Ma Notre Dame non può morire

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Quelli che ardono in tv e sugli smartphone sono legni e metalli; non è Notre Dame. Possono crollare pietre che saranno ricostruite; non può morire un simbolo, una fede, una nazione. Quando un popolo non sa più chi è, quando un Paese non conosce più la propria missione nella storia, quando una nazione antica, forse vecchia, dubita del proprio ruolo nel mondo, anche una tragedia può servire a scuoterla. Quando Victor Hugo scrisse «Notre-Dame de Paris», la Cattedrale non era forse ridotta molto meglio di come la lasceranno le fiamme divampate ieri tra le lacrime dei fedeli e lo sgomento dei turisti. I rivoluzionari l’avevano devastata e vagheggiavano di farne il tempio della Dea Ragione, o una cava di pietra. Le statue della facciata erano state abbattute, perché agli occhi dei giacobini non raffiguravano i re di Giudea ma i monarchi dell’Antico Regime.
A ricostruire Notre Dame, prima ancora dell’architetto neogotico Viollet-le-Duc, fu un romanzo. Hugo non era animato da spirito religioso. Era un romantico che aveva intuito una cosa sfuggita nell’impeto rivoluzionario: Notre Dame era la Francia. Un popolo è il proprio passato; quindi la cattedrale dedicata alla Madonna rappresentava l’identità nazionale meglio ancora di Giovanna d’Arco o della Gioconda, già allora esposta al Louvre. Così lo scrittore inventò un amore impossibile tra un gobbo e una zingara, le due creature più disprezzate, che all’ombra delle guglie trovavano riparo dalla crudeltà del potere. Il successo fu immenso. Da lì nacque l’idea di salvare la cattedrale.



L’incendio di ieri segna il culmine di una crisi dell’identità francese. Il rogo è scoppiato a causa dell’incuria, e al di là dell’abnegazione dei pompieri i soccorsi sono apparsi fin da subito inadeguati. Pure Macron è stato colto di sorpresa: stava preparando un intervento politico in televisione, ha capito che non poteva parlare d’altro, ma ha tardato a precipitarsi sul posto; dove del resto la sua presenza sarebbe stata letta come una conferma di impotenza, con quei getti d’acqua che parevano fontanelle rispetto alla grandezza della tragedia, mentre il tetto cedeva, la guglia – neogotica, non originale – si spezzava, il cuore stesso di Parigi tremava.
Eppure il rogo è per la Francia anche la chance di ritrovare una coesione messa a dura prova dalla crisi economica, dalle incertezze del presidente, da un’opposizione sterile e a volte violenta. Da decenni il Paese che ha contribuito a dare al mondo i diritti dell’uomo e all’Europa il sogno della democrazia vive un grand malaise, un malessere che non può essere spiegato soltanto con il calo del potere d’acquisto e la distruzione del lavoro. La Francia dubita di se stessa. Una nazione che aveva un impero e si era assegnata un compito sente ormai di non contare molto più di nulla.
L’incendio che ha devastato Notre Dame può essere il colpo di grazia; ma può essere anche il segno di una possibile rinascita. Il dolore ma anche l’orgoglio visto nella notte per le strade della capitale lo testimonia. Di sicuro, in passato i francesi avevano ben chiaro che Notre Dame non era soltanto una chiesa. Caterina de’ Medici vi celebrò il matrimonio che fece di lei la regina di Francia. Gli ugonotti vi cercarono scampo dal massacro della notte di San Bartolomeo. Il Re Sole vi accumulò tutte le bandiere strappate ai nemici dalle sue armate, e venne soprannominato «il tappezziere di Notre Dame». Napoleone pretese di essere incoronato qui dal Papa, in uno scenario di cartapesta per nascondere le distruzioni rivoluzionarie, ma la corona se la mise in testa da sé, mentre David schizzava disegni per la sua tela. Con Viollet-le-Duc il romanticismo si impossessò dell’architettura gotica, e vennero scolpite le gargouilles poi animate dal film della Disney e riviste nel musical. Quando venne l’ora di liberare Parigi dai nazisti, De Gaulle ordinò al generale Leclerc di arrivare il prima possibile a Notre Dame, sul sagrato da cui partono idealmente tutte le strade di Francia: l’avanguardia era la nona compagnia della seconda divisione, composta soprattutto da repubblicani spagnoli, tra cui molti mangiapreti, che avevano ribattezzato i loro blindati Guernica e Guadalajara, ma rimasero comunque colpiti dall’arditezza delle architetture, delle volte, dei contrafforti. Qui Chirac volle celebrare il funerale di Stato del suo predecessore Mitterrand, senza la bara però: mentre le due famiglie del presidente — quella ufficiale e quella clandestina — si riunivano in un cimitero di campagna, i potenti della Terra celebrarono l’alleanza tra trono e altare, con il cardinale Lustiger, ebreo convertito dal cattolicesimo, un po’ imbarazzato. Con Sarkozy, Hollande, Macron la sacralità della presidenza si è molto perduta. Il re è nudo, e anche la Cattedrale è indifesa.
Stanotte i francesi piangono Notre Dame. Però la ricostruiranno. Servirà un altro grande architetto. Serviranno muratori pazienti, venuti da diversi Paesi del mondo. Serviranno le donazioni e le preghiere dei fedeli. Ma Notre Dame è un monumento alla fede e alla speranza. Possono bruciare le cose dell’uomo; ma quello che ci portiamo dentro è immune al fuoco come la salamandra, simbolo di Francesco I, non a caso il re che nella disgrazia commento: «Tutto è perduto, fuorché l’onore».

