Il rebus dei migranti irregolari in Italia  «268mila sono fuggiti in altri paesi Ue»

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Corriere.it

Stranieri irregolari in Italia, quanti sono davvero? «Il ministero dell’Interno ha i dati aggiornati in tempo reale. Gli altri possono giocare a lotto, ma i numeri dicono questo», ribadisce Matteo Salvini che anche nel giorno della Liberazione conferma la nuova stima: 90 mila irregolari, rispetto al numero ben più allarmante di 500 mila che lui stesso aveva annunciato in campagna elettorale e poi fatto inserire nel contratto di governo, come sottolineano adesso nel Movimento 5 Stelle. Ma la stima iniziale, spiegano ora al Viminale, era calibrata sul trend degli sbarchi in Italia negli anni dei “porti aperti”. Con i “porti chiusi” dalla scorsa estate, la situazione è cambiata completamente. E questo nonostante i rimpatri - pur essendo aumentati rispetto agli arrivi - si mantengono su una cifra bassissima rispetto alle promesse di Salvini. E infatti, secondo i dati ufficiali, nel 2017 sono stati 7.383 a fronte di oltre 119mila immigrati sbarcati; nel 2018 sono saliti a 7.981 rispetto a 23.370 nuovi arrivi; in questi primi quattro mesi dell’anno sono arrivati a 2.053 (1.931 forzati e 122 volontari). Ma l’accento - dicono al Viminale - va posto su un dato: gli sbarchi sulle nostre coste dal 2015 ad oggi sono stati 478.683, di cui appena 666 nel 2019: appunto, con i porti chiusi. Dunque, attenzione: secondo il Viminale i 2.053 rimpatri di questo inizio 2019 rappresentano un dato leggermente superiore al trend del 2018, perché gli sbarchi all’epoca erano decisamente di più e la novità rilevante è che i rimpatri sono più di tre volte gli arrivi (2053 rispetto a 666).
Nel contratto di governo, però, si parlava comunque di 500mila irregolari. Ora Salvini dice che era soltanto una stima. E così spiega il nuovo numero che parla di 90 mila senza documenti: «Oltre ai rimpatriati vanno considerati i moltissimi (268.839 solo quelli accertati secondo il Viminale, ndr) che hanno raggiunto altri paesi dell’Ue eppoi tutti i migranti in situazione d’accoglienza (circa 119mila)». Restano poi gli “invisibili” e sono circa la metà: quelli che pur raggiunti da un provvedimento di espulsione, rimangono in Italia facendo perdere le proprie tracce. Ieri la portavoce della Commissione Ue, Natasha Bertaud, soffermandosi in particolare sui 268 mila migranti irregolari trasferitisi dall’Italia in altri Paesi Ue ha usato parole molto dure: «Abbiamo chiesto diverse volte agli Stati membri di prendere misure per prevenire i movimenti secondari e aumentare il numero di persone che vengono rimpatriate nei paesi di origine quando non hanno diritto di restare nell’Ue. In passato abbiamo inviato delle raccomandazioni specifiche all’Italia su movimenti secondari e rimpatri».



Aumentare i rimpatri, però, continua ad essere un miraggio. Il problema resta quello degli accordi con i Paesi di provenienza. A oggi esistono delle intese di massima dell’Italia con Tunisia, Marocco, Nigeria ed Egitto, ma mancano quelli con gli Stati da cui provengono oltre la metà degli irregolari arrivati nel 2019: Algeria, Bangladesh, Senegal e Iraq. Inoltre, i tempi per effettuare anche un solo rimpatrio sono lunghissimi: bisogna prima accertare l’identità dello straniero, poi ottenere il via libera dal consolato, senza contare i costi ingenti per le scorte di polizia. Esempio: niente charter, solo voli di linea per il Marocco e dunque ogni migrante dev’essere accompagnato da almeno due agenti. L’accordo più efficace finora è quello con la Tunisia: due charter a settimana da 40 persone. Ma è una goccia nel mare, appunto. E Salvini infatti sta provando a potenziarlo. L’unico accordo bilaterale stipulato finora dal ministro dell’Interno è quello siglato a novembre scorso con il Ghana. Ma in Italia solo lo 0,47% dei migranti è ghanese. C’è poco da rimpatriare. E non è finita. Secondo l’Ispi, l’Istituto per gli studi di politica internazionale, il decreto sicurezza di Salvini farà aumentare di 140 mila gli irregolari in Italia: tutti quelli, cioè, usciti dai Cara senza più la protezione umanitaria. E ancora, secondo l’Oim, l’organizzazione internazionale per le migrazioni, la guerra civile in Libia potrebbe causare la partenza verso l’Italia di altre 200 mila persone. Si torna, così, alla stima di un anno fa: più di 500 mila irregolari...

