Ragusa, mamma-cameriera travolta fuori dal ristorante: guidatore positivo alla cocaina

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

SCICLI (RAGUSA) Era andata a lavorare come ogni sera in quel ristorante di Cava d’Aliga, una frazione marinara di Scicli, nel Ragusano. Aveva terminato il turno da cameriera e in compagnia di un collega stava andando a buttare la spazzatura caricata su dei carrelli, poi sarebbe potuta tornare a casa dal suo bambino di quattro anni. Perché Martina Aprile, 25 anni da compiere il mese prossimo, era una giovanissima mamma. Anzi, una «mamma a tempo pieno», come si presentava sul suo profilo di Facebook. Ma a casa Martina non è mai tornata perché su quella strada, viale della Pace, un rettilineo, è stata travolta da una Lancia Y guidata da un uomo che poi è risultato positivo a cocaina e metadone. È morta così Martina, mentre è rimasto quasi illeso il collega quarantunenne che era con lei al momento dell’incidente e che nell’impatto ha riportato solo alcune escoriazioni e lievi ferite.
Al volante della Lancia, c’era Carmelo Ferraro, 34enne di Scicli con una storia di problemi di droga. Anche lui cameriere, stava tornando al suo posto di lavoro per recuperare il cellulare che aveva dimenticato. Ma nella sua corsa ha travolto Martina. Ferraro si è fermato sul posto dopo l’incidente. Dagli esami svolti a Modica è risultato positivo alla cocaina e al metadone. Ieri mattina è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale aggravato e quindi rinchiuso nel carcere di Ragusa. In passato gli era già stata sospesa la patente, sempre per utilizzo di stupefacenti. Funzionava così, spiegano gli inquirenti: la patente, in casi come questi, veniva sospesa solo per un lasso di tempo. Mentre oggi, con le norme sull’omicidio stradale, è più facile la revoca o una lunghissima sospensione. Le indagini, coordinate dalla Procura di Ragusa, sono condotte dai carabinieri di Modica, guidati dal capitano Francesco Ferrante, assieme ai carabinieri di Scicli che sono intervenuti subito sul luogo dell’incidente con i sanitari del 118 che, purtroppo, hanno solo potuto constatare il decesso della ragazza.



Incredulità e rabbia tra gli amici di Martina. Tanti affidano al suo profilo Facebook un pensiero a lei e al suo bambino. «Troppo presto per andare via. Eri una ragazza solare, dolce e bella ma soprattutto una grande mamma. Ancora non ci credo», scrive un’amica commentando una fotografia che mostra Martina, il suo volto dolce dai grandi occhi scuri. «Era allegra, aveva affrontato più di una prova nella vita, sempre con il sorriso», racconta di lei l’amica Miriana. «Una notizia straziante — scrive un’altra amica sui social —. Noi abbiamo condiviso insieme la rabbia di essere mamme sole e la felicità di essere madri dei nostri figli nonostante tutto». Altri su Facebook manifestano tutto lo sconcerto per le notizie sempre più frequenti di vite distrutte da persone che hanno assunto stupefacenti prima di mettersi alla guida. Proprio come pochi giorni fa è successo a Vittoria, sempre in provincia di Ragusa, con il tragico incidente che ha provocato la morte di due cuginetti, Alessio e Simone D’Antonio, di 11 e 12 anni. Anche in quel caso chi era alla guida aveva fatto uso di droga, e in quella circostanza anche di alcol.
E l’incidente avvenuto la notte tra domenica e lunedì intorno all’una, è stato seguito dopo poche ore da un altro — anche stavolta mortale — nel piccolo paese famoso per essere il set della serie del Commissario Montalbano. Ieri mattina intorno alle otto, infatti, un tunisino di sedici anni, Said Siraj, è morto andando a sbattere con lo scooter in via Vitaliano Brancati per cause da accertare. Il sindaco di Scicli ha proclamato un giorno di lutto cittadino da tenersi nel giorno delle esequie di Martina e del giovane Said.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

