Sanremo 2020, l'appello di Loredana Berté: «Niente premio Mia Martini a chi promuove la violenza contro le donne»

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quando era in vita Mia Martini fu vittima di voci infamanti, che puntavano ad affossare la sua carriera (oltre che la sua persona). Per questo il premio della Critica di Sanremo, a lei ancora intitolato - lo vinse nel 1989 con il brano «Almeno tu nell'universo» - non dovrà andare ad artisti che promuovono la violenza contro le donne, anche verbale.
A lanciare l'appello è Loredana Bertè, vincitrice morale dell'edizione 2019 della kermesse e sorella dell'artista scomparsa nel 1995, che ha chiesto ai giornalisti della Sala Stampa dell'Ariston di «escludere, a priori, una possibile candidatura al "Premio della critica Mia Martini" di qualsiasi artista che promuova attraverso i suoi testi violenza fisica o verbale verso le donne o misoginia in generale».È facile dedurre dal suo messaggio, pubblicato su Facebook, un riferimento (senza fare nomi) a Junior Cally, il rapper in gara a Sanremo 2020 finito nella bufera nei giorni scorsi per i testi di alcuni suoi brani, che a suo avviso andrebbe escluso dalla competizione: «Mia sorella è stata per anni vittima di bullismo "verbale" e non credo che avrebbe mai voluto che il suo nome venisse associato a certi “soggetti” che andrebbero SQUALIFICATI (come avvenuto di recente e giustamente in un'altra trasmissione di successo) per istigazione alla violenza sulle donne e per il pessimo messaggio che arriva ai giovanissimi».
Il dibattito insomma continua a tenere banco, in rete e non: Irene Grandi, come altri artisti di Sanremo 2020 prima di lei (Francesco Gabbani e Francesco Sarcina) si è schierata dalla parte di Junior Cally, contro ogni tipo di censura specie se retroattiva («Mi sembra assurdo andare a pescare nel repertorio di un cantante e fare il processo a una canzone di tre anni fa»). Di tutt'altro avviso invece è Ornella Vanoni, che ha affidato a Twitter il suo pensiero: «Sono i giovani sani di mente e ce ne sono tanti che devono bloccare la partecipazione di Junior Cally perché questa è la musica che li dovrebbe rappresentare, è terribile osceno».

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 27 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Il ritorno alla normalità parte dallo spritz e arriverà a breve davanti al Cenacolo. La prima correzione di rotta al coprifuoco alcolico imposto domenica dalla Regione arriva dal fronte dei pub e dell’aperitivo: i locali non dovranno chiudere al...

Pubblicato giovedì, 27 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Juventus-Inter si giocherà lunedì 2 marzo a porte aperte? È l’ipotesi che, secondo un’indiscrezione de La Stampa, si sta facendo strada in queste ore. La ragione? La partita potrebbe giocarsi lunedì regolarmente visto che i decreti del Governo...

Pubblicato giovedì, 27 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Una volta erano la banca, la contabilità e l’amministrazione. Adesso sono la neve, gli sci e il soccorso alpino. Gli ingredienti della vita di Katia oggi profumano come i prati di montagna, sono spettacolari come cime innevate o come gli occhi di sua...

Pubblicato giovedì, 27 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

In quello stadio di San Siro che questa sera ospita, a porte chiuse, il ritorno di Europa League tra Inter e Ludogorets, un fuoriclasse olandese, il milanista Marco van Basten, ha scritto quasi tutta la sua carriera. «A Milano mi sentivo come se fossi...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sempre più spesso mi capita di venir colta da un desiderio che avrei ritenuto impossibile fino a qualche anno fa. Contemplando i meravigliosi tramonti di questi giorni — rosso di sera, bel tempo si spera — osservando la luce che, già all’alba,...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Un cambio di strategia su più fronti. L’Italia prova a rialzare la testa e la prima novità è che non si faranno più tamponi sui soggetti asintomatici. Verranno eseguiti solo rispetto alle persone con sintomi del coronavirus «e su chi ha avuto...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Chi ha dato l’indicazione di fare i tamponi anche alle persone senza sintomi, gli asintomatici, ha sbagliato. La strategia del Veneto non è stata corretta perché ha derogato all’evidenza scientifica. Le linee guida dell’Organizzazione mondiale...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La «donna guarita» è ancora molto arrabbiata. «Noi saremo anche ignoranti, ma qualcuno ha soffiato sul fuoco della nostra ignoranza». Dopo la morte di Adriano Trevisan, il primo decesso italiano che ha avuto come concausa il coronavirus, era stata...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

I ricercatori non sono maghi con la sfera di cristallo, ma stanno cercando di dare qualche risposta, con dati scientifici alla mano (i pochi oggi disponibili), alla difficile domanda che tutti, in questi giorni, si stanno ponendo: «Quando finirà questa ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Paragonare il Duce al Capitano è «come confrontare Rita Hayworth ed Elettra Lamborghini». Parte da questa premessa Pietrangelo Buttafuoco, per il volume che PaperFirst, la casa editrice del Fatto quotidiano, sta per mandare in libreria. Una premessa...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

C i sono code che vale la pena di fare. Non per accaparrarsi una mascherina di garza o sei flaconi di candeggina. Ma per trovare il proprio «gemello genetico»: un Gabriele sconosciuto, e forse lontano, la cui sopravvivenza davvero dipende da un gesto,...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

REGGIO CALABRIA «Io sono allibita, spiazzata, sconcertata. Ma devo rimanere lucida per capire se mio marito è innocente, e quindi va tirato fuori dal carcere, o se ha delle responsabilità. Perché se risulterà colpevole io, figlia di un servitore...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, le chiedo di spiegarmi perché dal 1947 la Sicilia è ancora Regione autonoma a statuto speciale, e perché ancora nessun governo ha mai deciso di sospendere dopo 70 anni questa incomprensibile grande facilitazione. In materia di...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

All’ennesimo colpo di vento, nemmeno così violento, la Juve cade anche a Lione. La buona notizia è che l’1-0 è rimediabile e non è una cosa da poco. Ma altri segnali positivi non se ne vedono. La squadra di Sarri non sembra una squadra: zero tiri ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Il Milleproroghe è stato approvato dal Senato: il testo è ora definitivo. Il via libera è arrivato con la fiducia (154 favorevoli, 96 contrari e nessun astenuto), come già successo alla Camera. I 44 articoli spaziano dall’iter di revoca delle...