Salvini e Di Maio, i litigi non faranno cadere il governo

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Squadra che litiga non si cambia. Per sei mesi lo schema di gioco tra Cinquestelle e Lega ha retto, perché sull’asse Di Maio-Salvini i partiti di maggioranza hanno cannibalizzato l’attenzione dei media e le forze di opposizione.

Dividendosi quotidianamente su qualsiasi argomento si sono presi per intero il campo, annichilendo finora gli avversari e costringendoli a schierarsi. È un pressing che il capo del Movimento e il segretario del Carroccio continuano a produrre — sulla Tav, le trivelle, la liberalizzazione della cannabis — immaginando di spartirsi il consenso alle Europee e consolidare il nuovo assetto bipolare.

L’attivismo di Conte non inganni. L’immagine di un premier che acquisisce autonomia e ruolo rispetto agli azionisti di maggioranza del governo è solo un effetto ottico: è il frutto della narrazione costruita a palazzo Chigi nei giorni della mediazione con Bruxelles sulla Finanziaria, ed è dettata dalla contingenza politica. Siccome in questa fase nessuno può permettersi una crisi, al presidente del Consiglio è garantita una libertà di manovra che è stata sfruttata per il decreto salva-Carige (subìto da Di Maio) e per la missione salva-migranti (subìta da Salvini).

Era nel conto, insomma, ed era stata peraltro preannunciata. Ma non c’è dubbio che questo spazio si assottiglierà fino a scomparire dopo il voto di maggio, quando M5S e Lega verificheranno i nuovi rapporti di forza e decideranno che fare del loro «contratto». Per tentare di cristallizzare l’attuale assetto di potere, dentro e fuori l’esecutivo c’è chi spinge invece per un rapido rimpasto, così da rafforzare Conte e renderlo «intoccabile» dopo le urne. L’operazione è evidente e il premier sarebbe anche tentato dal sostenerla. Timidamente ci ha persino provato, quando non ha escluso la possibilità di alcuni cambi nella squadra. Ma la fermezza con cui Di Maio e Salvini (per contrapposte ragioni) hanno scartato l’opzione, lo ha indotto a ritrarsi. Il derby lo giocano i vice premier, e il leader grillino ha voluto ribadirlo per smentire indirettamente l’ipotesi di venir sostituito da Conte: perciò ha parlato di una «leale competizione» con il titolare dell’Interno. Fino a quando potranno andare avanti «insieme e contro», è un’altra storia. Perché la tensione fra i due gruppi sta arrivando a livelli di guardia che i leader faticano a contenere. Anche nel governo. Dove si nota la crescente freddezza con cui Giorgetti gestisce i rapporti con i cinquestelle. «Sono come bambini viziati», ha confidato nei giorni caldi della manovra: «Se non sbattono la testa contro il muro, non ci credono».


Adesso che i dati macro-economici annunciano burrasca, il sottosegretario alla Presidenza vorrebbe dire che l’aveva detto, che la legge di Stabilità andava scritta in altro modo, che bisognava puntare sugli investimenti. Insieme a lui il ministro Savona, disilluso, osserva con sempre maggiore distacco la perdita di un’occasione: ormai preferisce esprimersi a convegni o a presentazioni di libri, quando la depressione non lo assale. Mentre Conte «gioca a fare il piccolo Monti» (copyright leghista), tranne ritrarsi appena il gioco si fa duro sui provvedimenti bandiera dei partiti di maggioranza. Non era stato forse il premier ad annunciare mercoledì in tv che il decreto sul reddito di cittadinanza e su quota cento sarebbe stato varato dal Consiglio dei ministri «questa settimana»? Com’è possibile che in due giorni l’appuntamento è stato rinviato, dato che «vogliamo fare le cose perbene»? In realtà la sua libertà di manovra finisce dove iniziano gli interessi prioritari dei vice premier. E sul reddito di cittadinanza è in atto un tira e molla, a cui si aggiunge lo scetticismo del Carroccio sulla capacità degli alleati a realizzare il loro progetto.




Carta e penna, alcuni esponenti leghisti del governo hanno spiegato a Salvini come stanno le cose secondo loro. Se è vero che il reddito verrà licenziato — ben che vada — nella seconda metà di gennaio, quanto tempo servirà per assumere quattromila «navigator», istruirli sulle loro mansioni, destinarli ai centri, raccogliere e classificare milioni di pratiche, stabilire le graduatorie, distribuire le card e infine erogare i soldi? «Per il primo di aprile — è la loro previsione — saranno riusciti a redigere il bando per l’assunzione dei nuovi dipendenti».

Conte in questa disputa non conta, e più si approssimeranno le Europee più Di Maio e Salvini alzeranno il ritmo nel derby. Bisognerà vedere se lo schema di gioco continuerà ad essere redditizio, dato che la crisi economica accompagnerà la campagna elettorale. Un sondaggio di Index research per La7 riporta un calo sensibile per Lega e M5S, con un piccola risalita per le forze di opposizione. Roba da poco. Ma per la prima volta il dissenso verso i partiti di governo non finisce nell’astensionismo.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...