I motori, le vittorie,  i tradimenti:  l’avventura  di Romano Artioli

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Corriere.it

Come un «giovanissimo aspirante guerriero» diventa uomo d’impresa. Romano Artioli, bolzanino di origini mantovane, classe 1932, ex proprietario di Bugatti e Lotus, lo racconta in un’autobiografia che ha l’urgenza della confessione, il filo tagliente del pamphlet e il sapore del romanzo d’avventura. Qui e là, anche la durezza di quelle pallottole di terra compattata che da ragazzino il narratore racconta di essersi scambiato con i «nemici» delle bande rivali, sul Passo della Mendola, in Trentino, dove viveva da sfollato dopo l’8 settembre 1943.
Romano Artioli, «Bugatti & Lotus thriller. La costruzione di un sogno» (prefazione di Vittorio Feltri, Cairo Editore, pagine 222, euro 16)Il volume, Bugatti & Lotus thriller. La costruzione di un sogno (Cairo Editore), riprende le parole consegnate da Artioli a un documentario del canale svizzero Kidstone Tv (La supercar dimenticata), sulla parabola della sua Bugatti. Meglio: sua e della moglie Renata, il tandem che pedalerà all’unisono, in salita, fino all’ultima curva. Una vicenda conclusa con la dichiarazione di fallimento e meritevole dell’etichetta del thriller. Artioli dà la sua versione dei fatti senza avvolgersi nell’ovatta della diplomazia. Fa i nomi dei buoni (Ferrari, Lamborghini, Agnelli, Piech…) e dei cattivi (da scoprire nelle pagine del libro).



Romano Artioli (Moglia, Mantova, 1932) è l’ex-proprietario delle case automobilistiche Bugatti e LotusSconfitta, vittoria, strategia, alleanza, tradimento: l’economia e la finanza adottano il lessico dell’arte militare. L’accademia di Artioli è la strada, e comincia negli anni dei calzoni corti. Divora Salgari, I ragazzi della via Pàl, le collezioni Utet per l’infanzia. L’amore per la meccanica divampa sfogliando un libro del cugino Arrigo: Come ottenere la patente diesel. Babbo Alcide compra un Borgward, un Dodge e una Lancia Ardea: Romano ci mette le mani. Studia e lavora da meccanico. Con i primi guadagni, a Bolzano, apre il Garage 1000 Miglia. Un fenomeno. Testa bassa e piedi per terra, ma senza esagerare. Ogni tanto, la testa, bisogna alzarla, per guardare lontano. Ha vent’anni e sogna la Bugatti: vuole farla rinascere.
Gli affari vanno bene. All’assistenza si affianca la vendita: Renault, Opel, Abarth. Romano è già la rabbia della superpotenza Fiat, surclassata in zona dal Garage. Sono gli anni dell’incontro con Renata: «Bionda, occhi azzurri, un fisico splendido». E una classe fuori del comune. Si sposano. La rappresentanza della Ferrari è un premio, ma non basta. Dice addio al Garage e fonda Autexpò, la società con cui organizza il mercato tedesco della Ferrari, distribuisce le GM americane, vende le Suzuki.
Dal ’52 la Bugatti non costruiva più auto. Il marchio, controllato dallo Stato francese, sopravvive sulle bancarelle. Nell’87, dopo tre anni di negoziati, nasce la Bugatti Automobili Spa di Campogalliano, Modena. Mentre a Ora (Bolzano) apre il Centro culturale Ettore Bugatti. In vista c’è la GT più veloce e bella che sia mai stata costruita. L’auto debutta il 14 settembre 1991 a Parigi: è la EB 110 GT. Ma sull’evento si allunga l’ombra della «ignobile calunnia» (la vicinanza di Artioli alla mafia) che distruggerà «vigliaccamente quarant’anni di duro lavoro».
Nel mondo la vertiginosa GT blu fa notizia, in Italia all’evento viene messa la sordina. Tutti, untori compresi, hanno capito che la nuova Bugatti è la Bugatti, non un suo pallido simulacro: la «dea» partorita dall’incontro fra tecnica e arte, rianimata con dosi massicce di passione, lavoro e denaro. L’acquisto, nel 1993, della Lotus punta ad allargare la clientela. Ma smuove, ancora, gelosie e pettegolezzi. «Un grande gruppo» — accusa Artioli — gli sta facendo il vuoto intorno di fornitori e banche. Sono i giorni neri delle «infiltrazioni» e dei «sabotaggi». Il «caso» (che dovrebbe entrare nei piani di studio di economia e di storia contemporanea) viene chiuso il 23 settembre 1995 dal Tribunale fallimentare di Modena. Finisce un percorso «entusiasmante, sofferto e atroce».
I titoli di coda del documentario svizzero sono accompagnati dalle note di Non, je ne regrette rien, la canzone di Edith Piaf. Parole che Romano Artioli potrebbe far sue: niente di niente, non rimpiango niente…

