Salvini commosso dopo il voto sulla Diciotti: «Potevano cambiarmi la vita» Video

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono bonariamente in giro per il momento di commozione manifestato durante la lettura della sua relazione. Il fatto che il vicepremier si sia affidato a un testo scritto invece di parlare come al solito a braccio, è già un piccolo indicatore del fatto che comunque il voto per lui una carica emotiva ce l’aveva. Da disinnescare con le parole scritte. In ogni caso, la regia è studiata, così come il testo dell’intervento messo a punto assieme a Giulia Bongiorno.

Pochi minuti dopo le 13 l’esito del voto ancora non è ufficiale, bisognerà attendere le 19, ma per il leader leghista il risultato è ampiamente positivo: «Una maggioranza così ampia certamente mi ha dato una grande soddisfazione. In pratica, hanno votato tutti contro il processo tranne il Partito democratico. Ma loro, cosa volete mai... hanno da dire anche se alla mattina vado a donare il sangue». Anche se in Senato per il futuro i conti rischiano di complicarsi: senza gli azzurri e i Fratelli d’Italia (o quanto meno gruppo misto e Autonomie) la maggioranza assoluta non ci sarebbe stata.

Poco più tardi, per il leader leghista arriva la seconda buona notizia della giornata: la Procura di Agrigento conferma il sequestro della nave Mare Jonio. Lui esulta: «Per me è un fatto storico, vuole dire che il fatto che ci fossero illegalità non erano mie stravaganze». Nel senso, chiarisce il ministro dell’Interno, che «se qualcuno si finge soccorritore, è fuorilegge». Quello che i leghisti aggiungono quasi corali è che la Procura di Agrigento è la stessa che lo scorso agosto aveva indagato Salvini per la prima volta per la vicenda Diciotti: «La certificazione - secondo un senatore - vale doppio, visto che il sequestro è stato disposto da una Procura che nessuno può accusare di indulgenza nei confronti della Lega». Per contro i leghisti danno per acquisito il fatto che il Tribunale dei ministri di Catania abbia già archiviato le posizioni di Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Danilo Toninelli. Il che è assolutamente possibile e la comunicazione può essere già stata data agli interessati. Ma resta difficile, da questo, dedurne ostilità focalizzate contro il leader leghista.


L’arresto del presidente a 5 Stelle del consiglio comunale di Roma, Marcello De Vito, è stato accolto con distacco. Però, ha ridato fiato a coloro che non si stancano di ripetere al leader leghista che il rapporto con i 5 Stelle è finito e occorre una exit strategy rispetto ad alleati che si fanno ogni giorno più aggressivi. Ma il leader leghista non si fa spostare di un millimetro dalla linea ufficiale. E a Bruno Vespa che gli chiede della tenuta del governo dice: «Siamo serenissimi, la mia parola vale più dei sondaggi, il governo sta lavorando molto bene». Insomma: «Siamo di una serenità olimpica».
Resta il fatto che, a uno sguardo superficiale, il leader leghista ieri non ha riservato troppa attenzione agli appuntamenti con gli alleati. Il Consiglio dei ministri che si apre alle 14 si chiude dopo pochi minuti senza che il leader leghista vi metta piede. Il Cdm riprende alle 18.30, ma anche qui il ministro dell’Interno - anche se arriva per primo - si vede poco. Non c’è soltanto il fatto che è atteso per registrare l’intervista di Porta a Porta . Conta anche il marcare la distanza dal decreto Sblocca cantieri («Così non si sblocca niente») che - solo ben più tardi - si concluderà con l’approvazione «salvo intese». Intese che paiono ancora lontane.

Da registrare, uno scambio di sms con il presidente ungherese Viktor Orbán sospeso ieri dal Ppe fino alle prossime Europee. E anche il no detto da Salvini ai leghisti che gli suggerivano (in nome dei «costi-benefici») di evitare la partecipazione al Congresso mondiale delle famiglie in programma a Verona.

