«Il Getty ci restituisca Lisippo,  è in gioco la dignità dell’Italia»

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...
«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno, occorre mettere a punto la riorganizzazione del ministero dopo lo “spacchettamento” del Turismo. Quando sono arrivato ho trovato una situazione ideologizzata pro o contro la riforma Franceschini. Io ho ascoltato tutte le componenti interne ed esterne, inclusi sindacati e associazionismo e ho raccolto preziose indicazioni».
Ma cosa accadrà con la riforma di oggi?
«Prima novità. Nasce una struttura ministeriale amministrativa per i contratti. Non per riaccentrare tutto, ma un impegno di decine di milioni di euro richiede una professionalità diversa da quella necessaria per poche migliaia. Decideremo presto sulle soglie di spesa. Seconda novità. I segretariati regionali verranno semplificati e indirizzati verso la contrattualistica. Il nostro ministero non sa spendere anche quando i fondi ci sono: e si perdono risorse preziose».



E l’autonomia del Parco dell’Appia antica, di Villa Giulia a Roma, delle Gallerie dell’Accademia a Firenze?
«Tutto questo riguarderà l’autunno e non oggi. Ma i musei autonomi non diventeranno fondazioni, resteranno parte del patrimonio dello Stato, i consigli di amministrazione spariranno, sono inutili duplicazioni, mentre andranno rafforzati i comitati scientifici che gli stessi direttori dovrebbero poter scegliere in parte».
Torno alla domanda: addio all’autonomia di questi musei?
«Io sono il ministro che ha affidato ai direttori il potere di decidere sulle giornate gratuite. Figuriamoci se pianifico la fine dell’autonomia. Ma credo che Villa Giulia dovrà essere accorpata a Cerveteri per realizzare un itinerario etrusco completo, che il Polo del Lazio vada diviso tra una realtà romana e una regionale, che l’Appia Antica non sia una realtà museale ma un Parco archeologico da mettere in dialogo con quello di Roma... Resta intatta l’autonomia scientifica».
E un direttore appena nominato come Simone Quilici all’Appia Antica? E Le Gallerie dell’Accademia che hanno ottenuto grandi risultati a Firenze?
«Ripeto. È tutto ancora da decidere. Preferirei parlare dei trenta dirigenti in più che otterremo in Finanziaria, e certo non a costo zero, per rinforzare la macchina del ministero. Non vedo problemi per il posto di lavoro di chi ha vinto un concorso... E se a Firenze in futuro ci sarà un posto da direttore in meno, fatta salva l’autonomia, non cadrà il mondo. Aggiungo un altro tema: la vocazione di soprintendente è diversa da quella di direttore di museo, le competenze sono necessariamente diverse, e questo dovrà essere chiaro. E poi troppo spesso le biblioteche sono state messe in penombra. La splendida Braidense verrà per esempio staccata da Brera e avrà la sua autonomia».
Ci sono, si dice, novità anche per la politica dei prestiti: non saranno più solo i singoli direttori dei musei a decidere ma ci sarà un coordinamento. È così?
«Non mi sembra normale che io vada al Louvre e debba chiedere a quel museo quali opere siano in arrivo dai musei italiani... Ne va dell’immagine dell’Italia, credo. È persino una questione di buonsenso».
E le restituzioni che l’Italia attende da grandi istituzioni museali straniere e da privati?
«Sono molto, molto ottimista sul caso del Vaso di Fiori del pittore olandese Jan van Huysum, rubato dai nazisti agli Uffizi nella Seconda Guerra Mondiale e oggi in Germania. Il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, che è tedesco, lo aveva chiesto a gran voce. Siamo in stretto ed ottimo contatto col governo di Berlino. Siamo a un passo, ma proprio a un passo, da un’alba radiosa».
E il Lisippo al Getty?
«Il Lisippo deve rientrare in Italia. Il Getty Museum ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dopo che la Cassazione ha confermato l’istanza di sequestro del giudice di Pesaro, Giacomo Gasparini. Noi andiamo avanti senza esibizioni muscolari ma con coerenza difendendo la dignità del nostro Paese. Abbiamo anche segnalato altri casi di pezzi non precisamente di chiara origine: il Getty ha dato la sua disponibilità ad approfondimenti. Qui torna il nodo dei prestiti: se il ministro dialoga col Getty sul Lisippo, è bene che un museo non si muova sugli scambi come una realtà autonoma».
Infine il nodo del rapporto con i privati. Vedremo altri grandi matrimoni allestiti a Caserta per «fare cassa»?
«Arriveranno linee guida chiare e uniformi per tutti i musei proprio per evitare eccessi ed eliminare quel caos che spesso si vede in questo campo...».

