Nella banca dati del Dna ci sono solo 6mila profili  (su 160mila ex detenuti)

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono sessanta persone, nel nostro Paese, che hanno avuto la certezza matematica di essere criminali sfortunati, ammesso che nel loro caso si possa parlare di sfortuna. Sfortunati perché sono stati smascherati come autori di un reato grazie alla nostra Banca dati nazionale che oggi contiene soltanto una piccola, piccolissima parte (6 mila su 160 mila) della montagna di dati che potevano incastrarli. Le tracce biologiche dei 60 sono state prelevate sulla scena di un crimine e schedate come appartenenti a soggetti «ignoti». Ma poi, immesse nella Banca dati, ecco il match: la coincidenza perfetta fra il profilo «ignoto» e il codice genetico di un detenuto, ex detenuto o indiziato di reato che invece un nome e un cognome ce l’ha. È la prova della responsabilità ed è quasi impossibile smontarla.
E adesso i numeri. Sono 15 i laboratori che dal 19 gennaio 2017 stanno creando l’archivio nazionale delle identità biologiche e tutti sono passati dal severissimo giudizio di due enti di controllo: il Cnbbsv, il Comitato della Presidenza del Consiglio, e di Accredia, la società che certifica l’osservazione di regole e garanzie per la scienza, per la sicurezza informatica e per la privacy. Sei sono i laboratori privati, autorizzati all’analisi dei campioni. Otto sono invece quelli delle forze dell’ordine: Ris e Polizia scientifica, autorizzati anche all’immissione dei dati nella Banca. Finora proprio i Ris e la Scientifica hanno inserito circa 13 mila profili ignoti prelevati sulle scene dei delitti. Ma quei profili non servono a nulla senza il confronto con gli altri che consentono di risalire a un nome e un cognome. E qui entra in scena il laboratorio più importante, il quindicesimo: quello centrale di Roma, a Rebibbia.


Lì finiscono tutti i campioni di Dna prelevati con il tampone salivale alla popolazione carceraria, agli ex detenuti e agli indiziati di reato che si è deciso di schedare quando è partita la Banca dati. In tutto 160 mila persone. Il laboratorio centrale, che funziona con circa 50 fra biologi e informatici, ha avuto tutte le carte in regola per partire il 27 dicembre 2017 e da allora ha inserito 6.000 profili di quei 160 mila stabiliti in partenza. Quindi ha lavorato al ritmo di 375 identità genetiche al mese. Il che significa che, a parità di avanzamento, per inserire i 154 mila profili mancanti servirebbero 34 anni.
Le cause di tanta lentezza sono da cercare nell’effetto imbuto che si crea in quell’unico laboratorio romano, gestore di un flusso di dati così grande. Ma anche nella burocrazia, nelle regole rigidissime a cui attenersi per ogni singolo passaggio e, non ultimo, nella mancanza di investimenti per potenziare il sistema. «Guardare soltanto i numeri è fuorviante, la questione può essere vista anche da angolature diverse» premette Renato Biondo, biologo, dirigente della Polizia di Stato e direttore della Banca dati nazionale del Dna. «Per esempio: farei notare che otto laboratori delle forze dell’ordine hanno inserito in due anni 13 mila profili mentre il laboratorio centrale, da solo, ne ha inseriti 6.000 in sedici mesi. Questo ci dice che non stiamo parlando di lentezza nel lavoro. Ma io — riflette — farei una valutazione più ampia partendo dal 2009, quando il nostro Paese, ultimo in Europa, decise di dotarsi della Banca dati. Fra allora e oggi abbiamo creato il laboratorio centrale che non esisteva, lo abbiamo affidato al Corpo di polizia penitenziaria che non aveva biologi, che quindi si sono dovuti formare da zero. I laboratori accreditati hanno un altissimo standard qualitativo che rende i risultati inattaccabili. Tutto questo richiede tempo, professionalità da perfezionare sempre più, aggiornamenti tecnologici continui. E poi non dimentichiamo che per inserire ogni singolo profilo di Dna è necessario passare dal consenso dell’autorità giudiziaria e anche questo frena i tempi. Ma sono ottimista», considera Biondo, che confida nelle macchinette americane di ultima generazione per avere profili genetici certificati e di cui però le norme italiane non prevedono l’utilizzo.
L’ultima notizia dal fronte della Banca dati è il prossimo collegamento del nostro archivio nazionale con quelli tedesco e austriaco. Fra pochi mesi saremo collegati al milione di profili genetici che i tedeschi hanno inserito nella loro Banca a partire dal 2000. Basteranno 15 minuti per un match mentre servono soltanto pochi secondi se il confronto è tutto italiano. Per dirla con l’ottimismo di Biondo: «Sulla qualità siamo già i migliori. Troveremo il modo di velocizzare tutto e disfarci degli arretrati. Ce la faremo». Ne sanno qualcosa i 60 ladri, rapinatori, stupratori seriali già incastrati. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nel gp in corso a Montecarlo, un errore nei calcoli del remote garage ha portato alla qualifica disastrosa di Charles Leclerc, subito eliminato. Nel 2012 il Corriere della Sera è entrato proprio in quella stanza segreta di Maranello e ha vissuto da lì...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nelle prime file e su su per la collinetta, ancora intrisa di fango, cantano tutti. Eppure il ragazzo in questione che sta incantando tutti dal palco non ha ancora pubblicato un album vero e proprio, non ha fatto promozione massiccia di sé e dei suoi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

