Niccolò e il video per Mihajlovic «Battiamo insieme la malattia»

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Contro la leucemia la determinazione da sola non basta. La mia partita la sto giocando. Dura più di novanta minuti ma sono in vantaggio. Pensiamo insieme a portare a casa il risultato». È l’incoraggiamento inviato attraverso YouTube da Niccolò B., 14 anni, a Sinisa Mihajlovic, l’allenatore del Bologna che due giorni fa ha annunciato di essere malato e ieri, con un giorno di anticipo sul programma, è entrato nel reparto di Ematologia dell’Istituto Seragnoli del policlinico Sant’Orsola di Bologna per iniziare la terapia.
Il mister di origini serbe è stato sommerso da un «mare d’affetto». Ma quello di Niccolò attraverso YouTube è un messaggio speciale. Il ragazzino, tifosissimo di calcio e del Foggia, lotta contro la leucemia da quasi un anno. «Nicoforza», come si fa chiamare sui social, è nella sua abitazione, un «santuario» del Foggia calcio. La mamma Marilena lo deve costringere ad abbandonare una partita online, una delle sue passioni. «Quando ho sentito la notizia dell’allenatore del Bologna — racconta seduto sulla sua poltrona rossonera, come i colori foggiani — mi è dispiaciuto molto. So come si sta in quei momenti, ci sono passato. Nessuno dovrebbe avere la leucemia. Per affrontarla bisogna avere accanto persone che ci vogliono bene, e anche Sinisa, per fortuna, ne ha tante. Io penso che sia stato meglio che questa cosa sia capitata a me, che sono forte e ho tante persone attorno, e non a chi è solo e deve affrontare tutto senza aiuto».



Niccolò, che ha da poco concluso gli esami di terza media («Sono andati molto bene»), ha saputo di essere malato il 20 luglio 2018. «Da quel giorno è cambiato tutto. Quando mi portarono in ospedale non credevo che la mia vita sarebbe cambiata totalmente. Uno si chiede anche perché sia accaduto proprio a te». Ma per «Nicoforza» la vita non si è trasformata solo in negativo: «Sembra strano dirlo ma da quel giorno qualcosa è cambiata anche in meglio. Perché mi ha fatto valorizzare le cose positive». Sulla sua scrivania ci sono un pallone con le firme dei calciatori del Foggia, la sciarpa rossonera e le foto fatte all’ospedale di San Giovanni Rotondo quando la sua squadra del cuore gli ha fatto visita. «Sono molto tifoso e questo mi aiuta tanto — continua a raccontare mentre abbraccia il pallone che gli hanno regalato i suoi beniamini —. La squadra mi ha dedicato anche molti striscioni in campo». Oggi la società non naviga in buone acque. È fallita e il futuro è incerto ma per i veri tifosi, come Niccolò, anche questo periodo passerà: «Se la squadra ce l’hai nel cuore tifi comunque, in qualsiasi situazione si trovi». Intanto lui si diverte a giocare al pc al calcio anche sfidando alcuni calciatori del Foggia: «Quando sono venuti a trovarmi li ho stracciati. Forse — dice poi con un filo d’ironia — mi hanno lasciato vincere».
Il tifo, la musica — da alcuni anni suona la tromba — e i video su YouTube sono le grandi passioni che aiutano Niccolò ad andare avanti con più forza. Più forza per sé e per gli altri. «Io faccio i video — continua — perché spero che diano carica a quelli che si trovano nella mia stessa situazione. Devono capire che non sono soli». In tanti hanno risposto ai suoi messaggi, pure personaggi come Fedez, J-Ax e Favij. Ora attende anche le parole dell’allenatore del Bologna. «Sinisa non mi ha ancora risposto. L’importante — conclude Niccolò — è che mantenga la sua mentalità, la sua ferocia per combattere la malattia. Lui anche quando giocava non si arrendeva mai. Dobbiamo portare a casa il risultato insieme. Magari possiamo organizzare una partita amichevole di calcio tra il suo Bologna e il mio Foggia. Oppure può venire qui a giocare a Fifa. Ma deve stare attento perché lo posso stracciare...».

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...