L'alpinista sopravvissuto in Pakistan: «Siamo stati travolti dalla montagna»

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il Pakistan. Ma in 17 spedizioni che ho guidato, non mi era mai capitato di perdere qualcuno. Stavolta, è successo.
Lunedì abbiamo lasciato Campo 2 intorno alle 4 del mattino. Faceva freddo e le neve era compatta. Eravamo io, Tino, David, Luca, e i tre alpinisti pakistani: Nadema, Imtyaz e sua sorella Sakeela. Finalmente, dopo tante fatiche, stavamo per concludere la nostra avventura e per la prima volta una spedizione avrebbe raggiunto quella vetta inviolata. Mancavano pochi metri alla cresta e io ero davanti e gli altri dietro di me, in fila, legati con le corde. All’improvviso, ho sentito un rumore provenire da sotto i piedi, era come se la montagna avesse cominciato a vibrare. La valanga è venuta giù. Era enorme, un fronte di almeno 300 metri. Frequento l’Hindu Kush da anni e francamente non ho mai assistito a nulla del genere. Era qualcosa di innaturale, forse si sono staccati dei grandi seracchi sotto il manto nevoso. Di certo, tutto s’è trascinato a valle: la neve, il ghiaccio, le rocce. E le persone. Ho cominciato a rotolare giù per il pendio e istintivamente mi sono rannicchiato su me stesso, per proteggermi. Ero convinto che sarei morto. Ho pensato: «Se è così che deve finire, va bene». Quando ho riaperto gli occhi, ero 500 metri più in basso. Alzando la testa, ricordo di aver pensato che quella che avevo di fronte era un’altra montagna: dove prima c’era un pendio, ora c’è una parete verticale.



