Salvini e Di Maio, i litigi non faranno cadere il governo

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Squadra che litiga non si cambia. Per sei mesi lo schema di gioco tra Cinquestelle e Lega ha retto, perché sull’asse Di Maio-Salvini i partiti di maggioranza hanno cannibalizzato l’attenzione dei media e le forze di opposizione.

Dividendosi quotidianamente su qualsiasi argomento si sono presi per intero il campo, annichilendo finora gli avversari e costringendoli a schierarsi. È un pressing che il capo del Movimento e il segretario del Carroccio continuano a produrre — sulla Tav, le trivelle, la liberalizzazione della cannabis — immaginando di spartirsi il consenso alle Europee e consolidare il nuovo assetto bipolare.

L’attivismo di Conte non inganni. L’immagine di un premier che acquisisce autonomia e ruolo rispetto agli azionisti di maggioranza del governo è solo un effetto ottico: è il frutto della narrazione costruita a palazzo Chigi nei giorni della mediazione con Bruxelles sulla Finanziaria, ed è dettata dalla contingenza politica. Siccome in questa fase nessuno può permettersi una crisi, al presidente del Consiglio è garantita una libertà di manovra che è stata sfruttata per il decreto salva-Carige (subìto da Di Maio) e per la missione salva-migranti (subìta da Salvini).

Era nel conto, insomma, ed era stata peraltro preannunciata. Ma non c’è dubbio che questo spazio si assottiglierà fino a scomparire dopo il voto di maggio, quando M5S e Lega verificheranno i nuovi rapporti di forza e decideranno che fare del loro «contratto». Per tentare di cristallizzare l’attuale assetto di potere, dentro e fuori l’esecutivo c’è chi spinge invece per un rapido rimpasto, così da rafforzare Conte e renderlo «intoccabile» dopo le urne. L’operazione è evidente e il premier sarebbe anche tentato dal sostenerla. Timidamente ci ha persino provato, quando non ha escluso la possibilità di alcuni cambi nella squadra. Ma la fermezza con cui Di Maio e Salvini (per contrapposte ragioni) hanno scartato l’opzione, lo ha indotto a ritrarsi. Il derby lo giocano i vice premier, e il leader grillino ha voluto ribadirlo per smentire indirettamente l’ipotesi di venir sostituito da Conte: perciò ha parlato di una «leale competizione» con il titolare dell’Interno. Fino a quando potranno andare avanti «insieme e contro», è un’altra storia. Perché la tensione fra i due gruppi sta arrivando a livelli di guardia che i leader faticano a contenere. Anche nel governo. Dove si nota la crescente freddezza con cui Giorgetti gestisce i rapporti con i cinquestelle. «Sono come bambini viziati», ha confidato nei giorni caldi della manovra: «Se non sbattono la testa contro il muro, non ci credono».


Adesso che i dati macro-economici annunciano burrasca, il sottosegretario alla Presidenza vorrebbe dire che l’aveva detto, che la legge di Stabilità andava scritta in altro modo, che bisognava puntare sugli investimenti. Insieme a lui il ministro Savona, disilluso, osserva con sempre maggiore distacco la perdita di un’occasione: ormai preferisce esprimersi a convegni o a presentazioni di libri, quando la depressione non lo assale. Mentre Conte «gioca a fare il piccolo Monti» (copyright leghista), tranne ritrarsi appena il gioco si fa duro sui provvedimenti bandiera dei partiti di maggioranza. Non era stato forse il premier ad annunciare mercoledì in tv che il decreto sul reddito di cittadinanza e su quota cento sarebbe stato varato dal Consiglio dei ministri «questa settimana»? Com’è possibile che in due giorni l’appuntamento è stato rinviato, dato che «vogliamo fare le cose perbene»? In realtà la sua libertà di manovra finisce dove iniziano gli interessi prioritari dei vice premier. E sul reddito di cittadinanza è in atto un tira e molla, a cui si aggiunge lo scetticismo del Carroccio sulla capacità degli alleati a realizzare il loro progetto.




Carta e penna, alcuni esponenti leghisti del governo hanno spiegato a Salvini come stanno le cose secondo loro. Se è vero che il reddito verrà licenziato — ben che vada — nella seconda metà di gennaio, quanto tempo servirà per assumere quattromila «navigator», istruirli sulle loro mansioni, destinarli ai centri, raccogliere e classificare milioni di pratiche, stabilire le graduatorie, distribuire le card e infine erogare i soldi? «Per il primo di aprile — è la loro previsione — saranno riusciti a redigere il bando per l’assunzione dei nuovi dipendenti».

Conte in questa disputa non conta, e più si approssimeranno le Europee più Di Maio e Salvini alzeranno il ritmo nel derby. Bisognerà vedere se lo schema di gioco continuerà ad essere redditizio, dato che la crisi economica accompagnerà la campagna elettorale. Un sondaggio di Index research per La7 riporta un calo sensibile per Lega e M5S, con un piccola risalita per le forze di opposizione. Roba da poco. Ma per la prima volta il dissenso verso i partiti di governo non finisce nell’astensionismo.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...