Salvini commosso dopo il voto sulla Diciotti: «Potevano cambiarmi la vita» Video

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono bonariamente in giro per il momento di commozione manifestato durante la lettura della sua relazione. Il fatto che il vicepremier si sia affidato a un testo scritto invece di parlare come al solito a braccio, è già un piccolo indicatore del fatto che comunque il voto per lui una carica emotiva ce l’aveva. Da disinnescare con le parole scritte. In ogni caso, la regia è studiata, così come il testo dell’intervento messo a punto assieme a Giulia Bongiorno.

Pochi minuti dopo le 13 l’esito del voto ancora non è ufficiale, bisognerà attendere le 19, ma per il leader leghista il risultato è ampiamente positivo: «Una maggioranza così ampia certamente mi ha dato una grande soddisfazione. In pratica, hanno votato tutti contro il processo tranne il Partito democratico. Ma loro, cosa volete mai... hanno da dire anche se alla mattina vado a donare il sangue». Anche se in Senato per il futuro i conti rischiano di complicarsi: senza gli azzurri e i Fratelli d’Italia (o quanto meno gruppo misto e Autonomie) la maggioranza assoluta non ci sarebbe stata.

Poco più tardi, per il leader leghista arriva la seconda buona notizia della giornata: la Procura di Agrigento conferma il sequestro della nave Mare Jonio. Lui esulta: «Per me è un fatto storico, vuole dire che il fatto che ci fossero illegalità non erano mie stravaganze». Nel senso, chiarisce il ministro dell’Interno, che «se qualcuno si finge soccorritore, è fuorilegge». Quello che i leghisti aggiungono quasi corali è che la Procura di Agrigento è la stessa che lo scorso agosto aveva indagato Salvini per la prima volta per la vicenda Diciotti: «La certificazione - secondo un senatore - vale doppio, visto che il sequestro è stato disposto da una Procura che nessuno può accusare di indulgenza nei confronti della Lega». Per contro i leghisti danno per acquisito il fatto che il Tribunale dei ministri di Catania abbia già archiviato le posizioni di Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Danilo Toninelli. Il che è assolutamente possibile e la comunicazione può essere già stata data agli interessati. Ma resta difficile, da questo, dedurne ostilità focalizzate contro il leader leghista.


L’arresto del presidente a 5 Stelle del consiglio comunale di Roma, Marcello De Vito, è stato accolto con distacco. Però, ha ridato fiato a coloro che non si stancano di ripetere al leader leghista che il rapporto con i 5 Stelle è finito e occorre una exit strategy rispetto ad alleati che si fanno ogni giorno più aggressivi. Ma il leader leghista non si fa spostare di un millimetro dalla linea ufficiale. E a Bruno Vespa che gli chiede della tenuta del governo dice: «Siamo serenissimi, la mia parola vale più dei sondaggi, il governo sta lavorando molto bene». Insomma: «Siamo di una serenità olimpica».
Resta il fatto che, a uno sguardo superficiale, il leader leghista ieri non ha riservato troppa attenzione agli appuntamenti con gli alleati. Il Consiglio dei ministri che si apre alle 14 si chiude dopo pochi minuti senza che il leader leghista vi metta piede. Il Cdm riprende alle 18.30, ma anche qui il ministro dell’Interno - anche se arriva per primo - si vede poco. Non c’è soltanto il fatto che è atteso per registrare l’intervista di Porta a Porta . Conta anche il marcare la distanza dal decreto Sblocca cantieri («Così non si sblocca niente») che - solo ben più tardi - si concluderà con l’approvazione «salvo intese». Intese che paiono ancora lontane.

