Il ristorante-scuola dei ragazzi down rischia di fallire: «Senza una nuova sede chiudiamo»

Pubblicato giovedì, 29 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Quando aveva aperto, qualche anno fa, ne avevano parlato tutti: giornali locali e nazionali, media e tv. Anche all’estero, perché a muovere l’idea di titolari della Locanda dei Girasoli non c’era solo la voglia di mettersi in gioco con una nuova attività. C’era qualcosa in più: il progetto, ambizioso al punto giusto, di schierare dodici ragazzi speciali a prendersi cura di ogni minimo dettaglio. Ai fornelli, in sala a servire ai tavoli, al bar, ognuno con il suo compito e la sua piccola fetta di responsabilità. La Locanda dei Girasoli aveva alzato le serrande con questa missione, una tradizione partita nel 1999 che nel tempo ha attraversato momenti difficili e nel 2013 è ripartita in grande stile, nella vetrina di via dei Sulpici 117, nel cuore del quartiere Quadraro, a Roma, con la nuova gestione della cooperativa I Girasoli Onlus. A dodici ragazzi con sindrome di down e disabilità è stata data la possibilità di svolgere diverse ore di formazione, per imparare i trucchi, cogliere i segreti del mestiere e riuscire a diventare autonomi nella gestione del ristorante. Poi la palla è passata a loro, persino la creazione delle nuove ricette, la scelta dei menu, la gestione delle prenotazioni. In pochi giorni il locale ha cominciato a riempirsi e ovunque, sul web, sono apparse recensioni positive.
Di recente, però, sulla Locanda dei Girasoli hanno cominciato a piovere le prime difficoltà. «Siamo in una zona un po’ nascosta - racconta con rammarico Enzo Rimicci, presidente della cooperativa -, il bilancio è negativo, non per la qualità, ma perché la zona non ci aiuta. Le recensioni che ci arrivano sono ottime, gli unici che si lamentano fanno presente che raggiungere la Locanda è difficile. La soluzione migliore sarebbe quella di trovare un locale in un luogo più frequentato, ci abbiamo provato a lungo, ma non siamo riusciti a muoverci di un centimetro». Così è nato un appello accorato, scritto di getto e diffuso sui social: «Siamo costretti a chiudere, ma resta un’ultima speranza, aiutateci». Dopo la pubblicazione del post in molti si sono mobilitati. «C’è chi si è prenotato per venire a cena nelle prossime sere e chi ha proposto di mandarci una piccola donazione per far fronte alle spese», spiegano i gestori. Questo, però, non basta per cambiare rotta. «Resta il problema della sede. Dover rinunciare al nostro progetto, che realmente regala sorrisi e speranze, sarebbe una perdita incolmabile. Per questo - spiegano i titolari del ristorante insieme ai ragazzi che lo hanno reso ciò che è oggi - chiediamo l’aiuto di tutti per non dover spegnere le luci del nostro locale».

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Le previsioni del tempo sono un argomento classico di discussione. In giorni normali vogliamo sapere se a Pasqua si potrà andare al mare. Oggi ci chiediamo se il caldo primaverile ucciderà il coronavirus? Non è un argomento da bar (d’altra parte i...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Un’applicazione per verificare le code davanti ai supermercati che utilizza lo stesso principio di Waze, l’app più conosciuta per monitorare le file in autostrada grazie alla collaborazione degli automobilisti che le segnalano. Quella che può...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

A Liverpool, Bill Shankly è entrato direttamente nella leggenda. Qui da noi, l’allenatore che tra il 1959 e il 1974 portò i Reds dalla Seconda Divisione alla grandezza mai più tramontata, è entrato solo nella storia per una frase: «Alcuni credono...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Cosa si può fare ma soprattutto cosa non si può fare nell’intimità durante l’emergenza che stiamo vivendo? Se lo chiedono in molti: abbiamo girato le domande più comuni a due esperti, la sessuologa Roberta Rossi, presidente della Federazione...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Bari. Pausa pranzo. Una vocina mi dice di non essere sarcastico sull’essenzialità del mio lavoro, quindi scriverò semplicemente che sono in ufficio. Stamattina sveglia presto, ho infornato il pane che avevo preparato ieri e l’ho portato caldo e...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Quando esplodono drammi impensati e dirompenti, capaci di stravolgere le nostre attività quotidiane, lo spavento, l’ansia e la visione catastrofica del domani spazzano via tutto, circondando di ombre letali anche le cose che fino al giorno prima...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

La Lega perde 2 punti in 2 mesi, cioè da quando è scattata l’emergenza Coronavirus, e ora si attesta al 26,5%. Italia viva, il partito dell’altro Matteo (Renzi), crolla al 2,2%. Il Pd, nello stesso arco di tempo, rosicchia quasi altri 3 punti ed...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 marzo del 1300 iniziava il viaggio ultraterreno dell’Alighieri nell’aldilà (data concordata dagli studiosi) attraverso il capolavoro senza tempo della Commedia. E in quella stessa data inizia il viaggio del Dantedì, la prima giornata...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il Papa tutti i giorni su Rai1. Nei momenti duri, si sa, in tanti riscoprono la preghiera e le chiese tornano a riempirsi. Ma in questo caso per legge le chiese devono restare vuote e dunque, grazie alla tecnologia, chiese e preghiere entrano nelle case, ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

«Il coronavirus? Come essere travolti da un camion», dice adesso Pepe Reina, ancora sconvolto dall’esperienza. Tra i calciatori che in Europa sono stati contagiati c’è anche l’ex portiere spagnolo di Napoli e Milan, oggi in Premier League...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il co-design coordinator del team Luna Rossa Prada Pirelli Horacio Carabelli che spiega come è nato (e come è stato sviluppato) il progetto del battello che, Coronavirus permettendo, parteciperà alla Coppa America nel 2021. Poi dei documentari che...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

E’ presto per fare un bilancio sulla pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2 a partire dalla fine di dicembre. Ma alcune cose le abbiamo già imparate. Fra queste sicuramente l’importanza dei dati e delle tecnologie di «contact tracing»,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Il blocco dei rifornimenti finirebbe per paralizzare quei trasporti necessari per tenere in piedi il Paese. Un problema serissimo. Il Garante per gli scioperi chiede di revocare la protesta, ma i sindacati rispondono che non si tratta di uno sciopero,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

L’immagine di una bimba di quattro anni che bacia il suo papà attraverso il vetro di una finestra è diventata l’emblema dell’importanza dell’isolamento nella lotta al coronavirus. Lei si chiama Mila Sneddon, abita con la famiglia a Falkirk, in...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Corriere.it

Si chiama Aurora e pesa 3 chili e mezzo la bambina più piccola di Moncenisio, il comune meno popoloso d’Italia, trentanove abitanti più una neonata, la figlia di Jonida ed Enrico Perottino, l’escavatorista della zona. Il primo fiocco rosa dopo...