Neonazi contro il capo di Siemens «Finirai ucciso come meriti»

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

BERLINO Per essere il capo di Siemens, una delle aziende simbolo del sistema Germania, Joe Kaeser è un’eccezione fra i grandi manager tedeschi. Non parliamo qui delle sue capacità imprenditoriali, che sono notevoli, riconosciute e non dissimili da quelle di tanti altri suoi colleghi. No, nel paesaggio dell’industria renana Kaeser è un numero a parte perché prende spesso e volentieri posizione su temi politici attuali e controversi.
Molto presente sui social media, Kaeser critica le esternazioni razziste di Alice Weidel, la co-presidente dei deputati di AfD al Bundestag quando definisce con disprezzo Kopftuch-Mädel le ragazze musulmane che portano il velo. Cancella la partecipazione a una conferenza di investitori a Riad dopo il brutale assassinio del giornalista Jamal Khashoggi nei locali del consolato saudita di Istanbul. Da ultimo prende le difese di Carola Rackete, la capitana della Sea Watch, «arrestata per aver salvato vite umane».



Ora Joe Kaeser ha un problema. Da tempo oggetto di insulti e accuse via email o e twitter, il capo di Siemens ha ricevuto nei giorni scorsi una minaccia di morte. Con una firma e un riferimento che fanno compiere un preoccupante salto di qualità alla vicenda. «I tipi come te hanno bisogno di essere trattati come Lübcke», è scritto sul messaggio di posta elettronica che gli è stato recapitato. Indirizzo del mittente: adolf.hitler@nsdap.de. Dove Lübcke sta per Walter Lübcke, il prefetto di Kassel e dirigente della Cdu assassinato all’inizio di giugno sul terrazzo di casa sua da un notorio neo-nazista, probabilmente aiutato da complici, ora agli arresti dopo una lunga caccia. Un delitto che ha scosso il Paese e soprattutto ha svelato quanto pericolosa e sanguinaria sia la trama dell’estrema destra radicale in Germania.
Kaeser, 62 anni, non ha esitato a rendere pubblico l’avvertimento di morte, inoltrandolo via il suo account twitter. «Ci sono segnali che la digitalizzazione è arrivata all’Inferno: ora anche il diavolo ha una mail», ha commentato. «La mia risposta — ha aggiunto — è #neverforget, #NieWieder, #NazisRaus», non dimentichiamo, mai più, via i nazisti». Kaeser ha specificato che Siemens non ha presentato alcuna denuncia, ma che la Procura del Land ha deciso di aprire un’inchiesta.
La rete ha reagito in grande maggioranza esprimendo apprezzamento per il coraggio di Joe Kaeser. Di più, a un sondaggio anonimo interno fra i dipendenti della Siemens su cosa pensino del fatto che il loro top-manager faccia spesso esternazioni politiche, il 90% ha risposto di trovarlo giusto. Ma come ha fatto notare ieri la Süddeutsche Zeitung, solo un assordante silenzio arriva dal mondo dell’imprenditoria tedesca: perché, si chiedono molti imprenditori, dovremmo esprimere un’opinione politica se questo ci può alienare i nostri clienti? Certo ci sono aziende e aziende. I critici di Kaeser obiettano che per il capo di Siemens dire pubblicamente la sua è più facile, poiché vende turbine, apparecchiature mediche o treni, quindi i suoi clienti sono soprattutto Stati o aziende pubbliche non privati cittadini.
Ma il problema della posizione di un imprenditore nella società rimane: «Chi si tiene in disparte dalla politica — commenta Thomas Fromm sul giornale bavarese — perché teme di danneggiare i propri affari, non ha capito che i manager in quelle posizioni hanno una responsabilità pubblica e quindi sono anche un riferimento».
E comunque anche Kaeser rischia. Qualche giorno fa non ha esitato a criticare Matteo Salvini per il caso di Carola Rackete, definita dal ministro dell’Interno «una comunista tedesca ricca e viziatella». Giusta o sbagliata è una critica non priva di alea, Siemens essendo presente sul mercato italiano dal 1899. «Chi salva vite umane non può essere arrestato, a differenza di chi uccide e semina odio», aveva scritto Kaeser.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

