Prescizione, «Che errore abbiamo fatto». Il malessere tra i 5 Stelleche ora temono la fregatura

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ Corriere.it

È una bandiera a mezz’asta quella che Di Maio può finalmente alzare, per provare a oscurare i vessilli conquistati da Salvini.L’accordo sullo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio c’è, ma il compromesso ha un retrogusto antico e il cavallo di battaglia del M5S sarà ai blocchi di partenza solo nel gennaio del 2020. Uno slittamento imposto dal Carroccio, che scatena delusione e rabbia tra i pentastellati. Nel vertice di Palazzo Chigi si è deciso di legare politicamente la prescrizione a una riforma complessiva. Ma che succede se la rivoluzione della giustizia slitta alle calende greche? Succede che salta anche lo stop alla prescrizione, come sperano in tanti nella Lega? È questo l’interrogativo che per tutto il giorno rimbalza nei capannelli dei deputati. Mentre Di Maio esulta con l’hashtag #bastaimpuniti, il M5S ribolle sui social. «C’è l’accordo ma andrà in vigore tra un anno», ritwitta polemica Elena Fattori. La senatrice dissidente rilancia il sospetto («a chi devono scadere i termini?») che la Lega prenda tempo per salvare i suoi sotto inchiesta, come Edoardo Rixi e Riccardo Molinari. Insinuazione pentastellata che ha irritato non poco Salvini.La stretta di mano sotto gli occhi dell’arbitro Giuseppe Conte ha portato una tregua, ma non ha spazzato via le ombre. A Montecitorio le opposizioni scherzano sull’accordo come «un assegno postdatato», che forse nessuno pagherà mai. Si fa la conta di vincitori e vinti. E quando Rai2 lo domanda a Di Maio, il leader del M5S distilla una goccia gelata: «Se Salvini è contento? Credo di sì... chiedetelo a lui».


Tra i dirigenti stellati c’è chi festeggia, chi lavora a un «pacchetto» di norme che comprenda la modifica della legge Severino e il conflitto di interessi nel cassetto del ministro Riccardo Fraccaro e chi fiuta un’altra «fregatura». Prova ne sia la delusione gridata da un «faro» del Movimento come l’ex presidente dell’Associazione nazionale magistrati Piercamillo Davigo, preoccupato perché gli effetti della prescrizione si vedranno tra molti anni, «quando sarò morto». A trovare la quadra per «disinnescare la bomba atomica» e scongiurare una rottura irreparabile tra Salvini e Di Maioè stata la ministra leghista Giulia Bongiorno: slittamento di 14 mesi della prescrizione e legge delega al governo per la riforma del processo penale, a cui dovrà dedicarsi il Guardasigilli Alfonso Bonafede. Ma qui sta il «busillis», per dirla con il dem Stefano Ceccanti.
Per la Lega la prescrizione entra in vigore «dopo la riforma del processo penale», spiega il sottosegretario Jacopo Morrone. Per il M5S invece entra in vigore comunque, il 31 gennaio 2020. E lo scontro in atto rivela che non è questione di date, ma di opposte visioni. «Quello che Di Maio e Bonafede volevano non c’è — osserva Luca Paolini, il deputato e avvocato leghista che gira “con la bibbia di Davigo” in borsa — È meno di un pannicello caldo». I leghisti lo dicono sottovoce. Se dopo le Europee il governo dovesse saltare, sarà facile gioco per Salvini trovare i voti nel centrodestra per cancellare lo stop alla prescrizione. Lo stellato Andrea Colletti, deputato e avvocato, non si premura di scandirlo nella lingua di Oxford: «È una cagata pazzesca farla entrare in vigore dopo, visto che gli effetti li vedremo nel 2024». I ribelli sono furibondi e la Fattori lancia sul governo un’altra mina: «Congeliamo il decreto sicurezza, scritto malissimo, e lavoriamo insieme a una riforma complessiva». Ma anche il senatore Nicola Morra ironizza sui «raffinati cultori della materia» che dovranno riformare il processo penale. Salvini adesso fa paura. I 5Stelle vedono i loro consensi erodersi e il malumore è un’onda destinata a gonfiarsi. Per esorcizzare il carissimo nemico, Gianluigi Paragone si affida a una metafora calcistica: «Ronaldo ha segnato un gran gol, ma la sfida tra Juve e Manchester-United è finita 2 a 1 per gli altri».
Leggi anche
- La rabbia e i sospetti di Salvini su Di Maio, Cremonesi e Guerzoni
- L’esasperazione di Di Maio: «Io buono e caro, ma ora basta», Buzzi
- Il limite del doppio mandato rende i 5 stelle in un’anatra zoppa, Verderami

