«Il Getty ci restituisca Lisippo,  è in gioco la dignità dell’Italia»

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...
«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno, occorre mettere a punto la riorganizzazione del ministero dopo lo “spacchettamento” del Turismo. Quando sono arrivato ho trovato una situazione ideologizzata pro o contro la riforma Franceschini. Io ho ascoltato tutte le componenti interne ed esterne, inclusi sindacati e associazionismo e ho raccolto preziose indicazioni».
Ma cosa accadrà con la riforma di oggi?
«Prima novità. Nasce una struttura ministeriale amministrativa per i contratti. Non per riaccentrare tutto, ma un impegno di decine di milioni di euro richiede una professionalità diversa da quella necessaria per poche migliaia. Decideremo presto sulle soglie di spesa. Seconda novità. I segretariati regionali verranno semplificati e indirizzati verso la contrattualistica. Il nostro ministero non sa spendere anche quando i fondi ci sono: e si perdono risorse preziose».



E l’autonomia del Parco dell’Appia antica, di Villa Giulia a Roma, delle Gallerie dell’Accademia a Firenze?
«Tutto questo riguarderà l’autunno e non oggi. Ma i musei autonomi non diventeranno fondazioni, resteranno parte del patrimonio dello Stato, i consigli di amministrazione spariranno, sono inutili duplicazioni, mentre andranno rafforzati i comitati scientifici che gli stessi direttori dovrebbero poter scegliere in parte».
Torno alla domanda: addio all’autonomia di questi musei?
«Io sono il ministro che ha affidato ai direttori il potere di decidere sulle giornate gratuite. Figuriamoci se pianifico la fine dell’autonomia. Ma credo che Villa Giulia dovrà essere accorpata a Cerveteri per realizzare un itinerario etrusco completo, che il Polo del Lazio vada diviso tra una realtà romana e una regionale, che l’Appia Antica non sia una realtà museale ma un Parco archeologico da mettere in dialogo con quello di Roma... Resta intatta l’autonomia scientifica».
E un direttore appena nominato come Simone Quilici all’Appia Antica? E Le Gallerie dell’Accademia che hanno ottenuto grandi risultati a Firenze?
«Ripeto. È tutto ancora da decidere. Preferirei parlare dei trenta dirigenti in più che otterremo in Finanziaria, e certo non a costo zero, per rinforzare la macchina del ministero. Non vedo problemi per il posto di lavoro di chi ha vinto un concorso... E se a Firenze in futuro ci sarà un posto da direttore in meno, fatta salva l’autonomia, non cadrà il mondo. Aggiungo un altro tema: la vocazione di soprintendente è diversa da quella di direttore di museo, le competenze sono necessariamente diverse, e questo dovrà essere chiaro. E poi troppo spesso le biblioteche sono state messe in penombra. La splendida Braidense verrà per esempio staccata da Brera e avrà la sua autonomia».
Ci sono, si dice, novità anche per la politica dei prestiti: non saranno più solo i singoli direttori dei musei a decidere ma ci sarà un coordinamento. È così?
«Non mi sembra normale che io vada al Louvre e debba chiedere a quel museo quali opere siano in arrivo dai musei italiani... Ne va dell’immagine dell’Italia, credo. È persino una questione di buonsenso».
E le restituzioni che l’Italia attende da grandi istituzioni museali straniere e da privati?
«Sono molto, molto ottimista sul caso del Vaso di Fiori del pittore olandese Jan van Huysum, rubato dai nazisti agli Uffizi nella Seconda Guerra Mondiale e oggi in Germania. Il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, che è tedesco, lo aveva chiesto a gran voce. Siamo in stretto ed ottimo contatto col governo di Berlino. Siamo a un passo, ma proprio a un passo, da un’alba radiosa».
E il Lisippo al Getty?
«Il Lisippo deve rientrare in Italia. Il Getty Museum ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dopo che la Cassazione ha confermato l’istanza di sequestro del giudice di Pesaro, Giacomo Gasparini. Noi andiamo avanti senza esibizioni muscolari ma con coerenza difendendo la dignità del nostro Paese. Abbiamo anche segnalato altri casi di pezzi non precisamente di chiara origine: il Getty ha dato la sua disponibilità ad approfondimenti. Qui torna il nodo dei prestiti: se il ministro dialoga col Getty sul Lisippo, è bene che un museo non si muova sugli scambi come una realtà autonoma».
Infine il nodo del rapporto con i privati. Vedremo altri grandi matrimoni allestiti a Caserta per «fare cassa»?
«Arriveranno linee guida chiare e uniformi per tutti i musei proprio per evitare eccessi ed eliminare quel caos che spesso si vede in questo campo...».

