Oltre le barriere, Cheick: sarto-atleta con il mito di Michael Jordan

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Da mia nonna Absa ho preso il sorriso e la forza di non arrendermi, anche quando ho capito che avrei dovuto smettere di studiare, perché con le mie gambe deboli non potevo camminare fino a scuola». Nonna Absa diceva: «Dio ti ha dato tutto, anche in carrozzella potrai fare quello che vorrai».
Erano gli anni 90 e Cheick Diattara, tredicenne, viveva a Guédiawaye, sobborgo di Dakar, in Senegal. Oggi che vive a Milano, e di anni ne ha 42, è grato a quegli incoraggiamenti: è riuscito a fare quello che non avrebbe mai creduto. Ovvero, diventare un giocatore di basket professionista: milita nel Basket Seregno Gelsia, squadra di pallacanestro in carrozzella che gioca il campionato italiano di serie B. E, allo stesso tempo, lavora come sarto. «Quando smetterò di giocare vorrei allenare, ma se non succederà avrò sempre il mio lavoro». La serie B è già un bel traguardo, ma non è il primo: anche in Senegal giocava nel campionato e ha fatto anche alcune presenze nella nazionale disabili. A Milano è arrivato quattro anni fa. Sa suonare le percussioni e, seguendo una compagnia di danza per disabili in tournée, è arrivato a Salerno. Lì ha incontrato un altro atleta paraplegico che lo ha presentato ad alcune squadre di pallacanestro. Dopo un’esperienza a Cantù, ha cominciato a giocare nel Seregno, nel ruolo di pivot, sotto la guida di mister Tony Pecoraro. «Ho scoperto di avere la poliomielite a otto anni. All’epoca non c’erano i vaccini. I miei genitori dovevano badare ai miei cinque fratelli, così mi affidarono ai nonni — racconta Cheick —. A Dakar è impossibile muoversi in sedia a rotelle, quindi lasciai la scuola, ma la nonna trovò il centro per disabili dove ho imparato a giocare a basket e a confezionare vestiti, lavoro che faccio ormai da quindici anni».


Al suo arrivo a Milano, ha vissuto per due anni alla Comunità San Marco, poi ha trovato lavoro in una sartoria di via Procaccini e ha preso in affitto un appartamento con un amico. «Per spendere meno ci siamo trasferiti in provincia, ma non è stata una buona idea. A Milano ci sono tante barriere architettoniche, ma fuori i mezzi pubblici sono poco frequenti. Per questo, ho cercato una nuova casa a Affori». Arrivare agli allenamenti è un’impresa, fra montascale e ascensori che non esistono o non funzionano e treni cancellati. Ma il vero problema è tornare a casa dopo l’allenamento che finisce alle 23. Spesso lo accompagnano gli amici. Il Basket Seregno è la sua seconda famiglia. «Siamo un vero team», dice. «Da parte mia, non vivo il mio handicap come problema. Adesso è un momento difficile, perché la sartoria dove lavoravo ha chiuso e mi arrangio preparando abiti che vengono poi venduti da alcune associazioni. Però non mi arrendo. So giocare a basket, cucire, suonare e cucinare bene. Prenderò qualsiasi lavoro mi offriranno». Mentre palleggia o tenta di stoppare un attacco, pensa al futuro. «Ora sono single — scherza —, mi piacerebbe sposarmi, avere un figlio e mandarlo negli Usa a vedere una partita all’Nba». I suoi idoli? «Michael Jordan, ovviamente, e poi Danilo Gallinari».

Tag: #Milano #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...