I sette ragazzi del «Cigno»

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sette ragazzi (uno per nota) che fanno i musicisti, che affrontano lo spartito di carta e della vita, diretti da un professore «cattivo» — severo, rigoroso, implacabile, in una parola «bastardo» come lo chiamano tutti — che li allena anche a fare i conti con l’ingiustizia perché «è la vita a non essere giusta». Sono i sette ragazzi della Compagnia del Cigno (riferimento a Verdi, il Cigno di Busseto), la serie di Ivan Cotroneo in onda su Rai1 ogni lunedì. Sette adolescenti tra i 15 e i 18 anni, tutti veri musicisti (cinque al debutto da attori), diversi per temperamento, estrazione sociale, provenienza.
Il motore della storia è Matteo (interpretato da Leonardo Mazzarotto), un ragazzo con molte crepe nell’anima dopo il terremoto di Amatrice: la madre morta sotto le macerie (sarà vero o sono incubi?), il padre quasi inesistente, solo uno zio su cui contare, fragile e sensibile, capace di quegli scatti di rabbia che solo i migliori ragazzi equilibrati sanno avere. Il vero Matteo, ossia Leonardo studia violino da 9 anni al Conservatorio di Santa Cecilia e nel tempo libero (quale?) ha anche vinto un concorso letterario. «Credo che il motivo del successo della serie sia anche nella spontaneità di noi sette protagonisti — spiega —, da una parte non siamo attori professionisti, dall’altra suoniamo davvero in tutte le scene: credo che questo aspetto venga percepito dal pubblico». Conta anche l’immedesimazione: «Il mio personaggio non è lineare nei suoi comportamenti, è complesso e complicato, e proprio in questo c’è la sua normalità». Vale più il talento o la tenacia nella musica? «Di una cosa sono sicuro: senza determinazione non vai da nessuna parte, l’insistenza può supplire a doti meno limpide».


Domenico (Emanuele Misuraca) ha le stimmate del ragazzo perfetto: bello, talentuoso (è il traino della compagnia) pure generoso: è il primo ad accogliere l’emigrato Matteo, spaesato dopo essere arrivato a Milano ad anno in corso. Negli altri suscita l’invidia di chi ha bisogno di meno esercizio, perché gli riesce tutto facile. E la realtà non si discosta di molto: Domenico è uno dei prodotti di casa del Conservatorio Verdi di Milano e sogna di diventare pianista e compositore di colonne sonore. Le cose però non sono mai semplici perché Matteo e Domenico si innamorano della stessa ragazza: Barbara (Fotinì Peluso). Tradizionale risultato di famiglia borghese, frequenta il liceo classico, ha una gran voce e sente addosso tutto il peso di genitori che pretendono da lei sempre l’eccellenza. La finzione anche qui corre sui binari paralleli della vita vera: Fotinì studia Economia all’università e ovviamente pianoforte (da 10 anni).Il più giovane del gruppo è il 16enne Roberto, detto Robbo (in realtà Ario Sgroi ha un anno in meno e studia pianoforte da 8). Per affrontare la crisi dei suoi genitori (vede la madre con l’amante) si rifugia in un mondo fantastico, fatto di musica e lucciole, conigli e ruscelli incantati. Sara (la milanese Hildegard De Stefano è diplomata in violino) è ipovedente: disinvolta con i maschi, ha reagito alla sua disabilità con determinazione, ironia e passione (per il violino). Rosario (Francesco Tozzi, percussioni al Conservatorio di Firenze) è il più schivo del gruppo, ma anche lui ha le sue battaglie interiori da combattere: è stato dato in affidamento a una coppia milanese, perché la madre è in comunità a disintossicarsi. La settima nota è Sofia (Chiara Pia Aurora studia violoncello), ragazza solare che soffre per i suoi chili di troppo.
La Compagnia del Cigno (più di 5 milioni e mezzo di spettatori) è un romanzo di formazione, una commedia umana e corale che alterna ironia e dramma, momenti di riflessione a scambi di battute, soprattutto uno spettro di situazioni in cui immedesimarsi. Racconta le contraddizioni dell’adolescenza (ma anche dell’età adulta, vedi Alessio Boni e Anna Valle) e affronta le materie dell’esistenza: l’amore e la malattia, il rapporto con gli altri e con se stessi, fragilità e debolezze, il confronto dei ragazzi con i «grandi» che sono — come nella vita vera — alternativamente esempio da imitare e modello da fuggire.

