Notre Dame, i benefattori ora frenano: versato solo il 9% di 850 milioni Prima e dopo

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Due mesi dopo il rogo e l’emozione in tutto il mondo, stasera alle 18 la cattedrale di Notre Dame da cantiere tornerà a essere un luogo di culto con una messa, celebrata dall’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, davanti a una trentina di persone. All’entrata monsignor Aupetit, il rettore Patrick Chauvet, i preti, qualche operaio e alcuni laici della diocesi di Parigi saranno invitati a mettersi il casco di protezione perché all’interno i lavori sono appena cominciati, la struttura è considerata ancora instabile. I fedeli non potranno entrare — le misure di sicurezza non lo permettono — ma potranno assistere alla messa in diretta tv sul canale cattolico Kto.
La messa sarà un primo momento di raccoglimento, un’occasione per tornare allo spirito di comunione e di unità che aveva percorso non solo la Francia nelle ore successive al disastro, e che ben presto è andato perduto. In queste settimane i progetti di ricostruzione della guglia spezzata e crollata e i piani di ristrutturazione di tutta la cattedrale ferita sono stati accompagnati da molte polemiche, ravvivate ieri dalla notizia che per adesso solo il 9 per cento degli 850 milioni promessi sono stati effettivamente versati, pari a 80 milioni.



A pagare davvero finora sono stati solo i piccoli contributori privati, soprattutto americani, che hanno fornito i soldi usati per retribuire i 150 operai al lavoro nel cantiere aperto subito dopo lo spegnimento dell’incendio. «Ma i grandi donatori non hanno pagato, neanche un centesimo — dice André Finot, portavoce di Notre Dame —. Vogliono sapere esattamente dove finiranno i soldi e scegliere quale parte della ricostruzione finanziare». Subito dopo il rogo, quando i media di tutto il mondo rilanciavano le immagini delle fiamme, le più grandi fortune di Francia avevano ingaggiato una gara di generosità: François Pinault a capo del gruppo Kering ha promesso subito 100 milioni, seguito dal rivale Bernard Arnault patron di Lvmh che ne ha annunciati 200, e da Patrick Pouyanne (Total) e la fondazione Bettencourt Schueller (L’Oréal), 100 milioni ciascuno.
Ma già allora qualcuno criticò questi gesti come una strategia di marketing, e ieri l’assessore del comune di Parigi responsabile degli alloggi, il comunista Ian Brossat, ha commentato «ecco la differenza tra le tasse e la carità: le tasse, sono 100% di riscossione e 0% di pubblicità; la carità è 100% pubblicità e 9% riscossione». Brossat allude agli sgravi fiscali che andrebbero ai benefattori, anche se la famiglia Arnault ha subito precisato che non ne godrà. «I pagamenti saranno effettuati mano a mano che i lavori progrediscono», ha rassicurato il gruppo Lvmh. «Pagheremo come promesso, una volta chiarito il quadro contrattuale», ha detto Jean-Jacques Aillagon per conto della famiglia Pinault. Quando saranno indette le gare di appalto, arriveranno anche i contributi più importanti.
«I mecenati stanno aspettando che venga superata l’attuale incertezza — dice Olivier de Challus, il capo delle guide della cattedrale —, perché non è ancora chiaro quale direzione prenderanno i lavori». Il presidente Macron pretende che tutto sia finito entro cinque anni, è favorevole a un «gesto contemporaneo» per la guglia e per questo ha indetto un concorso internazionale di architetti. Ma molti pensano che distaccarsi dal modello precedente sia un’eresia, e che procedere a tappe forzate per mantenere il traguardo dei cinque anni — in tempo per l’Olimpiade di Parigi — sia troppo rischioso.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...