Milena Vukotic: «Ero per tutti la Pina di Fantozzi. Ora, a 84 anni, ho scoperto di essere bella»

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Da quando è scesa sulla pista di Ballando con Stelle, Milena Vukotic ha conquistato tutti. Un trionfo di complimenti meritati. Per la sua bravura come ballerina, lascito di un passato nella danza che le ha regalato una grazia che dalle movenze si riflette nei modi. Ma anche per la sua bellezza, che le consente di portare straordinariamente bene gli 84 anni che compirà il 23 aprile. Un ribaltamento di prospettiva sorprendente e inatteso per lei, che nei panni dimessi della signora Pina Fantozzi, è entrata nell’immaginario collettivo. «Mi ripeto che devo stare concentrata su cosa ancora c’è da fare, ma per quanto ci si ubriachi di buoni proponimenti, di fronte a tutte le belle parole l’emozione ha il sopravvento».
Immaginava che Pina sarebbe stata così fondamentale per la sua carriera? «Villaggio era un genio, quindi un po’ lo pensavo. Aveva creato degli archetipi. All’inizio, mi aveva detto: dimenticati ogni velleità, ormai siamo dei clown. E ho aderito, sono molto disciplinata».



Si è mai pentita? «Mai, anche perché quella è una maschera universale. Ho cercato di sviluppare tutte le sue possibili sfumature. Penso di averlo fatto. Al punto che un giorno, invitata a colazione a casa di Paolo, dopo aver aperto la porta, la colf disse: signora, è arrivata la moglie di suo marito. Paolo rise molto, ci volevamo bene. In generale, credo conti avere consapevolezza di fare ciò che ci appassiona».
Ma prima di essere attrice è stata ballerina: era nel Grand Ballet du Marquis de Cuevas. «Ho dedicato alla danza una frazione della mia vita: anche se l’ho abbandonata molto tempo fa, ora un po’ mi avvantaggia. Ricordo quegli anni come una specie di servizio militare: bisognava sposare il rigore. Non è un peso se senti di amare quello che fai».
Solo che, a un certo punto, ha sentito di amare la recitazione, è così? «E’ successo dopo aver visto La strada, di Fellini. Mi ha illuminata: ho capito che volevo recitare. Così mi sono buttata, ho ricominciato da zero. Ma volevo incontrarlo: mi aveva dato un segno».
Ci è riuscita? «Sì. All’appuntamento sono andata con una lettera di presentazione che mi è rimasta in tasca: è stato subito amichevole, sapeva mettere chiunque a suo agio. Ero andata dal parrucchiere, cosa che non mi capita spesso, e lui mi aveva messo una mano in testa. Negli anni siamo diventati amici, ma non gli ho detto che per me era stato così fondamentale».
Ha lavorato anche con Luis Buñuel: come lo ricorda? «Un altro maestro. Abbiamo fatto tre film. Prima di incontrarlo avevo chiamato proprio Federico per chiedergli un parere, come ormai facevo abitualmente. Era entusiasta, mi aveva detto di salutarglielo e prima di mettere giù mi aveva chiesto: ma... quanti anni ha? Anche Buñuel, poi, era stato felicissimo di ricevere i suoi saluti: mi aveva detto che lo amava molto, mille complimenti. E prima che andassi, mi aveva chiesto: ma... quanti anni ha?».
Ha recitato per loro, Risi, Scola, Bertolucci, Monicelli... «Sono stata fortunata, senza dubbio. Ora mi piacerebbe farlo per Gianni Amelio, Nanni Moretti, Alice Rohrwacher. E Sorrentino, certo, ma ammetterlo è un po’ imbarazzante perché in passato mi aveva cercata... poi non siamo riusciti... vedremo».
Nella sua carriera ha avuto spesso il ruolo di moglie, no? «Mogli e fidanzatine disgraziate, zitelle... Personaggi che ho sempre curato con felicità, cercando di renderli veri. Avendo un fisico che non corrisponde a certi schemi di bellezza, forse era inevitabile. Ricordo un mio incontro con Renato Castellani. Mi disse: ma lei cosa vuole fare? Il cinema? Bisogna essere o belle come Gina Lollobrigida o avere una tipologia marcata come Anna Magnani: lei non ha una cosa e nemmeno l’altra, le consiglio di lasciar perdere».
Parole non semplici... «Eh, insomma... ma aveva detto ciò che pensava. Anni dopo mi volle per un suo film: non se ne ricordava. Certo, vedersi affidare sempre certi ruoli, un po’ ti segna».
A cosa pensa? «Ad esempio, a quando Lattuada mi scelse per Venga a prendere il caffè da noi. Io, Angela Goodwin e Francesca Romana Coluzzi dovevamo essere tre emblemi della bruttezza. A una avevano dovuto mettere una cosa in bocca, all’altra deformavano il viso con il trucco... a me, invece, non avevano fatto niente: andavo bene così».
Che effetto le fa sentirsi dire oggi che è bella? «Mi fa sorridere. L’età c’è, ma è bello festeggiare l’essere in vita. Riguardo al fisico, penso sia la danza ad avermi aiutata, chissà. Mi tengo stretta queste belle parole».
Per lei è una rivincita? «Non saprei, forse in un certo senso... Ma, tornassi indietro, non cambierei nulla. Non ho rimpianti, visto come è andata. Sempre Fellini mi diede un consiglio che per me resta importante: nei limiti della decenza, bisogna fare tutto».

