I sette ragazzi del «Cigno»

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sette ragazzi (uno per nota) che fanno i musicisti, che affrontano lo spartito di carta e della vita, diretti da un professore «cattivo» — severo, rigoroso, implacabile, in una parola «bastardo» come lo chiamano tutti — che li allena anche a fare i conti con l’ingiustizia perché «è la vita a non essere giusta». Sono i sette ragazzi della Compagnia del Cigno (riferimento a Verdi, il Cigno di Busseto), la serie di Ivan Cotroneo in onda su Rai1 ogni lunedì. Sette adolescenti tra i 15 e i 18 anni, tutti veri musicisti (cinque al debutto da attori), diversi per temperamento, estrazione sociale, provenienza.
Il motore della storia è Matteo (interpretato da Leonardo Mazzarotto), un ragazzo con molte crepe nell’anima dopo il terremoto di Amatrice: la madre morta sotto le macerie (sarà vero o sono incubi?), il padre quasi inesistente, solo uno zio su cui contare, fragile e sensibile, capace di quegli scatti di rabbia che solo i migliori ragazzi equilibrati sanno avere. Il vero Matteo, ossia Leonardo studia violino da 9 anni al Conservatorio di Santa Cecilia e nel tempo libero (quale?) ha anche vinto un concorso letterario. «Credo che il motivo del successo della serie sia anche nella spontaneità di noi sette protagonisti — spiega —, da una parte non siamo attori professionisti, dall’altra suoniamo davvero in tutte le scene: credo che questo aspetto venga percepito dal pubblico». Conta anche l’immedesimazione: «Il mio personaggio non è lineare nei suoi comportamenti, è complesso e complicato, e proprio in questo c’è la sua normalità». Vale più il talento o la tenacia nella musica? «Di una cosa sono sicuro: senza determinazione non vai da nessuna parte, l’insistenza può supplire a doti meno limpide».


Domenico (Emanuele Misuraca) ha le stimmate del ragazzo perfetto: bello, talentuoso (è il traino della compagnia) pure generoso: è il primo ad accogliere l’emigrato Matteo, spaesato dopo essere arrivato a Milano ad anno in corso. Negli altri suscita l’invidia di chi ha bisogno di meno esercizio, perché gli riesce tutto facile. E la realtà non si discosta di molto: Domenico è uno dei prodotti di casa del Conservatorio Verdi di Milano e sogna di diventare pianista e compositore di colonne sonore. Le cose però non sono mai semplici perché Matteo e Domenico si innamorano della stessa ragazza: Barbara (Fotinì Peluso). Tradizionale risultato di famiglia borghese, frequenta il liceo classico, ha una gran voce e sente addosso tutto il peso di genitori che pretendono da lei sempre l’eccellenza. La finzione anche qui corre sui binari paralleli della vita vera: Fotinì studia Economia all’università e ovviamente pianoforte (da 10 anni).Il più giovane del gruppo è il 16enne Roberto, detto Robbo (in realtà Ario Sgroi ha un anno in meno e studia pianoforte da 8). Per affrontare la crisi dei suoi genitori (vede la madre con l’amante) si rifugia in un mondo fantastico, fatto di musica e lucciole, conigli e ruscelli incantati. Sara (la milanese Hildegard De Stefano è diplomata in violino) è ipovedente: disinvolta con i maschi, ha reagito alla sua disabilità con determinazione, ironia e passione (per il violino). Rosario (Francesco Tozzi, percussioni al Conservatorio di Firenze) è il più schivo del gruppo, ma anche lui ha le sue battaglie interiori da combattere: è stato dato in affidamento a una coppia milanese, perché la madre è in comunità a disintossicarsi. La settima nota è Sofia (Chiara Pia Aurora studia violoncello), ragazza solare che soffre per i suoi chili di troppo.
La Compagnia del Cigno (più di 5 milioni e mezzo di spettatori) è un romanzo di formazione, una commedia umana e corale che alterna ironia e dramma, momenti di riflessione a scambi di battute, soprattutto uno spettro di situazioni in cui immedesimarsi. Racconta le contraddizioni dell’adolescenza (ma anche dell’età adulta, vedi Alessio Boni e Anna Valle) e affronta le materie dell’esistenza: l’amore e la malattia, il rapporto con gli altri e con se stessi, fragilità e debolezze, il confronto dei ragazzi con i «grandi» che sono — come nella vita vera — alternativamente esempio da imitare e modello da fuggire.

