Il ristorante-scuola dei ragazzi down rischia di fallire: «Senza una nuova sede chiudiamo»

Pubblicato giovedì, 29 novembre 2018 ‐ Corriere.it

Quando aveva aperto, qualche anno fa, ne avevano parlato tutti: giornali locali e nazionali, media e tv. Anche all’estero, perché a muovere l’idea di titolari della Locanda dei Girasoli non c’era solo la voglia di mettersi in gioco con una nuova attività. C’era qualcosa in più: il progetto, ambizioso al punto giusto, di schierare dodici ragazzi speciali a prendersi cura di ogni minimo dettaglio. Ai fornelli, in sala a servire ai tavoli, al bar, ognuno con il suo compito e la sua piccola fetta di responsabilità. La Locanda dei Girasoli aveva alzato le serrande con questa missione, una tradizione partita nel 1999 che nel tempo ha attraversato momenti difficili e nel 2013 è ripartita in grande stile, nella vetrina di via dei Sulpici 117, nel cuore del quartiere Quadraro, a Roma, con la nuova gestione della cooperativa I Girasoli Onlus. A dodici ragazzi con sindrome di down e disabilità è stata data la possibilità di svolgere diverse ore di formazione, per imparare i trucchi, cogliere i segreti del mestiere e riuscire a diventare autonomi nella gestione del ristorante. Poi la palla è passata a loro, persino la creazione delle nuove ricette, la scelta dei menu, la gestione delle prenotazioni. In pochi giorni il locale ha cominciato a riempirsi e ovunque, sul web, sono apparse recensioni positive.
Di recente, però, sulla Locanda dei Girasoli hanno cominciato a piovere le prime difficoltà. «Siamo in una zona un po’ nascosta - racconta con rammarico Enzo Rimicci, presidente della cooperativa -, il bilancio è negativo, non per la qualità, ma perché la zona non ci aiuta. Le recensioni che ci arrivano sono ottime, gli unici che si lamentano fanno presente che raggiungere la Locanda è difficile. La soluzione migliore sarebbe quella di trovare un locale in un luogo più frequentato, ci abbiamo provato a lungo, ma non siamo riusciti a muoverci di un centimetro». Così è nato un appello accorato, scritto di getto e diffuso sui social: «Siamo costretti a chiudere, ma resta un’ultima speranza, aiutateci». Dopo la pubblicazione del post in molti si sono mobilitati. «C’è chi si è prenotato per venire a cena nelle prossime sere e chi ha proposto di mandarci una piccola donazione per far fronte alle spese», spiegano i gestori. Questo, però, non basta per cambiare rotta. «Resta il problema della sede. Dover rinunciare al nostro progetto, che realmente regala sorrisi e speranze, sarebbe una perdita incolmabile. Per questo - spiegano i titolari del ristorante insieme ai ragazzi che lo hanno reso ciò che è oggi - chiediamo l’aiuto di tutti per non dover spegnere le luci del nostro locale».

Tag: #Roma #Cronaca

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

A Bansko le era già capitato di essere in testa: accadde nel 2015 in superG. «Ma poi arrivò la nebbia — ricorda Elena Curtoni — e la corsa fu annullata. Ripetuta il giorno dopo, arrivai quinta: diciamo che, nonostante quel colpo di sfortuna, avevo ...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, da italiano ( e da torinese) mi è stato ricordato tramite un articolo di Andrea Parodi sul sito de La Stampa che tra due mesi sarà il bicentenario dalla nascita di Vittorio Emanuele II, Padre della Patria. Mi stupisce e mi sorprende il...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

«Penso che arriveremo presto a un risultato», dice con un certo ottimismo il procuratore di Cuneo, Onelio Dodero. Per risolvere in tempi rapidi il caso delle scritte naziste a Mondovì, Dodero ha messo in campo una vera e propria task force: Digos,...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

«C i dicono sempre: siete gli ultimi sopravvissuti. Sì, è vero, siamo gli ultimi. E so che quando nessuno di noi ci sarà più perché non possiamo vivere in eterno, anche se mi piacerebbe, sarà diverso. Forse più freddo, affidato ai musei e a...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Urne aperte domenica 26 gennaio dalle 7 alle 23 per le elezioni regionali in Calabria ed Emilia Romagna. Al voto andranno oltre 3,5 milioni di cittadini emiliano-romagnoli e circa 2 milioni di calabresi. Si vota in entrambi i casi a turno unico e in una...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Noemi Di Segni, 50 anni, doppia laurea in Economia e commercio e in Giurisprudenza, una specializzazione in Diritto ed economia della Comunità europea, guida dal luglio 2016 l’Unione delle Comunità ebraiche italiane, ovvero il complesso, dialettico,...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

La Grecia è in fondo alla classifica dei Paesi europei per la parità di genere e, a livello mondiale, è nella parte ingiusta del tabellone. Secondo il «Global Gender Gap Index», chi nasce femmina ha più probabilità di avere opportunità e salari...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

«C’è sempre qualche standard di bellezza a cui non si corrisponde. Perché se sei abbastanza magra, allora non hai il sedere che tutti desiderano, ma se hai abbastanza peso per avere un bel sedere, allora il tuo stomaco non è abbastanza piatto. È...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Il 25 gennaio 2016, quando Giulio sparì, gli agenti della sicurezza egiziana che lo seguivano pensavano che dovesse incontrare «una persona sospetta». È il motivo per cui decisero di sequestrarlo quella sera, lo caricarono in macchina e lo...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

WASHINGTON La bottega di Joe Quattrone potrebbe essere tranquillamente inserita nel giro per i turisti organizzato ogni giorno dal «visitor center» di Capitol Hill. Da cinquant’anni è il barbiere del Congresso. Ha regolato le sfumature di tre...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

PARIGI Due giorni fa si è chiusa a Parigi l’inchiesta sulla clamorosa rapina a mano armata della notte tra il 2 e il 3 ottobre 2016, quando al numero 7 di rue Tronchet due universi lontanissimi vennero per qualche minuto in contatto. La modernità...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

«Grazie Khalifa Haftar, che ci hai liberato dalle milizie di Misurata. Ma adesso aspettiamo Saif al Islam Gheddafi al governo». Non c’è voluto molto tempo prima che tanti tra gli abitanti di Sirte cominciassero a dire ad alta voce ciò che per otto...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Forse non sono tutti eroi, ma coraggiosi sì. Chi vorrebbe entrare oggi in un ospedale di Wuhan? Medici e infermieri e addetti alle analisi, alle pulizie, alle cucine sono lì e quando escono si portano addosso il dubbio di poter contagiare i familiari....

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Matteo Salvini si sta giocando il tutto per tutto. «L’Emilia-Romagna sarà la madre di ogni battaglia». Ce lo disse in tempi non sospetti. Nello scorso ottobre, dopo il comizio di chiusura a Trento per altre Regionali, poi stravinte. Eravamo ancora...

Pubblicato sabato, 25 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Diventa subito uno di quei thriller, Toro-Atalanta, che svelano il nome del colpevole già prima della pausa per i popcorn: Ilicic da due passi, Gosens da fuori (indisturbato) e rigore di Zapata, sulla campanella dell’intervallo. L’inizio coincide...