Me Contro Te, chi sono Luì e Sofì: la coppia nata su YouTube che ha battuto Checco Zalone al cinema

Pubblicato mercoledì, 22 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Non hanno neanche trent’anni e da un piccolo paese della Sicilia nel giro di cinque anni hanno conquistato milioni di bambini di tutta Italia. I loro nomi d’arte sono “Sofì” e “Luì”. Insieme formano il duo Me Contro Te che su YouTube vanta 4,6 milioni di iscritti, su Instagram 1,5 milioni e su TikTok 1,6 milioni. Non solo Youtuber, ma vera e propria meteora social, dunque, e non solo. Perché come capita sempre più spesso, le due star dai media nuovi e virtuali hanno tentato la conquista dei media più tradizionali. Con successo. Il più recente al cinema, dove il loro primo film, Me contro te il film - La vendetta del signor S, in un solo weekend ha incassato oltre 5 milioni di euro, riuscendo a battere l’ultima produzione di Checco Zalone, Tolo Tolo, incrollabile successo fermo in prima posizione al botteghino per venti giorni di fila.I loro nomi di battesimo sono Sofia Scalia e Luigi Calagna. Si conoscono (e fidanzano) nel 2013. Un anno dopo - il 4 ottobre 2014 - il loro primo video su YouTube, che oggi conta 3,6 milioni di visualizzazioni ma allora era stato creato quasi come un gioco. Sfondo lilla, i due ragazzi (giovanissimi) in primo piano a sfidarsi in una “Maze Runner Challenge”. Ognuno deve riuscire ad uscire da un labirinto disegnato su un iPad dall’altro. In mezzo, battute, scherzi e dolci prese in giro dei due fidanzati sempre affiatati. Senza trucco, senza microfoni, senza nessun effetto scenico ma soprattutto senza parolacce né allusioni. Il linguaggio dei Me Contro Te sin da subito è pulito, semplice, pensato per i bambini. E proprio i bambini - o il Team Trote, come loro chiamano i propri follower - sono i destinatari privilegiati di questo canale.


E i genitori apprezzano. A metà tra fratelli maggiori e compagni di gioco, i due ragazzi siciliani si sono ritrovati a intrattenere milioni dei loro figli attraverso smartphone e tablet. Facendoli divertire senza mai esagerare. Una sorta di Albero Azzurro versione 2.0. Un successo, per grandi e piccoli, tanto da vincere nel 2018 il premio Moige, assegnato alla Camera dei Deputati dal Movimento Italiano Genitori ai programmi più adatti alle famiglie. Il canale Me Contro Te, si dice, «risulta particolarmente educativo e la visione dei loro filmati è consigliabile a un pubblico di bambini perché stimola la fantasia».Nei loro video si lanciano le cosiddette Challenge, sfide virali molto in voga tra gli YouTuber (e tra chi li segue), parlano della loro vita di tutti i giorni - in compagnia dei loro due chihuahua Kira e Ray - e giocano con lo slime, la gelatina gommosa e multicolor da produrre direttamente a casa che è diventata quasi una moda sui banchi di scuola dei più piccoli. Oltretutto, cantano. Nel 2016 i Me Contro Te aprono il loro secondo canale su YouTube (Me Contro Te Music, 1,2 milioni di iscritti) dove si danno alla musica. E infatti è cantato proprio da loro “Insieme”, il brano finale del film che sta scalando le classifiche. Nel 2018 infine, un terzo canale, Me Contro Te Extra (539mila iscritti), la cui descrizione è: «Tutto ciò che non vedete nei nostri daily vlog». Qui i due ragazzi mostrano il backstage della loro vita virtuale, con tanto di interviste e servizi televisivi che li riguardano.L’impero dei Me Contro Te non ha però confini molto più estesi, che oltre a YouTube coprono anche i principali social seguiti dai ragazzi più giovani - Instagram e TikTok - e che si è ampliato fino a coinvolgere televisione, editoria e ecommerce. Luì e Sofì nel 2016 partecipano alla seconda edizione del programma Sky SocialFace insieme alle più grandi star di YouTube, dai Mates a Favij. E nel 2017 vengono scelti da Disney Channel per la produzione LikeMe. Grandi successi anche in libreria. I loro libri, editi Mondadori Electa, fanno registrare vendite da capogiro. Il primo, Divertiti con Luì e Sofì - Il fantalibro dei Me Contro Te, risale al 2018. Seguito poi nel 2019 da Entra nel mondo di Luì e Sofì e infine Le fantafiabe di Luì e Sofì. La coppia non si è risparmiata nemmeno nel merchandising, con magliette, felpe, spille, teli mare e persino un album di figurine. Infine il cinema, con la commedia diretta da Gianluca Leuzzi che ha fatto prendere d’assalto le sale. Da un esercito di bambini.

