Salvini indagato, la mail del Viminale per negare lo sbarco. La Procura: «Atto politico»

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Corriere.it

La scelta di tenere per sei giorni ferma nel porto di Siracusa la nava Sea Watch con 47 persone a bordo fu sequestro di persona. Ma si trattava di un «atto politico» e dunque l’inchiesta deve essere archiviata. È la richiesta del procuratore di Catania al tribunale dei ministri, in linea con quanto era già stato fatto per la nave Diciotti (rimasta lo scorso agosto 10 giorni senza autorizzazione allo sbarco). Anche se questa volta il magistrato sceglie di compiere un ulteriore passo. Mentre per la Diciotti aveva messo sotto accusa soltanto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, adesso contesta il reato anche al premier Giuseppe Conte, al vice Luigi Di Maio e al titolare dei Trasporti Vincenzo Toninelli. Sono gli stessi membri dell’esecutivo che per la Diciotti avevano deciso di autodenunciarsi spiegando di aver «condiviso ogni scelta». E adesso anche su questo dovranno esprimersi i giudici esaminando le mail, i verbali e le relazioni di servizio raccolte dal pubblico ministero.
Uno dei documenti chiave per l’indagine è la mail trasmessa il 22 gennaio dal ministero dell’Interno a Centro di coordinamento della Guardia Costiera, per negare il permesso di sbarco. Scrive l’ufficiale di servizio: «Sulla base dei documenti trasmessi da codesto comando relativi all’evento avvenuto in acque Sar libiche e per il quale il Centro non ha mai assunto il coordinamento, non sussistono, allo stato attuale i presupposti per l’assegnazione di un place of safety», vale a dire il porto sicuro dove attraccare. I migranti sono stati soccorsi tre giorni prima, il 19 gennaio, e subito dalla Sea Watch hanno chiesto «alle autorità maltesi, olandesi e italiane, ma anche a quelle libiche, di essere autorizzati all’approdo. Quanto accaduto dopo viene ricostruito nell’informativa che la capitaneria di porto trasmette ai magistrato.



La relazione evidenzia come il 23 gennaio «mentre le condizioni meteo marine subivano un peggioramento da non rendere lo stazionamento a ridosso dell’isola di Lampedusa sufficiente a garantire le condizioni di sicurezza, la nave - senza alcuna comunicazione ufficiale - intraprendeva una navigazione verso malta e, oltrepassata quest’ultima, dirigeva verso le coste orientali siciliane esponendo l’unità, l’equipaggio e i migranti a un rischio maggiore sul piano della sicurezza della navigazione». E per questo si sottolinea che «le unità da pesca si sono dirette verso la Tunisia che si trova a 75 miglia e non verso la Sicilia che invece distava 100 miglia». In realtà il comandante della nave è stato interrogato e ha spiegato di non aver intrapreso quella rotta perché le condizioni del mare non lo permettevano e per questo la sua posizione è già stata archiviata.
La nave è dunque arrivata Siracusa e il 24 gennaio ha ottenuto di rimanere «alla fonda». L’autorizzazione allo sbarco è arrivata soltanto «il 30 gennaio quando il prefetto Gerarda Pantalone, capo del dipartimento Immigrazione del Viminale - ha concesso il Pos». In realtà - questa è l’accusa di Zuccaro - una volta entrata in acque territoriali la nave doveva ottenere il via libera all’approdo. Sequestro di persona, dunque ma - è la tesi del magistrato - per «motivi politivi» dunque insindacabili da parte dei giudici. Zuccaro ha trasmesso un unico atto con richiesta di archiviazione coinvolgendo tutti i ministri competenti, ma - come nel caso della Diciotti - sono le carte a dimostrare che la regia è sempre stata del Viminale e dunque è possibile che anche questa volta il tribunale decida di procedere solo contro salvini, proprio come accaduto per la Diciotti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Le fiamme sono divampate alle 23. Poi in un attimo si sono propagate a tutta l’ex baraccopoli in via Collatina Vecchia, nella zona di Colli Aniene. E una densa nube con un odore insopportabile di rifiuti bruciati si è alzata su tutta la periferia est...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Mai visto un Dio così. «Miracle Workers», la nuova serie comedy in onda su Italia1 prodotta da Lorne Michaels, è un’operazione divertente e dissacrante allo stesso tempo, un tentativo curioso di raccontare l’onnipotente in modalità del tutto...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Una lunga conversazione tra l’imprenditore Paolo Arata e suo figlio Francesco captata dagli investigatori della Dia nel dicembre 2018 grazie a una “cimice” inserita nel telefonino. Su questa intercettazione – trasmessa per competenza dai...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Potrebbero giocarsi la vittoria sfidandosi nella loro specialità, il mezzofondo. Ma a mettere insieme la mole di accuse, repliche, insinuazioni, minacce di querela, richieste di danni e persino vecchie storie emerse con un tempismo perfetto (o sospetto, ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stavolta ci si gioca il tutto per tutto. A Baku, dove domenica si correrà il Gp dell’Azerbaigian, la Ferrari punta solo alla vittoria. Un nuovo k.o. avrebbe infatti risultati disastrosi in termini di punteggio e morale sul prosieguo del Mondiale. Se...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stranieri irregolari in Italia, quanti sono davvero? «Il ministero dell’Interno ha i dati aggiornati in tempo reale. Gli altri possono giocare a lotto, ma i numeri dicono questo», ribadisce Matteo Salvini che anche nel giorno della Liberazione...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

