Il coraggio (educativo) di dire «ho fatto un errore»

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non è facile avere il coraggio di dire «ho fatto un errore». Il 28 febbraio scorso, il ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca ha trasmesso alle scuole alcuni problemi d’esame, come simulazione in preparazione al prossimo Esame di Stato. Il testo di uno di questi problemi conteneva uno svarione di fisica (confondeva «carica al secondo» con «carica totale»: come confondere velocità con distanza). Avvisato da un bravo insegnante, ho chiamato il ministero per avvertire dell’errore. Ho parlato con la responsabile del Dipartimento per il Sistema Educativo di Istruzione e Formazione, la dottoressa Palumbo, e ho suggerito che il ministero correggesse rapidamente, per non mettere i migliori ragazzi italiani e i loro insegnanti nella spiacevole situazione di dover decidere se fossero loro a non capire la fisica, oppure il loro ministero. La dottoressa mi ha messo in contatto con la commissione che ha preparato l’esame, che, un po’ obtorto collo, ha riconosciuto l’errore, imputandolo a «un refuso». Due giorni dopo, la dottoressa mi ha mandato un’ipotesi di testo di «correzione» che diceva: «Per agevolare una chiara comprensione da parte degli studenti, si ritiene utile specificare che si doveva intendere»... fischi per fiaschi. Per non ammettere l’errore, cioè, il ministero rischiava di infangarsi sempre di più.
Ho insistito, e finalmente il ministero ha scritto una nota in cui si dice apertamente che il testo del problema «contiene un errore». Penso sia lodevole. Fare errori è umano, ne facciamo tutti, e non è per nulla grave se un ministero ne fa uno. Una comunicazione aperta e tempestiva risolve facilmente il problema. Ma c’è di più: è educativa; la scienza è il terreno dove le cose possono essere chiare, proprio perché gli errori sono errori, e possono essere trovati e chiariti. Rifiutarsi di ammettere un errore e cercare di nascondicchiarlo all’italiana, è, a mio parere, diseducativo. È proprio questo il problema che ha il nostro Paese con la verità: cercare di imbroglicchiare con le parole, invece di dire le cose chiare là dove si possono dire le cose chiare. Riconoscere i propri errori è il più chiaro segno di intelligenza, e questo dobbiamo insegnare ai ragazzi. Ammettere di aver fatto uno sbaglio non è facile; mi fa piacere che il nostro ministero per l’Istruzione, che deve insegnare proprio questo, sappia dare il buon esempio.

(ps: Per gli studenti: il problema affermava che la quantità q(t) è «la carica che attraversa una superficie in un istante» e che è «misurata in Coulomb». Le due affermazioni sono incompatibili, perché la carica che attraversa una superficie in un istante non si misura in Coulomb, ma in Coulomb per secondo).

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Iran, Cina, immigrazione, tasse, Venezuela: Matteo Salvini dice di essere d’accordo con Donald Trump praticamente su tutta la linea. Il ministro dell’Interno, nonché vice premier, è arrivato domenica sera a Washington. Oggi, lunedì 17 giugno,...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo essere stato colpito con una profonda coltellata al fianco, Hans s’è trascinato verso gli spogliatoi del campo sportivo. I soccorritori del 118 lo hanno trovato lì, steso a terra e ormai in arresto cardiaco. Hans Junior Krupe aveva 25 anni,...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

La sera del 13 novembre 2015 Guillaume Valette è al Bataclan, tra gli spettatori degli Eagles of Death Metal. Quando i tre terroristi dello Stato islamico Foued Mohamed-Aggad, Ismaël Omar Mostefaï e Samy Amimour cominciano a sparare, alle 21 e 40, lui ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

La vera novità di questo Mondiale è l’attenzione che il calcio femminile sta ottenendo in tutto il mondo. Attenzione significa anche — ricorda Pilita Clark sul Financial Times — un’«esplosione di interesse commerciale per il calcio femminile,...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro direttore, scuola: tempo di scrutini ma anche specchio dei tempi. Da una indagine pubblicata qualche giorno fa da alcuni quotidiani risulta che negli ultimi cinque anni la percentuale dei promossi è aumentata mentre però se si vanno a vedere i ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

La sua vita era finita in un tunnel, che non era soltanto quello metaforico e fin troppo abusato della droga che ti strappa via l’anima e la dignità, rendendoti schiava di un bisogno quotidiano e rassegnata a subire qualsiasi umiliazione, 30 euro per...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

«Sono arrivati più attacchi a Lotti dall’interno del Pd che dagli avversari politici». Tra quelli che la conoscono bene, e codificano alla perfezione stilemi e liturgie della vecchia corazzata renziana, più d’uno è disposto a scommettere che...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Come ti senti adesso, David?«Bene, dai, come può stare un ragazzo che ora si deve operare per una frattura scomposta al setto nasale. Uno che è stato aggredito mentre passeggiava, e pestato senza un perché». Risponde dall’ospedale...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

«Per Mariam non c’è giustizia». Neanche dopo la sentenza pronunciata dalla Corte di Nottingham, che ha condannato per omicidio colposo due delle sei bulle che il 20 febbraio del 2018 hanno aggredito la diciottenne di Ostia, arrivata in Inghilterra...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Il marchio del campione. Federico Chiesa, che nella Nazionale di Mancini non ha ancora segnato un gol, ne regala due a Di Biagio. Una notte magica. Lorenzo Pellegrini chiude il conto dal dischetto a 9 minuti dal 90’. Gli azzurrini schiantano la Spagna...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ora che il professore del «Gian Battista Vico», accusato di aver avuto rapporti sessuali con due ex allieve non ancora quindicenni, si è ucciso non ci sarà mai più una verità giudiziaria su questa vicenda che ha sconvolto la vita di almeno tre...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Se esiste un universo parallelo non può che trovarsi tra via Marie Curie e via Democrito. È più o meno qui infatti che, in un piovoso pomeriggio ginevrino, i cancelli del Cern si aprono eccezionalmente di domenica e la cittadella europea della ricerca ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Per la sposa la mattina del matrimonio è una vera e propria corsa contro il tempo per riuscire ad avere trucco e parrucco pronti per la cerimonia. Ma come viene spiegato su «Harper's Bazaar», ci sono fortunatamente tutta una serie di interventi beauty ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Solo perché le temperature aumentano, ciò non significa che si debba rinunciare per forza all'amato total-black, compagno fedele di molti look invernali. Del resto, come diceva Christian Dior, «il nero si può indossare in qualunque momento, a...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Come agente segreto avrebbe potuto trovare una parola d’ordine più blindata. Sul portone in stile georgiano del members club nella zona di Marylebone dove ci aspetta Madame X-Madonna, c’è un cartello che avvisa della chiusura per un evento privato. ...