Il ristorante-scuola dei ragazzi down rischia di fallire: «Senza una nuova sede chiudiamo»

Pubblicato giovedì, 29 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Quando aveva aperto, qualche anno fa, ne avevano parlato tutti: giornali locali e nazionali, media e tv. Anche all’estero, perché a muovere l’idea di titolari della Locanda dei Girasoli non c’era solo la voglia di mettersi in gioco con una nuova attività. C’era qualcosa in più: il progetto, ambizioso al punto giusto, di schierare dodici ragazzi speciali a prendersi cura di ogni minimo dettaglio. Ai fornelli, in sala a servire ai tavoli, al bar, ognuno con il suo compito e la sua piccola fetta di responsabilità. La Locanda dei Girasoli aveva alzato le serrande con questa missione, una tradizione partita nel 1999 che nel tempo ha attraversato momenti difficili e nel 2013 è ripartita in grande stile, nella vetrina di via dei Sulpici 117, nel cuore del quartiere Quadraro, a Roma, con la nuova gestione della cooperativa I Girasoli Onlus. A dodici ragazzi con sindrome di down e disabilità è stata data la possibilità di svolgere diverse ore di formazione, per imparare i trucchi, cogliere i segreti del mestiere e riuscire a diventare autonomi nella gestione del ristorante. Poi la palla è passata a loro, persino la creazione delle nuove ricette, la scelta dei menu, la gestione delle prenotazioni. In pochi giorni il locale ha cominciato a riempirsi e ovunque, sul web, sono apparse recensioni positive.
Di recente, però, sulla Locanda dei Girasoli hanno cominciato a piovere le prime difficoltà. «Siamo in una zona un po’ nascosta - racconta con rammarico Enzo Rimicci, presidente della cooperativa -, il bilancio è negativo, non per la qualità, ma perché la zona non ci aiuta. Le recensioni che ci arrivano sono ottime, gli unici che si lamentano fanno presente che raggiungere la Locanda è difficile. La soluzione migliore sarebbe quella di trovare un locale in un luogo più frequentato, ci abbiamo provato a lungo, ma non siamo riusciti a muoverci di un centimetro». Così è nato un appello accorato, scritto di getto e diffuso sui social: «Siamo costretti a chiudere, ma resta un’ultima speranza, aiutateci». Dopo la pubblicazione del post in molti si sono mobilitati. «C’è chi si è prenotato per venire a cena nelle prossime sere e chi ha proposto di mandarci una piccola donazione per far fronte alle spese», spiegano i gestori. Questo, però, non basta per cambiare rotta. «Resta il problema della sede. Dover rinunciare al nostro progetto, che realmente regala sorrisi e speranze, sarebbe una perdita incolmabile. Per questo - spiegano i titolari del ristorante insieme ai ragazzi che lo hanno reso ciò che è oggi - chiediamo l’aiuto di tutti per non dover spegnere le luci del nostro locale».

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 14 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Il Genoa di Thiago Motta e la Sampdoria di Claudio Ranieri si stanno preparando a scendere in campo allo stadio Luigi Ferraris sabato 14 dicembre per il derby della Lanterna: la partita, tra le più attese della 16ma giornata di campionato, sarà...

Pubblicato sabato, 14 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Sono d’accordo sulla necessità di ridurre l’uso del plastica, e adottano spontaneamente comportamenti virtuosi in tal senso per un «dovere morale». Anche nel caso sia necessario sostenere qualche onere in più. È quanto emerge un po’ a sorpresa ...

Pubblicato sabato, 14 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Le elezioni in Emilia-Romagna si sono trasformate, come da tradizione italica, da consultazione amministrativa locale a test nazionale per saggiare la tenuta del governo, i rapporti di forza tra maggioranza e opposizione e, tenuto conto della storia...

I segreti della Fondazione Open: due casseforti, viaggi e airbus in affitto Pubblicato sabato, 14 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Doppi incarichi per «mascherare» i finanziamenti, airbus affittati per le trasferte all’estero e due cassette di sicurezza che dovranno adesso essere ispezionate dai magistrati. Ci sono nuovi elementi nell’inchiesta sulla Fondazione Open della...

Pubblicato sabato, 14 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Server e computer della città spenti, per precauzione. New Orleans dichiara lo stato di emergenza a causa di un cyberattacco che ha costretto le autorità locali a correre ai ripari. A indagare sull’offensiva informatica contro le reti della...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Alla sardina Mattia Santori succede ogni volta che va in tivù: con buona pace di sua madre che se ne dispiace, gli danno sempre del tu. All’attore Gioele Dix succede quando va a comprare un paio di jeans: il capo di abbigliamento «giovane» autorizza ...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Alla fine, è arrivato pure il (non troppo) bonario sfottò di Beppe Sala via Instagram: «I milanesi non si spaventano per due fiocchi di neve, dai!». A Roma invece bastano quattro gocce di pioggia per restare in trappola tra un’iperbole e un...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Può sembrare strano, ma il primo narratore della guerra civile italiana fu un militare fascista, Giorgio Pisanò. Era nato a Ferrara il 30 gennaio 1924, il primo di cinque figli di Luigi, un funzionario dello Stato in servizio presso le Prefetture....

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Sul piano giuridico e politico, s’intende. Un Paese che dà o rifiuta visti, passaporti, permessi di soggiorno. Ma un Paese da cui non potremo e non vorremo mai prescindere per la cultura, quella astratta e quella materiale. La Gran Bretagna è il...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

AOSTA — Il presidente della Regione Valle d’Aosta, Antonio Fosson, è indagato per scambio elettorale politico mafioso. L’estate scorsa ha ricevuto un avviso di garanzia dalla Direzione distrettuale antimafia di Torino nell’ambito di...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Il giorno delle sardine è arrivato, Stephen Ogongo. È tutto pronto?«Sì, siamo pronti, anche i nostri scenografi volontari hanno ormai ultimato il lavoro e la maxisardina di San Giovanni sta per uscire finalmente dall’hangar di via Salaria....

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Uno sguardo ai sondaggi, l’altro al calendario. Donald Trump di fatto apre la fase due dell’impeachment, parlando con i giornalisti nello Studio Ovale: «Tutta questa procedura è una bufala, una messinscena, una caccia alla streghe... E’ una cosa...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Il suo destino è il volo. Lo percepisce il protagonista in un capitolo del romanzo, ed è proprio così: Il colibrì di Sandro Veronesi, pubblicato da La nave di Teseo, vola altissimo e vince l’attesa Classifica di Qualità de «la Lettura», giunta...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Natale significa anche addobbi in casa e alberi tempestati di fiocchi e palline: difficile resistere alla tentazione di preparare la casa per le feste, tutti cercano di decorare casa come possono, in base ognuno al budget a disposizione. Anche i vip sono ...

Pubblicato venerdì, 13 dicembre 2019 ‐ Corriere.it

Mario Lavezzi, a destra, con Umberto Tozzi e Loredana Bertè. A gennaio sarà in tour. Il 18 a Cagli (PU), il 20 a Milano (Teatro Dal Verme), il 24 a Bologna (Teatro Duse), il 28 a Roma (Parco della Musica), il 31 a Torino (Teatro Colosseo)Chiede:...