Regeni, il Cairo tace anche sul testimone kenyota che accusa gli 007

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 gennaio 2016, quando Giulio sparì, gli agenti della sicurezza egiziana che lo seguivano pensavano che dovesse incontrare «una persona sospetta». È il motivo per cui decisero di sequestrarlo quella sera, lo caricarono in macchina e lo picchiarono subito al volto. Così ha detto uno degli ufficiali della National security inquisiti dalla Procura di Roma per il rapimento, secondo quanto riferito da un testimone kenyota che ha ascoltato il suo racconto durante una riunione di poliziotti. È l’ultima acquisizione della magistratura italiana che dallo scorso aprile attende risposte dal Cairo per trovare i necessari riscontri. Ma non arrivano. Quattro anni dopo, siamo fermi al silenzio egiziano. E al ricordo di Paola e Claudio Regeni della notizia che ha sconvolto la loro vita.
«Il 27 gennaio alle 14,30 ero a lavorare nel mio ufficio di casa, quando ho ricevuto una telefonata dalla console dal Cairo che mi informava che Giulio non era arrivato a un appuntamento la sera del 25, e che non si sapeva dove fosse in quel momento», rammenta il padre. Sua moglie non c’era, la chiamò senza dirle della telefonata. Aspettò che rientrasse, le chiese di sedersi, lei non voleva ma lui insisté. Poi le riferì l’informazione appena ricevuta. «Ricordo di aver chiuso gli occhi e di aver visto un’immagine: un cassonetto dell’immondizia e, a fianco di quel cassonetto, buttato per terra, Giulio. Gli ho detto: ce lo butteranno così», scrive Paola Regeni nel libro Giulio fa cose, composto insieme al marito e all’avvocata Alessandra Ballerini, appena pubblicato da Feltrinelli.



È un diario di viaggio nel dolore di questi quattro anni e alla ricerca della verità, che dietro ogni curva trova un muro. Nonostante le promesse dell’ambasciatore del Cairo in Italia, a nome del governo di Al Sisi, che accolse la famiglia e la salma di Giulio a Roma: «Ci ha dato il suo biglietto da visita, per contattarlo in caso di necessità. Stava iniziando la farsa egiziana, ma ancora non lo potevamo immaginare. Per i quattro anni successivi hanno continuato a ripetere che volevano collaborare, ma a oggi non fanno che occultare la verità e negare giustizia». Per questo la famiglia e l’avvocata Ballerini continuano a invocare un nuovo richiamo dell’ambasciatore italiano in Egitto che però, in un momento di così alta tensione in Medio Oriente, sembra molto improbabile.
La visione di Paola Regeni quando seppe che il figlio era scomparso non era distante da ciò che sarebbe avvenuto; invece che in un cassonetto il cadavere di Giulio riapparve il 3 febbraio tra le sterpaglie che costeggiano la strada verso Alessandria d’Egitto, con i segni di torture inflitte a più riprese e per diversi giorni. Finché gli fu «rotto l’osso del collo», come hanno illustrato con fredda ma efficace precisione il procuratore reggente di Roma Michele Prestipino e il sostituto Sergio Colaiocco alla commissione parlamentare d’inchiesta. I pm della Capitale, nell’indagine parallela a quella un po’ evanescente della Procura generale del Cairo, hanno raggiunto attraverso un certosino lavoro diplomatico-investigativo-giudiziario, la ragionevole certezza del coinvolgimento di cinque funzionari della sicurezza locale: il generale Sabir Tareq, il colonnello Uhsam Helmy, il maggiore Magdi Ibrahim Abdelal Sharif, l’assistente Mahmoud Najem e il colonnello Ather Hamal. Tutti artefici, a vario titolo, della «ragnatela in cui è caduto Giulio», costruita con la complicità di alcuni amici che tradirono la fiducia del giovane ricercatore, e nei successivi depistaggi: il coinquilino Mohamed El Sayad, che prima e durante il sequestro ebbe almeno otto contatti con la Ns; l’amica Noura Wahby, che riferiva tutto a un informatore della Ns; il sindacalista Mohamed Abdallah, a diretto contatto con Sharif.
Sono loro, gli agenti coinvolti nella trama, che potrebbero raccontare perché sospettavano di Regeni e che cosa è accaduto dopo il suo arresto, ma dal Cairo non sono arrivati nemmeno i dati per le notifiche dell’indagine italiana. Così come dall’università di Cambridge, per la quale Giulio stava svolgendo le ricerche «sul campo» sui sindacati autonomi egiziani, non c’è stata la collaborazione che la Procura di Roma e la famiglia Regeni si attendevano. «Noi sappiamo che non sono stati i docenti, l’università, a uccidere Giulio — scrivono nel libro i genitori del ragazzo —. Di sicuro però ci sono delle responsabilità morali e civili».© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

