Roma, sepolcro di Romolo: il mistero del sarcofago ritrovato

Pubblicato lunedì, 17 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

A caccia di Romolo. Il Direttore del Parco Archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo, parla di «eccezionale scoperta» emersa dagli scavi alla Curia-Comitium nel cuore del Foro Romano. Potrebbe trattarsi della Tomba di Romolo? Stiamo ai fatti ufficiali. Come spiega una nota del Parco Archeologico, si tratta del frutto delle indagini archeologiche programmate. Di fronte alla Curia-Comitium, si legge, «è emerso un ambiente sotterraneo con all’interno un sarcofago in tufo di circa 1,40 metri di lunghezza, associato a un elemento circolare, probabilmente un altare. Il sarcofago è stato scavato nel tufo del Campidoglio e dovrebbe pertanto risalire al VI secolo avanti Cristo». Si tratta di scavi decisi anche in base alla documentazione di Giacomo Boni all’inizio del ‘900 «che aveva consentito di ipotizzare la presenza nel Foro Romano, a pochi metri dal Lapis Niger e dal Comizio, di un heroon dedicato al fondatore della città di Roma». Un heroon era un santuario monumentale dedicato a un eroe.Torniamo alla scoperta: «Il contesto coincide con quello che le fonti tramandano essere il punto post rostra, ovvero dietro i Rostra repubblicani, dove si colloca il luogo stesso della sepoltura di Romolo. Non è un caso che in asse con l’ambiente sotterraneo si trovi il Lapis Niger, la pietra nera indicata come luogo funesto perché correlato alla morte di Romolo».



Tutto questo verrà spiegato, annuncia la direzione del Parco, venerdì durante una conferenza stampa. Insomma il sarcofago e l’altare, stando alla nota, sarebbero legati al culto di Romolo. Venerdì verranno illustrati gli scavi e le prospettive di valorizzazione. Alfonsina Russo lo aveva già annunciato nel dicembre scorso presentando i piani della sua direzione: «Siamo impegnati a tutelare con attenzione tutto il Parco Archeologico del Colosseo con l’area dei Fori. Ora siamo pronti a partire con nuovi e importanti progetti. Penso alla campagna di scavi sulle pendici meridionali del Palatino e nell’area sulla quale affaccia la Curia Iulia, la sede del Comizio, ritenuto nella leggenda sede della tomba di Romolo».Tutto bene? Ci sono molti «ma». Il primo, molto autorevole, arriva da Andrea Carandini, grande archeologo, per anni impegnato negli scavi sul Palatino, già professore di Archeologia e storia dell’arte greca e romana a La Sapienza e autore con Paolo Carafa dell’accuratissimo The Atlas of Ancient Rome: Biography and Portraits of the City (Princeton University Press, 2017). Sostiene Carandini: «Penso sia sbagliato che lo Stato proceda a scavi così importanti e non li pubblichi, mettendoli a disposizione per un dibattito scientifico. Gli annunci clamorosi, a mio avviso, servono a ben poco. In questo caso sarebbe più giusto parlare di un ritrovamento di ciò che era noto, non di una nuova scoperta. Opera meritoria, ne sono molto contento. Ma è bene sottolineare che il corpo di Romolo, quando venne ucciso, venne sparso a pezzi per tutta la città. Si potrebbe eventualmente parlare di una ricostruzione, di un luogo dedicato al culto molto tempo dopo la sua scomparsa». E qui Carandini apre un’altra pagina: «Vorrei ricordare che Paolo Carafa, nella sua opera Il Comizio di Roma dalle origini all’età di Augusto, del 1997, spiega bene dove le fonti collochino il luogo della morte di Romolo e della sua possibile sepoltura. Ovvero di fronte alla Curia Hostilia, il più antico luogo di riunione del Senato Romano, che oggi di fatto coincide con la Chiesa dei Santi Luca e Martina. Lì davanti venne ucciso Romolo».
Un giallo archeologico che risale al 716 avanti Cristo, anno in cui morì Romolo. Almeno su questo, nessuna discussione.

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...