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Dal «boss dell’energia eolica» sospettato di mafia, Vito Nicastri, sono arrivati «elementi utili» a sostenere l’accusa di corruzione contro il senatore ex sottosegretario leghista Armando Siri e l’imprenditore Paolo Arata, che di Nicastri è...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È un regno di cioccolata e glassa, profuma di zucchero, cacao e cannella, quello di Elisa e Marylise. Tra panna, creme, mousse, muffin e biscotti, la vita per loro è ricominciata a 40 anni. Amiche da sempre, complici nei momenti difficili, ora socie...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, nella sua risposta a Pietro Murialdo lei argomenta in modo efficace la sua avversione per fascismo e comunismo. In larga misura comprendo e condivido le sue ragioni. Ciononostante mi sento idealmente comunista, per quella radice che...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Contro la leucemia la determinazione da sola non basta. La mia partita la sto giocando. Dura più di novanta minuti ma sono in vantaggio. Pensiamo insieme a portare a casa il risultato». È l’incoraggiamento inviato attraverso YouTube da Niccolò...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Chi non è contento degli Stati Uniti, può anche andarsene». Donald Trump va allo scontro totale con «le quattro parlamentari socialiste»: Alexandria Ocasio Cortez, distretto di New York; Rashida Tlaib del Michigan; Ayanna Pressley del...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Io valgo. Valgo. Ho capito che ce la posso fare pure io». I grandi occhi di Giorgio non ce l’hanno fatta a contenere le lacrime. Sgorgavano come un torrente in piena. Seduto in cima alla duna di sabbia, dopo uno sforzo per lui immane, le onde...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

SCICLI (RAGUSA) Era andata a lavorare come ogni sera in quel ristorante di Cava d’Aliga, una frazione marinara di Scicli, nel Ragusano. Aveva terminato il turno da cameriera e in compagnia di un collega stava andando a buttare la spazzatura caricata su ...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il tormento e l’estasi. Il panico e il giubilo nei tinelli della nazione. Ieri l’Inghilterra celebrava un traguardo agognato per anni: e non perché avessero finalmente portato a compimento la Brexit. Ma perché per la prima volta la nazionale,...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

BERLINO Per essere il capo di Siemens, una delle aziende simbolo del sistema Germania, Joe Kaeser è un’eccezione fra i grandi manager tedeschi. Non parliamo qui delle sue capacità imprenditoriali, che sono notevoli, riconosciute e non dissimili da...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«È chiaro che il migliore di ogni tempo deve uscire dalla terna Djokovic, Federer e Nadal. Ma come si fa a non considerare Rod Laver? E Ken Rosewall dove lo mettiamo? E Bill Tilden, che dominò gli Anni 20 e 30? Sa cosa le dico: facciamo che il più...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva salutato la squadra il giorno della partenza per Bormio, dove ieri è salito a far sentire il suo appoggio. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, non annuncia mai il suo blitz nel ritiro. Ma arriva sempre quando è il momento di fare il punto...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Chissà se Matteo Salvini, scottato dal pasticcio russo, saprà finalmente capire che l’ossessione compulsiva dei selfie può anche portare male. Una malattia con molti e spiacevoli effetti collaterali: come fai a dire di ignorare Gianluca Savoini se...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Ha cercato di nascondere le prove del crimine, ma non c’è riuscito. Troppe le tracce e gli indizi: la polizia ha arrestato un uomo di 27 anni con l’accusa di aver assassinato in modo brutale la biologa americana Suzanne Eaton a Creta. E secondo i...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Come un «giovanissimo aspirante guerriero» diventa uomo d’impresa. Romano Artioli, bolzanino di origini mantovane, classe 1932, ex proprietario di Bugatti e Lotus, lo racconta in un’autobiografia che ha l’urgenza della confessione, il filo...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

È il 2080, il 95 per cento di Venezia è sommerso ed è rimasto soltanto un pugno di residenti. La città è diventata il polo museale Venice Park -Venezia 2.0, gestito da un Ente Parco che la monitora in tutti i modi, estrema evoluzione dei tornelli di ...