MASSA- Magari ci riesce il silenzio. Se non è servito il messaggio, se non è bastato il ricordo, se è stato ignorato l’ideale che Sophia rappresenta, allora può darsi che amore e rispetto si possano trasmettere anche senza voce. Alessio ci ha...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Milano Messaggi, scambi di meme, persino qualche battuta. Obiettivo: «Ricostruire la fiducia con Luigi». Matteo Salvini ha trascorso gran parte della giornata in casa, con la figlia Mirta e il ministro Lorenzo Fontana con moglie e figlia. Un sabato...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

ROMA L’imponderabile succede alle nove di sera, quando una fiammata riaccende una partita che pareva destinata a morire di tatticismo. Perché non solo riparte prepotentemente il treno del governo Pd-M5S, che solo qualche ora prima sembrava destinato a ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

new york Sei minuti a piedi, tanti ne bastano per arrivare dall’abitazione di Andrea Zamperoni all’ostello in cui il capo chef di Cipriani Dolci, noto ristorante affacciato sul maestoso atrio di Grand Central, è stato trovato morto mercoledì sera...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Le sirene della Lega si affievoliscono, quelle del voto si fanno sentire ancora forte, mentre il dialogo con il Partito democratico continua a sembrare l’unica via di uscita per uscire dalla crisi. Il Movimento 5 Stelle tiene le caete coperte, giocando ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Fuochi d’artificio ed entusiasmo al Franchi per la prima di campionato tra Fiorentina e Napoli. E non solo per la curiosità verso i nuovi arrivi - debuttano Boateng e Ribéry - e per i due rigori assegnati con il nuovo regolamento. Vincono gli azzurri ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

BIARRITZ Mentre tra Hendaye e Irun, alla frontiera franco-spagnola, migliaia di manifestanti sfilavano contro il G7 contestando l’idea stessa di un club che riunisce una volta l’anno i leader delle sette democrazie più ricche, all’Hotel du Palais...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ne ha viste tante Americo Lanciottti, 69 anni, in tutta la sua vita di pastore. Persino cose che con le greggi avevano poco a che fare. Eh sì, perché qui, a 1800 metri d’altitudine, al Lago della Duchessa - nell’omonima Riserva, sotto il Monte...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Dietro il primo (presunto) crimine umano nello Spazio si nasconde una vicenda piuttosto terra terra. Una comune e dolorosa separazione di coppia, benché tra due donne, e non qualunque: le protagoniste sono Summer Worden, ex agente dell’intelligence...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Una banda perfetta, composta da una dozzina di persone. Una ciurma guidata da un paio di ufficiali di Marina, uno ucraino e l’altro russo. Per la polizia turca hanno rubato un gran numero di yacht e barche a vela di lusso nel Mediterraneo. Ora Ankara...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono foto che oltre a documentare un evento ne influenzano il corso, come quella della bambina vietnamita bruciata dal napalm, che affossò il sostegno degli americani alla guerra. Oggi, quella della foresta pluviale orlata dal fuoco: ritwittata più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

J effrey Epstein adorava «la sensazione che provi quando trovi la risposta giusta a un rompicapo», come disse in un’intervista del 2003 con Bloomberg sulla sua isola privata di Little St. James. Incontrò il giornalista nel gazebo, perché nella...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Alighiero Noschese è stato il primo e unico uomo con cui ho diviso un programma 50 e 50 senza gelosie. Era un signore: in quel 1973 di austerity in cui facevamo Formula Due e non sempre si poteva circolare, lui aveva l’auto Rai e io no e passava a...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Esiste un legame tra livello di intelligenza di una persona e il suo stato di salute, con ripercussioni anche sulla longevità. In particolare, sembra esserci uno specifico rapporto tra il livello di intelligenza mostrato da bambini o da giovani e la...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Al matrimonio di una coppia di amici, Bill Duncan ha guardato la sua Anne e le ha detto commosso: «E noi, quando ci sposiamo?». Anne è rimasta sorpresa per due motivi: Bill, a causa della sua malattia, parla ormai pochissimo, non dice quasi più...