Prescizione, «Che errore abbiamo fatto». Il malessere tra i 5 Stelleche ora temono la fregatura

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ Corriere.it

È una bandiera a mezz’asta quella che Di Maio può finalmente alzare, per provare a oscurare i vessilli conquistati da Salvini.L’accordo sullo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio c’è, ma il compromesso ha un retrogusto antico e il cavallo di battaglia del M5S sarà ai blocchi di partenza solo nel gennaio del 2020. Uno slittamento imposto dal Carroccio, che scatena delusione e rabbia tra i pentastellati. Nel vertice di Palazzo Chigi si è deciso di legare politicamente la prescrizione a una riforma complessiva. Ma che succede se la rivoluzione della giustizia slitta alle calende greche? Succede che salta anche lo stop alla prescrizione, come sperano in tanti nella Lega? È questo l’interrogativo che per tutto il giorno rimbalza nei capannelli dei deputati. Mentre Di Maio esulta con l’hashtag #bastaimpuniti, il M5S ribolle sui social. «C’è l’accordo ma andrà in vigore tra un anno», ritwitta polemica Elena Fattori. La senatrice dissidente rilancia il sospetto («a chi devono scadere i termini?») che la Lega prenda tempo per salvare i suoi sotto inchiesta, come Edoardo Rixi e Riccardo Molinari. Insinuazione pentastellata che ha irritato non poco Salvini.La stretta di mano sotto gli occhi dell’arbitro Giuseppe Conte ha portato una tregua, ma non ha spazzato via le ombre. A Montecitorio le opposizioni scherzano sull’accordo come «un assegno postdatato», che forse nessuno pagherà mai. Si fa la conta di vincitori e vinti. E quando Rai2 lo domanda a Di Maio, il leader del M5S distilla una goccia gelata: «Se Salvini è contento? Credo di sì... chiedetelo a lui».


Tra i dirigenti stellati c’è chi festeggia, chi lavora a un «pacchetto» di norme che comprenda la modifica della legge Severino e il conflitto di interessi nel cassetto del ministro Riccardo Fraccaro e chi fiuta un’altra «fregatura». Prova ne sia la delusione gridata da un «faro» del Movimento come l’ex presidente dell’Associazione nazionale magistrati Piercamillo Davigo, preoccupato perché gli effetti della prescrizione si vedranno tra molti anni, «quando sarò morto». A trovare la quadra per «disinnescare la bomba atomica» e scongiurare una rottura irreparabile tra Salvini e Di Maioè stata la ministra leghista Giulia Bongiorno: slittamento di 14 mesi della prescrizione e legge delega al governo per la riforma del processo penale, a cui dovrà dedicarsi il Guardasigilli Alfonso Bonafede. Ma qui sta il «busillis», per dirla con il dem Stefano Ceccanti.
Per la Lega la prescrizione entra in vigore «dopo la riforma del processo penale», spiega il sottosegretario Jacopo Morrone. Per il M5S invece entra in vigore comunque, il 31 gennaio 2020. E lo scontro in atto rivela che non è questione di date, ma di opposte visioni. «Quello che Di Maio e Bonafede volevano non c’è — osserva Luca Paolini, il deputato e avvocato leghista che gira “con la bibbia di Davigo” in borsa — È meno di un pannicello caldo». I leghisti lo dicono sottovoce. Se dopo le Europee il governo dovesse saltare, sarà facile gioco per Salvini trovare i voti nel centrodestra per cancellare lo stop alla prescrizione. Lo stellato Andrea Colletti, deputato e avvocato, non si premura di scandirlo nella lingua di Oxford: «È una cagata pazzesca farla entrare in vigore dopo, visto che gli effetti li vedremo nel 2024». I ribelli sono furibondi e la Fattori lancia sul governo un’altra mina: «Congeliamo il decreto sicurezza, scritto malissimo, e lavoriamo insieme a una riforma complessiva». Ma anche il senatore Nicola Morra ironizza sui «raffinati cultori della materia» che dovranno riformare il processo penale. Salvini adesso fa paura. I 5Stelle vedono i loro consensi erodersi e il malumore è un’onda destinata a gonfiarsi. Per esorcizzare il carissimo nemico, Gianluigi Paragone si affida a una metafora calcistica: «Ronaldo ha segnato un gran gol, ma la sfida tra Juve e Manchester-United è finita 2 a 1 per gli altri».
Leggi anche
- La rabbia e i sospetti di Salvini su Di Maio, Cremonesi e Guerzoni
- L’esasperazione di Di Maio: «Io buono e caro, ma ora basta», Buzzi
- Il limite del doppio mandato rende i 5 stelle in un’anatra zoppa, Verderami

