo del nostro costume che va protetto da polemiche e ostacoli. Anche perché — sottolineano a viale Mazzini — si tratta di una poderosa macchina economica: 12 milioni di costi, in calo rispetto alle cifre ben più alte di anni fa, e un’attesa di ricavi pubblicitari di quasi il doppio, se non di più, magari ci sarà anche un record di raccolta (lo aveva confermato proprio De Santis durante la conferenza stampa di presentazione del festival). Impensabile, dice Salini, bloccare tutto per una frase. Per un’espressione che ha scatenato una marea di reazioni politiche, a partire da quella del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini (« Mi piace Claudio Baglioni quando canta e non quando fa politica, i ministri fanno e i cantanti cantano»).


Qualcuno, nelle ore successive, aveva immaginato un «licenziamento» di Baglioni. Ipotesi mai presa in considerazione dall’amministratore delegato che, con la legge di riforma dei criteri di nomina dei vertici aziendali del dicembre 2015, è il vero uomo forte di viale Mazzini.Il presidente della Rai, Marcello Foa, preferisce non intervenire: «Non entro nelle polemiche per scelta. Credo che il mio scopo debba essere quello di permettere alla Rai e ai suoi dipendenti di lavorare al meglio e in modo proficuo». Ma Baglioni avrà o no il terzo incarico per il Festival di Sanremo 2020? Nulla di deciso. Tutto è nelle mani dell’amministratore delegato che valuterà con la direttrice De Santis. Ascolti finali alla mano, se ne riparlerà a canzone vincitrice proclamata.

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...