James Middleton confessa: «Ho avuto la depressione: è un cancro dell’anima, ma si può guarire»

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Trentuno anni, bello, desiderato, apparentemente fortunatissimo: eppure il fratello di Kate Middleton, James, ha nascosto al mondo intero per due anni una tremenda depressione. Di cui parla oggi al Daily Mail perché ha finalmente accettato quello che definisce «un cancro della mente» e ha iniziato a curarsi e a guarire. «So di essere benedetto e di vivere una vita privilegiata», ammette in un lungo sfogo al tabloid inglese. «Ma questo non mi ha resto immune dalla depressione. È difficile descriverla. Non è solo tristezza, è una malattia», spiega James, provando a raccontare la catena di giorni tutti uguali, in cui si tirava su a fatica dal letto, andava a lavoro per rimanere ore a fissare con gli occhi vitrei lo schermo del computer, attanagliato da un senso di inerzia che gli impediva di rispondere persino al messaggio più semplice, che gli impediva di comunicare con la famiglia e gli amici. «Di notte non riuscivo a dormire, una cacofonia di rumori immaginari mi risuonava nella resta, il baccano era incessante», racconta ancora James. «Non è una sensazione, ma un’assenza di sentimenti, esisti senza scopo o direzione. Non riuscivo a provare gioia, eccitazione, aspettative», prova a spiegare, precisando che non ha mai pensato al suicidio, ma sapeva di non voler vivere in quello stato.
A dicembre del 2017 la svolta: James decide di chiamare il suo medico e chiedergli aiuto. Poi parte per il Lake district, insieme ai suoi cani, da solo: una zona selvaggia che ama da quando era piccolo, dove nuota, si concede lunghe passeggiate sulla neve, e cerca di calmare il tumulto che ha dentro con il riposo e la tranquillità. Al ritorno, è pronto ad affrontare la terapia: da allora vede uno psichiatra tutte le settimane, ha iniziato una terapia, e soprattutto ha scoperto di avere un disturbo dell’attenzione, l’ADD (Attention deficit desorder), una variante del disturbo da deficit di attenzione e iperattività, che di solito viene diagnosticato ai bambini. «È stata una rivelazione scoprirlo. Ha spiegato così tanto delle mie difficoltà: la ragione per cui ho difficoltà a concentrarmi, perché la mia mente vaga in stravaganti sogni ad occhi aperti, perché compiti semplici come fare il mio letto diventano enormi come compilare una dichiarazione dei redditi. Add spiega anche perché sono irrequieto, energico, impulsivo, perché inizio le attività ma non riesco a completarle, perché a volte sembro impaziente e non ascolto perché la mia mente sta galoppando con la fantasia».


Un disturbo, quello di James, che gli regala anche una profonda creatività ed intensità emotiva: «Significa che mi vengono idee originali e fantastiche», ma spiega anche perché ha avuto difficoltà nel gestire un’impresa. «Ma ora sto iniziando a mettere ordine nella mia vita. Scrivo una lista di dieci cose che voglio fare ogni giorno. Se so che ho davvero bisogno di concentrarmi su qualcosa, prendo i farmaci prescritti dal mio medico per controllare i miei sintomi». L’Add, se spiega il presente di James, spiega anche il suo passato: per lui leggere e scrivere era sempre stato difficile, a causa di una dislessia che gli avevano diagnosticato da piccolo. Mentre era incredibilmente bravo a smontare e rimontare. «Ora capisco che era il disturbo ad impedirmi di concentrami». Arrivato faticosamente all’università, dove aveva iniziato a studiare la gestione delle risorse ambientali, ha capito che non era quella la sua strada: «Un mese dopo, ho pensato: che sto facendo qui? Non riuscivo a far fronte allo studio indipendente, e dopo un anno ho smesso». James, nonostante non sia riuscito negli studi, ha fondato due aziende sue, ma incontrando sempre grandissime difficoltà nella gestione pratica. «Non sto criticando il sistema, ma non poiché non sapevo che il mio cervello funzionava in maniera diversa, e nemmeno i miei genitori, non riuscivo a trovare il modo di governare il mio disturbo. Se la diagnosi e l’aiuto fossero arrivati prima, avrei avuto una vita molto più facile».
Ora però questo è un capitolo passato. Grazie anche alla fondazione per la salute mentale («Heads togethar»), che sua sorella Kate insieme ai principi Harry e William supporta, ha sentito il dovere di parlare della depressione che lo ha colpito, per aiutare gli altri che soffrono a capire. «Ora co che, così facendo, non sto ammettendo una debolezza. Lo stigma associato alla malattia mentale sta diminuendo. Oggi, per quanto sia difficile, sono contento di aver attraversato una depressione così debilitante: perché ho le capacità per combatterla».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...