Sala: «Restituirò i diritti ai migranti, da Milano parte la nuova sinistra»

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

MILANO - Beppe Sala lancia la sua sfida al governo. E pungola il centrosinistra a rinnovarsi, e a darsi una mossa, se vuol tornare alla guida del Paese. Lo fa da piazza della Scala, dove in centinaia (tremila, secondo gli organizzatori) raccolgono l’appello all’unità del Pd cittadino e salutano con un’ovazione il sindaco. Sotto il palco sventolano le bandiere di varie anime della sinistra e di tante sigle della società civile: le Acli, l’Anpi, Legambiente, Arci. «#Uniti» è il titolo hashtag della manifestazione in cui Sala promette che «se toglieranno diritti ai migranti, io glieli restituirò in qualche modo». E lancia con orgoglio il modello milanese come alternativa al fronte populista giallo-verde. Perché «è Milano — dice — il luogo da dove può ripartire un pensiero di sinistra e un’idea diversa di società».

In piazza c’è da contestare i tagli imposti dalla manovra economica, le tasse al non profit, gli attacchi alle Ong e gli effetti del decreto Sicurezza. Sul primo fronte, Matteo Salvini ribatte a muso duro all’allarme lanciato nei giorni scorsi proprio da Sala: «Ci sono più soldi per i Comuni — commenta il ministro dell’Interno —. Il 99 per cento dei sindaci è contento, poi c’è qualche sindaco distratto in cerca di visibilità che la pensa diversamente». La risposta di Sala arriva dal palco: «Questa finanziaria aiuta i piccoli Comuni, contro cui non ho niente. Ma la crescita nasce dalle grandi città, non valorizzarle vuol dire farsi male da soli, perché è con il loro traino che potremo tenere di fronte ai segnali di rallentamento».

L’ultimo incontro avuto ieri a Roma però ha confermato la dimensione del colpo di scure: «Cinquanta-sessanta milioni di euro» in meno che impongono alla giunta di correre ai ripari. «Non possiamo e non vogliamo intervenire sulle tasse — mette in chiaro — ma le vie non sono molte»: maggiori dividendi dalle società partecipate, turn over ridotto dei dipendenti comunali in uscita, e mettere mano ai servizi. «Ma se siamo la città più vivibile — aggiunge riferendosi a uno dei recenti riconoscimenti conquistati — è perché i servizi funzionano, quindi sarebbe delittuoso toccarli, ma da buon padre di famiglia devo far quadrare i conti».

È nelle critiche alla stretta impressa dal Viminale sul capitolo immigrazione con il decreto Sicurezza che emerge con nettezza la linea che il centrosinistra in generale dovrebbe seguire per puntare al governo: «Non siamo qua solo per opporci e contestare, siamo qua ad avanzare idee e proposte, il nostro modello di sviluppo e solidarietà insieme». E allora niente disobbedienza. Palazzo Marino non si accoderà ai Comuni «ribelli»: «Non sono per la disobbedienza. Se ci sarà da ricorrere, potremo farlo». Si studierà invece «una via legale» per restituire ai richiedenti asilo quei diritti che verranno loro tolti, anche se «avremo ancora più costi».


Infine c’è la strigliata rivolta al Pd («Siamo vicini alle Europee: voglio sapere oggi i candidati, non dopo le primarie») e al centrosinistra tutto, chiamato a una «rivoluzione». «Dobbiamo cambiare. È giusto non flagellarci, ma serve cambiare perché chi governa ha apparentemente saputo interpretare i bisogni della gente. Io voglio vincere, e servirà tempo, ma troviamo una formula per allargare l’insegnamento concreto di Milano».

Tag: #Milano #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...