Il ristorante-scuola dei ragazzi down rischia di fallire: «Senza una nuova sede chiudiamo»

Pubblicato giovedì, 29 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Quando aveva aperto, qualche anno fa, ne avevano parlato tutti: giornali locali e nazionali, media e tv. Anche all’estero, perché a muovere l’idea di titolari della Locanda dei Girasoli non c’era solo la voglia di mettersi in gioco con una nuova attività. C’era qualcosa in più: il progetto, ambizioso al punto giusto, di schierare dodici ragazzi speciali a prendersi cura di ogni minimo dettaglio. Ai fornelli, in sala a servire ai tavoli, al bar, ognuno con il suo compito e la sua piccola fetta di responsabilità. La Locanda dei Girasoli aveva alzato le serrande con questa missione, una tradizione partita nel 1999 che nel tempo ha attraversato momenti difficili e nel 2013 è ripartita in grande stile, nella vetrina di via dei Sulpici 117, nel cuore del quartiere Quadraro, a Roma, con la nuova gestione della cooperativa I Girasoli Onlus. A dodici ragazzi con sindrome di down e disabilità è stata data la possibilità di svolgere diverse ore di formazione, per imparare i trucchi, cogliere i segreti del mestiere e riuscire a diventare autonomi nella gestione del ristorante. Poi la palla è passata a loro, persino la creazione delle nuove ricette, la scelta dei menu, la gestione delle prenotazioni. In pochi giorni il locale ha cominciato a riempirsi e ovunque, sul web, sono apparse recensioni positive.
Di recente, però, sulla Locanda dei Girasoli hanno cominciato a piovere le prime difficoltà. «Siamo in una zona un po’ nascosta - racconta con rammarico Enzo Rimicci, presidente della cooperativa -, il bilancio è negativo, non per la qualità, ma perché la zona non ci aiuta. Le recensioni che ci arrivano sono ottime, gli unici che si lamentano fanno presente che raggiungere la Locanda è difficile. La soluzione migliore sarebbe quella di trovare un locale in un luogo più frequentato, ci abbiamo provato a lungo, ma non siamo riusciti a muoverci di un centimetro». Così è nato un appello accorato, scritto di getto e diffuso sui social: «Siamo costretti a chiudere, ma resta un’ultima speranza, aiutateci». Dopo la pubblicazione del post in molti si sono mobilitati. «C’è chi si è prenotato per venire a cena nelle prossime sere e chi ha proposto di mandarci una piccola donazione per far fronte alle spese», spiegano i gestori. Questo, però, non basta per cambiare rotta. «Resta il problema della sede. Dover rinunciare al nostro progetto, che realmente regala sorrisi e speranze, sarebbe una perdita incolmabile. Per questo - spiegano i titolari del ristorante insieme ai ragazzi che lo hanno reso ciò che è oggi - chiediamo l’aiuto di tutti per non dover spegnere le luci del nostro locale».

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...