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

La prima cosa bella che dice a coach Santopadre, rientrando nello spogliatoio dopo la sconfitta (bis) con Federer, è una dichiarazione d’intenti: «Vincenzo, voglio migliorare. Voglio essere in grado di batterlo. Cominciamo la preparazione per il...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Settantadue ore per sbrogliare alcuni nodi che affliggono il Movimento e per aggrovigliarsi in una spirale di malumori interni e di stallo che potrebbe avere esiti pericolosi per i Cinque Stelle. I pentastellati si preparano ad affrontare un doppio...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

«Non credo che cambi molto», risponde il generale John Rutherford Allen quando gli si domanda quali effetti avrà nella lotta allo «Stato Islamico» la recente morte di Abu Bakr al Baghdadi, il principale capo dell’organizzazione. Lo dice con un...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, a proposito delle ragioni del declino piemontese, vorrei ricordare che il Piemonte post-unitario ha sempre avuto ben poco a che fare con il Regno di Sardegna, di cui era la regione portante. Come sempre dopo l’assorbimento da parte di...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

La regina Elisabetta? La «femminista definitiva». Parola di Olivia Colman, l’attrice premio Oscar che darà il volto alla sovrana nella terza serie di «The Crown», in arrivo su Netflix nel weekend. Un seguito attesissimo che sta già suscitando...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Cupido? Superato dalle app. Ormai chi si sposa dopo aver conosciuto il partner in Rete supera chi lo ha fatto grazie allo zampino di un parente, di un collega, di un compagno dell’università. Lo ha fotografato la Stanford University, in uno studio...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Non è il primo politico che viene «remixato» e non sarà l’ultimo, ma Io sono Giorgia, montaggio rap del comizio che la leader di Fratelli d’Italia tenne in piazza San Giovanni a Roma il 19 ottobre, veleggia verso i 5 milioni di visualizzazioni ed ...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

«Ha una pallottola conficcata nel femore. Ma è sveglio e vigile. Spero lo trasferiscano presto in Italia». Marcella Di Salvo risponde al telefono. Suo marito Andrea Di Palma, 42 anni, ravennate, è uno dei due marinai italiani rimasti feriti a bordo...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

«Sin da piccola mi piaceva studiare la natura, cercare di capire gli organismi viventi, le piante. Ma non avrei mai pensato di riuscire a realizzare i miei sogni, come invece è accaduto». Ascoltando Barbara Mazzolai rami, fiori e radici si animano e...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Italia flagellata ancora dal maltempo, da Nord a Sud. Colpite le città d’arte. L’acqua alta a Venezia ha invaso anche la basilica di San Marco, intaccando colonne e marmi danneggiati, e sostituiti, dalla marea record del 30 ottobre 2018. Piazza San...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

FIRENZE — Da tempo si erano abituati a vivere una doppia vita. Quella tranquilla di tutti i giorni da impiegati di banca, autisti di autobus pubblici, piccoli imprenditori, negozianti. E quella inquieta ed eversiva nella quale nostalgie fasciste e...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

L'elezione di Donald Trump nel 2016 ha sorpreso il mondo intero. C'è chi ha vissuto l'elezione del presidente Usa come una sconfitta personale. È il caso dell'ex casalinga disperata Eva Longoria che in una lunga intervista al «Guardian» di Londra...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

«Le piccole cose quotidiane, i grandi ideali, i nodi della storia, lo scorrere del tempo: non c’è nulla che la poesia non possa dire e “la Lettura” quelle parole ha sempre cercato di coglierle e valorizzarle». Il direttore del «Corriere della...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Sono stata per la prima volta a Orvieto nel 1978. Studiavo allora al Centro sperimentale di cinematografia e si svolgeva un qualche convegno sulle scuole di cinema europee. Non sapevo nulla di quella piccola città medievale, così quando, percorrendo...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Corriere.it

Capita raramente che un programma tv muova pesanti accuse a un altro programma. È successo anche questo. Domenica sera, a «Non è l’Arena» su La7, Massimo Giletti ha criticato Barbara d’Urso per aver ospitato nel suo studio di «Live - Non è la...