Katerina: magistrata, divorziata, competente. In Grecia la prima presidente donna

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

La Grecia è in fondo alla classifica dei Paesi europei per la parità di genere e, a livello mondiale, è nella parte ingiusta del tabellone. Secondo il «Global Gender Gap Index», chi nasce femmina ha più probabilità di avere opportunità e salari uguali agli uomini in Etiopia, Tanzania, Bangladesh, Bolivia e Giamaica piuttosto che nella «culla della civiltà occidentale». La crisi economica ha colpito durissimo anche le istanze femministe. Pur se ormai fuori dalle procedure di controllo finanziario, anche nel 2019 la Grecia continua a scivolare indietro. Dal 2008, Atene è stata superata nelle questioni di «gender» da 15 Paesi. Eppure il 13 marzo, proprio la Grecia entrerà nel ristretto club dei Paesi con un presidente donna. Era dai tempi di Pericle, che la Grecia avrebbe potuto essere oltre che democratica anche con un capo di Stato donna. Ci sono voluti 2.480 anni per riuscirci. Il miracolo ha il nome di Katerina Sakellaropoulou, una donna capace di essere meglio di chiunque altro nella sua posizione, maschio o femmina. Meglio, ma non diversa. Se c’è da festeggiare per il punto conquistato nella classifica delle parità di genere, non c’è da illudersi che ciò comporti una specificità femminile capace di cambiare il mondo.
Sakellaropoulou, 63 anni, divorziata con un figlio, non è una nuova Cassandra che dica, inascoltata, verità che nessuno vuole sentire. Per arrivare in cima ha usato quel che sarebbe servito anche a un maschio, niente di più, niente di meno: una famiglia importante per costruire relazioni e contatti, studi eccellenti, competenza e senso del vento per mettersi dalla parte giusta, senza creare attriti con chi avrebbe potuto un giorno aiutarne la carriera. La nuova presidente greca è una tecnica indiscutibile, ma è stato il fiuto politico a renderla il candidato ideale per destra e sinistra. Sakellaropoulou è stata proposta alla presidenza dal premier conservatore Kyriakos Mitsotakis (Nuova Democrazia) e subito accolta anche dal centrosinistra di Syriza, il maggior partito d’opposizione guidato dall’ex premier Alexis Tsipras. Pochi anni fa era stato proprio Tsipras a scegliere la giudice per guidare il Consiglio di Stato. Anche allora era stata la prima volta per una donna. Così, mercoledì, il voto parlamentare è andato sul velluto. Eletta al primo scrutinio con maggioranza schiacciante: 261 deputati a favore su 300.



Sakellaropoulou ha già cominciato a entrare nella sua nuova parte. Ha chiuso l’account Facebook su cui postava immagini di gatti e vacanze e ha detto tutte le cose giuste da dire in un momento così. Ha mostrato realismo parlando di «sfide come la crisi economica, i cambiamenti climatici, le migrazioni di massa con il loro corollario di crisi umanitarie, declino dello Stato di diritto e l’aumento delle disuguaglianze». Tutti «problemi che vanno oltre i confini degli Stati e richiedono una cooperazione internazionale» (confermando così la collocazione «europeista» sua e della Grecia). «Abbiamo bisogno di crescita economica, di difendere i più deboli e invertire la fuga dei giovani all’estero. Dobbiamo migliorare l’istruzione e il sistema sanitario, proteggere l’ambiente naturale e la cultura» (e chi non sarebbe d’accordo?). La Grecia «è un moderno Stato di diritto — ha assicurato —, ma è necessario salvaguardare la sua integrità territoriale e i suoi diritti sovrani», un modo come un altro per assicurare i partiti greci che la troveranno al loro fianco contro le ambizioni turche sulle risorse energetiche del Mediterraneo orientale.
Figlia del vicepresidente della Corte Suprema che assolse dallo scandalo corruzione il socialista Andreas Papandreu, Katerina Sakellaropoulou ha partecipato da protagonista ad altri processi «storici». Nel 2012 ha invalidato i ricorsi degli ambientalisti contro l’apertura delle miniere d’oro e rame nella Calcidica a causa «dei particolari vantaggi per l’economia nazionale». Nel 2015 ha contribuito a limitare la condanna del ministro delle Finanze Giorgos Papakonstantinou che aveva cancellato i nomi dei parenti dalla lista dei presunti evasori fiscali fatta filtrare da Hervé Falciani. Si è anche occupata di discariche e dei tagli imposti dalla crisi economica alle tredicesime e alle pensioni, mettendo sempre al primo posto nelle sentenze la conferma delle decisioni governative. Pragmatica, realistica, fedele alle istituzioni. Premiata. Spesso si dice che per far carriera, una donna debba essere molto più brava di un uomo. Katerina Sakellaropoulou probabilmente lo è. Sarebbe un’altra discriminazione pretendere che, solo perché femmina, oltre che più brava fosse anche migliore.

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...