Il talento di imitare  un erbivoro vissuto 290 milioni di anni fa

Pubblicato lunedì, 28 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vissuto circa fra i 280 e i 290 milioni di anni fa, l’orobate (orobates pabsti) era un vertebrato erbivoro, lungo poco più di un metro, con caratteristiche fisiche intermedie tra quelle degli anfibi e quelle dei rettili. L’interesse nei suoi confronti è dovuto al fatto che è stato uno dei primi amnioti, i vertebrati con quattro arti che, a differenza degli anfibi, potevano trascorrere l’intera esistenza sulla terra. La membrana protettiva che avvolgeva gli embrioni, infatti, consentiva loro di superare una prima fase necessariamente acquatica, tipica per esempio dei girini: fu, questa, un’innovazione evolutiva che permise loro di colonizzare nuovi habitat.
Per la prima volta, un’équipe del Politecnico Federale di Losanna ha unito lo studio della sequenza delle impronte ricavate dai giacimenti fossili e l’analisi anatomica dei resti alle simulazioni con un robot (battezzato OroBOT), così da ottenere la migliore approssimazione possibile dell’andatura degli orobati. Gli studiosi hanno dapprima realizzato una simulazione cinematica, ricreando lo scheletro e definendo il movimento delle zampe, e poi una dinamica, che tenesse conto di fattori quali la gravità, l’attrito e l’equilibrio. Il risultato, apparso su «Nature» il 17 gennaio, è che gli orobati avevano un’andatura relativamente avanzata (ventre ben sollevato da terra, ondulazione contenuta), che si traduceva in un consistente risparmio di energia e offriva loro un importante vantaggio evolutivo. Gli studi sono all’inizio, ma promettono di gettare nuova luce sull’evoluzione dei meccanismi di spostamento, dall’andatura a quattro zampe a quella a due, dal movimento in acqua a quello sulla terra, al volo.

Tag: #Cultura

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Saranno gli iscritti alla piattaforma Rousseau a decidere online se il Movimento 5 Stelle deve votare a favore o contro l’autorizzazione a procedere nei confronti del vicepremier leghista Matteo Salvini per il caso Diciotti in giunta al Senato. Il via ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Torino Lo stallo in cui il governo Conte ha precipitato la Torino-Lione irrita i colleghi d’oltralpe e l’Europa che vanno in pressing su Roma. In ballo ci potrebbe essere infatti la restituzione di parte dei fondi stanziati per l’avanzamento della...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Ministra, siamo a una battuta d’arresto per le autonomie?«Ma che dice?». Erika Stefani, la ministra per gli Affari regionali e per le Autonomie, da oltre otto mesi vive immersa nella trattativa serrata per le forme di autonomia...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

«Luigi non sarà il capro espiatorio se alle Europee prenderemo meno di quello che ci danno i sondaggi. Nel 2014 eravamo accreditati del 28, e prendemmo il 21 per cento. A maggio non andrà molto diversamente. I nostri elettori le sentono poco, come le...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

6 Szczesny Serata di relax. Un paio di uscite alte. Stop.6 Cancelo Spinge meno del solito e sbaglia di più.6,5 Bonucci Brucia il tempo: più lesto anche di Khedira nel mettere dentro il 2-0.6,5 Chiellini Buon collaudo. Rientro soft, pensando ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Nel giorno del suo insediamento alla presidenza, Jair Bolsonaro aveva promesso di liberare il Brasile «dal socialismo e dal politicamente corretto». Missione fallita, per adesso, come mostra il caso di una nota giornalista costretta alle dimissioni a...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Non è la prima volta nella storia che l’uomo si spaventa di fronte alle proprie creazioni tecnologiche. Nel 1888 Thomas Edison per dimostrare quali pericoli fossero insiti nella corrente alternata, la tecnologia difesa dal suo concorrente Nikola...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di prendere il cellulare e riporlo nella scatola, ha fatto l’ultimo giro su Instagram. Sopra uno sfondo nero ha scritto: «Non mi troverete per cinque giorni. Se avete bisogno, ecco il mio numero». Poi, quella foto, l’ha pubblicata nelle...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Roma C’è il dispositivo che rigenera tendini e legamenti. O il gel di microbi che ripulisce le opere d’arte (senza «intossicarle»). C’è il test per diagnosticare immediatamente la malaria (e quindi curare subito milioni di persone) e il kit per ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

C’ è una scena nel famoso film «Il pranzo di Babette», quella finale, in cui una comunità litigiosa si riappacifica e si ritrova a godere insieme della vita attraverso il cibo cucinato da una bravissima chef francese. Nel villaggio danese...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

«L’idea è quella di ripensare profondamente il sistema della prevenzione e dell’assistenza. E dall’altra parte, rivedere le norme in quelle parti come la “modica quantità”: da un lato fa pensare che ci sia una quantità ammissibile,...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

«Un passato, poco presente e nessun futuro. Un paese da cui scappare». Eppure Florinda a Favara ci è tornata. «Vivevo a Parigi, mio marito in Sicilia. Quando abbiamo avuto nostra figlia abbiamo scelto di tornare in Italia, in quella terra, con...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

Sono ragazzine e ragazzini: vivono nella «casa delle bambine che non mangiano», com’è soprannominato nella zona il Centro per i disturbi del comportamento alimentare Palazzo Francisci di Todi, l’unica residenza pubblica che accolga anche minori di ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

«I tablet sono per noi il terzo business aziendale. Non abbiamo nessuna intenzione di mollare». Per questo Samsung ha presentato oggi il nuovo Galaxy Tab S5e: un nuovo tablet di fascia media o meglio medio/alta che va ad affiancare l’interessante Tab ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Corriere.it

«Se ci vogliamo pesare, non dobbiamo guardare ai sondaggi di adesso. Ma al voto del 4 marzo, ai numeri in Parlamento. I primi siamo noi, e la Lega ha già avuto Savona alla Consob. Non possono mica prendere tutto loro». A parlare è un uomo di governo...