Oltre le barriere, Cheick: sarto-atleta con il mito di Michael Jordan

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Da mia nonna Absa ho preso il sorriso e la forza di non arrendermi, anche quando ho capito che avrei dovuto smettere di studiare, perché con le mie gambe deboli non potevo camminare fino a scuola». Nonna Absa diceva: «Dio ti ha dato tutto, anche in carrozzella potrai fare quello che vorrai».
Erano gli anni 90 e Cheick Diattara, tredicenne, viveva a Guédiawaye, sobborgo di Dakar, in Senegal. Oggi che vive a Milano, e di anni ne ha 42, è grato a quegli incoraggiamenti: è riuscito a fare quello che non avrebbe mai creduto. Ovvero, diventare un giocatore di basket professionista: milita nel Basket Seregno Gelsia, squadra di pallacanestro in carrozzella che gioca il campionato italiano di serie B. E, allo stesso tempo, lavora come sarto. «Quando smetterò di giocare vorrei allenare, ma se non succederà avrò sempre il mio lavoro». La serie B è già un bel traguardo, ma non è il primo: anche in Senegal giocava nel campionato e ha fatto anche alcune presenze nella nazionale disabili. A Milano è arrivato quattro anni fa. Sa suonare le percussioni e, seguendo una compagnia di danza per disabili in tournée, è arrivato a Salerno. Lì ha incontrato un altro atleta paraplegico che lo ha presentato ad alcune squadre di pallacanestro. Dopo un’esperienza a Cantù, ha cominciato a giocare nel Seregno, nel ruolo di pivot, sotto la guida di mister Tony Pecoraro. «Ho scoperto di avere la poliomielite a otto anni. All’epoca non c’erano i vaccini. I miei genitori dovevano badare ai miei cinque fratelli, così mi affidarono ai nonni — racconta Cheick —. A Dakar è impossibile muoversi in sedia a rotelle, quindi lasciai la scuola, ma la nonna trovò il centro per disabili dove ho imparato a giocare a basket e a confezionare vestiti, lavoro che faccio ormai da quindici anni».


Al suo arrivo a Milano, ha vissuto per due anni alla Comunità San Marco, poi ha trovato lavoro in una sartoria di via Procaccini e ha preso in affitto un appartamento con un amico. «Per spendere meno ci siamo trasferiti in provincia, ma non è stata una buona idea. A Milano ci sono tante barriere architettoniche, ma fuori i mezzi pubblici sono poco frequenti. Per questo, ho cercato una nuova casa a Affori». Arrivare agli allenamenti è un’impresa, fra montascale e ascensori che non esistono o non funzionano e treni cancellati. Ma il vero problema è tornare a casa dopo l’allenamento che finisce alle 23. Spesso lo accompagnano gli amici. Il Basket Seregno è la sua seconda famiglia. «Siamo un vero team», dice. «Da parte mia, non vivo il mio handicap come problema. Adesso è un momento difficile, perché la sartoria dove lavoravo ha chiuso e mi arrangio preparando abiti che vengono poi venduti da alcune associazioni. Però non mi arrendo. So giocare a basket, cucire, suonare e cucinare bene. Prenderò qualsiasi lavoro mi offriranno». Mentre palleggia o tenta di stoppare un attacco, pensa al futuro. «Ora sono single — scherza —, mi piacerebbe sposarmi, avere un figlio e mandarlo negli Usa a vedere una partita all’Nba». I suoi idoli? «Michael Jordan, ovviamente, e poi Danilo Gallinari».

Tag: #Milano #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 19 giugno 2019 ‐ Corriere.it

«Nessun presidente ha mai avuto il consenso del vostro presidente preferito, Donald Trump. Eccetto George Washington, George aveva il 100%». Donald Trump arringa la folla riunita all’Amway Center di Orlando, in Florida, nel discorso con cui lancia la ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’«incontro ravvicinato» del vicepremier Matteo Salvini con un gabbiano alquanto aggressivo, sul tetto del Viminale, i bianchi volatili tornano a far parlare di sé nella capitale in balia degli animali. La scena è stata girata in piena notte,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, fra i tanti luoghi dell’orrore nazifascista, molti sono ormai dimenticati. Se un poco di ricordo ancora oggi sopravvive riguarda, giustamente, fatti dell’Appennino toscoemiliano. Ho cercato notizie di Boves e dell’omonima banda, ma...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo l’intervento che domani la scrittrice Chiara Gamberale farà al Festival Letterature di Massenzio. Le parti in corsivo sono citazioni dei classici (si comincia con La Recherche di Marcel Proust e si chiude con il Macbeth di Shakespeare...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Le parole chiave sono «giudizio dei datori di lavoro» e «impatto della ricerca». È soprattutto su questi parametri che si gioca l’eccellenza delle università italiane. Quelle, almeno, che figurano nell’istantanea scattata dal Qs World...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sara Fattoretto, 32 anni, di Padova, una laurea in Scienze del Servizio Sociale, lavora in una cooperativa che assiste i richiedenti asilo. Dice di essere brava già per conto suo a trovare lavoro alla gente che non ne ha. L’ha fatto con i migranti:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sempre in vantaggio, dalla palla a due al fischio finale, sempre con un margine di sicurezza, anche se senza mai scrollarsi di dosso gli avversari, Venezia si aggiudica gara 5 della finale scudetto contro Sassari (78-65), si porta in vantaggio per 3-2 e...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Giuliani 7Sotto assedio si esalta: con un guizzo neutralizza il sublime tacco di Debinha su corner di Marta, poi si avventura in uscita volante su Ludmila. Fondamentale, nonostante la sconfitta. Guagni 7,5 Coda e eye-liner per una seratona:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

C’è stato un tempo in cui Roma cresceva economicamente, in Pil e occupazione, tre volte di più del resto del Paese. Una stagione che il New York Times aveva ribattezzato «una specie di Rinascimento» e in cui il sindaco della capitale d’Italia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia ha retto fino alla 30’ del secondo tempo, creando anche diverse occasioni pericolose. Poi però il Brasile è venuto fuori, obbligato a vincere per rimanere dentro questo Mondiale. Debinha viene atterrata in area da Linardi, il contatto è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Questa mattina primo vertice di una lunga giornata, con i due vicepremier che incontrano il premier e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Si parlerà di Europa e di economia, sulla quale il presidente Conte spiega: «Non ci interessano...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Si vedranno a tarda sera, dopo il consiglio dei ministri, anche se l’ordine del giorno è molto complesso dopo mesi di inerzia in cui la questione giustizia è stata relegata dal governo tra le varie e le eventuali. Così — dopo aver accettato, su...