MASSA- Magari ci riesce il silenzio. Se non è servito il messaggio, se non è bastato il ricordo, se è stato ignorato l’ideale che Sophia rappresenta, allora può darsi che amore e rispetto si possano trasmettere anche senza voce. Alessio ci ha...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Milano Messaggi, scambi di meme, persino qualche battuta. Obiettivo: «Ricostruire la fiducia con Luigi». Matteo Salvini ha trascorso gran parte della giornata in casa, con la figlia Mirta e il ministro Lorenzo Fontana con moglie e figlia. Un sabato...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

ROMA L’imponderabile succede alle nove di sera, quando una fiammata riaccende una partita che pareva destinata a morire di tatticismo. Perché non solo riparte prepotentemente il treno del governo Pd-M5S, che solo qualche ora prima sembrava destinato a ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

new york Sei minuti a piedi, tanti ne bastano per arrivare dall’abitazione di Andrea Zamperoni all’ostello in cui il capo chef di Cipriani Dolci, noto ristorante affacciato sul maestoso atrio di Grand Central, è stato trovato morto mercoledì sera...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Le sirene della Lega si affievoliscono, quelle del voto si fanno sentire ancora forte, mentre il dialogo con il Partito democratico continua a sembrare l’unica via di uscita per uscire dalla crisi. Il Movimento 5 Stelle tiene le caete coperte, giocando ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Fuochi d’artificio ed entusiasmo al Franchi per la prima di campionato tra Fiorentina e Napoli. E non solo per la curiosità verso i nuovi arrivi - debuttano Boateng e Ribéry - e per i due rigori assegnati con il nuovo regolamento. Vincono gli azzurri ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

BIARRITZ Mentre tra Hendaye e Irun, alla frontiera franco-spagnola, migliaia di manifestanti sfilavano contro il G7 contestando l’idea stessa di un club che riunisce una volta l’anno i leader delle sette democrazie più ricche, all’Hotel du Palais...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ne ha viste tante Americo Lanciottti, 69 anni, in tutta la sua vita di pastore. Persino cose che con le greggi avevano poco a che fare. Eh sì, perché qui, a 1800 metri d’altitudine, al Lago della Duchessa - nell’omonima Riserva, sotto il Monte...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Dietro il primo (presunto) crimine umano nello Spazio si nasconde una vicenda piuttosto terra terra. Una comune e dolorosa separazione di coppia, benché tra due donne, e non qualunque: le protagoniste sono Summer Worden, ex agente dell’intelligence...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Una banda perfetta, composta da una dozzina di persone. Una ciurma guidata da un paio di ufficiali di Marina, uno ucraino e l’altro russo. Per la polizia turca hanno rubato un gran numero di yacht e barche a vela di lusso nel Mediterraneo. Ora Ankara...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono foto che oltre a documentare un evento ne influenzano il corso, come quella della bambina vietnamita bruciata dal napalm, che affossò il sostegno degli americani alla guerra. Oggi, quella della foresta pluviale orlata dal fuoco: ritwittata più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

J effrey Epstein adorava «la sensazione che provi quando trovi la risposta giusta a un rompicapo», come disse in un’intervista del 2003 con Bloomberg sulla sua isola privata di Little St. James. Incontrò il giornalista nel gazebo, perché nella...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Alighiero Noschese è stato il primo e unico uomo con cui ho diviso un programma 50 e 50 senza gelosie. Era un signore: in quel 1973 di austerity in cui facevamo Formula Due e non sempre si poteva circolare, lui aveva l’auto Rai e io no e passava a...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Esiste un legame tra livello di intelligenza di una persona e il suo stato di salute, con ripercussioni anche sulla longevità. In particolare, sembra esserci uno specifico rapporto tra il livello di intelligenza mostrato da bambini o da giovani e la...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Al matrimonio di una coppia di amici, Bill Duncan ha guardato la sua Anne e le ha detto commosso: «E noi, quando ci sposiamo?». Anne è rimasta sorpresa per due motivi: Bill, a causa della sua malattia, parla ormai pochissimo, non dice quasi più...