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Dal «boss dell’energia eolica» sospettato di mafia, Vito Nicastri, sono arrivati «elementi utili» a sostenere l’accusa di corruzione contro il senatore ex sottosegretario leghista Armando Siri e l’imprenditore Paolo Arata, che di Nicastri è...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È un regno di cioccolata e glassa, profuma di zucchero, cacao e cannella, quello di Elisa e Marylise. Tra panna, creme, mousse, muffin e biscotti, la vita per loro è ricominciata a 40 anni. Amiche da sempre, complici nei momenti difficili, ora socie...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, nella sua risposta a Pietro Murialdo lei argomenta in modo efficace la sua avversione per fascismo e comunismo. In larga misura comprendo e condivido le sue ragioni. Ciononostante mi sento idealmente comunista, per quella radice che...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Contro la leucemia la determinazione da sola non basta. La mia partita la sto giocando. Dura più di novanta minuti ma sono in vantaggio. Pensiamo insieme a portare a casa il risultato». È l’incoraggiamento inviato attraverso YouTube da Niccolò...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Chi non è contento degli Stati Uniti, può anche andarsene». Donald Trump va allo scontro totale con «le quattro parlamentari socialiste»: Alexandria Ocasio Cortez, distretto di New York; Rashida Tlaib del Michigan; Ayanna Pressley del...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Io valgo. Valgo. Ho capito che ce la posso fare pure io». I grandi occhi di Giorgio non ce l’hanno fatta a contenere le lacrime. Sgorgavano come un torrente in piena. Seduto in cima alla duna di sabbia, dopo uno sforzo per lui immane, le onde...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

SCICLI (RAGUSA) Era andata a lavorare come ogni sera in quel ristorante di Cava d’Aliga, una frazione marinara di Scicli, nel Ragusano. Aveva terminato il turno da cameriera e in compagnia di un collega stava andando a buttare la spazzatura caricata su ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il tormento e l’estasi. Il panico e il giubilo nei tinelli della nazione. Ieri l’Inghilterra celebrava un traguardo agognato per anni: e non perché avessero finalmente portato a compimento la Brexit. Ma perché per la prima volta la nazionale,...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

BERLINO Per essere il capo di Siemens, una delle aziende simbolo del sistema Germania, Joe Kaeser è un’eccezione fra i grandi manager tedeschi. Non parliamo qui delle sue capacità imprenditoriali, che sono notevoli, riconosciute e non dissimili da...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«È chiaro che il migliore di ogni tempo deve uscire dalla terna Djokovic, Federer e Nadal. Ma come si fa a non considerare Rod Laver? E Ken Rosewall dove lo mettiamo? E Bill Tilden, che dominò gli Anni 20 e 30? Sa cosa le dico: facciamo che il più...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva salutato la squadra il giorno della partenza per Bormio, dove ieri è salito a far sentire il suo appoggio. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, non annuncia mai il suo blitz nel ritiro. Ma arriva sempre quando è il momento di fare il punto...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Chissà se Matteo Salvini, scottato dal pasticcio russo, saprà finalmente capire che l’ossessione compulsiva dei selfie può anche portare male. Una malattia con molti e spiacevoli effetti collaterali: come fai a dire di ignorare Gianluca Savoini se...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Ha cercato di nascondere le prove del crimine, ma non c’è riuscito. Troppe le tracce e gli indizi: la polizia ha arrestato un uomo di 27 anni con l’accusa di aver assassinato in modo brutale la biologa americana Suzanne Eaton a Creta. E secondo i...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Come un «giovanissimo aspirante guerriero» diventa uomo d’impresa. Romano Artioli, bolzanino di origini mantovane, classe 1932, ex proprietario di Bugatti e Lotus, lo racconta in un’autobiografia che ha l’urgenza della confessione, il filo...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È il 2080, il 95 per cento di Venezia è sommerso ed è rimasto soltanto un pugno di residenti. La città è diventata il polo museale Venice Park -Venezia 2.0, gestito da un Ente Parco che la monitora in tutti i modi, estrema evoluzione dei tornelli di ...