Manovra da 28-30 miliardi, 8 a testa per Lega e M5S. Taglio Irpef rinviato

Pubblicato venerdì, 14 settembre 2018 ‐ Corriere.it

La prima manovra del governo Lega-M5S potrebbe arrivare a valere circa 28-30 miliardi, dei quali 12,4 necessari per sminare le clausole sull’Iva e altri 16 miliardi (non i 10 circolati nelle scorse settimane) per l’attuazione delle misure chiave per i due partiti di maggioranza. Secondo quanto riferito da fonti al lavoro sul dossier, con la sua dote da 8 miliardi la Lega punterebbe a finanziare il pacchetto fisco (senza intervento sull’Irpef) e le pensioni, il M5S l’avvio del reddito di cittadinanza, compresa la pensione di cittadinanza.
La filosofia con la quale il governo lavora alla prossima manovra di bilancio sarebbe, infatti, quella di concentrare le risorse in pochi, incisivi interventi. In questa logica starebbe maturando, secondo quanto si apprende da fonti al lavoro sul dossier, l’ipotesi di rinviare al prossimo anno il taglio dell’Irpef. Nel 2019 il focus sarebbero quindi le imprese, per poi dare un segnale forte nel 2020 alle famiglie. I due interventi chiave del pacchetto fisco sarebbero la flat tax per i piccoli e la «super-Ires», cioè l’imposta ridotta al 15% per gli utili reinvestiti in azienda. Calcoli e simulazioni sono ancora in corso ma alcuni elementi si vanno delineando, sia sul fronte degli «impieghi», sia su quello delle coperture. Ad esempio, se si dovesse scegliere di rinviare l’intervento sull’Irpef, che non dispiacerebbe però al ministro dell’Economia Giovanni Tria, si potrebbe anche fare slittare la tagliola sulle tax expenditures, nodo sempre delicato e proprio per questo mai affrontato anche dai precedenti governi. La copertura, circa 1,5 miliardi, andrebbe cercata per l’ampliamento del regime forfettario per i piccoli, puntando anche, almeno dal secondo anno, sull’effetto emersione. La «super-Ires» sugli utili reinvestiti in azienda (con l’aliquota ridotta al 15% dal 24%) sarebbe invece finanziata dalle risorse oggi destinate all’Ace, un contributo alle imprese che sarebbe «assorbito» dalla nuova misura così come iper e superammortamento. Altre risorse arriverebbero da una nuova tranche di spending review, ancora in via di modulazione, mentre coperture una tantum arriverebbero dalla pace fiscale (che potrebbe fruttare attorno ai 15 miliardi ma spalmati su più anni). Con queste risorse, viene spiegato, si potrebbero finanziare misure che hanno bisogno di una copertura iniziale, come la cedolare secca sugli affitti per negozi e attività commerciali, che poi si autofinanzierebbe grazie al maggiore numero di contratti di locazione e all’effetto emersione dal nero già registrato anche per la cedolare sugli affitti delle abitazioni.


I leghisti, secondo quanto viene riferito, punterebbero a dedicare la loro dote quasi interamente alle pensioni, visto che le risorse per il pacchetto fisco verranno in gran parte dalla rimodulazione di incentivi esistenti alle imprese. È ancora in corso la stima delle risorse necessarie per introdurre «quota 100» con 62 anni di età, accompagnata da quota 41 e mezzo di contributi senza limiti anagrafici, e molto dipenderà dai paletti che saranno (o meno) introdotti — ad esempio se nel calcolo si potranno comprendere o meno, e in quale entità, gli eventuali anni di contributi figurativi. Lo staff della Lega che è al lavoro su questo capitolo della manovra avrebbe individuato, per le coperture, almeno 2,4 miliardi recuperabili nel sistema previdenziale, attraverso meccanismi che vengono definiti «accorgimenti tecnici».
Sull’altro fronte, quello del reddito di cittadinanza, sono al lavoro invece i 5 Stelle che dovrebbero concentrare su questa misura simbolo tutti gli 8 miliardi a disposizione (cifra molto vicina ai 10 richiesti nelle ultime settimane). Il nuovo aiuto contro la povertà, come ha spiegato il viceministro all’Economia Laura Castelli, partirà da un lato con le pensioni di cittadinanza, le minime da portare a 780 euro. Anche in questo caso si sta ancora studiando la platea di riferimento, e quindi i costi. Il reddito vero e proprio sarebbe invece anticipato dalla riforma dei centri per l’impiego (si punta all’utilizzo dei fondi europei) che impegnerà i primi «3-4 mesi» dell’anno. Il nuovo strumento potrebbe quindi diventare operativo già a maggio e potrebbe contare intanto sulle risorse residue del Rei, il reddito di inclusione introdotto dai governi Renzi-Gentiloni, che per il 2019 ha già a disposizione quasi 2,6 miliardi.