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Le fiamme sono divampate alle 23. Poi in un attimo si sono propagate a tutta l’ex baraccopoli in via Collatina Vecchia, nella zona di Colli Aniene. E una densa nube con un odore insopportabile di rifiuti bruciati si è alzata su tutta la periferia est...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Mai visto un Dio così. «Miracle Workers», la nuova serie comedy in onda su Italia1 prodotta da Lorne Michaels, è un’operazione divertente e dissacrante allo stesso tempo, un tentativo curioso di raccontare l’onnipotente in modalità del tutto...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Una lunga conversazione tra l’imprenditore Paolo Arata e suo figlio Francesco captata dagli investigatori della Dia nel dicembre 2018 grazie a una “cimice” inserita nel telefonino. Su questa intercettazione – trasmessa per competenza dai...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Potrebbero giocarsi la vittoria sfidandosi nella loro specialità, il mezzofondo. Ma a mettere insieme la mole di accuse, repliche, insinuazioni, minacce di querela, richieste di danni e persino vecchie storie emerse con un tempismo perfetto (o sospetto, ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stavolta ci si gioca il tutto per tutto. A Baku, dove domenica si correrà il Gp dell’Azerbaigian, la Ferrari punta solo alla vittoria. Un nuovo k.o. avrebbe infatti risultati disastrosi in termini di punteggio e morale sul prosieguo del Mondiale. Se...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stranieri irregolari in Italia, quanti sono davvero? «Il ministero dell’Interno ha i dati aggiornati in tempo reale. Gli altri possono giocare a lotto, ma i numeri dicono questo», ribadisce Matteo Salvini che anche nel giorno della Liberazione...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

TORINO I sogni volano, Neymar anche. L’attaccante brasiliano del Psg, di solito, viaggia con un jet privato. Come quello atterrato ieri sulla pista dell’aeroporto di Torino-Caselle. Neymar da Silva Santos Junior, 27 anni, numero 10 del club campione...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO Lui non se ne vuole andare, il club non lo vuole svendere e, soprattutto, non ha ricevuto offerte. Mauro Icardi non ha intenzione di lasciare l’Inter. È convinto che la sua storia in nerazzurro non sia affatto finita, lo ha fatto capire alla...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO La lunga notte del Diavolo. Smarrito, svuotato, impaurito. E spalle al muro: polverizzato anche il terzo obiettivo stagionale su quattro — dopo Europa League e Supercoppa italiana, l’addio alla Coppa Italia con la Juve ormai fuori dai giochi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Sarà l’Atalanta di Gian Piero Gasperini a giocarsi, il 15 maggio a Roma contro la Lazio, la finale di Coppa Italia. Dopo il 3-3 dell’andata a Firenze, i bergamaschi vincono 2-1 nel ritorno con la Fiorentina e staccano il pass per la finale. Subito...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Il bambino piangeva, e lui gli ha dato due schiaffi». Donatella Di Bona lo racconta nella sua confessione davanti al pm e ai carabinieri. Accusa l’amante Nicola Feroleto di aver assistito senza fare nulla mentre lei strangolava il piccolo Gabriel...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il sommo Michelangelo, poco prima di congedarsi dal mondo, diede alle fiamme la maggior parte dei suoi schizzi. Non voleva che i Medici ne venissero in possesso. Gerhard Richter, che probabilmente è il più grande pittore vivente e per nostra fortuna è ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Solo lui può dare / Dare del tu al mare». Gino Paoli lo descrive così, con i versi che gli ha dedicato dieci anni fa nella canzone «Il marinaio». E uomo di mare Giulio Frezza lo era davvero. Subacqueo, velista, skipper «con una cima per legarsi...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Ogni 25 aprile Annita lo celebrava nello stesso modo. In piedi davanti alla lapide dei martiri di Pietralata, vittime della retata nazista del 1943. Suo papà Crispino fu uno dei deportati della borgata, rinchiuso prima a Regina Coeli e poi spedito...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono sessanta persone, nel nostro Paese, che hanno avuto la certezza matematica di essere criminali sfortunati, ammesso che nel loro caso si possa parlare di sfortuna. Sfortunati perché sono stati smascherati come autori di un reato grazie alla...