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’incontro chiarificatore tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio si svolgerà probabilmente martedì a Roma. Giusto un giorno prima del mercoledì di fuoco, che vedrà il presidente del Consiglio riferire nell’Aula del Senato sul Russiagate e, subito...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Era il nostro Capo. Non che facesse qualcosa per mostrarsi tale, perché quando si annunciava diceva solo «sono Borrelli», senza anteporre titoli o onori, di cui non aveva bisogno. La sua porta era aperta a tutti, dai procuratori aggiunti, ai giovani...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Quarant’anni prima di diventare un magnate della tv via cavo negli Stati Uniti, e quasi sessanta prima di tornare in Italia per comprare la Fiorentina, Rocco Commisso è stato un ragazzo di Calabria costretto a emigrare. Il racconto della sua storia,...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Matteo Renzi è in Montana, nel Parco di Yellowstone, dove è stato invitato per una conferenza con leader politici e big della Silicon Valley. Tema: il futuro della società nel tempo della rivoluzione tecnologica. Senatore Renzi, secondo lei si andrà ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Settanta fascicoli ricontrollati dai giudici del Tribunale dei minori di Bologna. Accertamenti non soltanto sui sei casi, finiti nell’inchiesta dei carabinieri, dei finti abusi segnalati dai servizi sociali della Val d’Enza, nel Reggiano, per...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Sa che ho appena chiesto il passaporto tunisino?...». Sotto la casa di Claudia Cardinale, sul Lungosenna si menano gli ambientalisti e la polizia va di spray al peperoncino. Le sirene sono ormai un’abitudine parigina — cortei verdi o gilet gialli, ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

D’estate, l’ospedale è peggio. Per tutti. Per malati e parenti. Caldo, sudore. L’aria manca o è troppo condizionata. D’estate, mi raccontava Alessandro Padovani quando era primario di neurologia a Brescia, negli ospedali cresce anche il numero...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

A una settimana di distanza, quei due match point si sono fatti carne. Sono quasi diventati un’entità viva, con la quale sfogarsi e recriminare, cercando di elaborare un lutto collettivo. Non esiste un amore sportivo paragonabile a quello che il mondo ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

«Seconda stella, seconda Repubblica», è lo slogan della vittoria. La nazionale di calcio dell’Algeria ha conquistato venerdì sera la sua seconda Coppa d’Africa (dopo quella del 1990) battendo 1 a 0 il Senegal al Cairo, e gli algerini che esultano ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Rapita alle tre di mattina mercoledì scorso a Bengasi, il marito intervenuto per difenderla ridotto in fin di vita, la loro casa bruciata. L’ennesimo crimine in Libia ha questa volta come vittima una donna deputata al parlamento di Tobruk: la...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Alex vorrebbe correre ma non può, non sa come si fa. Per vederlo scorrazzare nei prati come gli altri cani c’è bisogno di aiuto, perché questo cucciolo di pastore australiano di cinque mesi ha perso l’uso di tre zampine. Per le protesi di Alex...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Alla Malpensa i lavori sono terminati. Tra domani e martedì si procederà alla consegna definitiva di tutto il necessario per l’operatività dell’aeroporto durante i prossimi 90 giorni «poco ordinari». Quindi si procederà con l’attivazione di...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia sogna per un’ora, ma il risveglio è un incubo. Il cammino degli azzurrini del ct Nunziata finisce ai gironi dopo due finali raggiunte nelle tre edizioni precedenti. Una delusione per la Nazionale che arriva dopo più di un tempo di gara...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Nessuna ne parla volentieri, perché l’argomento scotta. Ma è bastata un’intervista a Lin Jarvis, managing director della Yamaha, a scatenare un mezzo terremoto mediatico. Quando il capo di Rossi ha detto a Oriol Puigdemont, giornalista spagnolo di...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Corriere.it

J -Ax non sbaglia un colpo. La sua «Ostia Lido» è Platino e ha superato i 30 milioni di visualizzazioni su YouTube. I festeggiamenti per i 25 anni di carriera all’inizio prevedevano solo cinque concerti al Fabrique di Milano: date raddoppiate (tutte ...