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

La produzione delle ciliegie è quella che sta soffrendo di più, con oltre il 50% del prodotto in prima raccolta andato distrutto per effetto del maltempo che ha colpito le principali regioni produttrici, dalla Puglia all’Emilia Romagna alla Campania...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un terremoto di magnitudo 8 è stato registrato in un’area disabitata del Perù, nella regione amazzonica del Paese, secondo quanto riferisce l’Istituto geofisico americano. Il sisma è avvenuto alle 02:41 ora locale (le 09:41 in Italia) ad una...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Aveva paura del sovraffollamento, per cui aveva cambiato i suoi programmi e spostato la data della scalata: «Sono sicuro che andare il 25 significherà trovare meno persone, a meno che non facciano tutti lo stesso calcolo», aveva scritto sui social...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

E’ morto Vittorio Zucconi, giornalista e scrittore: aveva 74 anni. Lo ha annunciato Repubblica sul suo sito. E’ stato anche corrispondente per il Corriere della Sera da Mosca durante la Guerra Fredda. Modenese di Bastiglia Zucconi, che era nato il 16 ...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Seggi aperti alle 7 in tutta Italia per l’election day per eleggere 76 deputati europei (tre dei quali si insedieranno solo dopo la Brexit), i sindaci di 3.812 Comuni, tra i quali 27 capoluoghi, il presidente della Regione Piemonte e i consiglieri...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

«Non posso raccomandare agli ebrei tedeschi di indossare la kippah in qualsiasi momento». A dirlo, in un’intervista ai giornali del gruppo Funke, non è una persona qualunque ma l’incaricato del governo federale per la lotta all’antisemitismo,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Prendi una tappa del Giro d’Italia 102 (la 15ª, da Ivrea a Como) i cui ultimi 80 chilometri sono la replica perfetta di quelli del Giro di Lombardia, con le scalate al Ghisallo, alla Colma di Sormano e al Civiglio prima della picchiata sul lago di...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Due rimonte da meno quindici per approdare a un successo (100-94) che vale la vittoria in gara 6, la chiusura sul 4-2 nella finale Est contro i Milwaukee Bucks e, soprattutto, un aggancio con la storia: Toronto porta infatti per la prima volta il Canada...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

È ancora un caso aperto quello della professoressa sospesa dall’ufficio scolastico provinciale di Palermo per 14 giorni per un lavoro realizzato dai suoi alunni che avevano tracciato un parallelo tra le leggi razziali del ‘38 e il decreto sicurezza...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Ognuno arriva con il suo progetto nel taschino. C’è quello che ha solo una bella idea e vuole imparare le regole del gioco dell’industria editoriale per confezionarla. Oppure quello cha ha concepito racconti, ma vorrebbe partorire un romanzo. O chi...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

L'ultima giornata di campionato - che si giocherà sabato 25 e domenica 26 maggio - sarà decisiva per alcune squadre di serie A, ancora alle prese con le qualificazioni di Champions League (Atalanta, Inter, Milan e Roma) e la lotta salvezza (Genoa,...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Nei ricordi d’infanzia (a tavola) di Neri Marcorè c’è una nonna che stranamente cucinava peggio della mamma — «Comprava solo muggine, perciò da ragazzino il pesce non mi piaceva proprio: ora invece lo amo» — tanti, tanti, vincisgrassi, le...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Dato per morto negli anni Duemila, il gioco di ruolo (o Gdr) oggi gode invece di ottima salute. Tra i complici di questa rinascita c'è una serie Tv, Stranger Things, e il capostipite del genere, Dungeons & Dragons, che ora hanno unito le forze per...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Sapevamo che Facebook avrebbe introdotto, prima o poi, gli annunci pubblicitari su WhatsApp e adesso abbiamo la conferma. L'unica consolazione è che, almeno per il momento, banner e sponsor appariranno tra la lista degli aggiornamenti di Stato, la...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Corriere.it

Un tornado ha colpito la città di El Reno, in Oklahoma, negli Stati Uniti, nella notte tra sabato e domenica. Secondo quanto riportato da alcuni siti americani, tra i quali quello specializzato in notizie legate al meteo accuweather.com e la tv locale...