James Middleton confessa: «Ho avuto la depressione: è un cancro dell’anima, ma si può guarire»

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Trentuno anni, bello, desiderato, apparentemente fortunatissimo: eppure il fratello di Kate Middleton, James, ha nascosto al mondo intero per due anni una tremenda depressione. Di cui parla oggi al Daily Mail perché ha finalmente accettato quello che definisce «un cancro della mente» e ha iniziato a curarsi e a guarire. «So di essere benedetto e di vivere una vita privilegiata», ammette in un lungo sfogo al tabloid inglese. «Ma questo non mi ha resto immune dalla depressione. È difficile descriverla. Non è solo tristezza, è una malattia», spiega James, provando a raccontare la catena di giorni tutti uguali, in cui si tirava su a fatica dal letto, andava a lavoro per rimanere ore a fissare con gli occhi vitrei lo schermo del computer, attanagliato da un senso di inerzia che gli impediva di rispondere persino al messaggio più semplice, che gli impediva di comunicare con la famiglia e gli amici. «Di notte non riuscivo a dormire, una cacofonia di rumori immaginari mi risuonava nella resta, il baccano era incessante», racconta ancora James. «Non è una sensazione, ma un’assenza di sentimenti, esisti senza scopo o direzione. Non riuscivo a provare gioia, eccitazione, aspettative», prova a spiegare, precisando che non ha mai pensato al suicidio, ma sapeva di non voler vivere in quello stato.
A dicembre del 2017 la svolta: James decide di chiamare il suo medico e chiedergli aiuto. Poi parte per il Lake district, insieme ai suoi cani, da solo: una zona selvaggia che ama da quando era piccolo, dove nuota, si concede lunghe passeggiate sulla neve, e cerca di calmare il tumulto che ha dentro con il riposo e la tranquillità. Al ritorno, è pronto ad affrontare la terapia: da allora vede uno psichiatra tutte le settimane, ha iniziato una terapia, e soprattutto ha scoperto di avere un disturbo dell’attenzione, l’ADD (Attention deficit desorder), una variante del disturbo da deficit di attenzione e iperattività, che di solito viene diagnosticato ai bambini. «È stata una rivelazione scoprirlo. Ha spiegato così tanto delle mie difficoltà: la ragione per cui ho difficoltà a concentrarmi, perché la mia mente vaga in stravaganti sogni ad occhi aperti, perché compiti semplici come fare il mio letto diventano enormi come compilare una dichiarazione dei redditi. Add spiega anche perché sono irrequieto, energico, impulsivo, perché inizio le attività ma non riesco a completarle, perché a volte sembro impaziente e non ascolto perché la mia mente sta galoppando con la fantasia».


Un disturbo, quello di James, che gli regala anche una profonda creatività ed intensità emotiva: «Significa che mi vengono idee originali e fantastiche», ma spiega anche perché ha avuto difficoltà nel gestire un’impresa. «Ma ora sto iniziando a mettere ordine nella mia vita. Scrivo una lista di dieci cose che voglio fare ogni giorno. Se so che ho davvero bisogno di concentrarmi su qualcosa, prendo i farmaci prescritti dal mio medico per controllare i miei sintomi». L’Add, se spiega il presente di James, spiega anche il suo passato: per lui leggere e scrivere era sempre stato difficile, a causa di una dislessia che gli avevano diagnosticato da piccolo. Mentre era incredibilmente bravo a smontare e rimontare. «Ora capisco che era il disturbo ad impedirmi di concentrami». Arrivato faticosamente all’università, dove aveva iniziato a studiare la gestione delle risorse ambientali, ha capito che non era quella la sua strada: «Un mese dopo, ho pensato: che sto facendo qui? Non riuscivo a far fronte allo studio indipendente, e dopo un anno ho smesso». James, nonostante non sia riuscito negli studi, ha fondato due aziende sue, ma incontrando sempre grandissime difficoltà nella gestione pratica. «Non sto criticando il sistema, ma non poiché non sapevo che il mio cervello funzionava in maniera diversa, e nemmeno i miei genitori, non riuscivo a trovare il modo di governare il mio disturbo. Se la diagnosi e l’aiuto fossero arrivati prima, avrei avuto una vita molto più facile».
Ora però questo è un capitolo passato. Grazie anche alla fondazione per la salute mentale («Heads togethar»), che sua sorella Kate insieme ai principi Harry e William supporta, ha sentito il dovere di parlare della depressione che lo ha colpito, per aiutare gli altri che soffrono a capire. «Ora co che, così facendo, non sto ammettendo una debolezza. Lo stigma associato alla malattia mentale sta diminuendo. Oggi, per quanto sia difficile, sono contento di aver attraversato una depressione così debilitante: perché ho le capacità per combatterla».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 19 giugno 2019 ‐ Corriere.it