Da registrare, uno scambio di sms con il presidente ungherese Viktor Orbán sospeso ieri dal Ppe fino alle prossime Europee. E anche il no detto da Salvini ai leghisti che gli suggerivano (in nome dei «costi-benefici») di evitare la partecipazione al Congresso mondiale delle famiglie in programma a Verona.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Queste le pagelle della Juventus dopo la vittoria in rimonta contro il Lokomotiv Mosca, 2-1 nella terza giornata di Champions League:Szczesny: 6 Due tiri, un gol. Non è colpa sua. Il terzo è centrale, roba facile. Cuadrado: 6,5 Spinta...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Alle porte e sulle finestre delle case di via Santa Maria ci sono i sacchi di sabbia. I vecchi rimedi funzionano ancora. «Ormai abbiamo esperienza» dice quasi con orgoglio Mario Gualco, pensionato. «A quelli in basso ci devi mettere sotto dei panni,...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Sagrestia con luci fioche, scansie di tomi, il profumo dolciastro dell’incenso. C’è una campana che suona lontano. Il giovane frate francescano si volta con un’autentica aria da frate francescano: «Potrei dirle una bugia, e sarebbe comunque un...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Soffre ancora, la Juventus, ma vince. Va sotto con il Lokomotiv Mosca alla mezzora, si ritrova e passa in vantaggio con un doppio Dybala tra il 77’ e il 79’. Per quasi 50’ è timorosamente terza in classifica, finisce prima riagganciando...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

La grande mostra del Louvre rilancia il secolare mistero sul presunto «Salvator Mundi» di Leonardo da Vinci: qui c’è, non c’è e forse arriverà. Nella mostra dedicata ai 500 anni dalla morte dell’artista (domani l’inaugurazione) un «Salvator ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

QAMISHLI - I giochi sono fatti. Il regime di Bashar Assad si espande a raggiera nel cuore di Rojava. Il sogno di una regione autonoma curda in una Siria federale viene sconfitto. Fa da padrino la Russia: Vladimir Putin assume il ruolo di mediatore, pur...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Dopo un anno riparte il dialogo tra le procure del Cairo e di Roma sull’omicidio Regeni. Il procuratore generale egiziano Hamada al Sawi - ha infatti invitato il procuratore capo di Roma ad un incontro al Cairo «al fine di confermare la volontà di...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

La corsa contro il tempo per la Brexit affronta un altro passaggio parlamentare. Questa sera la Camera dei Comuni ha detto sì al Withdrawal Agreement Bill, in pratica il testo dettagliato dell’accordo per la separazione consensuale tra Londra e...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Nel libro dei Guinness dei primati sono presenti i nomi di coloro che hanno portato a termine i record più disparati. La maggior parte sono illustri sconosciuti, ma non mancano le star di Hollywood. A questi è dedicata l'ultima rassegna di «Business...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Dal punto di vista sartoriale un matrimonio invernale è un vero e proprio campo minato, perché bisogna riuscire a rimanere al caldo pur sfoggiando l'outfit scelto e senza sentirsi infagottati, evitando al tempo stesso il total black. Insomma, un...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Non è dimostrabile che la questione abbia a che fare con i cambiamenti climatici planetari. Di sicuro c’è che il cambiamento di posizione di un faro ultracentenario in Danimarca ha fatto il giro del mondo dei media. La costa esposta all’erosione...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

La Cassazione ha confermato la prima sentenza affermando che il «Mondo di mezzo» non è mafia. In primo grado la presidente della decima sezione penale, Rosaria Ianniello, aveva respinto l’ipotesi di un’associazione mafiosa, sostenendo...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Il triplice confronto dei club italiani con la «new wave» austro-tedesca (Inter e Roma contro i due Borussia e Napoli - di nuovo - contro il Red Bull Salisburgo) è una buona occasione per risalire a un fiume dalla doppia sorgente (come la Moldava) che ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Dolorosa svolta nel giallo sulla scomparsa di Luciana Fantato, la casalinga 59enne di Gambolò (PV) della quale non si avevano più notizie dal 10 novembre 2017. Gli esami del Dna sul corpo ritrovato lo scorso 23 giugno in un’area golenale del torrente ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

A poche ore dalla scadenza del cessate il fuoco (le 22 locali, le 21 in Italia), deciso da Ankara dopo una trattativa con gli Stati Uniti, le forze curdo-siriane hanno annunciato di essersi ritirate dalla zona di sicurezza nel nord-est del paese come...