La produzione delle ciliegie è quella che sta soffrendo di più, con oltre il 50% del prodotto in prima raccolta andato distrutto per effetto del maltempo che ha colpito le principali regioni produttrici, dalla Puglia all’Emilia Romagna alla Campania...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un terremoto di magnitudo 8 è stato registrato in un’area disabitata del Perù, nella regione amazzonica del Paese, secondo quanto riferisce l’Istituto geofisico americano. Il sisma è avvenuto alle 02:41 ora locale (le 09:41 in Italia) ad una...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva paura del sovraffollamento, per cui aveva cambiato i suoi programmi e spostato la data della scalata: «Sono sicuro che andare il 25 significherà trovare meno persone, a meno che non facciano tutti lo stesso calcolo», aveva scritto sui social...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

E’ morto Vittorio Zucconi, giornalista e scrittore: aveva 74 anni. Lo ha annunciato Repubblica sul suo sito. E’ stato anche corrispondente per il Corriere della Sera da Mosca durante la Guerra Fredda. Modenese di Bastiglia Zucconi, che era nato il 16 ...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Seggi aperti alle 7 in tutta Italia per l’election day per eleggere 76 deputati europei (tre dei quali si insedieranno solo dopo la Brexit), i sindaci di 3.812 Comuni, tra i quali 27 capoluoghi, il presidente della Regione Piemonte e i consiglieri...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Non posso raccomandare agli ebrei tedeschi di indossare la kippah in qualsiasi momento». A dirlo, in un’intervista ai giornali del gruppo Funke, non è una persona qualunque ma l’incaricato del governo federale per la lotta all’antisemitismo,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Prendi una tappa del Giro d’Italia 102 (la 15ª, da Ivrea a Como) i cui ultimi 80 chilometri sono la replica perfetta di quelli del Giro di Lombardia, con le scalate al Ghisallo, alla Colma di Sormano e al Civiglio prima della picchiata sul lago di...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Due rimonte da meno quindici per approdare a un successo (100-94) che vale la vittoria in gara 6, la chiusura sul 4-2 nella finale Est contro i Milwaukee Bucks e, soprattutto, un aggancio con la storia: Toronto porta infatti per la prima volta il Canada...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

È ancora un caso aperto quello della professoressa sospesa dall’ufficio scolastico provinciale di Palermo per 14 giorni per un lavoro realizzato dai suoi alunni che avevano tracciato un parallelo tra le leggi razziali del ‘38 e il decreto sicurezza...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Ognuno arriva con il suo progetto nel taschino. C’è quello che ha solo una bella idea e vuole imparare le regole del gioco dell’industria editoriale per confezionarla. Oppure quello cha ha concepito racconti, ma vorrebbe partorire un romanzo. O chi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

L'ultima giornata di campionato - che si giocherà sabato 25 e domenica 26 maggio - sarà decisiva per alcune squadre di serie A, ancora alle prese con le qualificazioni di Champions League (Atalanta, Inter, Milan e Roma) e la lotta salvezza (Genoa,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nei ricordi d’infanzia (a tavola) di Neri Marcorè c’è una nonna che stranamente cucinava peggio della mamma — «Comprava solo muggine, perciò da ragazzino il pesce non mi piaceva proprio: ora invece lo amo» — tanti, tanti, vincisgrassi, le...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Dato per morto negli anni Duemila, il gioco di ruolo (o Gdr) oggi gode invece di ottima salute. Tra i complici di questa rinascita c'è una serie Tv, Stranger Things, e il capostipite del genere, Dungeons & Dragons, che ora hanno unito le forze per...