L'alpinista sopravvissuto in Pakistan: «Siamo stati travolti dalla montagna»

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il Pakistan. Ma in 17 spedizioni che ho guidato, non mi era mai capitato di perdere qualcuno. Stavolta, è successo.
Lunedì abbiamo lasciato Campo 2 intorno alle 4 del mattino. Faceva freddo e le neve era compatta. Eravamo io, Tino, David, Luca, e i tre alpinisti pakistani: Nadema, Imtyaz e sua sorella Sakeela. Finalmente, dopo tante fatiche, stavamo per concludere la nostra avventura e per la prima volta una spedizione avrebbe raggiunto quella vetta inviolata. Mancavano pochi metri alla cresta e io ero davanti e gli altri dietro di me, in fila, legati con le corde. All’improvviso, ho sentito un rumore provenire da sotto i piedi, era come se la montagna avesse cominciato a vibrare. La valanga è venuta giù. Era enorme, un fronte di almeno 300 metri. Frequento l’Hindu Kush da anni e francamente non ho mai assistito a nulla del genere. Era qualcosa di innaturale, forse si sono staccati dei grandi seracchi sotto il manto nevoso. Di certo, tutto s’è trascinato a valle: la neve, il ghiaccio, le rocce. E le persone. Ho cominciato a rotolare giù per il pendio e istintivamente mi sono rannicchiato su me stesso, per proteggermi. Ero convinto che sarei morto. Ho pensato: «Se è così che deve finire, va bene». Quando ho riaperto gli occhi, ero 500 metri più in basso. Alzando la testa, ricordo di aver pensato che quella che avevo di fronte era un’altra montagna: dove prima c’era un pendio, ora c’è una parete verticale.



Ci siamo chiamati e ci siamo ritrovati. Eravamo malconci, contusi. Ma vivi. Tutti, tranne il nostro amico Imtyaz. È stato un momento terribile e la sua perdita fa più male delle fratture. Però in casi come questi non si ha il tempo neppure per il dolore. Serve mantenersi lucidi. Per fortuna Luca aveva ancora lo zaino con all’interno il telefono satellitare. Abbiamo lanciato l’allarme e poi ci siamo chiesti cosa fare. In realtà, lo sapevamo: dovevamo assolutamente tornare a Campo 2, dove c’erano le tende e le scorte. Trascorrere la notte lì, al gelo, avrebbe ridotto drasticamente le nostre possibilità di sopravvivenza, ma Sakeela è stata irremovibile: ha voluto a tutti i costi restare nel ghiacciaio per vegliare il corpo del fratello. Così siamo partiti senza di lei, lasciandole le giacche con cui coprirsi e il poco cibo che avevamo. La discesa è stata dura. Con la caviglia fratturata, ho usato uno degli attrezzi come stampella e l’adrenalina è bastata a tenermi in piedi.
Quando siamo arrivati al Campo 2, io, David e Luca, che avevamo riportato le ferite più serie, abbiamo dormito nella tenda più riparata; Tino e Nadema in quella più esposta. La mattina sono arrivati gli elicotteri e — al villaggio — abbiamo trovato Sakeela: era riuscita a sopravvivere non solo alla valanga ma anche a quella notte da sola nel ghiacciaio. È un mezzo miracolo. Ora siamo tutti in ospedale a Gilgit e sto pensando al Pakistan, a queste montagne bellissime e alla passione che muove spedizioni come questa. E capisco che non posso rinunciare all’alpinismo, perché non avrebbe senso cancellare una parte di me stesso solo per mettermi al riparo da qualcosa che, in realtà, è imponderabile. Ciò che invece devo fare, è onorare il sacrificio di Imtyaz, il coraggio di sua sorella Sakeela, la bravura dei miei compagni di spedizione, i sorrisi dei soccorritori, il sostegno dei nostri cari... E allora, forse, mettendo tutto questo nello zaino della vita, potrò rimettermi in cammino.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quella che state leggendo è un’anteprima dell’articolo su Satya Nadella pubblicato da 7. Federico Cella ha incontrato il ceo di Microsoft a Milano in occasione del suo secondo viaggio in Italia. Trovate la versione integrale nel numero della rivista ...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’Etna torna a eruttare: da uno dei criteri sommitali, spiega l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, escono fontane di lava, accompagnate da boati, che hanno causato la nascita di una colata. Il fenomeno, concentrato nella zona alta e...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’unico sorriso di una giornata nera Matteo Salvini lo dispensa affidando le sorti del governo a una metafora meteorologica: «Guardate che bel cielo... La finestra è sempre aperta, se non si lavora ne trarremo le conseguenze». La finestra è quella...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«È importante essere più obiettivi nei dibattiti». La neoeletta presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha indicato quale sarà il suo modo di affrontare i dossier europei in un’intervista concessa al consorzio Lena, che...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Se le danno di santa ragione per tutta la giornata, come una coppia che sta per andare in frantumi, sempre sull’orlo di una crisi di nervi, o di governo, in questo caso. La parola chiave è crisi, ormai sulla bocca sia Salvini che di Di Maio. Ore...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Quando nostra figlia è nata eravamo molto giovani, ma è stato il regalo più grande che potessimo ricevere», racconta tra le lacrime Paolo Codognola, un passato da portiere del Chievo Verona. La sua Swami, 17 anni, è morta martedì all’alba...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quando ieri tutto sembrava perduto, quando la prima tappa pirenaica aveva già generato il centesimo sbadiglio (fuga inutile e imprendibile, big addormentati, salite facili e troppo lontane dal traguardo per far selezione), il Tour de France ha giocato...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Magari se si arriverà al nuovo stadio semi-interrato, alto solo 30 metri, con 12mila posti vip, e un’area completamente nuova attorno cambierà idea. Oggi però Silvio Berlusconi ha uno sguardo inevitabilmente sentimentale mentre torna nella sua...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

