Notre Dame, i benefattori ora frenano: versato solo il 9% di 850 milioni Prima e dopo

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Due mesi dopo il rogo e l’emozione in tutto il mondo, stasera alle 18 la cattedrale di Notre Dame da cantiere tornerà a essere un luogo di culto con una messa, celebrata dall’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, davanti a una trentina di persone. All’entrata monsignor Aupetit, il rettore Patrick Chauvet, i preti, qualche operaio e alcuni laici della diocesi di Parigi saranno invitati a mettersi il casco di protezione perché all’interno i lavori sono appena cominciati, la struttura è considerata ancora instabile. I fedeli non potranno entrare — le misure di sicurezza non lo permettono — ma potranno assistere alla messa in diretta tv sul canale cattolico Kto.
La messa sarà un primo momento di raccoglimento, un’occasione per tornare allo spirito di comunione e di unità che aveva percorso non solo la Francia nelle ore successive al disastro, e che ben presto è andato perduto. In queste settimane i progetti di ricostruzione della guglia spezzata e crollata e i piani di ristrutturazione di tutta la cattedrale ferita sono stati accompagnati da molte polemiche, ravvivate ieri dalla notizia che per adesso solo il 9 per cento degli 850 milioni promessi sono stati effettivamente versati, pari a 80 milioni.



A pagare davvero finora sono stati solo i piccoli contributori privati, soprattutto americani, che hanno fornito i soldi usati per retribuire i 150 operai al lavoro nel cantiere aperto subito dopo lo spegnimento dell’incendio. «Ma i grandi donatori non hanno pagato, neanche un centesimo — dice André Finot, portavoce di Notre Dame —. Vogliono sapere esattamente dove finiranno i soldi e scegliere quale parte della ricostruzione finanziare». Subito dopo il rogo, quando i media di tutto il mondo rilanciavano le immagini delle fiamme, le più grandi fortune di Francia avevano ingaggiato una gara di generosità: François Pinault a capo del gruppo Kering ha promesso subito 100 milioni, seguito dal rivale Bernard Arnault patron di Lvmh che ne ha annunciati 200, e da Patrick Pouyanne (Total) e la fondazione Bettencourt Schueller (L’Oréal), 100 milioni ciascuno.
Ma già allora qualcuno criticò questi gesti come una strategia di marketing, e ieri l’assessore del comune di Parigi responsabile degli alloggi, il comunista Ian Brossat, ha commentato «ecco la differenza tra le tasse e la carità: le tasse, sono 100% di riscossione e 0% di pubblicità; la carità è 100% pubblicità e 9% riscossione». Brossat allude agli sgravi fiscali che andrebbero ai benefattori, anche se la famiglia Arnault ha subito precisato che non ne godrà. «I pagamenti saranno effettuati mano a mano che i lavori progrediscono», ha rassicurato il gruppo Lvmh. «Pagheremo come promesso, una volta chiarito il quadro contrattuale», ha detto Jean-Jacques Aillagon per conto della famiglia Pinault. Quando saranno indette le gare di appalto, arriveranno anche i contributi più importanti.
«I mecenati stanno aspettando che venga superata l’attuale incertezza — dice Olivier de Challus, il capo delle guide della cattedrale —, perché non è ancora chiaro quale direzione prenderanno i lavori». Il presidente Macron pretende che tutto sia finito entro cinque anni, è favorevole a un «gesto contemporaneo» per la guglia e per questo ha indetto un concorso internazionale di architetti. Ma molti pensano che distaccarsi dal modello precedente sia un’eresia, e che procedere a tappe forzate per mantenere il traguardo dei cinque anni — in tempo per l’Olimpiade di Parigi — sia troppo rischioso.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Queste le pagelle della Juventus dopo la vittoria in rimonta contro il Lokomotiv Mosca, 2-1 nella terza giornata di Champions League:Szczesny: 6 Due tiri, un gol. Non è colpa sua. Il terzo è centrale, roba facile. Cuadrado: 6,5 Spinta...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Alle porte e sulle finestre delle case di via Santa Maria ci sono i sacchi di sabbia. I vecchi rimedi funzionano ancora. «Ormai abbiamo esperienza» dice quasi con orgoglio Mario Gualco, pensionato. «A quelli in basso ci devi mettere sotto dei panni,...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Sagrestia con luci fioche, scansie di tomi, il profumo dolciastro dell’incenso. C’è una campana che suona lontano. Il giovane frate francescano si volta con un’autentica aria da frate francescano: «Potrei dirle una bugia, e sarebbe comunque un...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Soffre ancora, la Juventus, ma vince. Va sotto con il Lokomotiv Mosca alla mezzora, si ritrova e passa in vantaggio con un doppio Dybala tra il 77’ e il 79’. Per quasi 50’ è timorosamente terza in classifica, finisce prima riagganciando...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

