Notre Dame, i benefattori ora frenano: versato solo il 9% di 850 milioni Prima e dopo

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Due mesi dopo il rogo e l’emozione in tutto il mondo, stasera alle 18 la cattedrale di Notre Dame da cantiere tornerà a essere un luogo di culto con una messa, celebrata dall’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, davanti a una trentina di persone. All’entrata monsignor Aupetit, il rettore Patrick Chauvet, i preti, qualche operaio e alcuni laici della diocesi di Parigi saranno invitati a mettersi il casco di protezione perché all’interno i lavori sono appena cominciati, la struttura è considerata ancora instabile. I fedeli non potranno entrare — le misure di sicurezza non lo permettono — ma potranno assistere alla messa in diretta tv sul canale cattolico Kto.
La messa sarà un primo momento di raccoglimento, un’occasione per tornare allo spirito di comunione e di unità che aveva percorso non solo la Francia nelle ore successive al disastro, e che ben presto è andato perduto. In queste settimane i progetti di ricostruzione della guglia spezzata e crollata e i piani di ristrutturazione di tutta la cattedrale ferita sono stati accompagnati da molte polemiche, ravvivate ieri dalla notizia che per adesso solo il 9 per cento degli 850 milioni promessi sono stati effettivamente versati, pari a 80 milioni.



A pagare davvero finora sono stati solo i piccoli contributori privati, soprattutto americani, che hanno fornito i soldi usati per retribuire i 150 operai al lavoro nel cantiere aperto subito dopo lo spegnimento dell’incendio. «Ma i grandi donatori non hanno pagato, neanche un centesimo — dice André Finot, portavoce di Notre Dame —. Vogliono sapere esattamente dove finiranno i soldi e scegliere quale parte della ricostruzione finanziare». Subito dopo il rogo, quando i media di tutto il mondo rilanciavano le immagini delle fiamme, le più grandi fortune di Francia avevano ingaggiato una gara di generosità: François Pinault a capo del gruppo Kering ha promesso subito 100 milioni, seguito dal rivale Bernard Arnault patron di Lvmh che ne ha annunciati 200, e da Patrick Pouyanne (Total) e la fondazione Bettencourt Schueller (L’Oréal), 100 milioni ciascuno.
Ma già allora qualcuno criticò questi gesti come una strategia di marketing, e ieri l’assessore del comune di Parigi responsabile degli alloggi, il comunista Ian Brossat, ha commentato «ecco la differenza tra le tasse e la carità: le tasse, sono 100% di riscossione e 0% di pubblicità; la carità è 100% pubblicità e 9% riscossione». Brossat allude agli sgravi fiscali che andrebbero ai benefattori, anche se la famiglia Arnault ha subito precisato che non ne godrà. «I pagamenti saranno effettuati mano a mano che i lavori progrediscono», ha rassicurato il gruppo Lvmh. «Pagheremo come promesso, una volta chiarito il quadro contrattuale», ha detto Jean-Jacques Aillagon per conto della famiglia Pinault. Quando saranno indette le gare di appalto, arriveranno anche i contributi più importanti.
«I mecenati stanno aspettando che venga superata l’attuale incertezza — dice Olivier de Challus, il capo delle guide della cattedrale —, perché non è ancora chiaro quale direzione prenderanno i lavori». Il presidente Macron pretende che tutto sia finito entro cinque anni, è favorevole a un «gesto contemporaneo» per la guglia e per questo ha indetto un concorso internazionale di architetti. Ma molti pensano che distaccarsi dal modello precedente sia un’eresia, e che procedere a tappe forzate per mantenere il traguardo dei cinque anni — in tempo per l’Olimpiade di Parigi — sia troppo rischioso.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Un altro figlio per Ilary Blasi? Questo è il desiderio di Francesco Totti che vorrebbe allargare la famiglia, sperando nell'arrivo di un nuovo bebè. I due, genitori di Chanel, Cristian che a 14 sta cercando di ripercorrere le orme calcistiche del padre ...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Servant — la serie Apple Tv+ disponibile sul servizio di streaming dal 28 novembre al ritmo di un episodio di trenta minuti alla settimana — ripensa un genere: la sitcom, ossia situation comedy. E lo trasforma in quel che si potrebbe definire...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

«Con Mittal c'è un negoziato in corso — ha spiegato il capo del governo —, abbiamo delle controproposte molto efficaci nella direzione che avevamo concordato, il negoziato è solo all'inizio. Il dossier è complesso e delicato e non possiamo...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Il paradosso è che mister 20 titoli sia in balia di un’onda molto anomala che rischia di travolgerlo definitivamente. Spartiacque per Carlo Ancelotti diventa la qualificazione agli ottavi di Champions. Non che l’esito della sfida contro il Genk,...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Dicembre e palestra non sono sinonimi, per la maggior parte degli italiani: il 71% degli italiani, infatti, preferisce rinviare gli allenamenti oltre le feste natalizie. Questo è il quadro emerso dalla ricerca dell’associazione «NutriMente»,...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

«Le emergenze climatiche non sono qualcosa che avrà un impatto sul futuro, che avrà effetto sui bambini nati oggi una volta adulti. Hanno già effetto sulle persone che vivono oggi». Lo ha detto Greta Thunberg aprendo la conferenza stampa organizzata ...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Li chiamavamo delitti passionali o raptus di gelosia, contribuendo per anni ad alimentare, tra le vittime di violenza, il dubbio che di mezzo ci fosse l’amore. Delitti così, all’epoca, non finivano neanche sui giornali. E anzi, erano considerati...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Una notizia che farà piacere agli interisti: per la sfida di martedì sera di Champions a San Siro il Barcellona non ha convocato Lionel Messi. L’allenatore Valverde ha deciso di risparmiare la sua stella, che ha appena vinto il sesto Pallone d’oro...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Giuste le borracce d’acqua al posto delle bottigliette di plastica, ma vi siete mai chiesti qual è la vostra «impronta ecologica» quando addentate una coscia di pollo? Se non lo avete mai fatto, è ora che usciate dalla vostra beata ignoranza. E non ...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Lo storico israeliano Yuval Noah Harari ha una straordinaria capacità di allargare il suo campo di indagine e di analisi senza annacquare i temi trattati, incastrando i pezzi del puzzle presi da scatole di varia provenienza: storia, biologia,...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per 4 antagonisti che il 25 aprile 2018 al corteo pubblico antifascista per l’anniversario della Liberazione si scagliarono, come più volte avvenuto, contro i rappresentanti della Brigata ebraica....

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

I ladri sono entrati nella casa di Luca Argentero, volto lanciato dal reality «Grande Fratello» nel 2003 e oggi apprezzato attore, tra i più amati in Italia, e hanno portato via qualcosa di prezioso per lui. Con un post su Twitter, Argentero ha...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Alla fine si è scusato anche Boris Johson. La foto di Jack Williment-Barr, quattro anni, steso sul pavimento dell’ospedale di Leeds perché non c’erano letti liberi ha fatto il giro del web. Sarah, la mamma, alla stampa inglese ha raccontato che al...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Barbara Guerra e Alessandra Sorcinelli, due delle giovani ospiti alle serate a luci rosse nella villa di Arcore di Silvio Berlusconi, anni fa andarono a vivere «in comodato d’uso» e senza nemmeno «pagare le utenze» in due ville realizzate...

Pubblicato lunedì, 09 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

La pazienza del Pd è (quasi) esaurita. O Giuseppe Conte riesce, da qui a poche settimane, a rilanciare il governo, o sará meglio prenderne atto. L’accelerazione del Nazareno arriva attraverso le parole di Goffredo Bettini, il dirigente dem che per...