Ragusa, mamma-cameriera travolta fuori dal ristorante: guidatore positivo alla cocaina

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

SCICLI (RAGUSA) Era andata a lavorare come ogni sera in quel ristorante di Cava d’Aliga, una frazione marinara di Scicli, nel Ragusano. Aveva terminato il turno da cameriera e in compagnia di un collega stava andando a buttare la spazzatura caricata su dei carrelli, poi sarebbe potuta tornare a casa dal suo bambino di quattro anni. Perché Martina Aprile, 25 anni da compiere il mese prossimo, era una giovanissima mamma. Anzi, una «mamma a tempo pieno», come si presentava sul suo profilo di Facebook. Ma a casa Martina non è mai tornata perché su quella strada, viale della Pace, un rettilineo, è stata travolta da una Lancia Y guidata da un uomo che poi è risultato positivo a cocaina e metadone. È morta così Martina, mentre è rimasto quasi illeso il collega quarantunenne che era con lei al momento dell’incidente e che nell’impatto ha riportato solo alcune escoriazioni e lievi ferite.
Al volante della Lancia, c’era Carmelo Ferraro, 34enne di Scicli con una storia di problemi di droga. Anche lui cameriere, stava tornando al suo posto di lavoro per recuperare il cellulare che aveva dimenticato. Ma nella sua corsa ha travolto Martina. Ferraro si è fermato sul posto dopo l’incidente. Dagli esami svolti a Modica è risultato positivo alla cocaina e al metadone. Ieri mattina è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale aggravato e quindi rinchiuso nel carcere di Ragusa. In passato gli era già stata sospesa la patente, sempre per utilizzo di stupefacenti. Funzionava così, spiegano gli inquirenti: la patente, in casi come questi, veniva sospesa solo per un lasso di tempo. Mentre oggi, con le norme sull’omicidio stradale, è più facile la revoca o una lunghissima sospensione. Le indagini, coordinate dalla Procura di Ragusa, sono condotte dai carabinieri di Modica, guidati dal capitano Francesco Ferrante, assieme ai carabinieri di Scicli che sono intervenuti subito sul luogo dell’incidente con i sanitari del 118 che, purtroppo, hanno solo potuto constatare il decesso della ragazza.



Incredulità e rabbia tra gli amici di Martina. Tanti affidano al suo profilo Facebook un pensiero a lei e al suo bambino. «Troppo presto per andare via. Eri una ragazza solare, dolce e bella ma soprattutto una grande mamma. Ancora non ci credo», scrive un’amica commentando una fotografia che mostra Martina, il suo volto dolce dai grandi occhi scuri. «Era allegra, aveva affrontato più di una prova nella vita, sempre con il sorriso», racconta di lei l’amica Miriana. «Una notizia straziante — scrive un’altra amica sui social —. Noi abbiamo condiviso insieme la rabbia di essere mamme sole e la felicità di essere madri dei nostri figli nonostante tutto». Altri su Facebook manifestano tutto lo sconcerto per le notizie sempre più frequenti di vite distrutte da persone che hanno assunto stupefacenti prima di mettersi alla guida. Proprio come pochi giorni fa è successo a Vittoria, sempre in provincia di Ragusa, con il tragico incidente che ha provocato la morte di due cuginetti, Alessio e Simone D’Antonio, di 11 e 12 anni. Anche in quel caso chi era alla guida aveva fatto uso di droga, e in quella circostanza anche di alcol.
E l’incidente avvenuto la notte tra domenica e lunedì intorno all’una, è stato seguito dopo poche ore da un altro — anche stavolta mortale — nel piccolo paese famoso per essere il set della serie del Commissario Montalbano. Ieri mattina intorno alle otto, infatti, un tunisino di sedici anni, Said Siraj, è morto andando a sbattere con lo scooter in via Vitaliano Brancati per cause da accertare. Il sindaco di Scicli ha proclamato un giorno di lutto cittadino da tenersi nel giorno delle esequie di Martina e del giovane Said.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...