La grande mostra del Louvre rilancia il secolare mistero sul presunto «Salvator Mundi» di Leonardo da Vinci: qui c’è, non c’è e forse arriverà. Nella mostra dedicata ai 500 anni dalla morte dell’artista (domani l’inaugurazione) un «Salvator ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

QAMISHLI - I giochi sono fatti. Il regime di Bashar Assad si espande a raggiera nel cuore di Rojava. Il sogno di una regione autonoma curda in una Siria federale viene sconfitto. Fa da padrino la Russia: Vladimir Putin assume il ruolo di mediatore, pur...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Dopo un anno riparte il dialogo tra le procure del Cairo e di Roma sull’omicidio Regeni. Il procuratore generale egiziano Hamada al Sawi - ha infatti invitato il procuratore capo di Roma ad un incontro al Cairo «al fine di confermare la volontà di...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

La corsa contro il tempo per la Brexit affronta un altro passaggio parlamentare. Questa sera la Camera dei Comuni ha detto sì al Withdrawal Agreement Bill, in pratica il testo dettagliato dell’accordo per la separazione consensuale tra Londra e...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Nel libro dei Guinness dei primati sono presenti i nomi di coloro che hanno portato a termine i record più disparati. La maggior parte sono illustri sconosciuti, ma non mancano le star di Hollywood. A questi è dedicata l'ultima rassegna di «Business...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Dal punto di vista sartoriale un matrimonio invernale è un vero e proprio campo minato, perché bisogna riuscire a rimanere al caldo pur sfoggiando l'outfit scelto e senza sentirsi infagottati, evitando al tempo stesso il total black. Insomma, un...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Non è dimostrabile che la questione abbia a che fare con i cambiamenti climatici planetari. Di sicuro c’è che il cambiamento di posizione di un faro ultracentenario in Danimarca ha fatto il giro del mondo dei media. La costa esposta all’erosione...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

La Cassazione ha confermato la prima sentenza affermando che il «Mondo di mezzo» non è mafia. In primo grado la presidente della decima sezione penale, Rosaria Ianniello, aveva respinto l’ipotesi di un’associazione mafiosa, sostenendo...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Il triplice confronto dei club italiani con la «new wave» austro-tedesca (Inter e Roma contro i due Borussia e Napoli - di nuovo - contro il Red Bull Salisburgo) è una buona occasione per risalire a un fiume dalla doppia sorgente (come la Moldava) che ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Dolorosa svolta nel giallo sulla scomparsa di Luciana Fantato, la casalinga 59enne di Gambolò (PV) della quale non si avevano più notizie dal 10 novembre 2017. Gli esami del Dna sul corpo ritrovato lo scorso 23 giugno in un’area golenale del torrente ...

Pubblicato martedì, 22 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

A poche ore dalla scadenza del cessate il fuoco (le 22 locali, le 21 in Italia), deciso da Ankara dopo una trattativa con gli Stati Uniti, le forze curdo-siriane hanno annunciato di essersi ritirate dalla zona di sicurezza nel nord-est del paese come...