Neonazi contro il capo di Siemens «Finirai ucciso come meriti»

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

BERLINO Per essere il capo di Siemens, una delle aziende simbolo del sistema Germania, Joe Kaeser è un’eccezione fra i grandi manager tedeschi. Non parliamo qui delle sue capacità imprenditoriali, che sono notevoli, riconosciute e non dissimili da quelle di tanti altri suoi colleghi. No, nel paesaggio dell’industria renana Kaeser è un numero a parte perché prende spesso e volentieri posizione su temi politici attuali e controversi.
Molto presente sui social media, Kaeser critica le esternazioni razziste di Alice Weidel, la co-presidente dei deputati di AfD al Bundestag quando definisce con disprezzo Kopftuch-Mädel le ragazze musulmane che portano il velo. Cancella la partecipazione a una conferenza di investitori a Riad dopo il brutale assassinio del giornalista Jamal Khashoggi nei locali del consolato saudita di Istanbul. Da ultimo prende le difese di Carola Rackete, la capitana della Sea Watch, «arrestata per aver salvato vite umane».



Ora Joe Kaeser ha un problema. Da tempo oggetto di insulti e accuse via email o e twitter, il capo di Siemens ha ricevuto nei giorni scorsi una minaccia di morte. Con una firma e un riferimento che fanno compiere un preoccupante salto di qualità alla vicenda. «I tipi come te hanno bisogno di essere trattati come Lübcke», è scritto sul messaggio di posta elettronica che gli è stato recapitato. Indirizzo del mittente: adolf.hitler@nsdap.de. Dove Lübcke sta per Walter Lübcke, il prefetto di Kassel e dirigente della Cdu assassinato all’inizio di giugno sul terrazzo di casa sua da un notorio neo-nazista, probabilmente aiutato da complici, ora agli arresti dopo una lunga caccia. Un delitto che ha scosso il Paese e soprattutto ha svelato quanto pericolosa e sanguinaria sia la trama dell’estrema destra radicale in Germania.
Kaeser, 62 anni, non ha esitato a rendere pubblico l’avvertimento di morte, inoltrandolo via il suo account twitter. «Ci sono segnali che la digitalizzazione è arrivata all’Inferno: ora anche il diavolo ha una mail», ha commentato. «La mia risposta — ha aggiunto — è #neverforget, #NieWieder, #NazisRaus», non dimentichiamo, mai più, via i nazisti». Kaeser ha specificato che Siemens non ha presentato alcuna denuncia, ma che la Procura del Land ha deciso di aprire un’inchiesta.
La rete ha reagito in grande maggioranza esprimendo apprezzamento per il coraggio di Joe Kaeser. Di più, a un sondaggio anonimo interno fra i dipendenti della Siemens su cosa pensino del fatto che il loro top-manager faccia spesso esternazioni politiche, il 90% ha risposto di trovarlo giusto. Ma come ha fatto notare ieri la Süddeutsche Zeitung, solo un assordante silenzio arriva dal mondo dell’imprenditoria tedesca: perché, si chiedono molti imprenditori, dovremmo esprimere un’opinione politica se questo ci può alienare i nostri clienti? Certo ci sono aziende e aziende. I critici di Kaeser obiettano che per il capo di Siemens dire pubblicamente la sua è più facile, poiché vende turbine, apparecchiature mediche o treni, quindi i suoi clienti sono soprattutto Stati o aziende pubbliche non privati cittadini.
Ma il problema della posizione di un imprenditore nella società rimane: «Chi si tiene in disparte dalla politica — commenta Thomas Fromm sul giornale bavarese — perché teme di danneggiare i propri affari, non ha capito che i manager in quelle posizioni hanno una responsabilità pubblica e quindi sono anche un riferimento».
E comunque anche Kaeser rischia. Qualche giorno fa non ha esitato a criticare Matteo Salvini per il caso di Carola Rackete, definita dal ministro dell’Interno «una comunista tedesca ricca e viziatella». Giusta o sbagliata è una critica non priva di alea, Siemens essendo presente sul mercato italiano dal 1899. «Chi salva vite umane non può essere arrestato, a differenza di chi uccide e semina odio», aveva scritto Kaeser.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...