«Nessun presidente ha mai avuto il consenso del vostro presidente preferito, Donald Trump. Eccetto George Washington, George aveva il 100%». Donald Trump arringa la folla riunita all’Amway Center di Orlando, in Florida, nel discorso con cui lancia la ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’«incontro ravvicinato» del vicepremier Matteo Salvini con un gabbiano alquanto aggressivo, sul tetto del Viminale, i bianchi volatili tornano a far parlare di sé nella capitale in balia degli animali. La scena è stata girata in piena notte,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, fra i tanti luoghi dell’orrore nazifascista, molti sono ormai dimenticati. Se un poco di ricordo ancora oggi sopravvive riguarda, giustamente, fatti dell’Appennino toscoemiliano. Ho cercato notizie di Boves e dell’omonima banda, ma...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo l’intervento che domani la scrittrice Chiara Gamberale farà al Festival Letterature di Massenzio. Le parti in corsivo sono citazioni dei classici (si comincia con La Recherche di Marcel Proust e si chiude con il Macbeth di Shakespeare...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Le parole chiave sono «giudizio dei datori di lavoro» e «impatto della ricerca». È soprattutto su questi parametri che si gioca l’eccellenza delle università italiane. Quelle, almeno, che figurano nell’istantanea scattata dal Qs World...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sara Fattoretto, 32 anni, di Padova, una laurea in Scienze del Servizio Sociale, lavora in una cooperativa che assiste i richiedenti asilo. Dice di essere brava già per conto suo a trovare lavoro alla gente che non ne ha. L’ha fatto con i migranti:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sempre in vantaggio, dalla palla a due al fischio finale, sempre con un margine di sicurezza, anche se senza mai scrollarsi di dosso gli avversari, Venezia si aggiudica gara 5 della finale scudetto contro Sassari (78-65), si porta in vantaggio per 3-2 e...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Giuliani 7Sotto assedio si esalta: con un guizzo neutralizza il sublime tacco di Debinha su corner di Marta, poi si avventura in uscita volante su Ludmila. Fondamentale, nonostante la sconfitta. Guagni 7,5 Coda e eye-liner per una seratona:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

C’è stato un tempo in cui Roma cresceva economicamente, in Pil e occupazione, tre volte di più del resto del Paese. Una stagione che il New York Times aveva ribattezzato «una specie di Rinascimento» e in cui il sindaco della capitale d’Italia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia ha retto fino alla 30’ del secondo tempo, creando anche diverse occasioni pericolose. Poi però il Brasile è venuto fuori, obbligato a vincere per rimanere dentro questo Mondiale. Debinha viene atterrata in area da Linardi, il contatto è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Questa mattina primo vertice di una lunga giornata, con i due vicepremier che incontrano il premier e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Si parlerà di Europa e di economia, sulla quale il presidente Conte spiega: «Non ci interessano...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Si vedranno a tarda sera, dopo il consiglio dei ministri, anche se l’ordine del giorno è molto complesso dopo mesi di inerzia in cui la questione giustizia è stata relegata dal governo tra le varie e le eventuali. Così — dopo aver accettato, su...