Il cricket torna a casa: Inghilterra vince i Mondiali dopo 44 anni

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Il tormento e l’estasi. Il panico e il giubilo nei tinelli della nazione. Ieri l’Inghilterra celebrava un traguardo agognato per anni: e non perché avessero finalmente portato a compimento la Brexit. Ma perché per la prima volta la nazionale, domenica sera, aveva trionfato ai Mondiali di cricket: e non in posto qualsiasi, ma allo stadio dei Lord’s di Londra, il tempio di quello sport bizzarro cui solo gli inglesi (e le loro ex colonie) riescono ad appassionarsi.
«La più grande partita della storia», titolavano ieri i giornali, che hanno dedicato pagine e pagine speciali all’evento, accompagnate da gigantografie ed editoriali. «Ci siamo mangiati le unghie, ci siamo nascosti dietro il divano, ma non abbiamo mai dubitato», proclamava la tempestiva pubblicità di una banca. «It’s just not cricket», «non è affatto cricket», dicono gli inglesi per definire qualcosa di scorretto, che non sta alle regole. Perché quello sport complicato — sono 25 anni che la mia amata consorte britannica prova inutilmente a spiegarmelo — riassume l’essenza del carattere nazionale. Fair play, flemma, attese: una partita di cricket può durare una giornata intera, durante la quale la cosa più eccitante che si verifica è la pausa per il tè.



Ma «chi ha detto che il cricket è noioso?», smentiva ieri il titolo di prima del Telegraph: perché la finale di domenica contro la Nuova Zelanda ha sovvertito tutte le tradizioni. L’Inghilterra è stata protagonista di una rimonta entusiasmante e ha portato a casa il risultato solo ai supplementari dei supplementari, dopo oltre otto ore di gioco: una cosa mai vista prima. Una maniera molto inglese di vincere, hanno osservato i commentatori. Perché era arrivata ai supplementari anche la vittoria ai Mondiali di calcio del 1966 (pure quelli in Inghilterra, allo stadio di Wembley), trionfo cui quello di questa domenica è stato paragonato. E la stessa cosa era avvenuta ai Mondiali di rugby a Sidney nel 2003. Sofferenza e stoicismo, il sigillo di una nazione.
Perdere a cricket era ormai il vero passatempo nazionale: soprattutto contro gli ex sudditi, indiani e pachistani, diventati maestri nello sport imposto dai colonizzatori. E dunque la vittoria di ieri ha in qualche modo restaurato le gerarchie storiche e mentali. Era da un po’ che l’Inghilterra andava a caccia di un successo sportivo: e lo aveva sfiorato due volte. L’anno scorso la nazionale maschile di calcio aveva trascinato gli animi, ma il suo sogno si era infranto in semifinale. E la stessa cosa è accaduta qualche giorno fa anche alle calciatrici donne, che pure hanno suscitato un travolgente entusiasmo collettivo.
C’è dunque dell’ironia e del simbolismo nel fatto che il trionfo finale abbia il sapore e il colore del cricket. Nella scena conclusiva di Another Country, il film degli anni 80 con Rupert Everett che rievoca la vita di Guy Burgess, la spia di Cambridge al soldo dei sovietici, la giornalista del Times va a Mosca a intervistare l’anziano ex agente, in esilio in Russia da decenni, e gli chiede se gli manchi qualcosa dell’Inghilterra. Lo sguardo del vecchio aristocratico si perde in lontananza e la sua voce sussurra: «Il cricket».

Tag: #Esteri

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Dalla setta australiana detta «Chiesa della Salute», finita in un’inchiesta per avere venduto come «Miracolosa soluzione minerale» anti-Covid una bibita a base di candeggina; alla Corea del Sud, dove i seguaci del culto Shincheonji, 300 mila...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

La wagon del Leone sta vivendo (bene) l’ultima parte di carriera: il prossimo anno dovrebbe essere presentata la nuova generazione, molto probabilmente con il debutto dell’ibrido. Intanto continua a riscuotere successo per la linea piacevole e un...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un bambino di tre anni è caduto, intorno alle 10 di lunedì, dal balcone di casa, al quinto piano. È accaduto in una palazzina di via Cavallotti, a Casalpusterlengo, nel Lodigiano. Lo ha reso noto l’Areu, spiegando che il piccolo è stato soccorso in ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il Coronavirus ha dato una forte spallata a tutti i settori economici, ma l'alimentare è quello che si è maggiormente trovato coinvolto nel cambiamento repentino delle abitudini dei cittadini, anche per via delle restrizioni e delle misure di sicurezza ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

L’11 maggio era un lunedì. «Fine del lockdown per noi professionisti. Sono risalito in sella a Ciconicco, frazione di Fagagna, Udine, dove mi ero chiuso a casa della mia fidanzata Elena (Cecchini, ndr). Qualche pedalata, una sensazione stranissima,...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

«È chiaro che io vorrei evitare chiusure a tutela di chi sta lavorando, però è altrettanto chiaro che questo weekend non è stato “sereno” e che non possiamo immaginarne un altro così». Beppe Sala tra poche ore incontrerà il prefetto di Milano ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Si parla molto di assembramenti e luoghi a rischio contagio e non a torto si citano casi di focolai originatisi in chiese, palestre, ristorantie, in genere, luoghi chiusi e affollati dove si rimane per un certo periodo di tempo. Un gruppo di casi di...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il libro Poter capire, voler spiegare. Walter Tobagi quarant’anni dopo, dedicato al giornalista ucciso dai terroristi il 28 maggio 1980, viene presentato in anteprima lunedì 25 maggio a Milano (ore 17) con un incontro, presso la Sala Buzzati, tramesso ...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Potrebbe essere un’incredibile storia di guerra. Oppure un’avvincente spy story, un intrigo internazionale. O forse il racconto di una sopravvivenza in condizioni al limite dell’impossibile. Di certo Saturn, alligatore di 84 anni morto l’altro...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Gli alunni che hanno frequentato quest’anno ormai giunto alle fasi finali sono dunque ammessi alla classe successiva, ha sancito l’ordinanza ministeriale del 16 maggio, anche quelli con insufficienze più o meno numerose o gravi, per i quali i...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il test di Medicina quest’anno si farà sotto casa:«Stiamo mettendo a punto un sistema per cui gli studenti iscritti alla prova di ingresso possano svolgere il test nelle università della propria regione di residenza senza doversi spostare». Lo...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Un pollo è un pollo, qualcuno potrebbe pensarla semplicemente così. Ma per molte persone assume invece grande importanza il modo con cui è stato allevato. E per tanti motivi: etici, compassionevoli, salutistici o per la tutela dell'ambiente. Per...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Nei parchi, nelle spiagge libere e nelle zone della movida: un esercito di sessantamila volontari sta per essere schierato a vigilare «con gentilezza» nelle zone più a rischio assembramenti di città e luoghi di vacanza e sostenere la parte più...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Il rombo cupo e ritmato come il battito cardiaco non c’è più. Soppiantato da un ronzio più simile a un sibilo. L’Harley Davidson del futuro è silenziosa come un oggetto tecno a batteria. Si chiama LiveWire, ha un motore a magneti permanenti che...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Corriere.it

Attualmente, in italia, abbiamo tre situazioni pensionistiche: con la riforma Dini, chi alla fine del 1995 aveva almeno 18 anni di contributi è rientrato nel sistema retributivo e, per la riforma Fornero, ha il calcolo della pensione contributiva solo a ...