«Project Blue Book» Il mistero irrisolto di 701 ufo

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Questo articolo è stato pubblicato su «la Lettura» #381 del 17 marzo.
Tra gli anni Cinquanta e i Sessanta, all’apice della Guerra fredda, l’Air Force americana indagò segretamente su oltre 12 mila avvistamenti di oggetti volanti non identificati (Ufo). La maggior parte erano frutto di illusioni ottiche: uccelli, aerei, stelle, comete e luci nella nebbia scambiati per astronavi aliene. A volte l’«ufo» era opera di qualche truffatore; in certi casi vi furono episodi d’isteria di massa.


Settecentouno di quegli avvistamenti rimangono però non identificati ancora oggi, e sono l’oggetto di Project Blue Book, la serie di History Channel sull’omonimo studio top secret con Aidan Gillen (The Wire, Il Trono di Spade) nel ruolo di J. Allen Hynek, l’astronomo arruolato dal governo come consulente scientifico. La prima stagione (qui sopra alcune immagini) è prodotta da Robert Zemeckis (regista di Ritorno al futuro e Forrest Gump) e si è appena conclusa negli Usa.
Inizialmente scettico, Hynek iniziò a credere davvero ai dischi volanti, e dopo che lo studio nel 1970 venne archiviato, fu uno dei pochissimi ad ammettere che non tutti gli avvistamenti esaminati avevano una spiegazione logica. In seguito, Hynek condusse in proprio altre ricerche, coniando l’espressione «incontri ravvicinati», e oggi è noto come il padre dell’ufologia.
In realtà, il «Project Blue Book», cui fece riferimento anche David Lynch nella seconda stagione di Twin Peaks, era il terzo studio del suo genere. I primi avvistamenti, infatti, risalivano agli anni Quaranta, quando il governo americano aveva avviato il «Project Sign» e il «Project Grudge». Entrambi però erano falliti dopo pochi mesi. Finalmente, nel 1952, partì il «Blue Book», il cui obiettivo era indagare sugli avvistamenti con metodi scientifici, per determinare se costituissero minaccia alla sicurezza nazionale.
Ogni episodio di Project Blue Book, già rinnovato per una nuova stagione, racconta un diverso avvistamento. Dal Mariana Incident del Montana (1950), uno dei primi casi per i quali fu utilizzata l’espressione «ufo», al mistero delle luci di Lubbock, Texas, nel 1951, fino al Carosello di Washington D. C., l’anno seguente, che gettò nel panico la capitale americana. Dopo questo incidente, la Cia decise che scopo principale dello studio dovesse essere ridimensionare i fenomeni, e non più quello di condurre indagini approfondite. Nel 1968, il rapporto Condon stabilì che i presunti ufo non erano alcunché di anomalo e il «Blue Book» cessò ogni attività. Oggi però tanti ufologi portano avanti il lavoro di Hynek, e chissà quanti altri studi il governo conduce in segreto.

Tag: #Cultura

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Neanche lei si è salvata dalla furia del compagno della madre. È sopravvissuta sì, Noemi, la sorella di Giuseppe Dorice, ucciso a Cardito dal convivente della madre Tony Essobti Badre. Ma anche lei ha vissuto l’orrore quotidiano che si consumava fra ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

L’annuncio dell’attrice arriva il 15 settembre 2018, con una foto su Instagram in cui si dichiara «grata e felice di essere ancora viva, ma molto triste per la perdita dei capelli» dovuta alle cure per uno dei tipi più rari di cancro, quello...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Lo avrà anche fatto per una buona causa: nella fattispecie, per promuovere la messa al bando della plastica, in favore dell'alluminio completamente riciclabile. Ma per i suoi fan è stato un brutto colpo lo stesso, perché Jason Momoa senza barba è...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Pesava 1.500 kg ed era in grado di affrontare animali delle dimensioni di elefanti e ippopotami. Ricercatori internazionali hanno studiato i resti di uno dei più grandi mammiferi carnivori che sia mai comparso sulla Terra. Ribattezzato "Simbakubwa...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

C’è un mondo zen sotto una volta di argilla blu che viene dal pliocene, tre milioni di anni fa, quando a Bolgheri nuotavano le balene. Un mondo sotterraneo di acciaio, legno e vetro. È la casa del Masseto, uno dei Merlot più costosi al mondo. Per 32 ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«Salva il mondo, salva le api». Se l’allarme per salvare i piccoli insetti impollinatori dal cambiamento climatico, l’abuso di pesticidi e la distruzione del loro habitat è già stato lanciato da tempo, l’aiuto può arrivare anche dai più...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Gli italiani che si sposteranno in auto durante le feste di Pasqua e per i prossimi ponti del 25 aprile e 1 maggio dovranno però mettere in conto una stangata con rincari complessivi per 110 milioni di euro per la benzina. Lo scrive in una nota il...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Debutta a Shanghai la prima macchina di serie firmata da Giorgetto e Fabrizio Giugiaro dopo l’uscita dal gruppo Volkswagen. Per il nome bisogna decifrare gli ideogrammi scritti sul posteriore, che porta delle linee e una firma europea nella Terra del...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Comunque vada, sarà il primo successo. Dei quattro allenatori rimasti in Champions League, infatti, nessuno l’ha mai vinta: Klopp ci è andato vicino con due finali (Dortmund e Liverpool) ma sta a zero proprio come Valverde (Barcellona), Pochettino...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Claudio Marchisio, lei ha scritto «quando un sogno — come quello della Juve — va in frantumi, bisogna raccogliere ogni pezzo e ricostruirlo». Perché?«C’erano grandi attese, costruite anche giustamente dentro e fuori la Juve. Con Ronaldo si...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Revoca dell’affidamento terapeutico per Fabrizio Corona. Finito il periodo delle «ospitate» in tv e della frenetica attività tra palestra, serate e promozione del suo marchio. Le porte di San Vittore per lui si sono richiuse e ora, a quanto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il ritorno della Bari. Promossa in C dopo una sola (trionfale) stagione fra i dilettanti della D. La, femminile, già, perché per tutti i tifosi galletti (calcio e zoologia: binomio un filo démodé ma irresistibile per chi è nato con le figu Panini)...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

L’Europa saprà ripararsi dal vento del sovranismo, piuttosto dovrà trovare una soluzione comune sull’emergenza migranti, tema centrale delle prossime elezioni. Diversi gli argomenti toccati dal Capo dello Stato Sergio Mattarella in una intervista...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Anche Facebook è intenzionata ad entrare nell’arena degli assistenti virtuali puntando a competere con Siri di Apple, Alexa di Amazon e Google Assistant dell’azienda di Mountain View. A Menlo Park se ne sta occupando ormai dall’inizio del 2018 la...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Sapete qual è il peggior rimprovero che si possa rivolgere ad un cane, il peggior castigo che gli si possa infliggere? Ignorarlo. Proprio così: distogliere lo sguardo, voltarsi di scatto, andarsene via provocano nel cane che ha fatto qualcosa di...