Messico, guerra ai ladri di benzina Così Amlo sfida i cartelli messicani

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Nulla ferma gli «huachicoleros», i ladri di benzina. Scavano nel terreno fino a raggiungere le tubature della Pemex, la compagnia petrolifera messicana, infilano una connessione e succhiano litri su litri. Attorno a loro, sicari pronti a far fuoco, poco lontani gli «halcones», le vedette, che danno l’allarme. Scavatori ed esperti faticano gomito a gomito, a volte sono seguiti da persone che somigliano agli scuoiatori di bisonti: portano via ciò che resta. Ossia poco.
Sono feroci e con il gusto della beffa. Nel febbraio di un anno fa a San Martín Texmelucan, la capitale dei predoni, una pattuglia ha notato uno strano andirivieni davanti ad una piccola statua dedicata alla Vergine di Guadalupe. Civili armati di bidoni si rifornivano da un tubo che sbucava sotto la piccola struttura. Gli agenti sono andati a controllare e hanno scoperto che non era acqua santa, bensì benzina fatta arrivare con una deviazione dalla rete nazionale.


Un sistema criminale che è costato dal 2016 qualcosa come 7,4 miliardi di dollari, una perdita stimata in 60 mila barili al giorno. Per questo il nuovo presidente Andrés Manuel López Obrador, detto Amlo, ha lanciato un’offensiva di contrasto. Aveva promesso una svolta e ha scelto un insidioso campo di battaglia. Con esiti non voluti.
La sua prima mossa è stata quella di sospendere la fornitura attraverso le pipeline che partono dalla grande raffineria di Salamanca: d’ora in poi — ha annunciato — i carichi saranno portati dalle autocisterne. Un cambio per arginare il saccheggio visto che è stato calcolato un’infiltrazione delle gang ogni chilometro e mezzo del network sotterraneo.
Solo che la misura ha provocato una penuria di carburante con file gigantesche davanti ai distributori, proteste, polemiche. I camion ci mettono più tempo e il loro impiego costa anche dodici volte di più. Inoltre — si è difeso il governo — è possibile che molti benzinai siano rimasti a secco per la semplice (quanto brutta) ragione che invece di comprare il prodotto dalla Pemex si rifornivano sul mercato illegale. Niente di strano.
Nella regione di Puebla, uno dei punti più critici con 1.636 «buchi»accertati, gli «huachicoleros» vanno in giro con i loro veicoli dotati di grandi contenitori in plastica. Il giornale Milenio ha pubblicato ieri le foto di uno di questi mezzi che incrocia un fuoristrada dell’esercito.
E comunque, abituati a navigare a vista, i trafficanti si sono limitati a cambiare orario: forano la terra tra le 2 e le 3 di notte. Facile per loro individuare dove passa la linea in quanto spesso ci sono dei cartelli che ammoniscono a non scavare in un determinato punto. Ma, a parte queste involontarie segnalazioni, le gang corrompono funzionari, ingegneri, dipendenti, in base ad un tariffario deciso dai capi.
Amlo, giustamente, non poteva tollerare lo sfregio e tantomeno sopportare il danno. Però si è subito scontrato con ramificazioni gigantesche, perché la merce non è solo venduta agli angoli delle strade: indagini hanno accertato l’acquisto da parte di società texane, a riprova di come le responsabilità non siano solo di una parte.
È come per il flusso di droga. C’è la domanda — insaziabile — da parte dei clienti statunitensi per la coca o le anfetamine. La stessa cosa — in scala minore — può avvenire con il carburante.
Gli analisti sostengono che sono almeno otto i cartelli che si contendono la torta. Hanno iniziato Los Zetas e il Golfo, in seguito insidiati da Sinaloa e dall’ambizioso Jalisco-Nueva Generación che vorrebbe spazzare via il resto. Quindi le sotto-cellule e nuclei arruolati nei villaggi.
Gli uomini di El Toñín contro quelli di El Bukanas, uno dei più agguerriti. Ci si spara per la polvere bianca, ci si ammazza per l’oro nero. Due giorni fa a Miguel Aleman, vicino al confine con il Texas, hanno rinvenuto 21 corpi carbonizzati vicino a dei Suv: una delle ipotesi è che una colonna del Golfo, impegnata nelle rapine di idrocarburi, sia stata sorpresa dai killer del Noreste. Altre vittime dopo le oltre 31 mila del 2018.

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’«incontro ravvicinato» del vicepremier Matteo Salvini con un gabbiano alquanto aggressivo, sul tetto del Viminale, i bianchi volatili tornano a far parlare di sé nella capitale in balia degli animali. La scena è stata girata in piena notte,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, fra i tanti luoghi dell’orrore nazifascista, molti sono ormai dimenticati. Se un poco di ricordo ancora oggi sopravvive riguarda, giustamente, fatti dell’Appennino toscoemiliano. Ho cercato notizie di Boves e dell’omonima banda, ma...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo l’intervento che domani la scrittrice Chiara Gamberale farà al Festival Letterature di Massenzio. Le parti in corsivo sono citazioni dei classici (si comincia con La Recherche di Marcel Proust e si chiude con il Macbeth di Shakespeare...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Le parole chiave sono «giudizio dei datori di lavoro» e «impatto della ricerca». È soprattutto su questi parametri che si gioca l’eccellenza delle università italiane. Quelle, almeno, che figurano nell’istantanea scattata dal Qs World...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sara Fattoretto, 32 anni, di Padova, una laurea in Scienze del Servizio Sociale, lavora in una cooperativa che assiste i richiedenti asilo. Dice di essere brava già per conto suo a trovare lavoro alla gente che non ne ha. L’ha fatto con i migranti:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sempre in vantaggio, dalla palla a due al fischio finale, sempre con un margine di sicurezza, anche se senza mai scrollarsi di dosso gli avversari, Venezia si aggiudica gara 5 della finale scudetto contro Sassari (78-65), si porta in vantaggio per 3-2 e...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Giuliani 7Sotto assedio si esalta: con un guizzo neutralizza il sublime tacco di Debinha su corner di Marta, poi si avventura in uscita volante su Ludmila. Fondamentale, nonostante la sconfitta. Guagni 7,5 Coda e eye-liner per una seratona:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

C’è stato un tempo in cui Roma cresceva economicamente, in Pil e occupazione, tre volte di più del resto del Paese. Una stagione che il New York Times aveva ribattezzato «una specie di Rinascimento» e in cui il sindaco della capitale d’Italia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia ha retto fino alla 30’ del secondo tempo, creando anche diverse occasioni pericolose. Poi però il Brasile è venuto fuori, obbligato a vincere per rimanere dentro questo Mondiale. Debinha viene atterrata in area da Linardi, il contatto è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Questa mattina primo vertice di una lunga giornata, con i due vicepremier che incontrano il premier e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Si parlerà di Europa e di economia, sulla quale il presidente Conte spiega: «Non ci interessano...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Si vedranno a tarda sera, dopo il consiglio dei ministri, anche se l’ordine del giorno è molto complesso dopo mesi di inerzia in cui la questione giustizia è stata relegata dal governo tra le varie e le eventuali. Così — dopo aver accettato, su...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

SIENA Luigi Bruschelli detto «Trecciolino», il fantino del palio di Siena più forte degli ultimi 20 anni, è stato condannato dal tribunale di Siena a 4 anni e dieci mesi e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici per falso materiale e...