Il Milan rischia l’Europama non per un accordo E il Torino è in preallarme

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale sembra annunciato, ma il mistero sta nel capire come ci si arriva. L’ultima scena — quale che sia la tecnicalità che sarà messa a punto —, dovrebbe vedere i rossoneri fuori dall’Europa League (probabilmente con una sanzione pecuniaria aggiuntiva), la Roma dritta ai gironi e il Torino ammesso ai preliminari. Questo, si badi, non sarebbe l’esito di una rinuncia del club (che farebbe perdere un posto nelle Coppe all’Italia) ma l’effetto di una sentenza. Di certo, anche all’interno dello staff tecnico del Milan si è diffusa la convinzione che non si giocherà l’Europa League.
Con ordine. I legali del club sono da ieri a Nyon. Da tempo si parla di una sorta di accordo tra il Milan e il Club financial control body, organo indipendente dall’Uefa che si occupa delle violazioni del fair play finanziario, con l’obiettivo per il Milan di ottenere un anno di tempo in più per raggiungere il pareggio di bilancio, fissato dalla Camera giudicante al 2021. In questo caso saltare l’Europa League sarebbe considerata una pena sopportabile dai rossoneri, che potrebbero sottrarsi alla «somma di sanzioni» cui sono sottoposti ora, triennio dopo triennio, in assenza di settlement agreement (andando avanti così il Milan sarebbe sanzionato anche per il ’16-’19).



Dall’Uefa negano però con forza la possibilità di un qualsiasi accordo che minerebbe le basi del fair play finanziario, perché ovviamente il Milan non può sottrarsi al giudizio. E allora? Allora è chiaro che la via di uscita dovrà essere inattaccabile sul piano giuridico. Tutto si deve svolgere tra camera investigativa (i pm dell’Uefa), Tas e Milan e non con l’Uefa.
Il Milan ha appellato davanti al Tas la sanzione per il triennio 2014-2017, in base alla quale deve pagare una multa di 12 milioni e, appunto, raggiungere il pareggio di bilancio nel 2021 pena l’esclusione dalle Coppe. La Camera giudicante ha deciso di sospendere il giudizio sul ‘15-‘18 aspettando il Tas. E quindi il primo passo dovrà essere o la rinuncia al ricorso al Tas oppure una definizione consensuale: se le due parti dovessero convenire in una posizione condivisa (consent award) di spostare la scadenza al 2022, il Tas dovrebbe limitarsi a ratificare. La Camera giudicante potrebbe poi scegliere, per sanzionare il 2015-2018, l’esclusione dalle Coppe.
Ma gli strumenti giuridici scelti potrebbero essere altri. Un’altra ipotesi si basa sul fatto che la sentenza che impone il pareggio nel 2021, pena l’esclusione dalle Coppe, con il ritiro del ricorso al Tas, possa diventare esecutiva già in questa stagione visto che il Milan è recidivo e ha commesso violazioni anche nel 2015-2018. In sostanza si arriverebbe a un’unificazione degli effetti dei due procedimenti. Risultato: anticipazione della pena (subito fuori dall’Europa League) e ritorno nei paletti normali del fair play finanziario. Il caso è complicato, la fine (forse) vicina.

Tag: #Sport

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’incontro chiarificatore tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio si svolgerà probabilmente martedì a Roma. Giusto un giorno prima del mercoledì di fuoco, che vedrà il presidente del Consiglio riferire nell’Aula del Senato sul Russiagate e, subito...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Era il nostro Capo. Non che facesse qualcosa per mostrarsi tale, perché quando si annunciava diceva solo «sono Borrelli», senza anteporre titoli o onori, di cui non aveva bisogno. La sua porta era aperta a tutti, dai procuratori aggiunti, ai giovani...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quarant’anni prima di diventare un magnate della tv via cavo negli Stati Uniti, e quasi sessanta prima di tornare in Italia per comprare la Fiorentina, Rocco Commisso è stato un ragazzo di Calabria costretto a emigrare. Il racconto della sua storia,...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Matteo Renzi è in Montana, nel Parco di Yellowstone, dove è stato invitato per una conferenza con leader politici e big della Silicon Valley. Tema: il futuro della società nel tempo della rivoluzione tecnologica. Senatore Renzi, secondo lei si andrà ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Settanta fascicoli ricontrollati dai giudici del Tribunale dei minori di Bologna. Accertamenti non soltanto sui sei casi, finiti nell’inchiesta dei carabinieri, dei finti abusi segnalati dai servizi sociali della Val d’Enza, nel Reggiano, per...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Sa che ho appena chiesto il passaporto tunisino?...». Sotto la casa di Claudia Cardinale, sul Lungosenna si menano gli ambientalisti e la polizia va di spray al peperoncino. Le sirene sono ormai un’abitudine parigina — cortei verdi o gilet gialli, ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

D’estate, l’ospedale è peggio. Per tutti. Per malati e parenti. Caldo, sudore. L’aria manca o è troppo condizionata. D’estate, mi raccontava Alessandro Padovani quando era primario di neurologia a Brescia, negli ospedali cresce anche il numero...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

A una settimana di distanza, quei due match point si sono fatti carne. Sono quasi diventati un’entità viva, con la quale sfogarsi e recriminare, cercando di elaborare un lutto collettivo. Non esiste un amore sportivo paragonabile a quello che il mondo ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Seconda stella, seconda Repubblica», è lo slogan della vittoria. La nazionale di calcio dell’Algeria ha conquistato venerdì sera la sua seconda Coppa d’Africa (dopo quella del 1990) battendo 1 a 0 il Senegal al Cairo, e gli algerini che esultano ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Rapita alle tre di mattina mercoledì scorso a Bengasi, il marito intervenuto per difenderla ridotto in fin di vita, la loro casa bruciata. L’ennesimo crimine in Libia ha questa volta come vittima una donna deputata al parlamento di Tobruk: la...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Alex vorrebbe correre ma non può, non sa come si fa. Per vederlo scorrazzare nei prati come gli altri cani c’è bisogno di aiuto, perché questo cucciolo di pastore australiano di cinque mesi ha perso l’uso di tre zampine. Per le protesi di Alex...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Alla Malpensa i lavori sono terminati. Tra domani e martedì si procederà alla consegna definitiva di tutto il necessario per l’operatività dell’aeroporto durante i prossimi 90 giorni «poco ordinari». Quindi si procederà con l’attivazione di...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia sogna per un’ora, ma il risveglio è un incubo. Il cammino degli azzurrini del ct Nunziata finisce ai gironi dopo due finali raggiunte nelle tre edizioni precedenti. Una delusione per la Nazionale che arriva dopo più di un tempo di gara...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Nessuna ne parla volentieri, perché l’argomento scotta. Ma è bastata un’intervista a Lin Jarvis, managing director della Yamaha, a scatenare un mezzo terremoto mediatico. Quando il capo di Rossi ha detto a Oriol Puigdemont, giornalista spagnolo di...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

J -Ax non sbaglia un colpo. La sua «Ostia Lido» è Platino e ha superato i 30 milioni di visualizzazioni su YouTube. I festeggiamenti per i 25 anni di carriera all’inizio prevedevano solo cinque concerti al Fabrique di Milano: date raddoppiate (tutte ...