I guardiani dei ghiacciai d’Italia I cento volontari che li misurano

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Corriere.it

Alla fine dell’Ottocento, pur di studiare la vita tra i ghiacci del Monte Bianco, il ricercatore francese Jules Janssen si fece portare a spalla da un gruppo di volontari che si arrampicarono in bilico per sentieri stetti e gelati: l’infermità alle gambe non riuscì a diluire in lui quell’alchimia tra desiderio e paura che avvicina tutti noi alla montagna. Un’alchimia che in Italia ogni anno, a metà settembre, spinge un centinaio di uomini e di donne a lasciare tutto quello che stanno facendo e a scarpinare fino ad alta quota: sono i volontari del Comitato Glaciologico Italiano, provengono da ogni regione e si prendono cura dei nostri ghiacciai. Ormai purtroppo solo a Nord, in quanto l’ultimo ghiacciaio meridionale, il Calderone del Gran Sasso, è in agonia.
Giovanni Mortara, piemontese di 75 anni, è il «decano» di questa associazione eclettica con sede a Torino, che esiste dal 1895 — nata come costola del Cai, dal 1914 vive di vita propria. Fisico scarno, per quarant’anni geologo al Cnr, Mortara detesta ogni forma di spettacolarizzazione della montagna, comprese le narrazioni retoriche. Non si fa fotografare, resiste a lunghi corteggiamenti per un’intervista e quando va dai «suoi» ghiacciai, ci va da solo: «In montagna per me tre persone sono già una folla». Perché le campagne glaciologiche che il Comitato lancia pressoché ogni anno dal 1911 a oggi, non sono solo un termometro delle aree montuose, ma per molti si trasformano nel ritorno in un posto familiare. Molti si scelgono il «proprio» ghiacciaio da accudire, ne conoscono punti di forza e di debolezza.


Quello di Mortara è il Ghiacciaio Belvedere, sul versante orientale del Monte Rosa, a Macugnaga. «Lo seguo dal 1978 e l’ho visto attraversare fasi differenti. Si pensa che i ghiacciai siano statici, ma in realtà sono creature in movimento». Si spostano, fondono (è sbagliato dire che «si sciolgono»), avanzano oppure cominciano a morire. Quando? «Quando sulla superficie vediamo affiorare le rocce — dice il geologo —: la loro colorazione scura assorbe i raggi solari ed è come accendere un termosifone». L’esercito dei guardiani del ghiaccio è metodico: salgono a coppie (a parte Mortara), fotografano la fronte, cioè la parte più bassa della lingua glaciale, fanno le misurazioni e coprono il ghiaccio con teli appositi, per rallentarne la fusione. «Come cuccioli», potremmo dire se Mortara non arricciasse il naso. In genere si dorme nei rifugi, ma Mortara li detesta e allora si mette in marcia per tornare a valle e si alza all’alba del giorno dopo. Di ghiacciai ne ha visti a decine: in Alaska, in Himalaya, alle Svalbard. E non è ottimista: ogni anno le nostre estati infernali si mangiano centimetri di ghiaccio al giorno. E qual è il più bello? «Per esempio il Lys di Gressoney. In generale i più belli sono quelli che non si possono raggiungere». Come le donne, diremmo se non temessimo la reazione del piemontese.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tag: #Cronache

Altri articoli pubblicati da Corriere.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’unico caso del passato assimilabile (la spagnola Operación Puerto) si trascina da 14 anni nei tribunali e sui giornali senza che ancora si siano dati dei nomi (presumibilmente illustri) a molte delle sacche di sangue che la Guardia Civil recuperò...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un esponente di massimo livello all’interno di Cosa nostra e un rappresentante di massimo livello all’interno della politica italiana. Un pregiudicato che alla fine si è pentito e un latitante che non ha mai fatto ammenda. Gli anni Ottanta e Novanta ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Ancora un incidente nella metro di Roma. È accaduto intorno alle 10 di giovedì mattina. L’ultimo gradino di una delle scale mobili della stazione Barberini della linea A si è infatti accartocciato su se stesso e poi si è sollevato. Tanta la paura...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Perchè P&G ha intrapreso questa iniziativa? “Vogliamo permettere ai nostri dipendenti di poter trascorrere un periodo di tempo significativo con i propri neonati, rimuovendo la barriera dalla retribuzione ridotta che in molti casi ne impedisce la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il processo d’integrazione da cui è nata l’Unione Europea comincia con le trattative che portano al trattato della Comunità europea del carbone e dell’acciaio (Ceca), sottoscritto a Parigi il 18 aprile 1951 dai rappresentanti del sei Paesi...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Una melodia aperta e fischiettata per un pezzo protofemminista che leggero non è. Questo è infatti il primo pezzo femminista della storia della canzone italiana e probabilmente, in certi termini così acuti, ironici e spietati, resta episodio...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

LA BREXIT È ALLUCINOGENA: la gente la sfiora e comincia a fare cose strane. Sono a Parigi, diretto a Londra. Arrivo alla Gare du Nord, ho il biglietto per l’Eurostar, che passa sotto la Manica e in due ore e quindici minuti porta alla stazione di King ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

L’appuntamento è alla Pinetina alle 11 di giovedì, orario fissato per la ripresa degli allenamenti. Mauro Icardi e Luciano Spalletti si troveranno di fronte per la prima volta da quando l’argentino ha comunicato attraverso l’avvocato Nicoletti la ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Lo aveva promesso e lo ha fatto. La premier neozelandese ha annunciato la messa al bando con effetto immediato di tutte le armi da fuoco semiautomatiche e l’avvio di un programma governativo di riacquisto di tutte le armi di quel tipo gia’ acquistate ...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Il Mondiale extralarge in autunno e la Champions extralusso al sabato. La sintesi del calcio del futuro — brutale ma efficace — è questa. L’obiettivo comune è uno solo, che si discuta sulla quantità di partite da aumentare già a Qatar 2022 o...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

ROMA «Ma vorrei vedere voi... Alla fine si vota su di te, su una scelta che hai fatto. Su una cosa che ti riguarda e che può cambiarti la vita... ». Matteo Salvini esce dall’Aula tra le pacche sulle spalle dei senatori leghisti che lo prendono...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Quanto tiramisù mangiano gli italiani all'anno? Tanto. Basti pensare che solo quello ordinato e consegnato a domicilio equivale a una super teglia da 18 mila chilogrammi lunga 10 chilometri. Un dolce intramontabile che trova fan in Italia ed è...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Un giorno in cui siete al supermercato e avete qualche minuto da perdere, fateci caso: tra gli scaffali hanno cominciato a comparire sempre di più prodotti con l’indicazione «ricco di proteine» o «high protein». Cibi naturali, come formaggi,...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Non sarà solo un mezzo ecologico all'avanguardia con un design iper-moderno. La nuova bici elettrica U-feel, sul mercato dalla primavera del 2020, avrà anche un super-condensatore che permetterà di accumulare energia senza dover ricaricare la...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Corriere.it

Google celebra Johan Sebastian Bach con l'intelligenza artificiale. In occasione del compleanno del compositore, nato il 31 marzo 1685 a Eisenach, in Germania, il motore di ricerca offre per la prima volta un doodle intelligente. Come si vede andando sul ...