Il cricket torna a casa: Inghilterra vince i Mondiali dopo 44 anni

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il tormento e l’estasi. Il panico e il giubilo nei tinelli della nazione. Ieri l’Inghilterra celebrava un traguardo agognato per anni: e non perché avessero finalmente portato a compimento la Brexit. Ma perché per la prima volta la nazionale, domenica sera, aveva trionfato ai Mondiali di cricket: e non in posto qualsiasi, ma allo stadio dei Lord’s di Londra, il tempio di quello sport bizzarro cui solo gli inglesi (e le loro ex colonie) riescono ad appassionarsi.
«La più grande partita della storia», titolavano ieri i giornali, che hanno dedicato pagine e pagine speciali all’evento, accompagnate da gigantografie ed editoriali. «Ci siamo mangiati le unghie, ci siamo nascosti dietro il divano, ma non abbiamo mai dubitato», proclamava la tempestiva pubblicità di una banca. «It’s just not cricket», «non è affatto cricket», dicono gli inglesi per definire qualcosa di scorretto, che non sta alle regole. Perché quello sport complicato — sono 25 anni che la mia amata consorte britannica prova inutilmente a spiegarmelo — riassume l’essenza del carattere nazionale. Fair play, flemma, attese: una partita di cricket può durare una giornata intera, durante la quale la cosa più eccitante che si verifica è la pausa per il tè.



Ma «chi ha detto che il cricket è noioso?», smentiva ieri il titolo di prima del Telegraph: perché la finale di domenica contro la Nuova Zelanda ha sovvertito tutte le tradizioni. L’Inghilterra è stata protagonista di una rimonta entusiasmante e ha portato a casa il risultato solo ai supplementari dei supplementari, dopo oltre otto ore di gioco: una cosa mai vista prima. Una maniera molto inglese di vincere, hanno osservato i commentatori. Perché era arrivata ai supplementari anche la vittoria ai Mondiali di calcio del 1966 (pure quelli in Inghilterra, allo stadio di Wembley), trionfo cui quello di questa domenica è stato paragonato. E la stessa cosa era avvenuta ai Mondiali di rugby a Sidney nel 2003. Sofferenza e stoicismo, il sigillo di una nazione.
Perdere a cricket era ormai il vero passatempo nazionale: soprattutto contro gli ex sudditi, indiani e pachistani, diventati maestri nello sport imposto dai colonizzatori. E dunque la vittoria di ieri ha in qualche modo restaurato le gerarchie storiche e mentali. Era da un po’ che l’Inghilterra andava a caccia di un successo sportivo: e lo aveva sfiorato due volte. L’anno scorso la nazionale maschile di calcio aveva trascinato gli animi, ma il suo sogno si era infranto in semifinale. E la stessa cosa è accaduta qualche giorno fa anche alle calciatrici donne, che pure hanno suscitato un travolgente entusiasmo collettivo.
C’è dunque dell’ironia e del simbolismo nel fatto che il trionfo finale abbia il sapore e il colore del cricket. Nella scena conclusiva di Another Country, il film degli anni 80 con Rupert Everett che rievoca la vita di Guy Burgess, la spia di Cambridge al soldo dei sovietici, la giornalista del Times va a Mosca a intervistare l’anziano ex agente, in esilio in Russia da decenni, e gli chiede se gli manchi qualcosa dell’Inghilterra. Lo sguardo del vecchio aristocratico si perde in lontananza e la sua voce sussurra: «Il cricket».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Da Mondovì fu costretta ad andarsene e a Mondovì, cittadina medievale adagiata fra le Langhe e le Alpi, nei mesi bui della prigionia promise a se stessa di tornare: «Voglio vivere per ricordare, per mangiare, per vestirmi, per darmi il rossetto e per...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

A vent’anni dalla scomparsa di Bettino Craxi si è tornati a parlare di uno dei principali protagonisti della politica italiana del Dopoguerra: la sua figura ha da sempre polarizzato le opinioni per la sua azione politica e la forte personalità. Cosa...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Nuova impresa in Bundesliga del diciannovenne attaccante norvegese Haaland: entrato al 65’ con la sua squadra, il Borussia Dortmund, già in vantaggio per 3-1 nel confronto interno con il Colonia, segna due gol in venti minuti, fissando il risultato...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Il Milan vince 1-0 a Brescia grazie a un gol di Rebic al 26’ della ripresa. Ad avviare l’azione era stato Ibrahimovic che nel primo tempo aveva fallito un gol semplice. Il Brescia può rammaricarsi per le tante occasioni sciupate, mentre i rossoneri...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

È stata uccisa Ambra Pregnolato, la 41enne trovata senza vita, riversa a terra, in una pozza di sangue, nella sala del suo appartamento in via Carlo Alberto Dalla Chiesa 5, a Valenza, in provincia di Alessandria. A trovare la donna sarebbe stato il...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quando il vicepresidente degli Stati Uniti mette piede a Palazzo Chigi è ancora a telefono con Donald Trump. Chiude la telefonata, scende dalla macchina, stringe la mano a Conte e gli dice che il capo della Casa Bianca lo saluta calorosamente. Dazi,...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quella di C’è posta per te è la storia di un successo nato quasi per caso. Se vent’anni fa Maria De Filippi non avesse avuto in agenda un incontro al ministero dell’Istruzione, forse ora non sarebbe in palinsesto una delle poche trasmissioni...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Una forte scossa di terremoto con una magnitudo intorno a 6.7 della scala Richter è stata registrata alle 18,55 (ora italiana) in Turchia a una profondità di 5 chilometri. L’epicentro è stato posizionato presso Doganyol, una località a circa 80...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Violazione del diritto d’autore: è l’accusa contestata a Massimo Scambelluri, il presidente del Consiglio di amministrazione di “Data Stampa”, società che vende la rassegna stampa quotidiana per clienti privati e istituzionali. La procura di...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

La trattativa è in corso all’Aran e la prossima settimana, mercoledì 29, è previsto un nuovo incontro con i sindacati. Dunque, i quasi 2.000 statali della Presidenza del Consiglio hanno dovuto attendere un po’ più di altri colleghi, che lavorano...

Claudio Scajola, condanna  a 2 anni per l’ex ministro dell’Interno Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Reggio Calabria - L’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola è stato condannato alla pena di due anni per procurata inosservanza della pena. L’ex ministro era imputato perché avrebbe cercato di aiutare l’ex parlamentare di Forza Italia Amedeo...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Oltre ad aver provocato uno sconquasso nel Regno (Unito), la Megxit ha portato delle novità anche nell’armadio di Meghan Markle. A giudicare infatti dalle ultime foto arrivate dal Canada, dove la duchessa di Sussex è stata immortalata a passeggio per ...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Articolo in aggiornamento... Una donna di 41 anni è stata trovata morta nella sua abitazione di Valenza. È stato il marito, rientrando in casa dal lavoro, a dare l’allarme. Sul posto i sanitari del 118, che ne hanno constatato il decesso, e i...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Una mezza crisi diplomatica oscura l’odierna visita di Angela Merkel in Turchia, dove la cancelliera tedesca incontra il presidente Recep Tayyip Erdogan. Domenica scorsa, mentre la colonna di auto del leader anatolico stava arrivando in ritardo alla...

Pubblicato venerdì, 24 gennaio 2020 ‐ Corriere.it

Quando era in vita Mia Martini fu vittima di voci infamanti, che puntavano ad affossare la sua carriera (oltre che la sua persona). Per questo il premio della Critica di Sanremo, a lei ancora intitolato - lo vinse nel 1989 con il brano «Almeno tu...