Tag: #Economia

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

«Non è un attacco al ministro dell’Economia, un governo serio che ha fatto delle promesse le risorse le trova. Li troviamo dai tagli? Sì, perché c’è tanta roba inutile da togliere dal bilancio dello Stato. Ma qualora non si dovessero trovare...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

I tempi di Paolo Rossi, dello stadio «Menti» inespugnabile e del Lanerossi che arriva terzo in serie A sono lontani. E così il Vicenza Calcio oggi fa parlare di sè per altre ragioni. Alla prima giornata casalinga del campionato di serie C, i...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Cinque milioni e 200 mila bambini a rischio malnutrizione per la carestia in Yemen. A lanciare l’allerta è Save the Children che sottolinea come il conflitto in corso stia facendo alzare vertiginosamente i prezzi del cibo e del carburante....

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

«Io nel 2002 giocavo in Italia quando Jean Marie Le Pen arrivò al ballottaggio contro Chirac nelle elezioni presidenziali francesi. Io allora mi vergognai di essere francese. Mi dissi: come si può arrivare a questo? Oggi, se fossi italiano, proverei...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Immaginiamoci di essere soldati della Roma del quinto secolo. Intorno a noi si tessono oscure trame, i barbari premono ai confini e mitologici mostri disturbano la quiete dei nostri concittadini. Sembra di vederli eppure è tutto nella nostra mente....

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

A febbraio del 2018 Vogue Paris aveva profetizzato che l'allora sedicenne Kaia Gerber, figlia della top model Cindy Crawford, stava dimostrando «di essere sulla buona strada per diventare una celebrità». Adesso la top è arrivata a Milano per la...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

«Onorate i genitori, ci hanno dato la vita. Se tu ti sei allontanato dai tuoi genitori, fà uno sforzo e torna da loro, forse sono vecchi, ti hanno dato la vita. Fra noi c’è l’abitudine di dire cose brutte, anche parolacce. Per favore, mai...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Lei è Delia, ha un bar a Ventimiglia che da qualche anno è un punto di riferimento amico per i migranti che vogliono andare in Francia e proseguire il loro viaggio in Europa. Ma da qualche giorno il bar Hobbit, che si trova in via Sir Thomas Hanbury...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Giorgio Sesti, past presidente della Società Italiana di Diabetologia (Sid) ne è convinto: «La rete dei Centri diabetologici italiani è un fiore all’occhiello della nostra sanità: non facciamolo appassire». Secondo dati presentati...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Un codice aperto, che può essere letto, controllato e migliorato da chiunque. È questa la base dell'open source una filosofia digitale in cui l'innovazione arriva direttamente dall'esperienza degli utenti. Partendo da questa idea nel 1994 Marc Ewing ha ...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

L’avvoltoio Bianca ucciso col veleno Bianca è morta dopo 1.300 chilometri di volo e un giorno di straziante agonia. L’hanno avvelenata gli allevatori tunisini con un boccone di chissà quale intruglio malefico che aveva divorato esausta in un...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

A pochi giorni dal debutto di Shadow of the Tomb Raider, terzo ed ultimo capitolo della nuova trilogia della serie Tomb Raider, ripercorriamo l’evoluzione che la sua grande protagonista, Lara Croft, ha affrontato nei suoi 22 anni di storia. Da...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha deciso per la «linea dura» dopo quanto avvenuto martedì a Rebibbia dove una detenuta ha ucciso sua figlia di 6 mesi e ferito gravemente l’altro di 20 mesi. Il ministro infatti ha sospeso la direttrice...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Ci saranno i The Cure, il 16 giugno 2019, a «Firenze Rocks». Unica data italiana per la band sul palco della Visarno Arena di Firenze per il Festival che si terrà dal 13 al 16 di giugno del 2019. I biglietti disponibili tramite l’App ufficiale di...

Pubblicato mercoledì, 19 settembre 2018 ‐ Corriere.it

Lui è un innocuo, servizievole, cane poliziotti, al servizio della polizia locale. Ma il suo nome non lo è, almeno agli occhi di un consigliere Pd di opposizione a Monza, Marco Lamperti, che lanciato durante la seduta del consiglio la «bomba»: «Un...