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

La Uefa apre l’indagine su Ronaldo e il gestaccio al termine di Juventus-Atletico Madrid: per «condotta impropria» il portoghese rischia di saltare l’andata dei quarti di finale contro l’Ajax, ma l’ipotesi più probabile è che — giovedì 21...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Sarà un allenamento atipico, stavolta. Poco calcistico e molto pedagogico. Perché in campo non scenderanno solo i baby calciatori ma i loro genitori. Anzi babbi e mamme, mentre i figli giocheranno a porte chiuse e in santa pace la partita, dovranno...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

La prima a spopolare fu l’Ice Bucket Challenge, con secchiate d’acqua gelida per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi laterale amiotrofica; l’ultima la Ten Year Challenge, con il confronto delle proprie foto a distanza di dieci anni. ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non è facile avere il coraggio di dire «ho fatto un errore». Il 28 febbraio scorso, il ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca ha trasmesso alle scuole alcuni problemi d’esame, come simulazione in preparazione al prossimo Esame di ...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Dovranno proteggersi contro le radiazioni ed usare le apparecchiature speciali in dotazione ai Vigili del fuoco contro il rischio nucleare i medici che esamineranno il corpo di Imane Fadil. La testimone del processo Ruby ter rischia di essere pericolosa...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

I simboli contano. I portici, per esempio. «Che cosa incredibile sono i portici, io mica lo sapevo: sono pubblici. Tutti possono passarci, ma la proprietà è dei privati che li gestiscono a nome della comunità». Così dice don Matteo (che oggi sarà...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Alla fine Matteo Salvini si è lamentato? «No, non ha fatto nessun tipo di commento. Perché? Avrebbe dovuto?».Riavvolgiamo il nastro. Ospite a Domenica Live, il leader della Lega si è trovato nella condizione di un qualunque studente che non...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Caro Cazzullo, quando ho letto il suo articolo sui luoghi di Milano in cui se la prendeva con un locale perché aveva il nome di Radetzky sono trasecolato. Radetzky fu un grande generale boemo e non ebbe solo l’amante italiana, ma anche la moglie....

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Finalmente il ministero degli Esteri cinese ha confermato la missione di Xi in Europa, dal 21 al 26. Il portavoce di Pechino è stato ermetico sui dettagli degli spostamenti: ma l’arrivo a Roma è previsto giovedì pomeriggio, il 22 e 23 colloqui con...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Per non parlare subito del Pd: onorevole Paolo Gentiloni, è vero che con la Cina ha cominciato tutto lei, come ricordano sempre gli esponenti del governo? «Avere intense relazioni commerciali, economiche e diplomatiche con la Cina non solo è...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Gentile direttore, dobbiamo sottolineare che l’articolo «Unione Europea; Bruxelles, il mistero del suicidio di Laura Pignataro, funzionaria italiana dell’Ue», pubblicato online sul Corriere della Sera il 16 marzo, rimanda a un articolo apparso il...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Fra ultime cene, post su Instagram, botta e risposta fra ex mariti e attaccanti rivali, appuntamenti sperati ma non fissati si consuma il tiepido lunedì nerazzurro. Il giorno dopo il successo nel derby, sorride Luciano Spalletti che nel giro di una...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Questo articolo è stato pubblicato su «la Lettura» #381 del 17 marzo. Tra gli anni Cinquanta e i Sessanta, all’apice della Guerra fredda, l’Air Force americana indagò segretamente su oltre 12 mila avvistamenti di oggetti volanti non identificati...

Flat tax alle famiglie  o bonus 80 euro? Chi vince la gara degli sconti Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Senza bonus Renzi risparmio da 300 euroPrendiamo la famiglia tipo che guadagna di più incassando il bonus Renzi. Un coppia di lavoratori dipendenti, senza figli a carico, entrambi con un reddito di 24 mila euro l’anno, il tetto fino al quale si ha...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Tensione all’interno del governo per le voci di un condono edilizio inserito nel disegno di legge sblocca cantieri. «Non c’è alcuna ipotesi di condono edilizio nello sblocca cantieri, né in altri provvedimenti» hanno fatto sapere fonti della...