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Un veto alla risoluzione Onu che mira a contrastare gli stupri di guerra. A porlo potrebbero essere non solo la Cina e la Russia, come da copione, quando si tratta di rispetto dei diritti umani. Ma anche gli Stati Uniti di Donald Trump. Washington —...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Un marocchino avrebbe accoltellato un uomo, un georgiano, che aveva un crocifisso al collo. È accaduto sabato scorso nei pressi della stazione Termini. Si indaga per capire meglio se il gesto folle del marocchino sia proprio da legare al crocifisso o se ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

«I terroristi non sanno chi hanno portato via: una grande mente, un ragazzo che sarebbe diventato un neuroscienziato per studiare l’Alzheimer». Così Alexander Arrow ha ricordato il figlio Kieran Shafritz de Zoysa, 11 anni, una delle oltre trecento...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Ragazza immagine del Billionaire, corteggiatrice a Uomini e donne, la popolarità grazie al quiz di Bonolis Avanti un altro che l’ha lanciata nell’empireo di quei personaggi da reality di cui si nutre la tv. La svalvolata e svampita Paola Caruso è...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Per anni la sua giornata tipo è stata sveglia presto, lettura dei giornali e subito via, da Meda a Zingonia. Nel cassetto aveva un diploma di ragioniere che non gli è mai servito perché il calcio, quello dei giovani, alla ricerca del talento che si...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il secondo episodio dell'ottava e ultima stagione (intitolato in inglese A Knight of the Seven Kingdoms con riferimento preciso) appartiene di diritto a Brienne di Tarth, la fedele «guardiana» delle ragazze Stark che non ha mai tradito il proprio...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Per oltre vent’anni ha scoperto i talenti nerazzurri. È morto a 83 anni Mino Favini, dirigente sportivo ed ex calciatore dell’Atalanta (dal 1960 al 1962), di cui è stato poi Responsabile del Settore Giovanile. Era soprannominato il «Mago di...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Bkool Smart Air è un sistema innovativo per bike indoor che promette una simulazione altamente realistica della pedalata su strada. Ha un telaio flessibile, chiamato Rocking System, che riproduce una fedele oscillazione e tutte quelle vibrazioni che si...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

La Calabria è nel suo cuore. Quando può ci torna volentieri, anche perché a Platania, paesino dell’altopiano silano, in provincia di Catanzaro, vive ancora la mamma adottiva, il papà è morto alcuni anni fa. Paola Lucia Caruso, 34 anni, una laurea...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Le strade di Rimini sono pronte per la sfida della Virgin Active Urban Obstacle Race 2019. Il prossimo 1 giugno la città romagnola trasformerà alcuni dei suoi scorci più suggestivi in ostacoli da superare nella corsa organizzata da RCS Sports &...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Tra le piccole-grandi eccellenze culturali italiane ecco la missione archeologica dell’università di Udine- Dipartimento di Studi umanistici e del Patrimonio culturale, guidata da Daniele Morandi Bonacossi, che dal 2012 coordina il progetto «Land of...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Scovare una «Voce» tra mille che non solo riesca a superare audition al buio, battaglie e scontri all'ultima interpretazione ma che duri nel tempo: è la missione di «The Voice Of Italy» edizione 2019 che prenderà il via - dopo qualche tentennamento ...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il lavoro di Cadwalladr è nato da un reportage fatto dopo il voto sulla Brexit nella sua cittadina natale, Ebbw Vale, in Galles, «una delle circoscrizioni elettorali con la più alta percentuale di voti per il “Leave”» e dalla «strana sensazione...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Il gruppo terrorista New Ira ha ammesso la responsabilità dell’uccisione della giornalista Lyra McKee giovedì notte a Derry, in Irlanda del Nord, offrendo le sue «scuse sincere» al partner, alla famiglia e agli amici della 29enne: lo riporta il...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Corriere.it

A 37 settimane di gravidanza, e con la piccola Emma (4 anni) che le saltella intorno, ancora continua ad aggiornare dati e controllare elementi al computer. «La verità è che non si smette mai», ride Francesca Sacco, 34 anni, romana, biologa e...