Milan, missione quarto posto Il futuro di Gattuso è in bilico

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

MILANO La lunga notte del Diavolo. Smarrito, svuotato, impaurito. E spalle al muro: polverizzato anche il terzo obiettivo stagionale su quattro — dopo Europa League e Supercoppa italiana, l’addio alla Coppa Italia con la Juve ormai fuori dai giochi resterà un enorme rimpianto che ha indispettito non poco Elliott — ora tutto ruota attorno al fondamentale quarto posto che vale i 50 milioni della prossima Champions. Una disperata caccia all’oro, roba da dentro o fuori. Perché il Milan lì non può fallire.
Altrimenti la stagione che doveva essere della ripartenza si trasformerà non solo nell’ennesima annata fallimentare, ma in un macigno che rotolerebbe anche su quella a venire: senza Champions, e col fiato dell’Uefa sul collo per il financial fair play, sarebbe a quel punto inevitabile sacrificare almeno uno o due dei giocatori migliori. Altro che campagna estiva di rafforzamento. Insomma: il futuro rossonero passa da qui. Dalle prossime cruciali cinque giornate. A partire dalla prima, lo spareggio di domenica a Torino. Contro una squadra che, a differenza del Milan che nelle ultime 7 partite ha vinto una volta sola, va a mille.



Spalle al muro il Milan, spalle al muro Gattuso. Col passare dei giorni il suo futuro appare sempre più incerto, sempre più distante. A fine stagione con ogni probabilità le strade si separeranno. Con o senza quarto posto. Nomi? Ovviamente tutto dipende dall’esito dell’annata, perché un conto è proporre un progetto che include la Champions, un altro senza. I nomi più caldi sono Jardim e Sarri nel primo caso, con Pochettino più sfumato visto l’exploit europeo del suo Tottenham. Di Francesco, Giampaolo e De Zerbi gli identikit nel caso di piano B. Improbabile invece un terremoto prima della fine, a meno ovviamente di clamorose imbarcate che costringerebbero il club a scelte drastiche. Ma resta un’ipotesi estrema, improbabile, la linea societaria è ormai chiara: avanti insieme, fino alla fine.
È quello che è emerso anche ieri durante il faccia a faccia fra Gattuso e i dirigenti Leonardo e Maldini. I tre hanno parlato a lungo: di scelte tattiche, di giocatori, ma soprattutto di un piano per venire fuori dalla crisi prima che sia troppo tardi. Stiamo uniti, il messaggio. L’imperativo è conservare il quarto posto. A tutti i costi. Nella discussione sono finite anche alcune scelte di Gattuso. Che sarebbe però sbagliato considerare l’unico colpevole di una crisi più ampia. Innegabile abbia commesso errori, a partire dai continui esperimenti tattici che nelle ultime settimane hanno generato ulteriore confusione. O i gol subiti in fotocopia. O lo scarso spazio concesso a Cutrone. Ma c’è di più.
La crisi di molti uomini chiave, per esempio. Su tutti Suso e Calhanoglu. Due ombre, così come lo sono le troppe riserve mai davvero all’altezza. Laxalt e Castillejo sono davvero da Milan? Dubbi enormi. C’è poi una condizione fisica generale precipitata, insieme a quella mentale. E c’è anche la sfortuna: Calabria si è rotto il perone, stagione finita. L’unica buona notizia è la classifica. Il Diavolo è quarto. Significa che il destino è ancora nelle sue mani.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Sport

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’ennesima porta in faccia ricevuta, ha scritto un post sui social per sfogarsi. «Questo mese ho girato come una matta per trovare un lavoro, ma ho incontrato solo gente, che io reputo ignorante, che mi ha guardata e mi ha detto che ho un aspetto ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Se il rendimento dei titoli di Stato italiani si abbassa al livello di quelli spagnoli (circa 150 punti base in meno) già il prossimo anno si potrebbero risparmiare 5 miliardi di euro in spesa per interessi»., ha anche detto Boccia. «Se la crescita...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nei giorni scorsi è stata firmata una circolare da parte dell’Ispettorato nazionale del lavoro, organo controllato dal ministero del Lavoro e quindi dal relativo ministro, Luigi Di Maio. La circolare dà la sua interpretazione sui criteri che gli...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un altro grande gruppo tecnologico cinese sotto la lente di osservazione (mirino) negli Stati Uniti. La Hikvision di Hangzhou, 34 mila dipendenti, produce telecamere di sorveglianza. Ne ha piazzate centinaia di milioni in Cina e ne ha vendute in tutto il ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Black Mirror tornerà tra pochissimo: l'appuntamento con la quinta stagione è fissato per il 5 giugno su Netflix. Dopo l'esperimento Bandersnatch, il primo contenuto interattivo «per grandi» a esistere sulla piattaforma di streaming, la nuova stagione ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Due ore e mezza di coda (per fortuna sotto un cielo non più piovoso) per conquistare un posto alla prima mondiale del nuovo Quentin Tarantino, Once Upon a Time… in Hollywood, C’era una volta a… Hollywood, in Italia da metà settembre. Ne valeva la ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Perché i coach di The Voice Of Italy indossano gli stessi abiti in tutte le puntate delle Blind Audition?». Questa domanda non ha fatto dormire i telespettatori di «The Voice Of Italy» per settimane. Il mistero è presto svelato: esigenze di...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Giallo in via Ricciarelli, zona San Siro. In un appartamento al piano terra di un condominio Aler è stato trovato il corpo senza vita di un bambino di due anni con evidenti segni di violenza. La telefonata al centralino del 112 è arrivata alle 6.02. A ...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

La ranista lituana Ruta Meilutyte, che lo scorso anno aveva annunciato di soffrire di depressione, mercoledì ha annunciato il ritiro a 22 anni. Campionessa olimpica e del mondo, la giovane ha spiegato: «Sono pronta a iniziare un nuovo capitolo della...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Partenza: Carpi, piazza dei Martiri. Arrivo: Novi Ligure, strada Serravalle. Menu di giornata: 221 chilometri completamente piatti, con traguardi volanti a San Zenone Po (il villaggio del grande Gianni Brera, di cui si festeggia il centenario con...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Non tutti i rebus legati alle panchine dei maggiori club di Serie A sono stati sciolti, anzi. Sarri è balzato in cima alla top ten delle preferenze della Juventus, scalzando Simone Inzaghi che a giorni riceverà una proposta di rinnovo di contratto da...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Massimo Osanna resta alla guida della Direzione generale del Parco archeologico di Pompei. Lo ha deciso questa mattina il ministro per i Beni culturali Alberto Bonisoli dopo aver concluso i colloqui con i candidati finali. La nomina era attesissima....

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

-Continua a ripetere di essere fortunata, Anastacia. Non è una posa, nemmeno una strategia. Più le si parla e più ci si rende conto che la sua è quella speciale consapevolezza che arriva solo dall’esperienza: se affronti le difficoltà con la...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

C'è chi organizza i propri spostamenti e le proprie vacanze in funzione di ristoranti e attrazioni legate al food e chi, più semplicemente, anche durante le trasferte non vuole rinunciare al cibo buono. La verità è che, spesso, sono proprio le vie...

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Corriere.it

A circa due mesi dall’inizio ufficiale della relazione tra Matteo Salvini e Francesca Verdini, la coppia si sarebbe già separata. A dare la notizia è stato il profilo twitter “Il Portaborse”, che conta 30 mila followers, poi rilanciata dal sito...