MILANO — Tra un impegno politico e l’altro, in questi giorni Silvio Berlusconi si è dedicato anche alla sua nuova passione calcistica, il Monza, maturata dopo le delusioni patite in un recente passato con il Milan. Lunedì, prima di volare a...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Avremo modo nei prossimi giorni di occuparci dei programmi dedicati al 50° anniversario del primo passo dell’uomo sulla Luna, «un’impresa che cambiò il mondo per sempre». Intanto, ci piace riproporre un brano di Giorgio Manganelli (tratto da...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’ appello che lanciammo due anni fa al Governo di allora — Il ritorno alla terra. Opportunità per i giovani, Corriere della Sera, 14.10.2017 — è rimasto inascoltato. Proponevamo alcuni interventi per favorire il ritorno alla terra e al lavoro...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, sono passati 17 anni dall’assassinio di Pim Fortuyn e, le confesso, continuo a credere che non solo l’Olanda ma la stessa Europa abbiano perso un possibile grande leader. Qualcuno potrà rinfacciarmi che Fortuyn sia stato un precursore ...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Tre mesi dopo l’incendio che ha fatto crollare la guglia di Notre-Dame, la cattedrale più celebre al mondo resta al centro delle attenzioni di politici, cittadini, media, esperti d’arte. Martedì il Parlamento ha adottato in via definitiva il...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Sono con Marisa Laurito, siamo abbattuti, ma confortati dal fatto che Luciano se ne sia andato avendo intorno i suoi amici. Sono stati 14 giorni di sofferenza...». Il vostro primo incontro era un classico che lui amava raccontare: vi ritrovaste a una...

Pubblicato giovedì, 18 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quello squillo che ti perseguita. Quel continuo chattare a testa in giù, con gli occhi incollati allo schermo, magari senza accorgersi che intorno ci sono la bellezza del Canal Grande o l’empireo delle Dolomiti. Schiavi dello smartphone. Sempre in...