TORINO I sogni volano, Neymar anche. L’attaccante brasiliano del Psg, di solito, viaggia con un jet privato. Come quello atterrato ieri sulla pista dell’aeroporto di Torino-Caselle. Neymar da Silva Santos Junior, 27 anni, numero 10 del club campione...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO Lui non se ne vuole andare, il club non lo vuole svendere e, soprattutto, non ha ricevuto offerte. Mauro Icardi non ha intenzione di lasciare l’Inter. È convinto che la sua storia in nerazzurro non sia affatto finita, lo ha fatto capire alla...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO La lunga notte del Diavolo. Smarrito, svuotato, impaurito. E spalle al muro: polverizzato anche il terzo obiettivo stagionale su quattro — dopo Europa League e Supercoppa italiana, l’addio alla Coppa Italia con la Juve ormai fuori dai giochi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Sarà l’Atalanta di Gian Piero Gasperini a giocarsi, il 15 maggio a Roma contro la Lazio, la finale di Coppa Italia. Dopo il 3-3 dell’andata a Firenze, i bergamaschi vincono 2-1 nel ritorno con la Fiorentina e staccano il pass per la finale. Subito...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Il bambino piangeva, e lui gli ha dato due schiaffi». Donatella Di Bona lo racconta nella sua confessione davanti al pm e ai carabinieri. Accusa l’amante Nicola Feroleto di aver assistito senza fare nulla mentre lei strangolava il piccolo Gabriel...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il sommo Michelangelo, poco prima di congedarsi dal mondo, diede alle fiamme la maggior parte dei suoi schizzi. Non voleva che i Medici ne venissero in possesso. Gerhard Richter, che probabilmente è il più grande pittore vivente e per nostra fortuna è ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Solo lui può dare / Dare del tu al mare». Gino Paoli lo descrive così, con i versi che gli ha dedicato dieci anni fa nella canzone «Il marinaio». E uomo di mare Giulio Frezza lo era davvero. Subacqueo, velista, skipper «con una cima per legarsi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Ogni 25 aprile Annita lo celebrava nello stesso modo. In piedi davanti alla lapide dei martiri di Pietralata, vittime della retata nazista del 1943. Suo papà Crispino fu uno dei deportati della borgata, rinchiuso prima a Regina Coeli e poi spedito...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono sessanta persone, nel nostro Paese, che hanno avuto la certezza matematica di essere criminali sfortunati, ammesso che nel loro caso si possa parlare di sfortuna. Sfortunati perché sono stati smascherati come autori di un reato grazie alla...