Molise, 1 milione in più a kilometro:  i «costi-benefici» del doppio binario

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

È l’unico tratto ancora a binario unico della dorsale ferroviaria Adriatica, rimasto immutato da quando lo inaugurò Vittorio Emanuele II nel novembre del 1863 (più di 155 anni fa): la distanza che separa Termoli da Lesina rappresenta da sempre, a livello ferroviario, un collo di bottiglia di 34 chilometri tra Molise e Puglia. Dopo anni di attesa — durante i quali, sull’opposto versante tirrenico è stata costruita la linea ad Alta velocità ferroviaria — finalmente nelle scorse settimane è stato pubblicato il bando di gara per il raddoppio dei binari che prevede la presentazione delle offerte entro il prossimo 18 gennaio. Tutto bene ciò che finisce bene? Macché. Il bando riguarda soltanto 14 dei 34 chilometri complessivi, relativi alla sola parte pugliese. Perché, per la parte molisana, il Molise si oppone al cosiddetto raddoppio «in sede». Per i molisani il secondo binario non deve essere fatto in parallelo al primo (come accade in ogni parte del mondo, laddove sia possibile) perché il traffico più intenso deturperebbe il litorale. Eppure, come sa chi ha percorso almeno una volta la linea ferroviaria Adriatica, da Rimini a San Severo il treno passa spesso a ridosso del mare, anche nei pressi delle rinomate località della riviera pesarese ed abruzzese.
Il litorale da tutelare, per i molisani, è quello di Campomarino lido. Località turistica poco conosciuta, tanto poco da suscitare, nel 2012, la curiosità dell’allora amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, che si recò personalmente sul posto per capire il perché delle proteste degli ambientalisti molisani. Notando — queste le sue parole dell’epoca — «che tra ferrovia e Strada statale, c’erano 30 metri di monnezza». Da qui l’appello agli ambientalisti, affinché terminassero l’opposizione all’opera, anche perché «laddove c’è la ferrovia vicino al mare non sono arrivate le case fino in spiaggia. Facciamolo lì questo secondo binario, senza aspettare altre varianti». Come è finita? Il tratto molisano si farà (ma dopo i 14 chilometri pugliesi), in variante, così come sempre voluto dagli ambientalisti. L’analisi costi-benefici — oggi molto di moda per la Torino-Lione ma che mai nessuno ha chiesto per questa piccola ma attesa opera — è presto fatta: ai benefici (presunti) di un litorale con un solo binario e non due, si contrappongono tempi più lunghi per la realizzazione del tratto molisano e costi più alti di circa 170 milioni, dai previsti 430 a poco meno di 600 milioni. Che, per una ventina di chilometri, significano quasi 1 milione a chilometro in più a carico del Molise.

Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Si tratta di due riviste di Berlino, «Zitty» e «TipBerlin» che, tra le loro pubblicazioni, hanno anche un inserto per gli abbonati dedicato alla televisione, con la programmazione bisettimanale dei canali tedeschi. Proprio sulla copertina...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Domani è il Piatek day, oggi squalificato e perciò assente di lusso nella sfida fra Genoa e Milan nel pomeriggio. Dopo la partita le delegazioni delle due dirigenze prenderanno un appuntamento per definire martedì il passaggio del polacco ai rossoneri ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Dal nostro inviato CRACOVIA «Le truppe speciali tedesche erano ragazzi come voi, soltanto che invece di studiare uccidevano ebrei». Lo storico della Shoah Marcello Pezzetti, a poche ore dalla visita nei lager di Auschwitz e Birkenau, è in piedi su ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Buttiamo via qualche pregiudizio? Sei un tipo da liceo classico se… Se ti piace studiare, e non e te ne devi vergognare. Esistono davvero ragazzi a cui piace studiare! gente controcorrente, gente fortissima. Ma non sono tanti… Se ti piace studiare… ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

È morto domenica 20 gennaio, a 78 anni, in seguito alle complicazioni legate al morbo di Parkinson, l’ex agente della Cia Tony Mendez, protagonista della vera operazione «Argo» («Canadian Caper»), da cui aveva preso spunto Ben Affleck per il film ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Gli unici ad agire concretamente in dissenso rispetto alla linea sui migranti dei 5 Stelle, allineata a quella della Lega, sono i senatori Elena Fattori, Paola Nugnes e Gregorio De Falco (quest’ultimo ex, dopo l’espulsione). Nei giorni scorsi hanno...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Eugenio FumagalliArrestato il 26enne che ha causato l’incidente sulla Milano-Meda ed è fuggito subito dopo, lasciando due giovani fidanzati intrappolati nella loro Fiat Seicento. La Polizia Stradale ha arrestato Davide Provenzale per fuga ed omissione ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Politiche attive addio. E pensare che sembravano l’unico obiettivo in grado di mettere d’accordo i diversi partiti del lavoro. L’assegno di ricollocazione è la “dote” da spendere in formazione e orientamento, presso il collocamento pubblico o...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

I colori del mare, lo scintillio del sole al tramonto, le divise... ops, costumi rossi dei protagonisti come non li abbiamo mai visti. Torna in tv la squadra dei Los Angeles County Lifeguards (da lunedì 21 gennaio alle 15.10 su Spike, canale 49 del...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Gli sciatori che salgono sul Monte Hermon hanno trovato le seggiovie chiuse per un giorno. E’ l’unica misura di sicurezza imposta dai militari, per il resto al confine con la Siria la vita – è ancora un ordine – deve continuare come sempre. O...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo solo con il suo tamburo e la sua protesta, circondato da un gruppo di studenti, con i cappellini rossi del trumpiano «Make America Great Again». Venerdì 18 gennaio, Washington, inizia il «weekend delle marce»: gli anti-abortisti «pro life» ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Nelle canzoni parlo di me, se poi il mio compagno si chiama Gigi D’Alessio è un problema di altri». Anna Tatangelo mette in chiaro le cose. La cantante si prepara al suo settimo Festival di Sanremo dove porterà «Le nostre anime di notte», brano...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Ecco, ci siamo, oggi 21 gennaio 2019 è il Blue Monday il giorno più triste dell’anno, che cade il terzo lunedì del mese di gennaio. L’origine di questa celebrazione tanto malinconica (che però ha davvero poco di scientifico) e tutta inglese è da ...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

In banca i prezzi salgono ancora. Negli ultimi tre mesi, fra novembre e il 16 gennaio scorso, è aumentato del 3,7% (a 142 euro l’anno) l’Indicatore sintetico di costo annuo (Isc, valore indicativo) dei migliori conti correnti allo sportello per le...

Pubblicato lunedì, 21 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

La basilica si svelerà passo passo, salendo dall’ampia scalinata che porterà i viaggiatori fuori dal fossato della Pusterla fin sul piano stradale. «Sarà un’apparizione spettacolare», assicura la soprintendente Antonella Ranaldi. Cambia infatti...