Tag: #Spettacoli

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Corsa contro il tempo per l’apertura di Matera 2019 Open Future. Turni rinforzati per concludere i lavori e prove in piazza per la serata evento di Raiuno, in diretta a partire dalle 18.55, nella quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Atteggiamento spocchioso», «Parole disarmanti», «Frase stupida», «C’è tutto il fallimento del Pd», «Si calpestano gli italiani», «Non sa che cosa vuol dire povertà e disperazione». Sono alcuni dei 2.270 commenti che su Twitter Maria...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sarà Roberto Tomasi, già direttore generale, il nuovo amministratore delegato di Autostrade per l’Italia (Aspi), al posto di Giovanni Castellucci, dimissionario, dopo la catastrofe del crollo del Ponte Morando di Genova. Alla nomina procederà il...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

«Siamo europei. Il destino dell’ Europa è il destino dell’Italia». Così si apre il «Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee» di Carlo Calenda. Con il sottotitolo-slogan:...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alvaro Lojacono, uno dei due brigatisti rossi condannati per la strage di via Fani e l’omicidio Moro fino a oggi sfuggiti alla giustizia italiana (l’altro è Alessio Casimirri) rompe il suo silenzio: lo fa con un’intervista esclusiva pubblicata dal ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il corpo carbonizzato di una donna è stato trovato venerdì pomeriggio nella campagne di Erbusco, paese bresciano della Franciacorta, terra di pregiati vitigni. È stato un uomo che faceva jogging lungo via Lovere a lanciare l’allarme dopo aver...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Kalidou Koulibaly resta squalificato: respinto il ricorso dopo l’espulsione di San Siro. Il difensore del Napoli, che salterà il confronto di domenica sera con la Lazio, aveva perso la testa, a suo dire, per i cori razzisti subiti a San Siro durante...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Prima di tutto occorre sfatare il preconcetto che gli hotel di fascia alta siano immuni dai micro-organismi e che se si paga di più per una stanza, si ha la certezza di averla più pulita. «In realtà i reporter investigativi hanno scoperto che non è...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Il settore degli smartwatch non è mai realmente esploso. Però ci sono delle compagnie, come Fossil, che con la tecnologia al polso sono riuscite a diversificare la produzione. Il lavoro della texana è andato talmente avanti che un big dell’hi-tech...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un uomo di 55 anni si è dato fuoco a Praga in piazza San Venceslao. Secondo alcuni testimoni, si è cosparso di un liquido infiammabile e poi ha acceso il rogo. Le fiamme sono state spente dai passanti. L’uomo è stato soccorso e portato in ospedale, ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Sono stati condannati a pene comprese tra i 5 e i 9 anni di carcere i quattro giovani imputati per l’aggressione a coltellate, calci e pugni ai danni di Niccolò Bettarini, dello scorso 1° luglio davanti alla discoteca «Old Fashion» di Milano. Lo ha ...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Un decreto che scontenta tutti, al netto dei tassisti. Si tratta della riforma della disciplina degli «autoservizi pubblici non di linea» immaginata dal governo. Impone una serie di vincoli al noleggio con conducente che penalizza la concorrenza,...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Per i genitori di Mario, che non hanno mai creduto alla tesi del suicidio, è la notizia più attesa. Svolta nel caso della morte di Mario Biondo, il cameraman italiano trovato impiccato a Madrid nel maggio del 2013. Sarà indagato il medico legale che...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

LIVORNO – Sarà giudicata il 1 marzo Fausta Bonino, l’infermiera accusata di aver ucciso con iniezioni di eparina dieci pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino. E’ stata l‘avvocato della Bonino, Cesarina Barghini, a chiedere e ottenere al...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Vedendo la foto sui social, in molti hanno pensato che il 71enne Arnold Schwarzenegger avesse deciso di accettare la #10YearsChallenge, postando un'immagine di se stesso in versione bodybuilder. Un errore del tutto comprensibile, visto che la posa e i...