Milano, le prime sanzioni alla movida: Navigli blindati. «Rischio stop, basta ressa»

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Ieri ad abbassare la soglia di rischio ci ha pensato un temporale di quelli che il distanziamento lo creano in modo naturale mandando tutti a casa a riprendere confidenza col divano. Quindi per fare i conti con i primi effetti festaioli della movida bisogna tornare indietro a venerdì sera, quando la città è tornata precipitosamente da bere, senza troppe attenzioni ai nuovi codici di comportamento. Tavolini selvaggi.
Che poi non sarebbe del tutto un problema, dato che le stesse forze dell’ordine in questo primo weekend caotico di Fase 2 sono a caccia di assembramenti e sul fronte del suolo pubblico prevale la tolleranza. Però poi succede quello che è capitato venerdì sera in una piazza 25 Aprile gremita come non si vedeva neanche in certe serate dorate pre-Covid. Arriva la polizia locale e vengono multati per occupazione di suolo pubblico due locali che affacciano sulla piazza, con momenti di tensione dovuti al fatto che dopo mezzanotte corso Como e dintorni non sono frequentati da astemi. Per lo stesso motivo, un altro locale è stato multato in via Rembrandt. Intervenuti perché nella zona sono arrivate centinaia di segnalazioni. Volevano colpire gli assembramenti, ma poi hanno scoperto «un’esagerata occupazione» di spazio pubblico. Ufficialmente la piattaforma del Comune per richiedere la prolunga esterna è attiva da venerdì. Già duecento le richieste arrivate, alcune anche in forma collettiva. «Ci siamo impegnati ad approvare le richieste entro 15 giorni, nei casi più semplici anche meno - spiega l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. Possono richiederlo non solo bar e ristoranti, che per ora come prevedibile sono in maggioranza, ma è anche un’occasione per altre attività commerciali, come librerie o negozi, anche per allargarsi non in prossimità».



La Lombardia, come del resto le altre regioni d’Italia, in questo momento di ripartenza in punta di piedi, non si possono permettere gli scherzi della movida. Il governatore Attilio Fontana l’ha ribadito ieri: «Siamo pronti a intervenire anche con nuove restrizioni, per evitare che tutto il lavoro svolto fin qui grazie alla buona volontà della maggioranza dei cittadini, venga vanificato da alcuni incoscienti». Fontana fa di nuovo appello ai prefetti e sindaci lombardi affinché usino il massimo del rigore. Sullo sfondo restano le due soluzioni limite: riduzione dell’orario e chiusura.
Da ieri intanto è partita la task force più strutturata pensata dalle forze dell’ordine per mettere in sicurezza il primo weekend di Fase 2, con uomini di polizia e carabinieri già a pattugliare in Navigli dalle prime ore del pomeriggio, prima che arrivasse la pioggia ad abbattere ogni velleità di movida. Quello che colpisce è il sempre più alto numero di segnalazioni che arrivano da cittadini delatori. Per esempio in piazzale Giulio Cesare, dove nonostante non ci siano particolari bar a fare da calamita, centinaia di ragazzi si sono portati da bere da casa mettendosi la colonna sonora dalla auto parcheggiate, con i «vicini di casa» che non hanno gradito, mentre erano davanti alla televisione a guardare i dati del contagio.
Casi di assembramenti che non sono piaciuti al vicinato anche dalle parti di via Lecco e sono finiti in una lettera di denuncia inviata da Marco Cagnolati, consigliere del municipio 3 di Forza Italia: «Nel nome della salute pubblica, bisognerebbe sgomberare invece che pedonalizzare gli spazi davanti ai locali». Si alzano polemiche anche sulla «Monza by night», con segnalazioni (preoccupate) di gruppi di 30-40 ragazzi ammassati per strada nella notte di venerdì. Urla, canti, baci e abbracci. Prima del gran finale: fuochi d’artificio sparati da un cestino dell’immondizia in mezzo ai palazzi.

Tag: #Milano #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...