ROMA Un possibile show down nella maggioranza appare sempre più vicino, fra una settimana sia il Pd che Italia viva terranno le rispettive assemblee e i leader prenderanno la parola per dire la loro sulla possibilità di andare avanti con l’esecutivo...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro direttore, mi meraviglia che gli attuali esponenti del Pd contestino a Matteo Renzi di voler logorare il loro partito allo scopo di lucrare consensi. Mi pare di rivedere a parti invertite quanto accadde durante la segreteria Renzi, quando si...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

dal nostro inviatoTREVISO Oleg Mandić arrivò ad Auschwitz nell’estate del 1944. Aveva 11 anni, con lui c’erano la madre Névenka e la nonna Olga. Gli tatuarono sul braccio sinistro il numero 189488 e gli assegnarono un triangolo rosso....

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione dell’intimità della vita privata» e «diffusione senza accordo di immagini a carattere sessuale» sono le motivazioni dell’arresto dell’artista russo Piotr Pavlenski, 35 anni, e della sua compagna l’avvocata Alexandra de Taddeo, 29,...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

È la concorrente più vecchia: 35 anni. È la prima Miss Germania con un figlio, di lavoro fa l’imprenditrice online e ha già detto che «del titolo di più bella me ne farò poco, e non intendo andare in giro a tagliare nastri come un manichino» e...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

DAL NOSTRO INVIATORICHMOND Primo applauso: «Mi sono candidato per battere Donald Trump». Secondo, più convinto: «Non sono qui di passaggio, sosterrò chiunque uscirà dalle primarie democratiche». Michael Bloomberg è, finalmente, in campagna...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’Inter si illude per 50 minuti poi la carenza di un portiere di livello, fino ad allora mascherata dalla difesa, s’impone in tutta la sua urgenza: Skriniar anticipa Padelli che era uscito un po’ a caso, la palla finisce a Immobile che viene...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

LONDRA «Terrificante» posare davanti all’ospedale con in braccio un bimbo appena nato. «A volte ci si sente sole a fare la mamma». L’arrivo di un figlio è accompagnato da «emozioni miste». Da una parte «l’euforia», dall’altra «l’ansia ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Dorme solo quattro ore per notte, non sa rinunciare al cioccolato, ama la moda e lo spritz, vorrebbe essere più alta (è 158 cm) e meno muscolosa, vive a Cavalese in Val di Fiemme con il marito Stefano ma è a casa solo 70 giorni all’anno. Non le...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Wait and see», traducibile (meno elegantemente) con il «calma e gesso» che pronunciano i giocatori di biliardo quando devono fare un tiro difficile e prendono tempo strofinando con il gesso la punta della stecca. Ecco la sintesi che esce dal...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Una storia di volontà ed emancipazione, coraggio e amore, che si snoda a cavallo del mare Mediterraneo e che segue la vita di una famiglia italiana, i Muccio, divisa tra due sponde, la Libia e l’Italia. Su questa vicenda Roberto Costantini sta...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Durante un talk show la conduttrice che lo stava intervistando lo aveva rimproverato affettuosamente: «Ma lei ce la mette tutta per far parlare di sé». Il dottor Urtis, ammiccando, aveva risposto: «Sa, è anche una questione di marketing». Strategie ...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Zia Antonietta era una semplice cameriera, ingenua e sprovveduta. La ricostruzione prevalente fu questa: era rimasta incinta e il futuro padre le aveva promesso di portarla all’altare...» Ma lei scopre che lui è sposato e si arrabbia. O lui ci...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La copertina del progetto con il titolo «Un piano per il Sud è un progetto per l’italia», l’hashtag «#Sud2030» e la foto di Duino, il Comune in Friuli-Venezia Giulia, con una splendida vista sul Golfo di Trieste e le sue falesie. Non proprio un...

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sono gravi le condizioni di un bambino di 5 anni investito a Cigliano, nel Vercellese. È successo nel pomeriggio di oggi, domenica 16 febbraio. Stando alle prime notizie, il 118 avrebbe prestato sul posto le prima cure al piccolo, che ha riportato...