Messico, guerra ai ladri di benzina Così Amlo sfida i cartelli messicani

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Nulla ferma gli «huachicoleros», i ladri di benzina. Scavano nel terreno fino a raggiungere le tubature della Pemex, la compagnia petrolifera messicana, infilano una connessione e succhiano litri su litri. Attorno a loro, sicari pronti a far fuoco, poco lontani gli «halcones», le vedette, che danno l’allarme. Scavatori ed esperti faticano gomito a gomito, a volte sono seguiti da persone che somigliano agli scuoiatori di bisonti: portano via ciò che resta. Ossia poco.
Sono feroci e con il gusto della beffa. Nel febbraio di un anno fa a San Martín Texmelucan, la capitale dei predoni, una pattuglia ha notato uno strano andirivieni davanti ad una piccola statua dedicata alla Vergine di Guadalupe. Civili armati di bidoni si rifornivano da un tubo che sbucava sotto la piccola struttura. Gli agenti sono andati a controllare e hanno scoperto che non era acqua santa, bensì benzina fatta arrivare con una deviazione dalla rete nazionale.


Un sistema criminale che è costato dal 2016 qualcosa come 7,4 miliardi di dollari, una perdita stimata in 60 mila barili al giorno. Per questo il nuovo presidente Andrés Manuel López Obrador, detto Amlo, ha lanciato un’offensiva di contrasto. Aveva promesso una svolta e ha scelto un insidioso campo di battaglia. Con esiti non voluti.
La sua prima mossa è stata quella di sospendere la fornitura attraverso le pipeline che partono dalla grande raffineria di Salamanca: d’ora in poi — ha annunciato — i carichi saranno portati dalle autocisterne. Un cambio per arginare il saccheggio visto che è stato calcolato un’infiltrazione delle gang ogni chilometro e mezzo del network sotterraneo.
Solo che la misura ha provocato una penuria di carburante con file gigantesche davanti ai distributori, proteste, polemiche. I camion ci mettono più tempo e il loro impiego costa anche dodici volte di più. Inoltre — si è difeso il governo — è possibile che molti benzinai siano rimasti a secco per la semplice (quanto brutta) ragione che invece di comprare il prodotto dalla Pemex si rifornivano sul mercato illegale. Niente di strano.
Nella regione di Puebla, uno dei punti più critici con 1.636 «buchi»accertati, gli «huachicoleros» vanno in giro con i loro veicoli dotati di grandi contenitori in plastica. Il giornale Milenio ha pubblicato ieri le foto di uno di questi mezzi che incrocia un fuoristrada dell’esercito.
E comunque, abituati a navigare a vista, i trafficanti si sono limitati a cambiare orario: forano la terra tra le 2 e le 3 di notte. Facile per loro individuare dove passa la linea in quanto spesso ci sono dei cartelli che ammoniscono a non scavare in un determinato punto. Ma, a parte queste involontarie segnalazioni, le gang corrompono funzionari, ingegneri, dipendenti, in base ad un tariffario deciso dai capi.
Amlo, giustamente, non poteva tollerare lo sfregio e tantomeno sopportare il danno. Però si è subito scontrato con ramificazioni gigantesche, perché la merce non è solo venduta agli angoli delle strade: indagini hanno accertato l’acquisto da parte di società texane, a riprova di come le responsabilità non siano solo di una parte.
È come per il flusso di droga. C’è la domanda — insaziabile — da parte dei clienti statunitensi per la coca o le anfetamine. La stessa cosa — in scala minore — può avvenire con il carburante.
Gli analisti sostengono che sono almeno otto i cartelli che si contendono la torta. Hanno iniziato Los Zetas e il Golfo, in seguito insidiati da Sinaloa e dall’ambizioso Jalisco-Nueva Generación che vorrebbe spazzare via il resto. Quindi le sotto-cellule e nuclei arruolati nei villaggi.
Gli uomini di El Toñín contro quelli di El Bukanas, uno dei più agguerriti. Ci si spara per la polvere bianca, ci si ammazza per l’oro nero. Due giorni fa a Miguel Aleman, vicino al confine con il Texas, hanno rinvenuto 21 corpi carbonizzati vicino a dei Suv: una delle ipotesi è che una colonna del Golfo, impegnata nelle rapine di idrocarburi, sia stata sorpresa dai killer del Noreste. Altre vittime dopo le oltre 31 mila del 2018.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...