I guardiani dei ghiacciai d’Italia I cento volontari che li misurano

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alla fine dell’Ottocento, pur di studiare la vita tra i ghiacci del Monte Bianco, il ricercatore francese Jules Janssen si fece portare a spalla da un gruppo di volontari che si arrampicarono in bilico per sentieri stetti e gelati: l’infermità alle gambe non riuscì a diluire in lui quell’alchimia tra desiderio e paura che avvicina tutti noi alla montagna. Un’alchimia che in Italia ogni anno, a metà settembre, spinge un centinaio di uomini e di donne a lasciare tutto quello che stanno facendo e a scarpinare fino ad alta quota: sono i volontari del Comitato Glaciologico Italiano, provengono da ogni regione e si prendono cura dei nostri ghiacciai. Ormai purtroppo solo a Nord, in quanto l’ultimo ghiacciaio meridionale, il Calderone del Gran Sasso, è in agonia.
Giovanni Mortara, piemontese di 75 anni, è il «decano» di questa associazione eclettica con sede a Torino, che esiste dal 1895 — nata come costola del Cai, dal 1914 vive di vita propria. Fisico scarno, per quarant’anni geologo al Cnr, Mortara detesta ogni forma di spettacolarizzazione della montagna, comprese le narrazioni retoriche. Non si fa fotografare, resiste a lunghi corteggiamenti per un’intervista e quando va dai «suoi» ghiacciai, ci va da solo: «In montagna per me tre persone sono già una folla». Perché le campagne glaciologiche che il Comitato lancia pressoché ogni anno dal 1911 a oggi, non sono solo un termometro delle aree montuose, ma per molti si trasformano nel ritorno in un posto familiare. Molti si scelgono il «proprio» ghiacciaio da accudire, ne conoscono punti di forza e di debolezza.


Quello di Mortara è il Ghiacciaio Belvedere, sul versante orientale del Monte Rosa, a Macugnaga. «Lo seguo dal 1978 e l’ho visto attraversare fasi differenti. Si pensa che i ghiacciai siano statici, ma in realtà sono creature in movimento». Si spostano, fondono (è sbagliato dire che «si sciolgono»), avanzano oppure cominciano a morire. Quando? «Quando sulla superficie vediamo affiorare le rocce — dice il geologo —: la loro colorazione scura assorbe i raggi solari ed è come accendere un termosifone». L’esercito dei guardiani del ghiaccio è metodico: salgono a coppie (a parte Mortara), fotografano la fronte, cioè la parte più bassa della lingua glaciale, fanno le misurazioni e coprono il ghiaccio con teli appositi, per rallentarne la fusione. «Come cuccioli», potremmo dire se Mortara non arricciasse il naso. In genere si dorme nei rifugi, ma Mortara li detesta e allora si mette in marcia per tornare a valle e si alza all’alba del giorno dopo. Di ghiacciai ne ha visti a decine: in Alaska, in Himalaya, alle Svalbard. E non è ottimista: ogni anno le nostre estati infernali si mangiano centimetri di ghiaccio al giorno. E qual è il più bello? «Per esempio il Lys di Gressoney. In generale i più belli sono quelli che non si possono raggiungere». Come le donne, diremmo se non temessimo la reazione del piemontese.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Dopo l’«incontro ravvicinato» del vicepremier Matteo Salvini con un gabbiano alquanto aggressivo, sul tetto del Viminale, i bianchi volatili tornano a far parlare di sé nella capitale in balia degli animali. La scena è stata girata in piena notte,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Caro Aldo, fra i tanti luoghi dell’orrore nazifascista, molti sono ormai dimenticati. Se un poco di ricordo ancora oggi sopravvive riguarda, giustamente, fatti dell’Appennino toscoemiliano. Ho cercato notizie di Boves e dell’omonima banda, ma...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Pubblichiamo l’intervento che domani la scrittrice Chiara Gamberale farà al Festival Letterature di Massenzio. Le parti in corsivo sono citazioni dei classici (si comincia con La Recherche di Marcel Proust e si chiude con il Macbeth di Shakespeare...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Le parole chiave sono «giudizio dei datori di lavoro» e «impatto della ricerca». È soprattutto su questi parametri che si gioca l’eccellenza delle università italiane. Quelle, almeno, che figurano nell’istantanea scattata dal Qs World...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sara Fattoretto, 32 anni, di Padova, una laurea in Scienze del Servizio Sociale, lavora in una cooperativa che assiste i richiedenti asilo. Dice di essere brava già per conto suo a trovare lavoro alla gente che non ne ha. L’ha fatto con i migranti:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ieri, per qualche istante, ho vacillato. Dopo tutto quello che ci era accaduto, dopo la morte dell’amico Imtyaz Ahmmad, ho pensato davvero di mollare per sempre l’alpinismo. Amo questo sport, amo le montagne e amo questa terra meravigliosa che è il...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Sempre in vantaggio, dalla palla a due al fischio finale, sempre con un margine di sicurezza, anche se senza mai scrollarsi di dosso gli avversari, Venezia si aggiudica gara 5 della finale scudetto contro Sassari (78-65), si porta in vantaggio per 3-2 e...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

MILANOMilan, Uefa e fair play finanziario: siamo all’ultimo atto di un caso complicatissimo, che ha costituito un’assoluta anomalia e che presto (tra mercoledì sera o giovedì dovrebbe arrivare a conclusione. Come in certi romanzi gialli, il finale...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Giuliani 7Sotto assedio si esalta: con un guizzo neutralizza il sublime tacco di Debinha su corner di Marta, poi si avventura in uscita volante su Ludmila. Fondamentale, nonostante la sconfitta. Guagni 7,5 Coda e eye-liner per una seratona:...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Ministro Bonisoli, quanti musei perderanno l’autonomia? Le voci si rincorrono, oggi c’è Consiglio dei ministri...«Leggo da giorni, con imbarazzo, commenti anche autorevoli su ciò che ancora non esiste. La verità è che, entro il 30 giugno,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

C’è stato un tempo in cui Roma cresceva economicamente, in Pil e occupazione, tre volte di più del resto del Paese. Una stagione che il New York Times aveva ribattezzato «una specie di Rinascimento» e in cui il sindaco della capitale d’Italia...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

L’Italia ha retto fino alla 30’ del secondo tempo, creando anche diverse occasioni pericolose. Poi però il Brasile è venuto fuori, obbligato a vincere per rimanere dentro questo Mondiale. Debinha viene atterrata in area da Linardi, il contatto è...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

ROMA Questa mattina primo vertice di una lunga giornata, con i due vicepremier che incontrano il premier e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Si parlerà di Europa e di economia, sulla quale il presidente Conte spiega: «Non ci interessano...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

Si vedranno a tarda sera, dopo il consiglio dei ministri, anche se l’ordine del giorno è molto complesso dopo mesi di inerzia in cui la questione giustizia è stata relegata dal governo tra le varie e le eventuali. Così — dopo aver accettato, su...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Corriere.it

SIENA Luigi Bruschelli detto «Trecciolino», il fantino del palio di Siena più forte degli ultimi 20 anni, è stato condannato dal tribunale di Siena a 4 anni e dieci mesi e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici per falso materiale e...