Il talento di imitare  un erbivoro vissuto 290 milioni di anni fa

Pubblicato lunedì, 28 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vissuto circa fra i 280 e i 290 milioni di anni fa, l’orobate (orobates pabsti) era un vertebrato erbivoro, lungo poco più di un metro, con caratteristiche fisiche intermedie tra quelle degli anfibi e quelle dei rettili. L’interesse nei suoi confronti è dovuto al fatto che è stato uno dei primi amnioti, i vertebrati con quattro arti che, a differenza degli anfibi, potevano trascorrere l’intera esistenza sulla terra. La membrana protettiva che avvolgeva gli embrioni, infatti, consentiva loro di superare una prima fase necessariamente acquatica, tipica per esempio dei girini: fu, questa, un’innovazione evolutiva che permise loro di colonizzare nuovi habitat.
Per la prima volta, un’équipe del Politecnico Federale di Losanna ha unito lo studio della sequenza delle impronte ricavate dai giacimenti fossili e l’analisi anatomica dei resti alle simulazioni con un robot (battezzato OroBOT), così da ottenere la migliore approssimazione possibile dell’andatura degli orobati. Gli studiosi hanno dapprima realizzato una simulazione cinematica, ricreando lo scheletro e definendo il movimento delle zampe, e poi una dinamica, che tenesse conto di fattori quali la gravità, l’attrito e l’equilibrio. Il risultato, apparso su «Nature» il 17 gennaio, è che gli orobati avevano un’andatura relativamente avanzata (ventre ben sollevato da terra, ondulazione contenuta), che si traduceva in un consistente risparmio di energia e offriva loro un importante vantaggio evolutivo. Gli studi sono all’inizio, ma promettono di gettare nuova luce sull’evoluzione dei meccanismi di spostamento, dall’andatura a quattro zampe a quella a due, dal movimento in acqua a quello sulla terra, al volo.

Tag: #Cultura

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’«incontro ravvicinato» del vicepremier Matteo Salvini con un gabbiano alquanto aggressivo, sul tetto del Viminale, i bianchi volatili tornano a far parlare di sé nella capitale in balia degli animali. La scena è stata girata in piena notte,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, fra i tanti luoghi dell’orrore nazifascista, molti sono ormai dimenticati. Se un poco di ricordo ancora oggi sopravvive riguarda, giustamente, fatti dell’Appennino toscoemiliano. Ho cercato notizie di Boves e dell’omonima banda, ma...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo l’intervento che domani la scrittrice Chiara Gamberale farà al Festival Letterature di Massenzio. Le parti in corsivo sono citazioni dei classici (si comincia con La Recherche di Marcel Proust e si chiude con il Macbeth di Shakespeare...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Le parole chiave sono «giudizio dei datori di lavoro» e «impatto della ricerca». È soprattutto su questi parametri che si gioca l’eccellenza delle università italiane. Quelle, almeno, che figurano nell’istantanea scattata dal Qs World...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sara Fattoretto, 32 anni, di Padova, una laurea in Scienze del Servizio Sociale, lavora in una cooperativa che assiste i richiedenti asilo. Dice di essere brava già per conto suo a trovare lavoro alla gente che non ne ha. L’ha fatto con i migranti:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sempre in vantaggio, dalla palla a due al fischio finale, sempre con un margine di sicurezza, anche se senza mai scrollarsi di dosso gli avversari, Venezia si aggiudica gara 5 della finale scudetto contro Sassari (78-65), si porta in vantaggio per 3-2 e...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Giuliani 7Sotto assedio si esalta: con un guizzo neutralizza il sublime tacco di Debinha su corner di Marta, poi si avventura in uscita volante su Ludmila. Fondamentale, nonostante la sconfitta. Guagni 7,5 Coda e eye-liner per una seratona:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

C’è stato un tempo in cui Roma cresceva economicamente, in Pil e occupazione, tre volte di più del resto del Paese. Una stagione che il New York Times aveva ribattezzato «una specie di Rinascimento» e in cui il sindaco della capitale d’Italia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia ha retto fino alla 30’ del secondo tempo, creando anche diverse occasioni pericolose. Poi però il Brasile è venuto fuori, obbligato a vincere per rimanere dentro questo Mondiale. Debinha viene atterrata in area da Linardi, il contatto è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Questa mattina primo vertice di una lunga giornata, con i due vicepremier che incontrano il premier e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Si parlerà di Europa e di economia, sulla quale il presidente Conte spiega: «Non ci interessano...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Si vedranno a tarda sera, dopo il consiglio dei ministri, anche se l’ordine del giorno è molto complesso dopo mesi di inerzia in cui la questione giustizia è stata relegata dal governo tra le varie e le eventuali. Così — dopo aver accettato, su...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

SIENA Luigi Bruschelli detto «Trecciolino», il fantino del palio di Siena più forte degli ultimi 20 anni, è stato condannato dal tribunale di Siena a 4 anni e dieci mesi e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici per falso materiale e...