James Middleton confessa: «Ho avuto la depressione: è un cancro dell’anima, ma si può guarire»

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Trentuno anni, bello, desiderato, apparentemente fortunatissimo: eppure il fratello di Kate Middleton, James, ha nascosto al mondo intero per due anni una tremenda depressione. Di cui parla oggi al Daily Mail perché ha finalmente accettato quello che definisce «un cancro della mente» e ha iniziato a curarsi e a guarire. «So di essere benedetto e di vivere una vita privilegiata», ammette in un lungo sfogo al tabloid inglese. «Ma questo non mi ha resto immune dalla depressione. È difficile descriverla. Non è solo tristezza, è una malattia», spiega James, provando a raccontare la catena di giorni tutti uguali, in cui si tirava su a fatica dal letto, andava a lavoro per rimanere ore a fissare con gli occhi vitrei lo schermo del computer, attanagliato da un senso di inerzia che gli impediva di rispondere persino al messaggio più semplice, che gli impediva di comunicare con la famiglia e gli amici. «Di notte non riuscivo a dormire, una cacofonia di rumori immaginari mi risuonava nella resta, il baccano era incessante», racconta ancora James. «Non è una sensazione, ma un’assenza di sentimenti, esisti senza scopo o direzione. Non riuscivo a provare gioia, eccitazione, aspettative», prova a spiegare, precisando che non ha mai pensato al suicidio, ma sapeva di non voler vivere in quello stato.
A dicembre del 2017 la svolta: James decide di chiamare il suo medico e chiedergli aiuto. Poi parte per il Lake district, insieme ai suoi cani, da solo: una zona selvaggia che ama da quando era piccolo, dove nuota, si concede lunghe passeggiate sulla neve, e cerca di calmare il tumulto che ha dentro con il riposo e la tranquillità. Al ritorno, è pronto ad affrontare la terapia: da allora vede uno psichiatra tutte le settimane, ha iniziato una terapia, e soprattutto ha scoperto di avere un disturbo dell’attenzione, l’ADD (Attention deficit desorder), una variante del disturbo da deficit di attenzione e iperattività, che di solito viene diagnosticato ai bambini. «È stata una rivelazione scoprirlo. Ha spiegato così tanto delle mie difficoltà: la ragione per cui ho difficoltà a concentrarmi, perché la mia mente vaga in stravaganti sogni ad occhi aperti, perché compiti semplici come fare il mio letto diventano enormi come compilare una dichiarazione dei redditi. Add spiega anche perché sono irrequieto, energico, impulsivo, perché inizio le attività ma non riesco a completarle, perché a volte sembro impaziente e non ascolto perché la mia mente sta galoppando con la fantasia».


Un disturbo, quello di James, che gli regala anche una profonda creatività ed intensità emotiva: «Significa che mi vengono idee originali e fantastiche», ma spiega anche perché ha avuto difficoltà nel gestire un’impresa. «Ma ora sto iniziando a mettere ordine nella mia vita. Scrivo una lista di dieci cose che voglio fare ogni giorno. Se so che ho davvero bisogno di concentrarmi su qualcosa, prendo i farmaci prescritti dal mio medico per controllare i miei sintomi». L’Add, se spiega il presente di James, spiega anche il suo passato: per lui leggere e scrivere era sempre stato difficile, a causa di una dislessia che gli avevano diagnosticato da piccolo. Mentre era incredibilmente bravo a smontare e rimontare. «Ora capisco che era il disturbo ad impedirmi di concentrami». Arrivato faticosamente all’università, dove aveva iniziato a studiare la gestione delle risorse ambientali, ha capito che non era quella la sua strada: «Un mese dopo, ho pensato: che sto facendo qui? Non riuscivo a far fronte allo studio indipendente, e dopo un anno ho smesso». James, nonostante non sia riuscito negli studi, ha fondato due aziende sue, ma incontrando sempre grandissime difficoltà nella gestione pratica. «Non sto criticando il sistema, ma non poiché non sapevo che il mio cervello funzionava in maniera diversa, e nemmeno i miei genitori, non riuscivo a trovare il modo di governare il mio disturbo. Se la diagnosi e l’aiuto fossero arrivati prima, avrei avuto una vita molto più facile».
Ora però questo è un capitolo passato. Grazie anche alla fondazione per la salute mentale («Heads togethar»), che sua sorella Kate insieme ai principi Harry e William supporta, ha sentito il dovere di parlare della depressione che lo ha colpito, per aiutare gli altri che soffrono a capire. «Ora co che, così facendo, non sto ammettendo una debolezza. Lo stigma associato alla malattia mentale sta diminuendo. Oggi, per quanto sia difficile, sono contento di aver attraversato una depressione così debilitante: perché ho le capacità per combatterla».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...