Tag: #Cultura

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Le sirene della Lega si affievoliscono, quelle del voto si fanno sentire ancora forte, mentre il dialogo con il Partito democratico continua a sembrare l’unica via di uscita per uscire dalla crisi. Il Movimento 5 Stelle tiene le caete coperte, giocando ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Fuochi d’artificio ed entusiasmo al Franchi per la prima di campionato tra Fiorentina e Napoli. E non solo per la curiosità verso i nuovi arrivi - debuttano Boateng e Ribéry - e per i due rigori assegnati con il nuovo regolamento. Vincono gli azzurri ...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

BIARRITZ Mentre tra Hendaye e Irun, alla frontiera franco-spagnola, migliaia di manifestanti sfilavano contro il G7 contestando l’idea stessa di un club che riunisce una volta l’anno i leader delle sette democrazie più ricche, all’Hotel du Palais...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ne ha viste tante Americo Lanciottti, 69 anni, in tutta la sua vita di pastore. Persino cose che con le greggi avevano poco a che fare. Eh sì, perché qui, a 1800 metri d’altitudine, al Lago della Duchessa - nell’omonima Riserva, sotto il Monte...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Dietro il primo (presunto) crimine umano nello Spazio si nasconde una vicenda piuttosto terra terra. Una comune e dolorosa separazione di coppia, benché tra due donne, e non qualunque: le protagoniste sono Summer Worden, ex agente dell’intelligence...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Una banda perfetta, composta da una dozzina di persone. Una ciurma guidata da un paio di ufficiali di Marina, uno ucraino e l’altro russo. Per la polizia turca hanno rubato un gran numero di yacht e barche a vela di lusso nel Mediterraneo. Ora Ankara...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Ci sono foto che oltre a documentare un evento ne influenzano il corso, come quella della bambina vietnamita bruciata dal napalm, che affossò il sostegno degli americani alla guerra. Oggi, quella della foresta pluviale orlata dal fuoco: ritwittata più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

J effrey Epstein adorava «la sensazione che provi quando trovi la risposta giusta a un rompicapo», come disse in un’intervista del 2003 con Bloomberg sulla sua isola privata di Little St. James. Incontrò il giornalista nel gazebo, perché nella...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

«Alighiero Noschese è stato il primo e unico uomo con cui ho diviso un programma 50 e 50 senza gelosie. Era un signore: in quel 1973 di austerity in cui facevamo Formula Due e non sempre si poteva circolare, lui aveva l’auto Rai e io no e passava a...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Esiste un legame tra livello di intelligenza di una persona e il suo stato di salute, con ripercussioni anche sulla longevità. In particolare, sembra esserci uno specifico rapporto tra il livello di intelligenza mostrato da bambini o da giovani e la...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Al matrimonio di una coppia di amici, Bill Duncan ha guardato la sua Anne e le ha detto commosso: «E noi, quando ci sposiamo?». Anne è rimasta sorpresa per due motivi: Bill, a causa della sua malattia, parla ormai pochissimo, non dice quasi più...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo il racconto vincitore del Premio La Quara 2019, Meravigliosa memoria, di Davide Di Finizio. Il tema del Premio quest’anno è l’«Europa». Davide Di Finizio, classe 1986, è nato e vive a Napoli. Laureato in Lettere classiche, è...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Per fortuna che ci pensano Sua Maestà Elisabetta II e Kate Middleton a tenere alta la bandiera della popolarità della famiglia reale britannica presso i sudditi del Regno Unito. A giudicare dall'ultimo sondaggio condotto da YouGov su un campione di...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

Mentre per alcuni lo shampoo secco è la panacea a tutti i mali, perché ne basta uno spruzzo (ok, magari più di uno) per regalare volume e consistenza ai capelli (il che è fantastico soprattutto per chi ha i capelli fini, che tendono ad appiattirsi...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Corriere.it

La nuova Juve riparte da una colonna del passato. Basta un gol da centravanti puro di Chiellini ai bianconeri per vincere al debutto a Parma e iniziare l’era Sarri, a casa per la polmonite, con tre punti importantissimi. Il capitano spinge i campioni...