Tag: #Tecnologia

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Coronavirus, due casi di bambine positive. In Cina rallenta il numero dei morti Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’epidemia di coronavirus in Cina sembra aver raggiunto il picco: il numero dei decessi è rallentato ed è al minimo da tre settimane. In Italia le vittime sono salite a 11 ed erano tutte più o meno gravemente malate. Sia il governo (qui il decreto...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina è intervenuta mercoledì mattina sulle misure legate alle scuole adottatte per contenere il contagio. Queste sono le informazioni aggiornate. • Le scuole chiuse: come nei giorni scorsi, restano bloccati a...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Presidente Conte, l’Italia è terza al mondo nella triste classifica del coronavirus e in un giorno i casi sono aumentati del 45%. Perché?«Ci stiamo adoperando con grande impegno, avvalendoci dei migliori esperti, per gestire questa emergenza nel...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Qualunque sia lo stile di riferimento è altamente probabile che quasi tutti abbiano almeno un blazer nell’armadio. Questo perché, pur essendo stato interpretato in tutti i modi possibili e immaginabili negli ultimi 70 anni, questo capo preso in...

Coronavirus, l’impatto sui locali da Cracco a Berton: «Perso fino all’80 percento dei clienti» Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

I tavoli dei ristoranti sono vuoti. Gli eventi annullati. Fino a otto prenotazioni su dieci disdette. È l’effetto della paura del contagio da Coronavirus nel Nord Italia, ma soprattutto a Milano. Un danno economico che la Fipe, la Federazione Italiana ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Sapere quali serie Tv o film su Netflix stanno andando per la maggiore nel proprio paese diventa sempre più semplice. Dopo un periodo di sei mesi di test realizzati in Messico e nel Regno Unito, la piattaforma ha infatti annunciato sul suo blog...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

«Se non trovate i gel antibatterici, non comprate online quelli a 400 euro, va bene anche l’alcol denaturato comune». Lo consiglia Roberto Burioni sul portale MedicalFacts nel quale spiega anche cosa fare e cosa evitare per proteggersi dalla Covid-19 ...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Ragazzi non sono un’appestata, appena mi dimettono dall’ospedale, torno a scuola. Se avete febbre alta e tosse, chiedete di fare il test visto che siamo in classe insieme». La voce tranquilla, e l’atteggiamento di chi, più che essere rincuorata...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Il «paziente 1» entra in Pronto Soccorso, per la seconda volta, alle 3.12 di notte del 19 febbraio. Davanti ai dati che parlano di oltre la metà dei casi di contagio negli 11 Comuni intorno a Codogno, s’impone la domanda: qualcosa non ha funzionato...

Contagiata la prima bimba italiana: vive  a Castiglione d’Adda, ha 4 anni e sta bene Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Nella zona rossa il coronavirus ha iniziato a colpire anche tra i più piccoli. Una bimba di 4 anni di Castiglione d’Adda - assieme a Codogno «focolaio» del virus in Lombardia - è risultata positiva al tampone. A quanto sembra il contagio potrebbe...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

L’ultimo decreto legislativo che disciplina la materia è il numero 288 del 16 ottobre 2003, ed è molto chiaro: «Gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico sono enti a rilevanza nazionale che, secondo standard di eccellenza, perseguono...

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

CHARLESTON - Forse era l’ultima occasione per Amy Klobuchar, Elizabeth Warren, Pete Buttigieg, Joe Biden. E si è visto sul palco del dibattito tra i candidati democratici, trasmesso in diretta tv dalla «Cbs», martedì 25 febbraio a Charleston, South ...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, vorrei partecipare alla poco consistente discussione sull’inno nazionale, per criticare l’idea di sostituirlo con il «Va’ pensiero» verdiano. Il coro di sfiduciati prigionieri deportati in terra straniera, quantunque struggente,...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

Senza spettatori, senza giornalisti e senza immagini in chiaro: il calcio ai tempi del coronavirus. Al termine di una giornata convulsa dove fitti sono stati i colloqui fra il ministro delle Sport Vincenzo Spadafora e le istituzioni sportive. E i...

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Corriere.it

La matematica del contagio è semplice. Tanto semplice quanto cruciale. Ora che abbiamo imparato a lavarci le mani come si deve, il secondo aspetto a cui dovremmo rivolgere la nostra attenzione è proprio, a sorpresa, la matematica. Se rinunciamo allo...