Mourinho, provocatore o vittima?Scholes lo boccia: «Ma lui è così»

Pubblicato giovedì, 08 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Il giorno prima, a precisa domanda («Rifarebbe il gesto con le tre dita dell’andata o si è pentito?»), José Mourinho non aveva risposto, spostando l’attenzione sull’ossessione e «i cattivi ricordi» che hanno gli juventini nei suoi confronti, a differenza della società con la quale «c’è rispetto reciproco». Il giorno dopo l’ennesima sceneggiata, stavolta con la mano all’orecchio dopo la rimonta negli ultimi minuti allo Stadium, l’allenatore del Manchester United si conferma l’autentico «Special One» nel dividere gli animi e i giudizi: provocatore seriale all’ennesima puntata (i cori sono durati pochi minuti, non certo 90’ come ha detto lui) oppure rivoluzionario dissacrante e nemico dell’ipocrisia?
Quasi tutto si riduce a tifo, pro o contro Mourinho: da una parte il popolo in fibrillazione degli antijuventini, che al bar ha portato la mano all’orecchio per prendere in giro l’amico di turno. Dall’altra quello dei tifosi bianconeri che — al di là degli ultrà che hanno insultato Mou — forse avrebbero preferito non risvegliare l’istinto da teatrante del portoghese, che con il rumore dei nemici è tornato a divertirsi come non faceva da un po’. Al punto da oscurare l’imboscata del suo United in casa della Juve (che non perdeva allo Stadium nella fase a gironi dal 2009) e soprattutto il gol strepitoso segnato da Cristiano Ronaldo, alla sua prima rete in Champions con la maglia bianconera.
«No class». Così il tabloid Sun, che delle buone maniere non sembra aver mai fatto una sua bandiera, ha accolto Mourinho al ritorno in Inghilterra, bacchettandolo «per aver macchiato una notte di gloria per lo United». I dirimpettai del Mirror hanno puntato sul «Turin pride» e sull’orgoglio ritrovato dai Diavoli Rossi maltrattati a Old Trafford dalla Juve. Paul Scholes, leggenda United, sottolinea che «non era necessario fare quello che ha fatto José, ma lui è fatto così».
Lui, in conferenza, dopo aver ribadito di essere stato insultato per 94’, cosa non vera, ha contrattaccato alla domanda di una giornalista spagnola che si era permessa di chiedergli se la sua non fosse stata «una mancanza di rispetto verso gli avversari». «Ho solo fatto quel gesto perché volevo sentire i cori più forte. Hanno insultato la mia famiglia e la famiglia interista. Io sono un professionista e durante la partita non penso al mio passato e al fatto che ho allenato Inter, Chelsea o Madrid».
Resterebbe da capire perché lui è l’unico professionista che reagisce sempre agli insulti — all’andata lo fece addirittura durante la partita, con la sua squadra che cercava il pareggio — mentre non è certo l’unico che viene pesantemente attaccato dal tifo idiota. Carlo Ancelotti dopo Juve-Napoli ha replicato solo ai microfoni, con sarcasmo: «Mi consolo con la Champions vinta nel 2003...». Perché alla fine si torna sempre lì. Ma ognuno col suo stile.

Tag: #Sport

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Nikki Pennington è una giovane donna americana. Una mamma. Che cinque anni fa, ha perso la sua, di madre, uccisa da un tumore al cervello. Quella perdita, quel dolore, Nikki ha voluto raccontarla e trasformarla in un blog e in una pagina Facebook,...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Contento di essere a Milano, eh? «A me Milano fa invidia in un modo terribile, perché io ho lavorato sette anni a Roma, al Comune, nell’ultima parte degli anni Novanta e, in quel periodo, c’era un sentimento opposto. Molti amici milanesi...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Alessandro Baricco, recentemente, lo ha chiamato The game (Einaudi). È il grande planisfero della vita digitale che descrive come molte delle caratteristiche distintive della nostra specie, attraverso le sue geografie complesse, siano cambiate a tal...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La forza della volontà e dei sacrifici, la convinzione nel provarci contro tutto e tutti. Robert Kubica torna tempo pieno in Formula 1, correrà con la Williams nella prossima stagione. L’atteso annuncio è arrivato, dopo un anno da riserva il polacco ...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La vita secondo Eros. Amore anzitutto, e cosa vuoi che sia con quel nome di battesimo profetico, ma non solo. Ramazzotti la racconta così nelle canzoni di «Vita ce n’è», il suo quindicesimo album, in uscita giovedì 22 novembre. E per presentarlo...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Fa impressione vedere esposti i lavori di Banksy in un museo, trattati come quadri di un artista accademico, incorniciati, illuminati con fari che non li danneggino, allestiti da un architetto che ne cura la resa estetica. Tutto il contrario di ciò che...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Se il 1968 fu per moltissimi l’alba, speranzosa, di un mondo migliore, per loro fu invece l’inizio della fine. Sì, è un ‘68 rovesciato quello dei Beatles, di cui oggi festeggiamo i 50 anni del White Album, capolavoro doppio, senza titolo, con...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

La pasta al forno fa parte di quelle ricette passepartout infallibili: quando la si prepara l'intera casa si riempie di un profumo avvolgente ed è capace di far venire l'acquolina in bocca ancor prima di mettersi a tavola. Si comincia dalla ricetta base ...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

«Dov’è la bianca, dov’è?». Sono entrati cercando proprio lei. Al calar della sera, dopo aver seminato il terrore nelle stradine polverose di Chakama, piccolo villaggio a 70 chilometri da Malindi, in sei si sono fiondati, armati di kalashnikov e...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Marmi nascosti in capannoni di campagna e busti (non ancora catalogati) in procinto di essere ceduti al Getty Museum con tanto di incontri a Los Angeles per trattare le condizioni di cessione. Statue dell’impero romano promesse a musei esteri senza...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Di sicurezza scolastica se ne parla tantissimo, se ne fa pochissima. Nel giorno in cui si celebra la giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, il 22 novembre, Cittadinanzattiva promuove appuntamenti in moltissime scuole, da Bologna a Napoli, da...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

D'accordo che in inverno la tua voglia di uscire a correre è sottozero come la temperatura esterna, ma con l'abbigliamento giusto, puoi comunque dedicarti alla tua attività fisica preferita senza rischiare il congelamento. Tutto quello che devi fare,...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Luciano Spalletti lei ha preso l’Inter fuori dall’Europa e l’ha portata in Champions. Cosa ha trovato e a che punto è la costruzione?«Il nemico maggiore era la mancanza di fiducia. Ho cercato di far capire ai calciatori che tutti eravamo di...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Solo mercoledì l’ultimo incidente. A Civate, provincia di Lecco, un violento tamponamento tra più veicoli: tre i feriti, nessuno in pericolo di vita. Due settimane fa lo schianto tra due mezzi pesanti a Briosco. Un camion con rimorchio si è...

Pubblicato giovedì, 22 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Quando Mancini dice che adesso possiamo giocare contro chiunque tranne la Francia va creduto o è una battuta eccitata che è lecito passargli? Con questo giudizio Mancini pensa a molte cose: al lavoro fatto in pochi mesi che ora è tempo di sottolineare ...