Tag: #Politica

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

I principali gas responsabili dell’effetto serra, e dunque del surriscaldamento del pianeta e del cambiamento climatico, hanno raggiunto un nuovo record: è questo il nuovo allarme lanciato dall’Onu che torna a chiedere alla comunità internazionale...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

«Siamo responsabili non c’è nessuna presunta ribellione» all’Ue. Così il premier Giuseppe Conte, parlando con i giornalisti. «Non vedo l’ora di confrontarmi con il presidente Juncker e gli altri commissari che sono stati invitati alla cena di...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Specialisti in scienze informatiche, fisiche e chimiche: si tratta di neolaureati nelle materie Stem, acronimo che sta per «Science, Technology, Engineering and Mathematics». L’attuale offerta formativa, tuttavia, non è in grado di soddisfare la...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Negli ultimi dodici mesi sono calate il numero di ore di cassa integrazione, praticamente dimezzate, ma a guardare i dati dell’ultimo mese c’è stato un picco anomalo, quasi il 70 per cento in più. E questo quando non è ancora entrata in vigore la...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Dal 2024 il calcio europeo cambierà. Lo hanno fatto trapelare il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin e il presidente dell’Eca (l’associazione dei principali club europei) Andrea Agnelli, al termine dell’incontro avuto martedì scorso a...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

È’la libertà di giocare a creare il mondo. La dimensione del gioco rende il rischio più accettabile e può incanalare il talento. È accaduto a Cristiano Ronaldo, il più forte e pagato giocatore del mondo assieme a Messi, il portoghese che ha...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La Cia avrebbe un’intercettazione telefonica in cui il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman dice al fratello Khaled, ambasciatore di Riad negli Usa, di «mettere a tacere Jamal Khashoggi il più presto possibile». Lo scrive il quotidiano...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Nikki Pennington è una giovane donna americana. Una mamma. Che cinque anni fa, ha perso la sua, di madre, uccisa da un tumore al cervello. Quella perdita, quel dolore, Nikki ha voluto raccontarla e trasformarla in un blog e in una pagina Facebook,...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Contento di essere a Milano, eh? «A me Milano fa invidia in un modo terribile, perché io ho lavorato sette anni a Roma, al Comune, nell’ultima parte degli anni Novanta e, in quel periodo, c’era un sentimento opposto. Molti amici milanesi...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Alessandro Baricco, recentemente, lo ha chiamato The game (Einaudi). È il grande planisfero della vita digitale che descrive come molte delle caratteristiche distintive della nostra specie, attraverso le sue geografie complesse, siano cambiate a tal...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La forza della volontà e dei sacrifici, la convinzione nel provarci contro tutto e tutti. Robert Kubica torna tempo pieno in Formula 1, correrà con la Williams nella prossima stagione. L’atteso annuncio è arrivato, dopo un anno da riserva il polacco ...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La vita secondo Eros. Amore anzitutto, e cosa vuoi che sia con quel nome di battesimo profetico, ma non solo. Ramazzotti la racconta così nelle canzoni di «Vita ce n’è», il suo quindicesimo album, in uscita giovedì 22 novembre. E per presentarlo...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Fa impressione vedere esposti i lavori di Banksy in un museo, trattati come quadri di un artista accademico, incorniciati, illuminati con fari che non li danneggino, allestiti da un architetto che ne cura la resa estetica. Tutto il contrario di ciò che...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Se il 1968 fu per moltissimi l’alba, speranzosa, di un mondo migliore, per loro fu invece l’inizio della fine. Sì, è un ‘68 rovesciato quello dei Beatles, di cui oggi festeggiamo i 50 anni del White Album, capolavoro doppio, senza titolo, con...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La pasta al forno fa parte di quelle ricette passepartout infallibili: quando la si prepara l'intera casa si riempie di un profumo avvolgente ed è capace di far venire l'acquolina in bocca ancor prima di mettersi a tavola. Si comincia dalla ricetta base ...