Ci siamo chiamati e ci siamo ritrovati. Eravamo malconci, contusi. Ma vivi. Tutti, tranne il nostro amico Imtyaz. È stato un momento terribile e la sua perdita fa più male delle fratture. Però in casi come questi non si ha il tempo neppure per il dolore. Serve mantenersi lucidi. Per fortuna Luca aveva ancora lo zaino con all’interno il telefono satellitare. Abbiamo lanciato l’allarme e poi ci siamo chiesti cosa fare. In realtà, lo sapevamo: dovevamo assolutamente tornare a Campo 2, dove c’erano le tende e le scorte. Trascorrere la notte lì, al gelo, avrebbe ridotto drasticamente le nostre possibilità di sopravvivenza, ma Sakeela è stata irremovibile: ha voluto a tutti i costi restare nel ghiacciaio per vegliare il corpo del fratello. Così siamo partiti senza di lei, lasciandole le giacche con cui coprirsi e il poco cibo che avevamo. La discesa è stata dura. Con la caviglia fratturata, ho usato uno degli attrezzi come stampella e l’adrenalina è bastata a tenermi in piedi.
Quando siamo arrivati al Campo 2, io, David e Luca, che avevamo riportato le ferite più serie, abbiamo dormito nella tenda più riparata; Tino e Nadema in quella più esposta. La mattina sono arrivati gli elicotteri e — al villaggio — abbiamo trovato Sakeela: era riuscita a sopravvivere non solo alla valanga ma anche a quella notte da sola nel ghiacciaio. È un mezzo miracolo. Ora siamo tutti in ospedale a Gilgit e sto pensando al Pakistan, a queste montagne bellissime e alla passione che muove spedizioni come questa. E capisco che non posso rinunciare all’alpinismo, perché non avrebbe senso cancellare una parte di me stesso solo per mettermi al riparo da qualcosa che, in realtà, è imponderabile. Ciò che invece devo fare, è onorare il sacrificio di Imtyaz, il coraggio di sua sorella Sakeela, la bravura dei miei compagni di spedizione, i sorrisi dei soccorritori, il sostegno dei nostri cari... E allora, forse, mettendo tutto questo nello zaino della vita, potrò rimettermi in cammino.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Che cosa ci fanno centinaia balle di rifiuti ammassate in un’ex stazione di servizio di Gliwice, cittadina della Polonia Meridionale, anziché in un impianto regolarmente autorizzato? E, soprattutto, cosa ci fanno lì in mezzo rifiuti...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Comincia nel migliore dei modi l’avventura europea dell’Italia sull’anello di Apeldoorn, in Olanda. Merito di Elia Viviani (foto Afp) che ha conquistato oro e titolo europeo nel torneo dell’eliminazione. Il campione veronese ha corso con...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Una vicenda giudiziaria che ha «devastato la loro vita». E ora «va resa giustizia a Stefano, ma anche a chi è stato accusato ingiustamente». I tre agenti della polizia penitenziaria, assolti in maniera definitiva nel primo processo sulla morte di...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Omicidio mercoledì sera a Cernusco sul Naviglio, nel Milanese. Un uomo di 63 anni, italiano, è stato ucciso a colpi di pistola nei box di un palazzo di via don Lorenzo Milani. La vittima è stata colpita da diversi proiettili in tutto il corpo. Sul...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Il campione Nba Michael Jordan ha messo in vendita la sua scenografica villa in stile moderno e su tre piani di Park City, esclusiva località sciistica nelle montagne dello Utah, per 7,5 milioni di dollari (6,8 milioni di euro), come riporta il «LA...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Chi ha intenzione di festeggiare Halloween, andando a un party o a una serata in discoteca, sta già pensando al travestimento da indossare. Che non deve per forza far paura. Per la notte delle streghe si può puntare su costumi da comprare già pronti...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Stavolta è lei accusata di tormentare lui, con continue richieste di ricominciare una relazione che si era interrotta n el 2017. E lil gup — una donna, Vilma Passamonti — a lui ha dato ragione: Valentina Pizzale, la donna finita ai domiciliari per...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ha disposto mercoledì un ulteriore supplemento di perizia sul caso di doping che coinvolge l’ex marciatore altoatesino Alex Schwazer, positivo ad un controllo a sorpresa...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Nelle stesse ore in cui la cantante Lady Gaga si domandava cosa fosse Fortnite su Twitter, in Italia è esploso il caso CiccioGamer. Lo youtuber, uno dei punti di riferimento online per gli appassionati di videogiochi, è stato tirato in ballo durante la ...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

L’Inter perde Alexis Sanchez per almeno tre mesi. Questo l’esito del consulto a Barcellona cui si è sottoposto l’attaccante cileno dopo l’infortunio subito in Nazionale. Aveva infatti riportato la lussazione del tendine peroneo lungo della...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

«La riconoscenza non ha scadenze io ho mantenuto la promessa che avevo fatto a mio nonno prima che morisse, ho ringraziato personalmente dopo tanti anni la famiglia di chi lo aveva salvato». A parlare è Biagio Cimini, giornalista appassionato Elio...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Arriverà domani a Palermo la salma di Sebastiano Tusa. L’archeologo siciliano, che era anche assessore regionale ai Beni culturali, morì nella sciagura aerea del 10 marzo scorso in Etiopia. Le autorità del Paese africano hanno consegnato ai...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Maturità, si cambia di nuovo. Il neo ministro Fioramonti aveva promesso che non ci sarebbero stati stravolgimenti, ma ha anche fatto capire che alcune migliorie erano possibili, anzi necessarie. C’è in sospeso la questione se reintrodurre o meno la...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Cristiano Ronaldo ha guadagnato più di tutti su Instagram durante lo scorso anno, doppiando il suo eterno rivale Leo Messi (finito al secondo posto) e staccando nettamente anche celebrità del calibro delle sorelle Kendall e Kylie Jenner...

Pubblicato mercoledì, 16 ottobre 2019 ‐ Corriere.it

Sergio Mattarella è nello Studio Ovale della Casa Bianca, a Washington, per incontrare il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Ottima l'accoglienza riservata al nostro presidente della Repubblica: «I rapporti con l'Italia sono ottimi, non sono...